Scarica PDF Scarica PDF

I cetrioli possono essere difficili da coltivare in vaso, poiché richiedono molto spazio in verticale. Ci potrai riuscire, tuttavia, se selezioni una varietà a cespuglio anziché un rampicante o se offri alla pianta spazio sufficiente per crescere su un paletto o un traliccio. Usa un terreno ben drenante e nutritivo, mantenendolo umido per tutta la stagione di crescita; in questo modo otterrai piante di cetriolo in vaso rigogliose.

Parte 1
Parte 1 di 3:
Preparare i Vasi

  1. 1
    Scegli una varietà di cetriolo adatta a essere coltivata in vaso. In generale, le varietà a cespuglio sono più facili da coltivare in vaso rispetto a quelle rampicanti, che hanno bisogno di un traliccio su cui arrampicarsi e crescere. Scegliere una varietà adatta alla coltivazione in vaso ti darà maggiori possibilità di successo.[1]
    • Le varietà ideali per la coltivazione in vaso includono Salad Bush Hybrid, Bush Champion, Spacemaster, Picklebush, Baby Bush e Potluck.
  2. 2
    Prendi un vaso dal diametro di 25 cm. Il vaso dovrebbe essere largo almeno 25 cm e altrettanto profondo. Se vuoi coltivare più di una pianta in un unico vaso, scegline uno che abbia un diametro di almeno 50 cm e una capacità di 20 litri.[2]
    • Se terrai il vaso all'aperto scegline uno di dimensioni maggiori, possibilmente. Tratterrà l'umidità in modo più efficace.[3]
    • Puoi persino usare una fioriera rettangolare, se aggiungi un graticcio su cui far crescere i cetrioli.
  3. 3
    Crea dei fori di drenaggio, se il vaso ne è privo. Le piante di cetrioli amano l'acqua, tuttavia quella stagnante può causare danni alle radici. Cerca vasi già dotati di fori di drenaggio, se possibile: ti basta capovolgerli per verificarlo.[4]
    • Se il vaso non ha fori di drenaggio, usa un trapano per farli tu stesso. Scegli una punta da trapano per muratura che sia adatta alla terracotta non rifinita o una punta per piastrelle e vetro o superfici vetrate. Scegli un diametro compreso tra i 6 e i 12 mm.
    • Posiziona del nastro adesivo sul fondo del vaso nei punti in cui vuoi praticare i fori: aiuterà a rendere meno fragile l’area. Premi leggermente la punta sul nastro e avvia il trapano a bassa velocità. Applica una pressione leggera e costante fino a quando la punta non passa dall’altra parte. Ripeti il procedimento per creare almeno un altro buco.
    • Se premi troppo o cerchi di perforare troppo velocemente potresti rompere il vaso.[5]
  4. 4
    Pulisci accuratamente il vaso con acqua calda e sapone. I vasi possono contenere batteri che rischiano di far marcire la pianta. Se hai già usato il vaso in precedenza, potrebbe contenere uova di insetti nascoste che si schiuderanno e attaccheranno le piante di cetriolo.
    • Strofina accuratamente il vaso con uno straccio o una spazzola per piatti e acqua saponata, poi risciacqua più volte per assicurarti di eliminare tutto il sapone.
  5. 5
    Prepara una struttura. I cetrioli rampicanti richiedono un traliccio o un paletto su cui crescere; quelli cespugliosi non ne hanno bisogno, ma ne traggono comunque vantaggio. Crea tu stesso una struttura prendendo tre bastoni o canne di bambù: fissali in alto, legandoli fra loro con una corda o uno spago. Allarga poi la base dei paletti creando una forma simile una tenda dei pellerossa.
    • In alcuni negozi di ferramenta e articoli da giardinaggio potrai trovare strutture simili in metallo già pronte.
    • Una struttura di questo tipo incoraggia la pianta di cetriolo ad arrampicarsi su di essa fin dall'inizio.
    • Inserisci la struttura nel vaso con i paletti allargati al suo interno, tutti a contatto con il fondo del vaso. Dovrebbe stare in piedi senza bisogno di ulteriore supporto. Se è traballante, regola i paletti in modo da pareggiarli.
  6. 6
    Riempi il vaso con una miscela di terreno ben drenante. Se desideri creare un mix con terra di cui già disponi, prova a unire 1 parte di sabbia con 1 parte di compost e 1 parte di torba di sfagno o cocco. Altrimenti puoi scegliere un terriccio premiscelato progettato appositamente per la coltivazione degli ortaggi.[6]
    • Metti il composto nel vaso, compattandolo con cura intorno ai paletti. Non premerlo troppo, tuttavia, poiché le radici delle piante crescono meglio in un terreno morbido. Lascia circa 2-3 cm di spazio tra la superficie della terra e il bordo del vaso.
    • Controlla la struttura. Prova a muoverla: se traballa ancora molto, compatta un altro po' il terriccio nel vaso per stabilizzarla.
    • Puoi trovare tutti i tipi di terriccio di cui hai bisogno nel tuo negozio di giardinaggio di fiducia.
    • Non utilizzare la terra del tuo giardino, che potrebbe essere contaminata da batteri e parassiti.
  7. 7
    Aumenta la nutrizione del terreno aggiungendo un buon fertilizzante. Usa un concime 5-10-5 o una formula 14-14-14 a rilascio lento. Mescolalo nel terreno nelle proporzioni suggerite sull'etichetta, poiché variano considerevolmente in base alla marca e al tipo.[7]
    • In alternativa, puoi usare un terriccio che contiene già del fertilizzante premiscelato.
    • I numeri riportati sui sacchetti dei fertilizzanti indicano rispettivamente le quantità di azoto, fosforo e potassio contenute nel prodotto. Ogni elemento nutre una parte diversa della pianta.
    • Un fertilizzante 5-10-5 dà ai cetrioli una nutrizione delicata, che si concentra su una migliore resa vegetale. Uno 14-14-14, invece, mantiene la salute della pianta in equilibrio, permettendo un dosaggio leggermente più alto.
    • Acquista un fertilizzante biologico se vuoi fare una scelta attenta all'ambiente.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 3:
Piantare Semi e Piantine

  1. 1
    Semina una volta che il clima si è stabilizzato intorno ai 20 °C. I cetrioli hanno bisogno che il terreno raggiunga almeno i 20 °C per crescere. In molte zone puoi piantare a luglio e aspettarti un raccolto a settembre; se vivi in una zona più calda, potresti iniziare anche prima. Attendi comunque almeno 2 settimane dopo l'ultima gelata.[8]
    • Se farai crescere i cetrioli al chiuso, puoi seminare quando vuoi.
  2. 2
    Crea un buco nel terreno profondo circa 15 mm. Rendilo più o meno uguale in profondità e larghezza. Puoi crearlo usando un mignolo o l'estremità arrotondata di una matita.[9]
    • Se utilizzi una fioriera di grandi dimensioni, posiziona i fori in modo uniforme lungo il bordo (nel caso di una fioriera circolare) o uniformemente al suo interno (nel caso di una rettangolare).
  3. 3
    Inserisci 5-8 semi nel foro. Metti in ogni foro più semi del necessario, in modo da garantire la nascita di almeno una pianta. Piantare così tanti semi potrebbe voler dire che dovrai estirpare alcuni germogli, ma avrai la certezza di ottenere tutte le piante di cui hai bisogno.[10]
    • Le piantine di cetriolo non amano essere tirate fuori da un contenitore o maneggiate. Acquista piantine in vasetti biodegradabili, per esempio in fibre di cocco o torba; in questo modo le potrai inserire nel terreno insieme al loro contenitore senza maneggiarle troppo. Le radici cresceranno attraverso il vasetto stesso.
  4. 4
    Copri la buca con altra terra. Lascia cadere un po’ di terriccio sui semi e non comprimerlo, poiché ciò potrebbe danneggiarli; tampona delicatamente quando hai finito.
    • Se stai partendo dalle piantine, riempi il foro attorno al contenitore e tamponalo dall'alto.
  5. 5
    Usa una vecchia bottiglia di plastica come protezione. Se il clima è ancora freddo, puoi creare delle "campane" per proteggere le piante: taglia la parte superiore e inferiore di grandi bottiglie di plastica, lavale accuratamente con acqua calda e sapone, quindi appoggiane una sopra ciascuna piantina. Premila nel terreno in modo che non voli via.[11]
    • Queste campane forniscono calore e riparo dal vento. Possono anche proteggere da alcuni parassiti.
  6. 6
    Innaffia i semi o le piantine subito dopo averli piantati. Il terreno dovrebbe essere completamente e visibilmente umido dopo che hai innaffiato i semi o le piantine. Non esagerare, tuttavia, poiché creare ristagni d'acqua potrebbe portare a uno spargimento dei semi.
    • Usa una bottiglia spray che nebulizzi l'acqua delicatamente in modo da non rischiare che i semi si spostino.
  7. 7
    Dopo aver innaffiato, copri la terra con torba di sfagno o paglia. Applica uno strato sottile di sfagno o pacciame sulla terra, che tu stia partendo dai semi o dalle piantine: questa operazione evita che il terreno si asciughi troppo rapidamente, facendo in modo che le piante abbiano la possibilità di crescere.
  8. 8
    Posiziona il vaso in un luogo che riceva almeno 8 ore di luce solare. I cetrioli prosperano al caldo e la luce del sole extra manterrà il terreno al caldo, nelle giuste condizioni. Fai in modo che non ricevano meno di 6 ore di sole al giorno.[12]
    • Se coltivi i cetrioli in casa, assicurati che siano in una stanza soleggiata e che ricevano molta luce. Se la tua casa non ha un angolo soleggiato puoi acquistare una lampada da coltivazione; posizionala sopra la pianta e tienila accesa almeno 6 ore al giorno.
    • Posizionare il vaso vicino a un muro della casa o a una recinzione può ridurre al minimo i potenziali danni causati dal vento. Un po' di aria va bene, ma il vento forte può essere dannoso.
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 3:
Prendersi Cura dei Cetrioli

  1. 1
    Sfoltisci le piantine di cetrioli una volta che hanno prodotto 2 serie di foglie vere. Identifica le due piantine più alte di ogni gruppo, che sono quelle che dovrai tenere. Taglia le altre a livello del terreno senza estrarle, poiché altrimenti rischierai di danneggiare quelle che stai lasciando nel vaso.[13]
    • Usa forbici o cesoie da giardino per tagliare le piantine che non servono.
  2. 2
    Lascia una sola pianta per buca una volta che raggiungono i 20-25 cm di altezza. Esamina le piante in ogni gruppo e individua quella più alta; dovrebbe anche essere quella con il maggior numero di foglie e l’aspetto più rigoglioso. Taglia l'altra a livello del terreno.
    • Ora dovresti avere una pianta per ogni gruppo che hai creato nel vaso. In alcuni casi, ciò potrebbe significare che ti è rimasta una sola pianta, se hai usato un vaso di piccole dimensioni.
  3. 3
    Innaffia i cetrioli ogni giorno. Se la superficie del terreno sembra asciutta, è tempo di innaffiare. Fornisci alle piante cresciute abbastanza acqua in modo che ne fuoriesca un po' dai fori di drenaggio presenti sul fondo del vaso. Non lasciare mai che il terreno si asciughi troppo poiché ciò impedirebbe lo sviluppo della pianta e darebbe ai frutti un sapore amaro.[14]
    • Per controllare il terreno, infilaci un dito: se lo senti asciutto è ora di innaffiare.
    • Solleva il vaso per controllarne il peso. Più è pesante, più il terreno è saturo di acqua. Controllalo più volte durante il giorno per avere un'idea di quanto sia pesante o leggero quando innaffi.
    • L'aggiunta di pacciame intorno alla pianta la aiuterà a trattenere più umidità.
    • Se nella tua zona il clima è particolarmente secco o caldo, potresti dover innaffiare due volte al giorno.[15]
  4. 4
    Aggiungi un concime bilanciato una volta a settimana. Innaffia il terreno prima di aggiungere il concime: fornirlo alle piante quando sono asciutte può creare problemi. Usa un concime idrosolubile e applicane la quantità indicata sulla confezione. I fertilizzanti variano ampiamente in base alla marca e al tipo, quindi leggi sempre l'etichetta.[16]
    • Scegli un fertilizzante 5-10-5 o 14-14-14.
  5. 5
    Elimina i parassiti usando olio di neem o altri pesticidi naturali. Le tue piante verranno prese di mira da afidi, acari e parassiti specifici dei cetrioli, come Diaphania nitidialis e i coleotteri delle varietà Diabrotica e Acalymma. Puoi creare un pesticida naturale partendo dall’olio di neem:
    • Per fare uno spray con l’olio di neem, mescola 240-350 ml di acqua con alcune gocce di detersivo per piatti e circa 10-20 gocce di olio di neem.[17]
    • Se hai un’infestazione di coleotteri puoi semplicemente rimuoverli a mano usando guanti ricoperti di vaselina. Mettili in un secchio pieno d'acqua con qualche goccia di detersivo per piatti.
    • Esistono anche degli speciali "aspirapolvere per insetti", progettati allo scopo di rimuovere gli ospiti indesiderati dalle piante.[18]
  6. 6
    Nel caso di malattie fungine, usa uno spray antimuffa. La muffa e l'appassimento batterico sono piuttosto comuni. Molti prodotti antifungini eliminano la muffa dalle piante, ma le malattie batteriche sono più difficili da combattere. Se le tue piante sviluppano appassimento batterico, che può essere trasportato dai coleotteri, è probabile che moriranno. Le infezioni fungine sono spesso caratterizzate da una sostanza bianca e polverosa presente sulle foglie.
    • L'appassimento batterico all’inizio si manifesta attraverso un’opacità della superficie delle foglie, che appassiscono durante il giorno e si riprendono di notte. Alla fine diventeranno gialle e moriranno.
    • Per creare uno spray antimuffa prova a mescolare 1 cucchiaio (15 g) di bicarbonato di sodio in circa 4 litri d’acqua; aggiungi un goccio di detersivo per piatti e agita il tutto. Spruzzalo sulla pianta una volta alla settimana se noti sulle foglie una muffa bianca dalla consistenza polverosa.[19]
  7. 7
    Raccogli i cetrioli circa 55 giorni dopo la semina. I frutti di grandi dimensioni sono più amari, quindi raccogli i cetrioli quando sono ancora giovani, tagliando il gambo a circa 1 centimetro dal frutto. Se ha ancora una colorazione giallina, probabilmente è troppo maturo per essere mangiato.[20]
    • La maggior parte dei cetrioli è pronta per essere raccolta da 55 a 70 giorni dopo la semina.
    Pubblicità

Consigli

  • Se vuoi avere cetrioli pronti all'inizio della stagione, seminali prima al chiuso in vasetti biodegradabili, quindi spostali all'esterno quando fa più caldo.
  • I cetrioli richiedono molta acqua, quindi tienili sempre umidi durante la stagione della crescita.[21]
Pubblicità

Avvertenze

  • Fai attenzione all’utilizzo dei pesticidi: molti prodotti chimici possono essere dannosi se ingeriti (e tu probabilmente ti ciberai dei cetrioli delle tue piante). Controlla sempre le avvertenze riportate sull'etichetta prima di utilizzare una sostanza chimica. Lava sempre i frutti prima di consumarli per liberarli da residui chimici, sporco e batteri.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lauren Kurtz
Co-redatto da:
Orticoltrice
Questo articolo è stato co-redatto da Lauren Kurtz. Lauren Kurtz è una Naturalista e Specialista in Orticoltura nella città di Aurora, in Colorado. Gestisce attualmente il Water-Wise Garden presso il Centro Comunale di Aurora per il Dipartimento di Conservazione dell’Acqua. Questo articolo è stato visualizzato 19 891 volte
Categorie: Il Tuo Orto
Questa pagina è stata letta 19 891 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità