Scarica PDF Scarica PDF

Il basilico è un'erba molto diffusa e fragrante, che può essere usata in tantissime ricette. In natura, esistono più di 100 varietà di basilico, ognuna con un sapore leggermente diverso, da quello dolce italiano a quello piccante thailandese. La maggior parte di queste piante cresce con facilità negli orti all'aperto e, con alcuni piccoli accorgimenti, è possibile coltivarle anche in casa senza troppi problemi. Per assicurarti che il tuo basilico prosperi in qualsiasi punto tu decida di piantarlo, l'aspetto più importante è che riceva quantità sufficienti di sole e acqua.

Parte 1 di 3:
Partire dai Semi

  1. 1
    Acquista i semi di basilico da una fonte affidabile. Visita il vivaio locale o un negozio di articoli di giardinaggio per comprare semi da piantare oppure cercali su internet. Di solito, puoi trovare confezioni da 100 semi a prezzi molto bassi.
    • Se hai deciso di acquistare i semi via internet, fai alcune ricerche per scoprire i siti che offrono i prodotti di qualità migliore.
  2. 2
    Pianta i semi in un terreno compatto e che drena bene. Per crescere in modo sano, il basilico ha bisogno di terra ricca di sostanze nutrienti che sia in grado di drenare facilmente l'acqua. Puoi trovare terriccio di questo tipo nei negozi di articoli di giardinaggio e su internet.[1]
  3. 3
    Riempi il vaso per tre quarti con il terriccio. Scegli un contenitore dal drenaggio adeguato, realizzato con creta, plastica, pietra o cemento. Prima di riempirlo al 75%, bagna leggermente il terreno con uno spruzzino, in modo da inumidirlo.
    • A prescindere dal materiale con cui è realizzato il vaso, assicurati che abbia fori di drenaggio sul fondo. Questi ultimi, infatti, sono fondamentali per garantire il passaggio dell'acqua e la salute della pianta. Assicurati di appoggiare il contenitore sopra un sottovaso, in modo da impedire che l'acqua che fuoriesce dai fori vada dappertutto.
    • I normali vasi di creta sono un'opzione molto diffusa, così come i vassoi di plastica per la germinazione.
  4. 4
    Spargi i semi nel terreno all'interno del vaso. Se stai usando un vassoio, cerca di mettere tre semi in ciascuna cella. Se invece hai deciso di usare un contenitore più grande, spargi 5-7 semi sopra il terreno, a intervalli regolari.
    • È importante piantare più di un seme in ciascuna cella del vassoio, perché alcuni di essi potrebbero non germogliare.
    • Cerca di spargere i semi a una distanza di circa 2,5 cm l'uno dall'altro.
    • Non hai bisogno di premere i semi all'interno del terreno.
  5. 5
    Copri i semi con una spolverata di terra asciutta. È sufficiente coprirli con uno strato sottile di circa 0,5 cm; sarà abbastanza spesso da proteggerli, ma li aiuterà a crescere.
    • Evita di compattare il terreno una volta che l'hai trasferito nel vaso.
  6. 6
    Rendi il terreno più umido con uno spruzzino. Riempi una bottiglia spray con acqua e utilizzala per bagnare la terra, specialmente l'ultimo strato che hai aggiunto. Se non hai a disposizione questo attrezzo da giardino, puoi usare le mani per far cadere qualche goccia sul terreno.
    • Metti il vaso sopra un sottovaso, in modo da raccogliere l'acqua che cola.
    • Per conservare l'umidità, puoi coprire il vaso con la plastica.
  7. 7
    Metti il vaso in un punto della casa illuminato dal sole. Il basilico cresce meglio in pieno sole e ha bisogno di almeno 6 ore di luce. La posizione migliore per questa pianta è vicino a una finestra ben illuminata e calda.
    • Se decidi di mettere il basilico direttamente sul davanzale della finestra, fai attenzione. Il vetro potrebbe scaldare o raffreddare troppo rapidamente la pianta.
    • Se vivi nell'emisfero nord, la posizione migliore è in corrispondenza di una finestra esposta a sud. Se in casa non hai a disposizione uno spazio che riceve almeno 6 ore di sole al giorno, prendi in considerazione l'idea di utilizzare una fonte di luce supplementare.[2]
  8. 8
    Assisti alla germinazione dei semi di basilico dopo 5-10 giorni. Il tempo necessario esatto prima che i semi spuntino dal terreno dipenderà dalla quantità di luce che riceveranno, dalla temperatura del terreno e dall'umidità a loro disposizione. Sii paziente e continua a scaldare e bagnare i semi.[3]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Prendersi Cura del Basilico

  1. 1
    Annaffia il basilico alla base due volte alla settimana, in modo da mantenerlo bene idratato. Invece di versare l'acqua sulle foglie e sul gambo della pianta, mira direttamente al terreno. In questo modo, le radici assorbiranno i liquidi dalla base ed eviterai di bagnare le foglie.
    • Verifica il livello di umidità del terreno infilando le dita nel vaso a 2,5 cm circa di profondità. Se lo senti asciutto anche a quella profondità, annaffia leggermente la pianta.
  2. 2
    Usa una fonte di luce artificiale per far crescere meglio la pianta. Se il tuo basilico non riceve luce naturale sufficiente, usa lampade a fluorescenza o a scarica ad alta intensità specifiche per la coltivazione. Sono necessarie 10-12 ore di illuminazione artificiale per sostituire completamente l'effetto dei raggi solari.
    • Tieni le normali lampade a fluorescenza a circa 5 cm dalla cima delle piante, mentre quelle ad alto livello di output e quelle fluorescenti compatte devono stare a 30 cm dalle piante.
    • Le luci a scarica ad alta intensità devono stare 60-120 cm sopra le piante.
  3. 3
    Controlla il pH del terreno una volta al mese. Di solito, il livello adeguato è tra 6 e 7,5. Puoi mantenerlo utilizzando un fertilizzante organico, che puoi acquistare su internet o nel negozio di articoli di giardinaggio locale. Ti basta mescolare il concime al terreno, poi verifica il pH con una cartina tornasole.[4]
    • Dato che il basilico viene usato principalmente in cucina, molti fertilizzanti non organici rappresentano un potenziale rischio di contaminazione.
  4. 4
    Simula l'habitat naturale della pianta con un ventilatore. Indirizza un ventilatore elettrico verso il basilico, in modo da muovere le foglie per almeno 2 ore al giorno. In questo modo, l'aria intorno alla pianta non diventerà troppo stagnante e replicherai l'effetto della brezza esterna.
    • Imposta il ventilatore alla velocità più bassa.
  5. 5
    Sfoltisci le piante una volta che i germogli producono 2 paia di foglie. Per garantire che abbiano spazio sufficiente per crescere, dovrebbero trovarsi ad almeno 15-30 cm di distanza. Puoi sfoltirle tagliandole al livello del terreno o estirpandole.[5]
    • Rimuovi con attenzione il terreno dalla base di una piantina con le dita o con un bastoncino di legno.
    • Fai scivolare il bastoncino di legno sotto le radici che si stanno sviluppando oppure estirpa delicatamente la piantina con tutte le sue radici, dopo aver allentato il terreno.
    • Se lo desideri, interra di nuovo la piantina che hai rimosso in un altro vaso o in quello che hai usato in precedenza, a 15-30 cm di distanza da tutti gli altri esemplari.
  6. 6
    Una volta che le piantine raggiungono i 15 cm d'altezza, stacca la loro parte superiore. Quando il basilico ha 3 gruppi di foglie, è pronto per essere potato. Puoi praticare il taglio appena sopra alle foglie con forbici affilate.
    • Staccando la cima delle piante, eviterai che diventino curve e poco folte, oltre a stimolare la crescita delle foglie.
    • Pota il basilico una volta ogni due settimane. Cerca di rimuovere le foglie deboli, piccole o danneggiate. Puoi usare comunque quelle che poti per le tue ricette.
  7. 7
    Annaffia il basilico quando inizia ad avvizzire. Questo sintomo di solito indica che la pianta ha sete, quindi bagna il terreno e lascia che assorba l'acqua prima di versarne altra. Inoltre, è una buona idea togliere la pianta dalla luce del sole per alcune ore, mentre sta recuperando dopo essere avvizzita.[6]
    • Una volta che hai annaffiato la pianta e l'hai tolta dal sole, dovrebbe apparire più sana dopo circa 4 ore.
    • Se necessario, taglia tutte le foglie morte con cesoie pulite.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Cogliere le Foglie

  1. 1
    Cogli il basilico prima che fiorisca. In questo modo, otterrai le foglie più fresche e più grandi possibili. Se la pianta ha iniziato a fiorire, stacca i fiori per stimolarla a utilizzare l'energia che riceve nella produzione delle foglie.[7]
    • I fiori saranno visibili e facili da riconoscere, una volta che la pianta inizia a produrli.
  2. 2
    Stacca le foglie quando hai bisogno di piccole quantità di basilico. Puoi farlo con le dita o tagliarle con forbici affilate. Prendendo qualche foglia, non procuri alcun danno alla pianta.[8]
    • Cerca di non rimuovere più di un terzo delle foglie dalla pianta, se non hai intenzione di coglierle tutte. In questo modo, il basilico avrà energie sufficienti per continuare a crescere.
    • Stacca le foglie più nuove nella parte alta della pianta, in modo da stimolare la crescita e mantenere il basilico folto e fitto.[9]
  3. 3
    Se hai bisogno di quantità maggiori di foglie, taglia la pianta appena sopra il punto in cui si incontrano due foglie di grandi dimensioni.[10] Tagliando sopra di esse, il basilico continuerà a crescere e sopravvivrà più a lungo.[11]
    • Tagliando il gambo proprio sotto una coppia di foglie, potrebbe smettere di crescere.
    Pubblicità

Consigli

  • Ruota i vasi durante la crescita della pianta, in modo da evitare che si inclini in una direzione.
  • Se subito dopo aver piantato i semi hai coperto il terreno con la plastica, rimuovila quando li vedi germogliare.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Semi di basilico
  • Terreno ricco di nutrienti
  • Vasi o contenitori
  • Spruzzino
  • Forbici
  • Illuminazione artificiale (facoltativa)
  • Ventilatore elettrico
  • Cartine tornasole per la lettura del pH
  1. Artemisia Nursery. Vivaio e Negozio di Giardinaggio. Intervista all'Esperto. 7 agosto 2020.
  2. https://www.todayshomeowner.com/how-to-harvest-and-use-fresh-basil-from-your-garden/

Informazioni su questo wikiHow

Artemisia Nursery
Co-redatto da:
Vivaio e Negozio di Giardinaggio
Questo articolo è stato co-redatto da Artemisia Nursery. Artemisia Nursery è un vivaio che vende al dettaglio. Si trova nella zona nord-est di Los Angeles e si specializza in piante native della California. Artemisia Nursery è una piccola azienda di proprietà dei lavoratori che ha intenzione di diventare una cooperativa di proprietà dei dipendenti. Oltre alle piante autoctone della California, Artemisia Nursery offre una selezione di piante grasse, piante antiche, piante per la casa, ceramica, strumenti e forniture per il giardinaggio. Attingendo alle conoscenze dei fondatori, offre anche consulenze, design e installazioni. Questo articolo è stato visualizzato 36 820 volte
Categorie: Il Tuo Orto | Erbe & Spezie
Questa pagina è stata letta 36 820 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità