Come Coltivare i Germogli

In questo Articolo:Concetti di Base e MaterialiFar Germogliare i SemiFar Germogliare i LegumiFar Germogliare i CerealiFai Germogliare Shoot e Micro-Green5 Riferimenti

Fare germogliare fagioli, verdure, semi e cereali è un metodo semplice per aumentare esponenzialmente il fattore nutrizionale di questi semplici alimenti. Facendo germogliare l’erba medica e le lenticchie puoi intensificare i micronutrienti e integrare la tua dieta con un delizioso cibo attivo. I germogli sono deliziosi e costituiscono un’incredibile sorpresa da preparare a casa con pochi semi e semplici passaggi. Impara i metodi di base e le istruzioni specifiche per legumi, chicchi, semi e perfino per produrre microgreen tutti tuoi. Guarda il primo passaggio per ulteriori informazioni.

1
Concetti di Base e Materiali

  1. 1
    Scegli un tipo di germoglio per iniziare. Si possono far germogliare i semi organici, i fagioli e le noci usando lo stesso, semplice metodo. Assicurati di avere dei semi organici o non trattati con pesticidi, prodotti appositamente per la coltivazione di germogli. Molti semi in commercio, usati per la semina, sono trattati precedentemente con fungicidi, pesticidi e altre sostanze chimiche che sicuramente non hai intenzione di assumere. Sperimenta diversi tipi di semi e legumi per capire quale tipo di germoglio ti piace di più. Per iniziare ti servirà una quantità minima di preparazione e materiali. Scegli tra:
    • Semi come quelli di sesamo, di girasole, di grano saraceno o di zucca
    • Legumi o fagioli come fagioli mung, lenticchie, ceci, azuki o piselli verdi
    • Cereali integrali come orzo, mais, frumento, quinoa, amaranto o segale
    • Semi di ortaggi come erba medica, trifoglio, ravanello, cavolo riccio, verza, fieno greco o rapa
  2. 2
    Metti i semi ammollo tutta la notte in un vasetto riempito con acqua filtrata. Versa acqua sufficiente a sommergere i semi completamente e lasciali per un po’ di tempo. Copri il barattolo con una stamigna o con un altro tipo di retina adatto: una calza da donna, una zanzariera o qualsiasi altra cosa che si può stringere sulla parte superiore e usare per scolare l’acqua risulterà perfetta.
    • Tutti i barattoli di vetro sterili sono adatti per coltivare germogli. Vecchi barattoli per sottaceti, barattoli per conserve o altri tipi di contenitore in vetro possono essere riutilizzati per coltivare i germogli. Se ti ritrovi ancora l’anello metallico del barattoli per conserve puoi riutilizzarlo per tenere la retina ferma, oppure un elastico per capelli o un elastico di gomma andranno bene ugualmente.
    • Se vuoi fare germogliare dei microgreen, come l’erba di grano o i pea shoots, avrai bisogno di un semenzaio, del terriccio e un po’ più di tempo a disposizione. I microgreen e gli shoot differiscono dai germogli in quanto si sviluppano di più, fino allo stadio di plantula, e a tal fine hanno bisogno di essere ripiantati in un semenzaio.
  3. 3
    Scola l’acqua che hai usato per l’ammollo e sciacqua i germogli due volte al giorno. In generale, dovresti sciacquare tutti i germogli la mattina e la sera, scolandoli bene per favorire la germinazione senza toglierli dal contenitore.
    • Quando si fanno germogliare i legumi, dopo qualche giorno si usa fare vorticare dell’acqua dentro il contenitore per facilitare la rottura delle bucce e consentire ai germogli di formarsi.
  4. 4
    Mantieni le condizioni adatte alla germinazione. Dovrai controllare il livello di umidità sciacquando periodicamente i germogli, ma dovrai anche mantenere una temperatura costante per facilitare la germinazione. I germogli devono trovarsi ad una temperatura compresa tra i 10 ⁰C e i 20 ⁰C.
    • Se casa tua è particolarmente fredda durante alcuni mesi dell’anno, avrai bisogno di un radiatore. Per esempio, un radiatore a 8 Watt per rettilario, posizionato sotto i germogli, ti aiuterà a tenerli a temperatura senza cuocerli o rovinare la germinazione.
    • Alcuni germogli, come quelli di ravanello, crescono meglio al buio ma necessitano di luce dopo che hanno germogliato per diventare verdi e più grandi. In generale, la maggior parte dei germogli cresce bene se esposta alla luce solare e a normale temperatura ambiente.
  5. 5
    Consuma subito i germogli freschi. Appena sei soddisfatto delle dimensioni dei germogli, gustali in un sandwich, in un’insalata o in una zuppa. Si manterranno in frigo per circa 5 giorni, ma alla fine inizieranno a diventare marroncini e un po’ viscidi, il che significa che è arrivato il momento di produrne dei nuovi e buttare via questi.
    • Ogni tipo di germoglio differisce leggermente nel tempo di crescita e nel trattamento specifico di cui ha bisogno, una volta che è stato lasciato ammollo e a germinare per parecchie ore. Alcuni possono rimanere nel barattolo per qualche giorno per diventare più grandi e più teneri, mentre altri hanno bisogno di essere piantati in un semenzaio per raggiungere una crescita ottimale e un sapore gustoso. Consulta i paragrafi successivi per ulteriori informazioni più specifiche riguardo il particolare tipo di germoglio che desideri coltivare.[1]
    • Alcuni germogli devono essere sbucciati dopo aver germogliato per qualche giorno. Usa la turbolenza dell’acqua per rendere più facile la separazione dalle bucce e scolali successivamente.

2
Far Germogliare i Semi

  1. 1
    Inizia con circa 250 g di semi di tua scelta. Tutti i tipi di semi organici e adatti alla produzione alimentare saranno perfetti per coltivare germogli. Il processo di ammollo aprirà i gusci e attiverà il processo di germinazione, ottenendo uno spuntino sostanzioso non molto diverso dal seme originario ma più ricco in nutrienti.
    • Semi commestibili come quelli di zucca, girasole e sesamo sono comunemente fatti germogliare. Impiegano poco tempo e costituiscono davvero degli spuntini molto sostanziosi.
    • I semi di ortaggi some il trifoglio, l’erba medica, il ravanello, la verza, il fieno greco, il cavolo riccio producono germogli teneri e carichi di micronutrienti. Questi germogli sono tipicamente usati per preparare sandwich e come piccoli e leggeri ciuffi di verdure.
  2. 2
    Mettili in ammollo in acqua fredda per 4-6 ore. Misura i semi nel tuo contenitore per i germogli e dopo sommergili con acqua filtrata fredda, coprendo con circa 2,5 cm di acqua. Se i semi sono particolarmente polverosi o ricoperti di terra, dagli una sciacquata prima di versare l’acqua.
    • Lasciali in ammollo per 4 ore a temperatura ambiente. Puoi lasciarli direttamente sul pianale della cucina. Dopo aver scolato l’acqua, sciacquali di nuovo e lascia iniziare la germogliazione.[2]
  3. 3
    Lascia i semi a germogliare per 12-24 ore. Dopo aver scolato l’acqua aspetta un giorno circa. I semi inizieranno ad attivarsi e sarai a un buon punto della produzione. Dopo un giorno saranno pronti per essere mangiati!
    • Dopo un giorno togli i semi dal contenitore e stendili su carta assorbente per asciugarli bene. Dopo spostali in una ciotola o un altro contenitore e mettili in frigo. Dovrebbero mantenersi per diversi giorni e saranno pronti per essere mangiati.
    • I semi di sesamo, di solito, diventano abbastanza amari se lasciati germogliare per più di 6 ore. Provali prima del tempo e asciugali meticolosamente.
  4. 4
    Lascia germogliare i semi di ortaggi per circa 6 giorni. I semi di ortaggi richiedono un tempo più lungo per germogliare in modo completo e raggiungere la lunghezza desiderata, solitamente fino a 5-6 giorni. Sebbene siano commestibili a ogni stadio del processo, il germoglio prodotto risulterà più tenero e nutriente dopo qualche giorno. Risciacquali e asciugali bene in modo regolare e conserva il contenitore sottosopra in modo da eliminare l’umidità in eccesso; in modo tale i germogli si manterranno più freschi.
    • Usa la vista e l’olfatto per controllare la freschezza dei germogli. Inizieranno a diventare marroncini e puzzeranno lievemente di cloro quando non sono più buoni.
  5. 5
    Valuta se fare germogliare la frutta secca per un consumo immediato. Ad esempio, le mandorle, le nocciole e altri tipi di semi oleosi si "attivano"solitamente lasciandoli ammollo per qualche ora, diventando più nutrienti. Il vantaggio derivato dal lasciare la frutta secca in ammollo per attivare il processo di germinazione non è ufficialmente riconosciuto, ma se sei curioso è davvero facile da realizzare.

3
Far Germogliare i Legumi

  1. 1
    Seleziona un tipo di fagiolo o un tipo di legume da fare germogliare. Probabilmente i germogli di fagiolo sono i più famosi e diffusi. I fagioli producono delle protuberanze spesse e dal sapore delizioso, pieni di micronutrienti e gusto. I legumi più comunemente usati per crescere germogli sono:
    • lenticchie, specialmente quelle verdi o marroni
    • ceci o fagioli garbanzo
    • fagioli mung, che sono di solito venduti sotto il nome di "germogli di fagiolo"
    • piselli verdi
  2. 2
    Metti i legumi ammollo in acqua calda. Inizia con circa 125 g di fagioli secchi (tendono a gonfiarsi un po’ perché assorbono l’acqua e perdono le bucce). L’acqua non dovrebbe essere rovente bensì calda al tatto, come una tazza di tè che hai lasciato per troppo tempo. Lascia germogliare i fagioli per almeno 12 ore.
    • Dato che i legumi si gonfieranno considerevolmente, assicurati che nel contenitore ci sia spazio sufficiente e versa diversi centimetri di acqua per essere sicuro che siano sommersi.
  3. 3
    Lasciali germogliare per circa 3 giorni interi. Sciacqua i fagioli due volte al giorno e conservali sottosopra per scolarli adeguatamente mentre i germogli crescono. A volte durante il primo o il secondo giorno, dovrai agitare leggermente il contenitore per rimuovere le bucce, puoi anche versare un po’ d’acqua e roteare delicatamente il contenitore per rimuoverle. Se alcune rimangono non ti preoccupare eccessivamente, sarai in grado di toglierle prima di mangiare i germogli.
    • I fagioli azuki hanno bisogno di circa 4 giorni per sviluppare a pieno le loro deliziose potenzialità. Concedigli del tempo in più.
  4. 4
    Asciuga i germogli e conservali in frigo. Dopo che la germogliazione è finita, puoi rimuovere i germogli dal contenitore, asciugarli delicatamente, rimuovere le bucce che si sono separate; le puoi anche lasciare (sono commestibili sebbene abbiano un sapore amarognolo). Si dovrebbero mantenere in frigo per circa una settimana, se li tieni d’occhi e li mantieni asciutti.
    • I germogli di fagiolo sono particolarmente gustosi come condimento per zuppe a base di brodo, come il pho vietnamita o altri piatti piccanti. Sono anche perfetti per preparare insalate o sandwich.

4
Far Germogliare i Cereali

  1. 1
    Seleziona un tipo di cereali da far germogliare come alternativa crudista. Dato che i cereali integrali non sono commestibili crudi, risulta difficile gustarli se si è amanti dei cibi crudi. Far germogliare i cereali, tuttavia, li rende facilmente digeribili e nutrienti. Senza cottura, potrai gustare i cereali integrali come segale, frumento, orzo o mais evitando la cottura in forno che distrugge le loro sostanze nutrienti.
    • La germogliazione neutralizza la difficoltà di digerire l’acido fitico e rilascia vitamine e nutrienti generalmente assenti nei chicchi crudi. Questo rende le farine derivate dai germogli ideali per preparare porridge e prodotti da forno.[3]
    • I cereali sbucciati, come quelli reperibili al supermercato per preparare la pappa d’avena, non germoglieranno. Per fare germogliare i cereali dovrai acquistare i cereali ancora con la propria buccia, crudi e organici. Gli altri tipi di cerali si impregneranno d’acqua e basta. Puoi fare fermentare i cerali con della pasta di miso per tutta la notte, per fare sviluppare microorganismi velocemente.
  2. 2
    Metti in ammollo i cereali in acqua calda. I cereali diventeranno 3 volte più grandi una volta immersi nell’acqua, quindi assicurati di avere un barattolo o una ciotola di dimensioni adatte a contenere una quantità di farina 3 volte superiore a quella iniziale. Lasciali in ammollo per circa 6 ore, poi scola bene l’acqua e lasciali germogliare per circa 2 giorni a temperatura ambiente. Sciacquali ogni tanto e scolali bene.
    • Il mais ha bisogno di un periodo di ammollo leggermente più lungo, di circa 12 ore, prima di essere scolato e lasciato germogliare.
    • L’amaranto, la quinoa e il miglio, comunemente scambiati per varietà di riso, sono in realtà cereali basici e sono perfetti per la produzione di germogli con il metodo qui descritto.
    • L’orzo non produrrà dei veri e propri germogli, ma puoi comunque attivare la germinazione, come viene fatto per produrre il malto per gli alcolici, lasciandolo "germogliare" per circa 12 ore. In questo modo si attiverà il processo e si apriranno le bucce.
  3. 3
    Ottieni la farina dai germogli. Per trasformare i chicchi germogliati in farina, ti servirà un'essiccatrice per alimenti e un macinatore per cereali. Dopo la germogliazione, fai seccare i cereali per circa 12 ore e macinali ottenendo una farina fine, puoi scegliere di setacciarla in seguito. Puoi conservare la farina in freezer per mantenere intatti i principi attivi e usarla per preparare tutti i tipi di prodotti da forno.[4]

5
Fai Germogliare Shoot e Micro-Green

  1. 1
    Avvia un progetto più consistente. Il processo per produrre una piccola quantità di microgreen, come l’erba di grano, pea shoot o i germogli dei semi di girasole è simile a grandi linee, sebbene richieda un’attrezzatura più completa rispetto a quella utilizzata per coltivare germogli in cucina. Con questo progetto sarai in grado di raccogliere colture multiple ad alto rendimento e costituirà un buon investimento specialmente se sei interessato a consumare erba di grano o altri tipi di shoot nelle tue insalate.
    • Inizia la germogliazione come al solito, lasciando in ammollo i semi di grano, piselli e girasole in un barattolo, facendoli germogliare più o meno come hai fatto prima, sciacquandoli accuratamente e spostandoli infine in un semenzaio.
    • I semi devono presentare radici di almeno mezzo centimetro prima di essere spostati nel semenzaio. A seconda di quello che stai per piantare, ci vorrà un tempo variabile, possibilmente tra 3 e 4 giorni.[5]
  2. 2
    Procurati un semenzaio. Un sistema per la germogliazione all’aperto di solito è costituito da dei contenitori per i germogli, per farli germogliare e crescere, con delle maglie o dei fori sul fondo per fare scolare l’acqua usata per innaffiare regolarmente. I contenitori sono reperibili in tutti gli outlet per il giardinaggio, oppure puoi pensare di costruirli da solo forando un contenitore di dimensioni sufficienti a contenere circa 30 cm2 di terriccio.
  3. 3
    Cospargi il semenzaio di terriccio. Riempi i tuoi semenzai di abbondante terriccio, non te ne servirà troppo in quanto i germogli cresceranno prevalentemente sulla parte superiore senza sviluppare un sistema profondo di radici, ma è sempre meglio avere terra a sufficiente per intrappolare l’umidità, così non ti dovrai preoccupare che le tue piante diventano secche.
    • Rendi il suolo umido con acqua e lascia assorbire tutte le piccole pozze d’acqua prima di spostare i germogli nel terriccio.
    • Si usa anche rivestire il fondo del semenzaio con una piccola coperta per mantenere il suolo umido e, per favorire la crescita, mescolarlo con una piccola quantità di vermiculite, circa 230 g per un contenitore 10x10 cm.
  4. 4
    Disponi i germogli nel suolo. Spargi i germogli uniformemente sulla parte superiore del suolo, distanziandoli in modo che nessuno sia sovrapposto all’altro, per evitare la formazione di muffa. Usa un coperchio per il semenzaio, o una coperta o qualsiasi altra cosa per coprire il contenitore. Premi leggermente sui semi in modo da farli penetrare un po’ nel suolo, fallo delicatamente non devi "conficcarli".
  5. 5
    Innaffia due volte al giorno e tienili in un posto con poca luce. Qualche volta al giorno, spruzza i germogli e dagli un’occhiata. Assicurati che ricevano acqua sufficiente e siano ben ventilati in modo da crescere meglio; se ci riesci, prova anche a mantenerli a temperatura ambiente. Coltivare i germogli in un casotto fresco e ombreggiato potrebbe essere una buona idea.
  6. 6
    Raccogli i germogli o l’erba dopo circa 10 giorni. L’erba di grano sarà alta e verdissima dopo una settimana circa, ma è meglio darle qualche giorno in più per raggiungere il suo picco nutrizionale. I pea shoot saranno completi e assumeranno una bella tonalità di verde, raggiungendo il massimo livello di tenerezza al decimo giorno di crescita. Taglia solo la parte superiore e lasciali crescere nuovamente oppure ripiantali per cominciare con un nuovo raccolto.

Consigli

  • Per far diventare i germogli di fagioli mung spessi, appoggia qualcosa di pesante al di sopra di essi mentre crescono.
  • Si possono fare germogliare i girasoli da semi sbucciati o no. I germogli di girasoli (buonissimi!) crescono meglio da semi neri non sbucciati in circa 10 giorni. I semi sbucciati, d’altra parte, devono germogliare per un giorno dopo l’ammollo e si possono usare per preparare insalate e paté.
  • Mescolare semi mucillaginosi come quelli di senape o di lino con quelli "normalmente" germogliabili come fagiolo mung o farro aiuterà la mistura a mantenere l’umidità e ridurrà il bisogno di sciacquare troppo spesso; i semi di senape doneranno ai germogli un tocco di "vivacità" in più. Potrebbe risultare svantaggioso, d’altro canto, se i germogli non vengono consumati entro il terzo in quanto l’elevata umidità favorisce la proliferazione di muffe.
  • Bere l’acqua d’ammollo o quella usata per il risciacquo può essere gradevole e anche nutriente, specialmente se si sta usando un seme aromatico come quello di cumino dei prati.
  • Valuta se procurarti un apparato per la germogliazione automatico che provvederà ad annaffiare i germogli senza il tuo intervento.
  • Se stai coltivando i germogli in un normale barattolo o in un bicchiere di vetro, piuttosto che in un contenitore apposito, un colino o un filtro a cono per infusi potrebbero risultare imprescindibili per scolare l’acqua d’ammollo e sciacquare.
  • Aggiungere dei semi che non germoglieranno ma doneranno aromi in più, come quelli di cumino dei prati, finocchio, anice o sesamo può migliorare esponenzialmente la gustosità del prodotto finale.

Avvertenze

  • Non mangiare i germogli che si sono ammuffiti in seguito ad un’errata scolatura.

Cose che ti Serviranno

  • Semi organici
  • Barattolo, contenitore per la germogliazione o un apparato automatico
  • Fonte d’acqua e sistema di scolo
  • Retina

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 15 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Giardinaggio

In altre lingue:

English: Grow Sprouts, Español: cultivar brotes, Русский: выращивать рассаду, Français: faire pousser des graines germées, Português: Cultivar Brotos, 中文: 种植幼芽, Nederlands: Kiemen kweken, हिन्दी: अनाज अंकुरित करें, Čeština: Jak klíčit semena, Bahasa Indonesia: Menanam Kecambah, Tiếng Việt: Trồng Mầm hạt

Questa pagina è stata letta 13 593 volte.
Hai trovato utile questo articolo?