Come Coltivare Mandorle

In questo Articolo:Piantare un Albero di MandorlePrendersi Cura di un Albero di MandorleFare in modo che l'Albero Produca FruttiTrattamento dei Problemi Comuni

La mandorla è un frutto secco delizioso e nutriente, che cresce all'interno di un guscio non commestibile prodotto dal mandorlo, una pianta parente del pesco. Esistono due varietà principali di mandorla: dolce e amara. Le mandorle dolci sono quelle che puoi acquistare nei negozi e mangiare, mentre quelle amare, che contengono sostanze chimiche tossiche, non sono considerate commestibili[1]. Le mandorle, che sono originarie del medio oriente e dell'Asia del sud, possono essere piante difficili da coltivare - senza un clima adeguato e delle cure appropriati gli alberi di mandorle hanno difficoltà a sopravvivere per non parlare di produrre frutti.

Parte 1
Piantare un Albero di Mandorle

  1. 1
    Assicurati che nella tua zona vi siano le condizioni adatte a un albero di mandorle. Questi alberi, originari del medio oriente e dell'Asia del sud, dove il clima è caldo e arido, si trovano meglio con estati calde e inverni miti e non si adattano bene alle altre condizioni. Le mandorle solitamente non crescono nei climi più freddi[2]. A meno che tu non abbia un grande ambiente controllato al coperto, probabilmente non sarai in grado di coltivarle a meno che tu non viva in una zona dal clima mediterraneo o mediorientale.
  2. 2
    Acquista semi o germogli. Hai due opzioni per piantare un albero di mandorle - puoi usare dei semi (mandorle fresche e non lavorate) o germogli (piccoli alberi)[3]. I semi ti permettono di provare l'esperienza di coltivazione dall'inizio, ma si tratta del metodo che richiede più tempo e impegno. I germogli invece sono più pratici, ma più costosi.
    • Se vuoi raccogliere mandorle commestibili, assicurati di scegliere semi o germogli di alberi di mandorle dolci che producono frutti. Le mandorle amare non sono commestibili e non tutti gli alberi di mandorle dolci producono frutti, perciò queste varietà sono adatte solo per ombreggiare o per scopi ornamentali. Parla con il personale del vivaio locale se non sai quali alberi di mandorle producono frutti.
  3. 3
    Scegli una posizione soleggiata per l'albero. Gli alberi di mandorle hanno bisogno di molto sole. Prima di iniziare, trova un punto del giardino che riceva sole diretto e pieno, privo di ombra. Dovrai far crescere l'albero in vaso prima di piantarlo a terra, ma è comunque importante scegliere prima la posizione - l'albero rimarrà nel vaso solo per qualche tempo.
    • Dovrai anche assicurarti che il punto che hai scelto offra un terreno che abbia un buon drenaggio. Gli alberi di mandorle non crescono bene in terreni dove si formano delle pozze d'acqua che possono far marcire le radici.
  4. 4
    Fai germogliare i semi. Se stai coltivando un albero a partire dai semi, inizia a farli germogliare in un ambiente controllato - una volta completata la prima fase di crescita, potrai piantarlo in un vaso o a terra. Come prima cosa raccogli i tuoi semi in una sola grande ciotola (più semi userai meglio sarà - alcuni potrebbero non germogliare e altri non crescere per la muffa). Poi, falli germogliare secondo questi passaggi:
    • Aggiungi dell'acqua e lascia i semi in ammollo per una notte.
    • Il giorno seguente usa uno schiaccianoci per aprire leggermente i gusci delle mandorle - il guscio non dovrebbe sbriciolarsi, ma dovresti essere in grado di vedere il seme all'interno. Getta tutti i semi che mostrano segni di muffa.
    • Riempi alcuni piccoli vasi da fiori con del terriccio. Assicurati che i vasi abbiano dei fori sul fondo per drenare.
    • Pianta i semi circa 5 centimetri sotto la superficie del terreno, con le aperture rivolte verso l'alto. Metti il vaso all'interno in una zona che riceva luce solare diretta. Attendi che i spuntino i germogli.
  5. 5
    Trapianta i germogli. Quando i germogli avranno iniziato a crescere (o in alternativa, se hai acquistato germogli pronti da piantare), prepara all'impianto il punto del terreno che hai scelto. Crea una piccola montagnola di circa cinque centimetri (leggermente più larga della sua altezza) per ogni seme. Spingi il seme per circa 3 centimetri in profondità al centro della montagnola. Questa tecnica aiuta a impedire che l'acqua si raccolga vicino alle radici della pianta, ed evitare di conseguenza gravi problemi (come radici marce).
    • Se stai piantando dei germogli, fallo alla fine dell'inverno o in primavera. In alternativa, se stai piantando semi non germogliati, fallo nel tardo autunno, in maniera che abbiamo la possibilità di spuntare in primavera, all'inizio della stagione di fioritura.[4]
    • Se stai piantando più alberi, distanzia ogni albero di almeno 7 metri. Questo darà agli alberi spazio sufficiente e ti permetterà di annaffiarli senza problemi e in modo efficace.[5]

Parte 2
Prendersi Cura di un Albero di Mandorle

  1. 1
    Annaffia abbondantemente. Subito dopo aver piantato l'albero, dovresti annaffiarlo abbondantemente con almeno cinque litri d'acqua per idratare bene il terreno[6]. Dopo questa prima fase, dovrai iniziare ad annaffiare la pianta regolarmente. Gli alberi di mandorle prosperano nei climi caldi, ma non sono piante desertiche, perciò annaffiarli è molto importante per mantenerli in salute.
    • Annaffia ogni pianta di mandorle almeno una volta a settimana a meno che non piova. Gli alberi ben avviati possono sopravvivere con 5-7 cm d'acqua senza pioggia, ma alle piante che stanno crescendo ne servirà di più.[7]
    • In alternativa, potresti provare a usare un sistema di irrigazione a goccia. Sarà particolarmente utile se hai molti alberi.
  2. 2
    Fertilizza il terreno in primavera. Quando la stagione di coltivazione ha inizio, è una buona idea usare una quantità ragionevole di fertilizzante per facilitare la crescita della pianta (anche se non è strettamente necessario). Per gli alberi giovani, dovrai usare piccole dosi di azoto per tutta la stagione di crescita. Per gli alberi adulti invece, dovrai usare circa un chilo di urea o 15 chili di letame (singola applicazione).[8]
    • A prescindere dal tipo di fertilizzante che stai usando, assicurati di bagnare il terreno prima di applicarlo. Il fertilizzante può "bruciare" la pianta se viene applicato senza acqua o se usato in quantità eccessive.[9]
  3. 3
    Raccogli i frutti in autunno. Gli alberi di mandorle che producono frutti inizieranno a produrre piccoli frutti verdi durante la stagione di crescita - questi frutti duri e amari non sono molto popolari nella cucina occidentale, ma vengono comunemente usati in medio oriente. In autunno questi frutti si induriranno, diventeranno marroni e si apriranno. Quando i gusci esposti delle mandorle sono marroni e secchi, sono pronti per la raccolta. Leggi in seguito per avere più informazioni in merito al raccolto.
    • Esistono due tipi di albero di mandorle: quelli che danno frutti "dolci" e quelli su cui crescono i frutti "amari".Le mandorle amare non sono commestibili. Contengono acido prussico, una sostanza chimica tossica. Anche solo una manciata di mandorle amare crude e non lavorate possono essere letali[10]. È tuttavia possibile renderle commestibili lavorandole con un processo che rimuove le tossine.
  4. 4
    Pota i rami morti nei primi giorni dell'inverno. Quando l'albero smette di crescere in inverno, si tratta del momento ideale per la potatura - il legno letargico permette una rimozione sicura e semplice. Nota però che dovresti rimuovere immediatamente le parti morte o malate della pianta. Per potare i rami usa un paio di cesoie per praticare un taglio pulito e deciso in prossimità dell'inizio del ramo. Per lavori di potatura più difficili, usa una sega.
    • Potare gli alberi ha molti vantaggi. Il più importante è la promozione di una crescita sana, uniforme e gradevole alla vista. Grazie a delle scelte di potatura intelligenti potrai anche ottenere un albero più forte, robusto e resistente alle malattie.[11]
    • Quando poti, cerca di eliminare le zone a fogliame particolarmente denso e quelle in cui due rami si toccano. Dovresti anche potare i rami che crescono molto più alti o laterali degli altri, per promuovere una crescita uniforme.[12]

Parte 3
Fare in modo che l'Albero Produca Frutti

  1. 1
    Attendi cinque anni prima di aspettarti dei frutti. Gli alberi di mandorle richiedono tempo prima di produrre frutti. Tipicamente, questo periodo di attesa dura circa cinque anni. Possono servirne però anche dodici perché un albero di mandorle raggiunga la piena capacità di produzione. Sii paziente - un albero maturo e sano può produrre più 20 chili di mandorle in un solo raccolto![13]
    • Una volta che un albero di mandorle inizia a produrre frutti, continuerà fino a 50 anni, garantendoti abbastanza mandorle per gli anni a venire.
  2. 2
    Assicurati che l'albero sia impollinato. È importante capire che la maggior parte degli alberi di mandorle non producono mandorle sempre e comunque. Le mandorle sono solitamente prodotte in seguito all'impollinazione, ovvero il metodo di riproduzione sessuale delle piante. Questo significa che almeno che tu non abbia un albero di una varietà auto impollinante, dovrai impollinare il tuo albero con il polline di un altro albero per ottenere frutti.
    • Il modo più semplice è piantare più di un albero. Se ne coltivi due o tre, uno accanto all'altro, gli insetti impollinatori come le api porteranno il polline da un albero all'altro come parte del loro comportamento naturale.
    • Puoi anche impollinare manualmente prendendo un ramo fiorito di un altro albero e strofinandolo contro i fiori del mandorlo, per miscelarne i pollini. Si tratta però di un metodo che richiede molto più tempo dell'impollinazione naturale e potrebbe non essere altrettanto efficace.
  3. 3
    In alternativa, innesta un ramo produttivo sull'albero. Se, per qualunque ragione il tuo albero non producesse mandorle, non preoccuparti! C'è ancora speranza. Con un processo chiamato innesto, è possibile aggiungere fisicamente una parte di una pianta che produce frutti su un albero diverso. Una volta che l'innesto avrà "attecchito", la parte innestata sarà ancora in grado di produrre frutti, anche se il resto dell'albero non potrà farlo. Questo è il metodo con cui vengono coltivate molte piante, come le arance.[14]
    • Esistono molti modi per innestare un ramo produttivo sul tuo albero. Quello più semplice è solitamente l'innesto a T, che prevede di praticare un taglio lungo e stretto nell'albero originale e inserire il nuovo ramo nell'incavo generato. In seguito, il nuovo ramo viene fermato con corde o lacci di gomma finché l'albero originale non l'avrà integrato.
    • Nota che gli innesti vengono praticati soprattutto in primavera, quando il materiale sotto la corteccia è umido e verde.
  4. 4
    Raccogli le mandorle quando sono mature. Le mandorle vengono raccolte solitamente nella tarda estate o in autunno, tra luglio e ottobre, una volta che il frutto esterno è diventato secco e si è aperto. Scuoti l'albero e raccogli le mandorle che cadono, facendo attenzione a gettare quelle marce. In alcuni casi i frutti potranno cadere da soli. A meno che non marciscano, le mandorle cadute sono buone da mangiare.
    • Dopo il raccolto, è una buon idea congelare i gusci delle mandorle per 1-2 settimane per eliminare eventuali insetti.[15]

Parte 4
Trattamento dei Problemi Comuni

  1. 1
    Evita di annaffiare troppo l'albero per non far marcire le radici. Un problema che può colpire quasi ogni albero (incluso quello di mandorle) è il marciume radicale. Questa malattia dannosa è provocata principalmente dai funghi che iniziano a crescere sulle radici degli alberi che rimangono a contatto con l'acqua per un lungo periodo di tempo. Dal momento che questa condizione può essere difficile da trattare, la politica migliore è la prevenzione. Non annaffiare mai troppo la pianta - creando delle pozze d'acqua in prossimità della base dell'albero favorisce il marciume radicale.
    • Per evitare di annaffiare troppo la pianta, potresti aumentare la capacità di drenaggio del terreno. Puoi farlo miscelando al terreno hummus o materiale organico per migliorarne la permeabilità. Nota che i terreni pesanti, sabbiosi e poco profondi drenano particolarmente male.
    • Se le radici della tua pianta marciscono (solitamente segnalato da sintomi simili a quelli della siccità, tra i quali ingiallimento e avvizzimento delle foglie e loro caduta), scava per esporre le radici ed elimina le zone scure e viscide. Se il problema non viene risolto, getta la pianta per impedire che il fungo si diffonda in tutto il giardino.
  2. 2
    Controlla bene le erbacce. Le erbacce non sono un grande problema per gli alberi di mandorle adulti e ben avviati, ma possono essere una grave minaccia per i germogli giovani. Le erbacce competono ferocemente per gli stessi nutrienti, l'acqua e il sole con gli alberi di mandorle. Se le ignorerai, le erbacce potrebbero persino strangolare un germoglio prima che abbia la possibilità di crescere.[16]
    • La politica migliore per le erbacce, in particolare durante i primi mesi di una pianta, è iniziare a estirparle presto e farlo spesso. Cerca di mantenere una striscia di 1,5-2 m lungo ogni fila di germogli libera dalle erbacce - puoi usare i metodi manuali (ad esempio le mani o utensili da giardinaggio) o degli erbicidi per eliminarle.[17]
  3. 3
    Mantieni l'albero privo di parassiti. Uno particolarmente fastidioso per l'albero di mandorle è la falena Amyelois transitella. D'inverno, questo insetto si rifugia nei cosiddetti frutti "mummia" - mandorle che non vengono raccolte e vengono lasciate sull'albero nel tardo autunno e in inverno. Quando arriva la primavera questi insetti diventano attivi e danneggiano il raccolto. Il modo migliore per prevenire questo problema è liberarsi delle mummie. Se non hanno alcun riparo per l'inverno, questi parassiti non dovrebbero presentarsi, dal momento che non riuscirebbero comunque a penetrare i frutti sani.
    • Una volta rimosse le mummie dall'albero, distruggile falciando l'erba. Le larve potrebbero ancora rifugiarvisi se rimangono intatte sul terreno.
  4. 4
    Usa dello spray con bacillus thuringiensis per le tignole del pesco. Le tignole del pesco sono piccoli insetti simili a vermi che si insinuano nei frutti come pesche e mandorle. Questi insetti possono provocare gravi danni al raccolto, perciò se ne noti la presenza (le foglie masticate potrebbero essere un segnale), usa subito un pesticida per proteggere i tuoi alberi. Il bacillus thuringiensis, un insetticida batterico, è un ottima scelta per eliminare questi parassiti. Spruzza l'insetticida durante la loro schiusa in primavera, prima che abbiano la possibilità di provocare gravi danni.[18][19]
    • Oltre ai due esempi precedenti, molti altri parassiti possono attaccare gli alberi di mandorle - infatti, sono talmente tanti che è impossibile elencarli tutti in questo articolo. Per altre informazioni, cerca su un motore di ricerca "parassiti mandorle" o consulta un tuo fornitore di prodotti per il giardino o il dipartimento di botanica dell'università locale.

Consigli

  • Se stai piantando più di un albero, disponili a 6-9 metri di distanza uno dall'altro.
  • Inizia a far germogliare i semi in autunno, in maniera che gli alberi di mandorle spuntino nella prima primavera.

Avvertenze

  • Non annaffiare troppo il tuo albero di mandorle. Questi alberi hanno la tendenza a marcire e ad ammuffire.

Cose che ti Serviranno

  • Germogli di mandorlo
  • Vasi da fiori
  • Acqua
  • Ciotola
  • Terriccio
  • Vanga
  • Cesoie da potatura
  • Fertilizzante

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 10 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Giardinaggio

In altre lingue:

English: Grow Almonds, Español: cultivar almendras, Português: Cultivar Amêndoas, Русский: выращивать миндаль, Français: faire pousser un amandier, Deutsch: Mandeln kultivieren, 中文: 种植扁桃树, Čeština: Jak pěstovat mandloň, العربية: زراعة اللوز, Nederlands: Een amandelboom telen, Tiếng Việt: Trồng hạnh nhân

Questa pagina è stata letta 96 004 volte.
Hai trovato utile questo articolo?