Scarica PDF Scarica PDF

Niente dice "estate" come il sapore di un lampone dolce e succoso. I lamponi sono relativamente facili da coltivare, sia in climi freddi che caldi, purché ricevano tutta la luce di cui hanno bisogno per crescere al meglio. I lamponi sono disponibili in varietà rosse, gialle e nere, che maturano in diversi periodi dell'anno, solitamente tra la fine dell'estate e l'autunno.[1] Scegli una di queste varietà, crea le giuste condizioni per la crescita, pianta i lamponi, prenditi cura di loro e raccogli i loro frutti.

Parte 1 di 4:
Scegliere la Varietà

  1. 1
    Informati sulle differenze tra i vari colori. I lamponi sono disponibili in tre diversi colori: rosso, giallo e nero (alcune varianti di quest’ultima colorazione hanno una tonalità più violacea). Ogni colore presenta differenti caratteristiche di gusto e resistenza della pianta.
    • Nella maggior parte dei casi scoprirai che i lamponi rossi e gialli sono quelli più dolci, soprattutto rispetto a quelli neri, che hanno un sapore più ricco e profondo.
    • I lamponi rossi potrebbero essere la scelta migliore per un coltivatore alle prime armi. In generale, si può dire che si tratta della varietà più saporita fra le tre.[2]
    • I lamponi neri sono quelli più difficili da coltivare, in quanto sono più suscettibili a malattie e cambiamenti ambientali.[3]
  2. 2
    Scopri le due varietà principali. I lamponi possono essere uniferi o rifiorenti. I primi fruttificano una sola volta all’anno, durante l'estate, mentre i secondi producono un raccolto in estate e un altro in autunno.[4]
    • Varietà unifere più popolari:
      • Latham (frutti rosso scuro e rotondi);
      • Meeker (frutti rosso scuro, molto dolci, alto contenuto zuccherino);
      • Willamette (frutti sodi e leggermente aspri);
      • Brandywine (frutti grandi di colore tendente al viola);
      • Black Hawk (frutti neri e succosi);
    • Varietà rifiorenti più popolari:
      • Amity (frutti di media grandezza, rosso scuro, sodi e profumati);
      • Fall Gold (colore dorato, molto dolci);
      • September (frutti di media grandezza, aspri e succosi)[5] ;
      • Heritage (frutti grandi, sodi, molto saporiti)[6] .
  3. 3
    Pianta diverse varietà se desideri un raccolto continuo. Seleziona piante che fruttificano durante i mesi estivi e poi fino all'autunno inoltrato. In questo modo, potrai avere un raccolto continuo che ti fornisca lamponi freschi per tutta la stagione di crescita.
    • Una possibile combinazione potrebbe essere quella di mescolare Algonquin (rifiorente) con Autumn Bliss (unifero).
    • Un'altra combinazione unifera potrebbe includere: Boyne (inizio estate), Citadel (mezza estate), Encore (fine estate) Double Delight (inizio autunno), Durham (autunno).[7]
  4. 4
    Considera il clima della zona dove vivi. L’Italia è stata suddivisa in cinque cosiddette “zone fitoclimatiche”, da quella più calda, relativa alle coste del Sud, a quella più fredda, tipica dei rilievi alpini.[8]
    • Quando acquisti delle piante, solitamente dovresti ricevere anche le informazioni sul clima ideale in cui devono venire coltivate. Per risultati ottimali, scegli solo piante adatte alla zona in cui vivi.
    • Se vivi al nord dovresti scegliere varietà più resistenti al freddo, come Boyne, Nova e Nordic.
    • Se vivi al sud, scegli lamponi in grado di resistere alle temperature elevate e alla potenziale siccità, come Dorman Red, Bababerry e Southland.[9]
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Creare le Condizioni Ideali per la Crescita

  1. 1
    Scegli una zona esposta in piena luce. L'esposizione in piena luce, in termini di giardinaggio, significa che riceve almeno 6 ore di sole, ma in alcuni casi le piante che richiedono piena luce solare potrebbero aver bisogno anche di 8 o 10 ore di luce per crescere al meglio.[10] Cerca sempre di piantare i lamponi in modo che ricevano la massima quantità di luce possibile.
    • Il sole caldo tende a migliorare la qualità del frutto del lampone, rendendolo più succoso e saporito. I frutti che ricevono scarsa illuminazione potrebbero risultare rachitici e avvizziti.
    • Potrebbe essere necessario spostare elementi del giardino o del cortile che fanno ombra ai lamponi. Pota alberi o cespugli che potrebbero bloccare il sole.[11]
  2. 2
    Evita le zone ventose. Sebbene siano resistenti dal punto di vista ambientale, le piante di lampone sono suscettibili ai danni provocati dal vento. Posiziona le piante di lampone vicino a una recinzione o sul lato di un edificio per ripararle dal vento. Puoi anche creare una barriera antivento fissando un telo a dei pali.
    • Fornisci ulteriore supporto alle piante tendendo dei cavi lungo file di tralicci a T o a V. Ogni fila dovrebbe essere separata dall’altra di 1,1 metro, così da creare spazio per la crescita dei frutti, e dovrebbe essere alta altrettanto.[12]
  3. 3
    Organizza una spaziatura adeguata. I lamponi vanno piantati in file. All'interno di una fila, le varietà rosse e gialle vanno separate di circa 60 cm, quelle nere e viola di circa 90 cm. La distanza tra le file deve essere compresa tra i 15 e i 60 cm.
    • Distanziare adeguatamente le piante le aiuterà a ricevere la maggior quantità di luce solare possibile, per una produzione ancora più abbondante.[13]
  4. 4
    Assicurati che il terreno sia ben drenante e privo di malattie. Un terreno ricco, ben drenante e sabbioso fornirà le migliori condizioni di crescita per i lamponi. Migliora la qualità del suolo utilizzando un terriccio specifico e mescolandoci un po’ di compost.[14] Evita di piantare in zone nelle quali l'acqua potrebbe stagnare dopo una forte pioggia: l'acqua stagnante può contribuire alla nascita di muffe, marciume radicale e altri tipi di malattie delle piante.[15]
    • I lamponi non amano l'acqua stagnante e un'irrigazione eccessiva, tuttavia assicurati che l'acqua sia sempre disponibile. L'approvvigionamento idrico è particolarmente importante durante i periodi di siccità della stagione estiva.
    • Evita di piantare lamponi in un terreno precedentemente utilizzato per rovi, pomodori, patate, peperoni, melanzane o rose. Queste piante possono lasciarsi alle spalle numerose malattie.
    • Distruggi tutti le piante selvatiche di lamponi o altre bacche che crescono a meno di un paio di metri da quelle che pianti. Anche i frutti di bosco possono trasmettere malattie alle piante sane.[16]
  5. 5
    Controlla il pH del terreno. La maggior parte delle bacche dà il meglio di sé in un terreno leggermente acido; i lamponi prosperano con un pH compreso tra 5,6 e 6,2.[17] Puoi acquistare un kit per il test del pH presso un vivaio, ma potresti anche utilizzare altri metodi.
    • Dovresti essere in grado di trovare moduli, test e istruzioni presso la sede più vicina della Coldiretti o gli uffici del tuo Comune che si occupano di agricoltura.
    • Nella maggior parte dei casi puoi facilmente abbassare il livello di pH del tuo terreno mescolandoci dello zolfo granulare, disponibile in gran parte dei vivai e centri di giardinaggio.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Piantare i Lamponi

  1. 1
    Fai crescere le piante partendo dai semi. I semi dovrebbero venire seminati seguendo le istruzioni riportate sulla confezione, in un vaso di torba con terreno sterile a basso contenuto di sostanze nutritive circa a metà inverno. Distanzia i semi a circa 3 centimetri l'uno dall’altro, poi usa un dito per spingerli a una profondità di un paio di centimetri nel terreno. Coprili con un sottile strato di terra o sabbia e conservali al chiuso, in un luogo fresco e buio.[18]
    • Mantieni i semi leggermente umidi con uno spruzzatore. Sposta i vasi all'aperto in una zona parzialmente illuminata dalla luce solare quando la temperatura esterna raggiunge almeno i 15 ºC.
    • I semi dovrebbero essere trapiantati nel terreno dopo aver sviluppato una piantina di almeno 3 cm e le prime foglie.[19]
  2. 2
    In alternativa, acquista piante di lamponi coltivate. Dovrebbero avere almeno un anno di età. Le piante coltivate sono fondamentalmente disponibili in due modalità: quelle a radice nuda, solitamente in sacchetti di plastica contenenti torba, e quelle coltivate in sacchettini di tessuto.
    • Verifica con il personale del vivaio presso cui acquisti le piantine per assicurarti che siano certificate prive di malattie e siano state propagate da ceppi privi di virosi.[20]
  3. 3
    Pianta i lamponi all'inizio della primavera. È il momento migliore per piantare sia i germogli sia le piante coltivate, che avranno la quantità di tempo ideale per la maturazione. Le piante coltivate dovrebbero fruttificare entro la fine dell'estate. Per quelle rifiorenti, aspettati di trovare frutti anche in autunno. Sentiti libero di aggiungere piante di lampone al tuo campo durante i mesi estivi.
    • Controlla il bollettino meteorologico prima di piantare. Se c’è la possibilità di una gelata o un calo delle temperature, potresti decidere di mantenere le piante ancora dormienti in una fase di stasi conservandole in frigorifero. Poi piantale il prima possibile.[21]
    • Stendi uno strato di paglia sulle piante per proteggerle dal gelo. Usa una copertura del terreno, come un telo di plastica o tessuto, per evitare i danni causati dal gelo. Rimuovi il telo la mattina presto.
  4. 4
    Allenta le radici e rimuovi la pianta dal suo contenitore, se necessario. Le piante che hanno semplicemente una zolla attorno alla radice dovrebbero essere facili da liberare. Picchietta i contenitori per allentare le radici, fai scorrere la pianta fuori e afferra delicatamente la zolla.
    • Fai attenzione a non maneggiare le piante in modo troppo brusco. Tirare lo stelo o le radici può danneggiarle.
  5. 5
    Distanzia le piante di lampone. All'interno di ciascuna fila, separa le piante rosse e gialle di circa 60 cm l'una dall'altra, mentre quelle nere avranno bisogno di più spazio (circa 90 cm). Assicurati di mantenere uno spazio di circa 15-60 cm tra le file.
    • Le piante appena piantate o appena germinate richiederanno circa un anno di tempo prima di crescere e fruttificare.[22]
  6. 6
    Scava una piccola buca per ogni pianta, quindi inseriscila nel terreno. Ciascuna buca dovrebbe essere abbastanza profonda da permetterti di coprire le radici senza che la terra tocchi le foglie più basse. Metti la pianta nella buca e riempila con la terra. Copri le radici esposte ma non il fogliame.
    • Per le piante di lampone solitamente vengono scavate buche profonde circa 7-10 cm. Usa una semplice paletta da giardinaggio per questa operazione.
  7. 7
    Aggiungi del pacciame per mantenere il terreno umido e prevenire la nascita delle erbacce. Pacciama sempre con giudizio; sistema il pacciame nel raggio di 10 cm dallo stelo della pianta, ma non esagerare o le bacche faticheranno a crescere. Il pacciame può essere acquistato nella maggior parte dei vivai e dei centri di giardinaggio.
    • Sostituti poco costosi e di facile reperibilità per il pacciame acquistato in negozio includono fieno, foglie o corteccia.
  8. 8
    Innaffia accuratamente dopo aver piantato. In alternativa ,puoi immergere le radici delle piante in acqua per un'ora o due prima di metterle nel terreno,[23] aggiungendo mezzo cucchiaino (2,5 ml) di uno stimolante della crescita con vitamina B1 per litro d'acqua per ottenere risultati ancora migliori.[24]
    • Innaffia abbondantemente le piantine dopo averle piantate, così le aiuterai a riprendersi dallo shock del trapianto.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Prendersi Cura delle Piante di Lamponi

  1. 1
    Innaffia una volta alla settimana. Il terreno intorno alle piante dovrebbe essere umido in estate e asciutto in inverno. Un sistema di irrigazione, come un tubo flessibile da cui fuoriesce un piccolo zampillo d'acqua, dovrebbe fornire abbastanza umidità se usato per un'ora o due ogni settimana.[25]
    • In alcuni casi, per esempio durante i periodi di caldo o siccità, potrebbe essere necessario innaffiare le piante più del solito.
  2. 2
    Pota i lamponi almeno una volta all'anno. La potatura stimolerà un raccolto ricco e produttivo. Rimuovi gli steli che crescono oltre una larghezza sulla fila di 30-45 cm. Taglia ogni stelo danneggiato, infestato da insetti o che ti sembra malato.
    • Per i raccolti estivi di lamponi rossi, taglia gli steli scoloriti e grigiastri dopo che hanno finito di produrre frutti. Lascia piante nuove e sane.
    • Per i raccolti autunnali, taglia tutti gli steli a livello del suolo dopo che hanno finito di fruttificare.
    • Per i lamponi neri, taglia gli steli laterali dopo la raccolta e rimuovi quelli deboli e poco sviluppati. Quando è terminata la fase di produzione, elimina gli steli più piccoli.
    • A fine inverno, rimuovi gli steli più piccoli e improduttivi da tutte le piante. Dopo questa operazione dovrebbero rimanere da tre a sei steli forti e sani in ogni pianta.
  3. 3
    Concima verso la fine dell’inverno. Puoi applicare qualche centimetro di concime maturo e/o un fertilizzante organico, come l'emulsione di pesce, per ottenere piante sane e produttive. Potresti anche provare a creare da solo un concime biologico per le piante di lampone.
    • Concime biologico per lamponi fatto in casa: 4 parti di farina di semi di canola (o farina di pesce), 1 parte di calce dolomitica (per compensare l'acidità della farina), 1 parte di fosfato di roccia (o ½ parte di farina di ossa), 1 parte di farina di alghe.[26]
  4. 4
    Raccogli i lamponi a fine estate o all'inizio dell'autunno. Le bacche dovrebbero essere ricche di colore e staccarsi facilmente dalla pianta. Alcune varietà, tuttavia, offrono un po' di resistenza quando vengono raccolte. Assaggia qualche frutto per capire se sono abbastanza dolci da essere raccolti. Man mano che il colore si scurisce, il livello di zucchero aumenta.[27]
    • Raccogli le bacche la mattina presto, quando fuori fa ancora freddo. Ciò eviterà che si rompano durante l’operazione.
    • Risciacqua i lamponi e consumali subito dopo averli raccolti. Anche se si possono conservare in frigorifero per diversi giorni, è meglio mangiarli freschi.
    • Congela i lamponi in eccesso per un uso successivo. Puoi preparare una marmellata, una conserva o una deliziosa crostata.[28]
    Pubblicità

Consigli

  • Potare le piante di lampone è molto importante: assicurati di farlo con regolarità così da scongiurare parassiti e malattie.
Pubblicità

Avvertenze

  • Le piante di lampone potrebbero venire colpite da una malattia simile alla ruggine, di colore arancione. Se la noti, rimuovi e distruggi le piante interessate.
  • La piante potrebbero anche venire attaccate dalla muffa, che si riconosce per il suo aspetto bianco e polveroso. Tratta la muffa con il polisolfuro di calcio secondo le istruzioni riportate sulla confezione.
  • Una lanugine grigia sul frutto, che sembra muffa, sta a indicare che è marcio; elimina questo frutto dalla pianta o compostalo.


Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Maggie Moran
Co-redatto da:
Orticoltrice
Questo articolo è stato co-redatto da Maggie Moran. Maggie Moran lavora come Giardiniera Professionale in Pennsylvania. Questo articolo è stato visualizzato 38 862 volte
Categorie: Il Tuo Orto
Questa pagina è stata letta 38 862 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità