Scarica PDF Scarica PDF

Capire un figlio può essere problematico, ma le difficoltà si moltiplicano esponenzialmente con una figlia adolescente. I litigi, le urla, le offese e gli ostacoli comunicativi sono all'ordine del giorno per chi ha una figlia nel pieno dell'adolescenza. Invece di ripetere sempre gli stessi errori, prova a capire che cosa la spinge a comportarsi in un certo modo parlando con lei e riconoscendo le sue emozioni. Così facendo, non solo la comprenderai meglio, ma potrai anche sviluppare un rapporto duraturo.

Metodo 1
Metodo 1 di 4:
Parlare con la Propria Figlia

  1. 1
    Parla veramente con lei. Puoi esordire chiedendole com'è andata a scuola, ma non fermarti lì. È importante approfondire le conversazioni per poterla capire meglio.
    • Intavola la conversazione con domande brevi e aperte, come "Parlami della tua giornata". Se non sembra essere disposta a rispondere, dille che la tua porta sarà sempre aperta quando avrà voglia di parlare.
    • Se inizi con argomenti generali, prosegui con domande più specifiche. Esempi: "Com'è andata oggi?", "È andato bene il compito di chimica?", "Che voto pensi che prenderai?".
    • Cerca però di non farle domande a raffica, altrimenti rischi di interromperla e scoraggiarla.
    • Ricordale che è possibile discutere di tutto quello che le passa per la mente e che non verrà giudicata o criticata per questo [1] .
    • Approfitta per parlare con lei quando siete in macchina insieme. Entrambi sarete meno distratti, inoltre potrai trovare spunti di conversazione vedendo quello che succede per strada.
    • Puoi usare lo stesso metodo mentre guardate il vostro programma televisivo preferito. Invece di registrarlo, approfitta delle pubblicità per chiacchierare [2] .
  2. 2
    Impara a conoscere gli interessi di tua figlia. Parlare con una figlia adolescente ha molti vantaggi, fra cui quello di imparare a conoscerla davvero. Probabilmente rimarrai sorpreso nello scoprire che i suoi interessi sono cambiati parecchio da quando era più piccola. Conoscere quali sono ti aiuterà ad avvicinarti a lei e a instaurare un rapporto più forte.
    • Per esempio, se noti che ha una grande passione per la musica, chiedile di parlarti delle band che ascolta. Dille che ti piacerebbe sentire alcune delle sue canzoni preferite. Non ti piace la musica? Non è necessario che tu lo dica apertamente.
    • Se le piace la moda, chiedile di mostrarti alcuni dei suoi negozi preferiti online. Potreste guardare i vestiti insieme e magari organizzare un giro al centro commerciale per visitare altri negozi.
    • Quando cerchi di capire tua figlia, uno degli obiettivi principali è comprendere il motivo per cui fa certe scelte e che cosa la rende felice. Questo significa che devi conoscere le sue aspirazioni e le sue ispirazioni, quindi cerca di capire chi ammira, che sia un'amica, una sorella maggiore o una celebrità.
  3. 3
    Parlate apertamente dei social network. La felicità di molte adolescenti dipende dai rapporti che intrattiene sui social network. Chiedile quali usa e con quale obiettivo [3] .
    • Evita che la discussione sembri un interrogatorio chiedendole di parlarti dei suoi siti preferiti. Probabilmente ti sorprenderà scoprirne alcuni di cui non hai mai sentito parlare.
    • Se si tratta di siti che non conosci, chiedile di mostrarteli. Impara a capire come funzionano e quali sono le caratteristiche basilari.
    • Domandale se ha mai avuto esperienze negative online. Chiedile che cosa fa per proteggersi da attenzioni indesiderate e stimola una conversazione riguardo a questo argomento, per esempio approfondendo l'uso delle configurazioni sulla privacy.
    • Dovreste parlare anche del galateo sul web. Stimola una discussione sul tipo di linguaggio più appropriato per la rete e sul significato del cyberbullismo. Informati bene su questa tematica per affrontarla al meglio [4] .
  4. 4
    Parlate seriamente di alcool e droghe. Dovreste discutere dei rischi relativi al consumo di alcolici e sostanze stupefacenti, ma non fare la predica. Descrivile alcune delle ripercussioni che toccano più da vicino i minorenni.
    • Ricorda che in questo momento il suo cervello non è in grado di elaborare al meglio il pericolo, quindi aiutala spiegandole alcune delle conseguenze negative associate al consumo di alcool.
    • Potresti condividere alcune tue esperienze per spronarla a sentirsi a suo agio e ad aprirsi con te.
    • Anche se non dovresti nemmeno provare a incoraggiarla a bere, spiegale che sei sempre disponibile per andare a prenderla qualora si trovasse in una brutta situazione.
    • Ripetile che non dovrebbe mai salire in macchina con un automobilista ubriaco e che sei disposto ad andare a prenderla, senza che tema ripercussioni.
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 4:
Riconoscere le Sue Emozioni

  1. 1
    Falle capire che le sue emozioni sono importanti. Che si senta frustrata, imbarazzata o arrabbiata, deve capire che i suoi stati d'animo contano [5] .
    • Non alzare gli occhi al cielo e non dirle che la sua reazione è spropositata. Per esempio, rispondile dicendo: "Capisco il tuo punto di vista. Pare che tu sia veramente arrabbiata con i tuoi amici. Immagino che sia davvero difficile per te".
    • Se state affrontando una discussione animata o una conversazione seria, dalle sempre l'opportunità di parlare. Non ignorarla o trattarla con indifferenza. Guardala negli occhi, annuisci quando parla e ascolta davvero.
    • Ripeti le sue parole, in modo da confermarle che l'ascolti e riconosci le sue emozioni.
  2. 2
    Rispondi con un abbraccio. Uno dei modi più efficaci per riconoscere le emozioni di tua figlia è dimostrarle il tuo sostegno con un abbraccio. A volte non avrà voglia di parlare. A volte avrà semplicemente bisogno del tuo affetto e delle tue attenzioni.
    • Se tua figlia è molto scossa, potresti dirle: "A quanto pare stai affrontando un momento difficile. Posso abbracciarti?".
    • Un abbraccio può anche risolvere egregiamente un litigio. Prenditi qualche minuto per calmarti, quindi avvicinati a tua figlia e riassumi la sua versione dei fatti per farle capire che l'hai ascoltata. Poi, chiedile un abbraccio per dimostrarle che le vuoi bene e che la appoggi.
  3. 3
    Prendi sul serio i problemi di salute mentale. Forse pensi che sia troppo piccola per vivere una situazione del genere, ma se ti dice che è depressa o ha pensieri suicidari, digerisci bene questa informazione e comportati di conseguenza.
    • Un adolescente su cinque soffre di disturbi mentali, quindi è importante riconoscere i suoi sentimenti [6] .
    • Gli sbalzi di umore occasionali o gli episodi di tristezza sono piuttosto comuni per gli adolescenti, ma osserva se si allontana dagli amici e dalla famiglia o se all'improvviso perde interesse nei confronti di tutte le sue passioni [7] .
    • Appoggiala e ricordale che le vuoi bene, che i suoi problemi si meritano il tuo tempo e la tua attenzione.
    • Dimostrale di riconoscere le sue emozioni fissando un appuntamento con uno psicoterapeuta. Accompagnala alla seduta, prendi appunti e fai domande sui possibili trattamenti.
    Pubblicità

Metodo 3
Metodo 3 di 4:
Rispettare la Sua Voglia di Indipendenza

  1. 1
    Ricorda che tua figlia potrebbe mettere in discussione la tua autorità per dimostrare che è indipendente. Da un po' di tempo a questa parte noti che mette costantemente in discussione la tua autorità? Questa lotta per esercitare un maggiore controllo è però perfettamente normale: significa che tua figlia è desiderosa di essere più indipendente [8] .
    • Tua figlia non sta crescendo solo fisicamente, ma anche mentalmente. Si sta facendo un'opinione sul mondo e sul modo in cui vanno le cose, spesso però queste idee non saranno in linea con le tue.
    • Pensa in quali ambiti puoi essere più flessibile e disposto a darle una maggiore libertà, in modo da farla sentire più indipendente. Per esempio, se solitamente sei tu a comprarle i vestiti, lascia che si assuma la responsabilità di sceglierli da sola. Imponi però delle regole di base affinché siano appropriati. In ogni caso, la decisione finale spetterà a lei.
  2. 2
    Permettile di stare da sola. Per un'adolescente, la privacy è molto importante. Rispetta il suo desiderio di trascorrere del tempo da sola ogni tanto, senza essere disturbata.
    • Prima di entrare nella sua stanza, bussa alla porta e chiedile il permesso.
    • Dalle la possibilità di dimostrare che è responsabile quando sta da sola. Non presumere che stia facendo cose che non dovrebbe fare [9] .
    • Se ti accorgi che tua figlia sta trascorrendo troppo tempo da sola nella sua camera e sembra isolarsi, dovresti parlare con lei per capire che cosa sta succedendo. Forse sta affrontando un problema più grave, come la depressione.
    • Se comunque non ti senti tranquillo all'idea di darle il suo spazio, mettetevi d'accordo preventivamente su aspettative e limiti. Per esempio, vietale di stare da sola in camera con un ragazzo.
  3. 3
    Concedile un livello di indipendenza idoneo alla sua età. Lasciala uscire con i suoi amici o assistere a un concerto anche nelle serate infrasettimanali. Quando si tratta di regole, cerca di trovare il giusto equilibrio fra iperprotezione e libertà assoluta.
    • Certo, sta crescendo, ma dovresti comunque imporre dei limiti. Per esempio, puoi permetterle di uscire con un ragazzo, ma dovrebbe rispettare un coprifuoco e andare solo nei posti che reputi adeguati per un appuntamento.
    • Se trascorre la notte a casa di un'amica, fidati di lei, senza chiamarla costantemente.
  4. 4
    Permettile di prendere delle decisioni autonome. Come genitore, hai un certo potere decisionale. Tuttavia, è importante coinvolgere tua figlia nelle scelte da prendere, che si tratti di stabilire a che ora andare a letto o tornare a casa. Devi consentirle di iniziare a prendere le sue decisioni.
    • A mano a mano che tua figlia si avvicinerà all'età adulta, dovrà esercitarsi a prendere delle decisioni da sola. Lascia che scelga autonomamente come arredare la sua camera, tagliare i capelli o pettinarli.
    • Puoi anche coinvolgerla in decisioni familiari, ad esempio quando scegliete la meta per le vacanze.
    • Ogni adolescente è unica. Ogni ragazza matura a un ritmo leggermente diverso. Inizia con le piccole decisioni e vedi come se la cava prima di passare a scelte più importanti [10] .
    Pubblicità

Metodo 4
Metodo 4 di 4:
Capire il Cervello di un'Adolescente

  1. 1
    Ricorda che il cervello di un adolescente è in perenne mutamento. Per capire tua figlia, è importante tenerlo bene a mente. Oltre a tutti gli altri cambiamenti che sta affrontando, anche il suo cervello si sta sviluppando [11] .
    • Le diverse parti del cervello maturano in momenti diversi. Le parti associate a fattori come l'impulsività, la gratificazione e la motivazione in effetti maturano prima rispetto a quelle che permettono di esaminare i pro e i contro delle varie azioni.
    • Di conseguenza, tua figlia potrebbe non considerare le conseguenze nello stesso modo in cui lo fai tu. Per questo è importante discutere insieme dei comportamenti rischiosi e delle relative ripercussioni.
  2. 2
    Ricorda che il sonno può essere alterato dai cambiamenti che interessano il cervello. Forse non ci credi, ma è così: se tua figlia tende a rimanere in piedi fino a tardi, questo in parte è dovuto al fatto che il suo cervello sta cambiando [12] .
    • Nonostante questo fenomeno sia normale, dormire poco esacerba l'irritabilità e la depressione.
    • È dunque importante aiutarla a regolare gli orari e incoraggiarla a dormire a sufficienza.
  3. 3
    Ricorda che le emozioni di tua figlia vengono influenzate dai cambiamenti che interessano i circuiti cerebrali. Non è solo frutto della tua immaginazione: è vero che le emozioni sono più potenti che mai durante l'adolescenza. I suoi stati d'animo sono più intensi dei tuoi, quindi tienilo a mente quando vi trovate nel bel mezzo di una discussione o di un litigio [13] .
    • Se noti che tua figlia reagisce in maniera esagerata, concedile del tempo per calmarsi. All'inizio potrebbe avere una reazione eccessiva, ma cerca di capire che anche il suo cervello sta affrontando dei profondi cambiamenti.
    Pubblicità

Consigli

  • Ricorda di non essere troppo severo, ma non darle nemmeno una libertà assoluta.
  • Dedicale del tempo facendo insieme a lei quello che più ama.
Pubblicità

Avvertenze

  • Assicurati che tua figlia sia abbastanza matura da poter prendere una decisione. Non obbligarla a farlo.
  • Concedile un certo livello di indipendenza sempre considerando la sua età e il suo grado di maturità.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Affrontare la Crescita dei Propri FigliAffrontare la Crescita dei Propri Figli
Far Rompere le AcqueFar Rompere le Acque
Riconoscere la Posizione del Bambino nell'UteroRiconoscere la Posizione del Bambino nell'Utero
Mettere Incinta la tua RagazzaMettere Incinta la tua Ragazza
Insegnare a un Bambino a GattonareInsegnare a un Bambino a Gattonare
Riconoscere i Segni di un Aborto SpontaneoRiconoscere i Segni di un Aborto Spontaneo
Fingere una GravidanzaFingere una Gravidanza
Gestire un Bambino che Non Vuole Andare a ScuolaGestire un Bambino che Non Vuole Andare a Scuola
Girare un Bambino PodalicoGirare un Bambino Podalico
Bloccare la Produzione di Latte MaternoBloccare la Produzione di Latte Materno
Far Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy HoggFar Addormentare un Bambino con il Metodo di Tracy Hogg
Tenere un NeonatoTenere un Neonato
Ascoltare il Battito Cardiaco FetaleAscoltare il Battito Cardiaco Fetale
Aumentare le Possibilità di Concepire un MaschiettoAumentare le Possibilità di Concepire un Maschietto
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Rebecca Kason, PsyD
Co-redatto da:
Psicologa Clinica Abilitata
Questo articolo è stato co-redatto da Rebecca Kason, PsyD. La Dottoressa Rebecca Kason è una psicologa clinica abilitata a esercitare la professione sia a New York sia nel New Jersey. È specializzata in salute mentale adolescenziale, terapia dialettico comportamentale e terapia cognitivo-comportamentale. Ha ottenuto ottimi risultati trattando pazienti affetti da disregolazione emotiva, disturbi comportamentali, difficoltà interpersonali, conflitti familiari, ansia, depressione e fobie. Si è laureata in Psicologia alla University of Delaware e si è specializzata in Psicologia Applicata e Psicologia Clinica alla Long Island University. Ha completato un tirocinio accreditato dalla APA (American Psychological Association) al Mount Sinai Services. È membro della APA e della Association for Behavior and Cognitive Therapy. Questo articolo è stato visualizzato 31 258 volte
Categorie: Genitori
Questa pagina è stata letta 31 258 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità