Come Clonare le Piante

In questo Articolo:Riunire i Materiali GiustiPiantare la TaleaLasciar Crescere la Pianta

In giardino c'è una pianta che ti piace davvero tanto. Forse ha un fogliame lussureggiante o produce delle bacche deliziose oppure è semplicemente troppo bella e non puoi fare a meno di guardare i suoi steli lunghi e lucenti. Vorresti poterla tenere per il resto della tua vita, ma ti rendi conto che i suoi giorni sono giunti al termine. Potresti interrare un altro seme, ma il risultato non è certo; non ci sono garanzie che la nuova pianta diventi come la desideri. Come potrai mantenerne intatta la sua bellezza e creare un altro organismo identico, senza la riproduzione sessuata?[1] Non farti prendere dal panico e naviga sul web. Questo articolo ti propone la soluzione: è giunta l'ora di clonare la pianta.

Parte 1
Riunire i Materiali Giusti

  1. 1
    Scegli un contenitore per la clonazione. Il modello dipende dalle dimensioni della pianta matura e da quanti esemplari vuoi clonare nello stesso recipiente. Fai qualche ricerca in merito alla specie della pianta, per capire quanto grande dovrebbe essere il vaso.
    • Alcune persone preferiscono utilizzare dei vasi per questa operazione, mentre altre si limitano a qualcosa di semplice, come un bicchiere di plastica con dei fori sul fondo.
    • Un contenitore trasparente è di solito il più adatto, perché puoi monitorare quando e dove spuntano le radici.
  2. 2
    Decidi se preferisci clonare la pianta nel terriccio o nella lana di roccia. Quando ti accingi a questo progetto, devi mettere una talea in un substrato, in modo che possa generare le radici e crescere.
    • La lana di roccia complica un po' le cose e richiede una preparazione maggiore rispetto al terriccio. Deve essere lasciata in ammollo per una notte in acqua con un pH controllato e costante pari a 4,5; inoltre, non contiene gli stessi nutrienti del terriccio.[2] Devi anche dedicare del tempo a praticare un foro al centro del blocco di substrato che non sia troppo grande, ma nemmeno troppo piccolo, in relazione alle dimensioni della pianta che stai per clonare.
    • Il terriccio non ha bisogno di grande preparazione, ti basta aprire il sacchetto che hai comprato oppure raccoglierne un po' dal giardino o dall'orto.
  3. 3
    Valuta se usare o meno un ormone radicante. Questo prodotto viene usato durante il processo di clonazione per stimolare le cellule vegetali a crescere. Le piante contengono naturalmente degli ormoni, detti auxine, che consentono loro di decidere se sviluppare maggiormente l'apparato radicale rispetto al fogliame. Quando acquisti una confezione di ormone radicante, dovresti scegliere dell'auxina sintetica. Applicandola, induci la pianta a "credere" di aver bisogno di più radici e dai avvio al processo di clonazione.[3]
    • Se sei un giardiniere che segue le norme delle coltivazioni biologiche, gli ormoni della crescita non fanno parte del tuo "arsenale", dato che contengono spesso anche pesticidi e sostanze chimiche che non sono eco-compatibili. Molti prodotti di marche famose sono arricchiti con elementi chimici che causano irritazioni cutanee e alle vie respiratorie superiori.[4]
    • Se escludi gli ormoni radicanti, probabilmente il tuo esperimento non avrà molto successo. Le piante come i pomodori sono facili da clonare, perché producono parecchie auxine in maniera naturale; altre specie sviluppano però le radici solo dall'estremità dello stelo e solo dall'apparato radicale originale; di conseguenza, è difficile ottenere un nuovo esemplare senza usare l'ormone sintetico.[5] Svolgi qualche ricerca in merito alla specie vegetale che vuoi clonare e prendi le decisioni giuste in base alla situazione.

Parte 2
Piantare la Talea

  1. 1
    Riempi il vaso o il contenitore con terriccio o lana di roccia.
    • Se hai deciso di usare la terra, riempi il contenitore fino all'orlo. Pratica un foro al centro fino al fondo del recipiente.
    • Se hai optato per la lana di roccia, puoi limitarti a inserirne un pezzo nel vaso.
  2. 2
    Bagna la terra. Versa acqua a sufficienza per bagnare il terriccio senza inzupparlo. Nel caso della lana di roccia, dovresti averla già lasciata in ammollo per una notte, non è quindi necessario aggiungere altra acqua.
  3. 3
    Realizza un taglio diagonale sullo stelo della pianta, usando un coltello affilato o un paio di forbici. Scegli uno stelo laterale e non un gambo. Quest'ultimo è uno degli steli principali che escono dal terreno, mentre quelli laterali protrudono dai gambi.[6]
    • Dopo aver praticato l'incisione, osserva lo stelo ed elimina ogni foglia o bocciolo che si trova alla base. I boccioli e le foglie assorbono gran parte dell'acqua dalla base dello stelo e, se sono troppo numerosi, impediscono alla talea di mettere le radici.[7]
  4. 4
    Intingi lo stelo nell'ormone radicante (se hai deciso che questa sostanza va bene per la tua pianta). È disponibile solitamente in forma liquida e in polvere. In questo secondo caso, devi prima intingere lo stelo in un po' d'acqua e poi far aderire la polvere alla sua estremità. Non ricoprire tutta la talea con l'ormone, ma usalo in quantità ridotte concentrandoti solo sulla porzione terminale.
  5. 5
    Metti lo stelo nel foro che hai praticato nel terriccio o nella lana di roccia. Fai in modo che un terzo circa della talea si trovi nel buco.[8].
  6. 6
    Copri il contenitore con del vetro o della plastica. Un sacchetto di plastica è spesso una buona soluzione, se non hai nulla di meglio. Coprendola, la pianta trattiene l'umidità all'interno e può quindi continuare a vivere mentre sviluppa le radici.[9] Il materiale da usare per coprire la talea dipende dal contenitore che hai scelto per la clonazione.

Parte 3
Lasciar Crescere la Pianta

  1. 1
    Riponi il vaso in un luogo caldo in cui ci sia un po' di luce solare. Se esponi la talea ai raggi diretti del sole, potresti causarle troppo stress e ucciderla.[10]
  2. 2
    Bagna il terreno ogni giorno, verificando che il substrato sia umido, ma non impregnato d'acqua mentre lo stelo inizia a mettere radici. Dopo una o due settimane, dovresti vedere le prime radici. Complimenti! Sei riuscito a clonare la pianta!

Consigli

  • Lo stelo più adatto alla clonazione può essere spezzato, invece che tagliato, e deve staccarsi in modo netto. Uno stelo che si piega potrebbe essere troppo vecchio per mettere radici, mentre uno morbido o flessibile potrebbe essere troppo giovane. Se non trovi lo stelo che si stacca alla perfezione, cerca quello più sano disponibile e recidilo con un coltello.[11]
  • Dopo aver tagliato lo stelo, raschiane delicatamente il lato. In questo modo, permetti alle auxine e ai nutrienti di penetrare in quantità maggiori e aiuti la talea a radicare.[12]

Cose che ti Serviranno

  • Forbici o coltello affilato
  • Lana di roccia o terriccio
  • Vaso o contenitore pulito
  • Ormone radicante
  • Acqua

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 19 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Giardinaggio

In altre lingue:

English: Clone Plants, Español: clonar plantas, Русский: клонировать растения, Português: Fazer Clones de Plantas, Français: cloner une plante, Bahasa Indonesia: Mengklonakan Tanaman, Nederlands: Planten klonen, Deutsch: Pflanzen klonen

Questa pagina è stata letta 3 141 volte.
Hai trovato utile questo articolo?