Come Coltivare il Cactus negli Ambienti Interni

Scritto in collaborazione con: Lauren Kurtz, Orticoltrice

I cactus sono piante che tipicamente vivono nel deserto e che prosperano in condizioni di clima secco e caldo, ma sono ideali da tenere anche negli ambienti domestici. Non richiedono molte cure rispetto alle altre piante da appartamento, quindi sono ideali per i principianti e come regalo per chi si è appena trasferito. I segreti per far crescere sano un cactus in casa sono un'esposizione luminosa, innaffiature limitate e il terriccio giusto.

Parte 1 di 3:
Propagare le Nuove Piante

  1. 1
    Realizza una talea da un cactus in salute. Puoi far crescere una nuova pianta da una talea prodotta da un cactus sano. Scegli una parte di pianta rigogliosa, priva di imperfezioni e sana. Tagliala delicatamente o stacca un pollone intero.[1]
    • Puoi acquistare un cactus anche nei vivai locali, nei negozi di articoli per la casa e in quelli dedicati al giardinaggio.
  2. 2
    Attendi che la ferita guarisca. Metti la parte del cactus che hai tagliato su un davanzale illuminato dal sole. Lasciala sul davanzale per circa due giorni. Dopo 48 ore la ferita si sarà cicatrizzata. Se non aspetterai che il taglio guarisca prima di piantare la talea, probabilmente marcirà.[2]
  3. 3
    Scegli un vaso per il cactus. La caratteristica più importante che deve avere il vaso di un cactus è il drenaggio. Trovane uno con fori di drenaggio sul fondo, in modo che l'acqua in eccesso possa fuoriuscire. I cactus, inoltre, crescono meglio nei vasi piccoli, quindi assicurati che sia grande circa il doppio rispetto alla pianta.
    • Per i cactus puoi usare un vaso di argilla o di plastica. Quelli di plastica sono più leggeri ed economici, mentre quelli pesanti di argilla sono più adatti alle piante di grandi dimensioni o con forme sbilanciate verso l'alto.[3]
  4. 4
    Riempi il vaso con terriccio specifico per i cactus. Queste piante hanno bisogno di terreno che drena molto velocemente, quindi scegline uno adatto. Per garantire un drenaggio ancora migliore, mescola due parti di terriccio per cactus con una parte di sassolini o perlite.
    • I cactus che stanno in un terreno umido sono esposti al rischio di funghi e batteri.[4]
  5. 5
    Pianta il pollone nel terriccio. Mettilo nel vaso, con la parte cicatrizzata verso il basso. Spingilo in modo che stia in piedi da solo. Compatta delicatamente il terreno circostante con le mani per stabilizzarlo.[5]
  6. 6
    Bagna il terreno. Inumidisci il terreno per dare altra acqua al cactus, ma non bagnarlo troppo. Finché non si formano le radici e la pianta non cresce, bagnala solo leggermente quando il terreno si secca. In caso contrario, potrebbe marcire.[6]
  7. 7
    Tieni la nuova pianta in un punto luminoso. Mettila su un davanzale o in un altro punto che riceve molta luce indiretta. Troppo sole può danneggiarla. Lasciala in questo punto per un mese o due, finché non inizia a ricrescere.[7]
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Prendersi Cura di un Cactus

  1. 1
    Scegli un punto illuminato dal sole. Una volta che hanno attecchito, molte specie di cactus hanno bisogno di diverse ore di pieno sole, tutti i giorni. Una finestra rivolta a sud o a est è ideale per molte di queste piante. Tuttavia, se il cactus inizia ad avere un aspetto ingiallito, pallido o arancione, probabilmente riceve troppa luce e dovresti spostarlo in una finestra rivolta a ovest.[8]
    • Le finestre della cucina e del bagno sono le migliori per i cactus, perché possono ricevere l'umidità di cui hanno bisogno dall'aria.[9]
  2. 2
    Annaffia il cactus tutte le settimane durante la stagione in cui cresce. Dare troppa acqua a un cactus può farlo morire, ma questa pianta ha bisogno di essere annaffiata tutte le settimane quando cresce. La fase di crescita tipica è tra la primavera e l'autunno. Se quando tocchi il terreno ti sembra secco, annaffialo finché non diventa umido.[10]
    • Non annaffiare il terreno quando è ancora umido, perché la pianta marcirebbe e morirebbe.[11]
  3. 3
    Fertilizza la pianta tutte le settimane quando cresce. I cactus crescono meglio se li nutri durante la primavera, l'estate e l'autunno. Quando annaffi la pianta, aggiungi al terreno un fertilizzante equilibrato 10-10-10. Diluiscilo a un quarto della potenza, seguendo le indicazioni del produttore.[12]
  4. 4
    Assicurati che la pianta sia in una zona con una buona circolazione dell'aria. I cactus non gradiscono gli spifferi e le folate di vento, ma crescono meglio negli ambienti con molta aria fresca.[13] Puoi migliorare la circolazione in casa tua accendendo un ventilatore da soffitto, aprendo i condotti di ventilazione e le finestre quando fa più caldo.
  5. 5
    Ruota il vaso tutti i mesi. Come molte piante, i cactus crescono verso la luce e questo può portarli a deformarsi. Stimola una crescita equilibrata assicurandoti che la pianta riceva la luce in modo uniforme, ruotando il vaso di 90° tutti i mesi.[14]
  6. 6
    Rinvasa il cactus tutti gli anni. Scegli un vaso dall'ottimo drenaggio di una taglia più grande rispetto a quello attuale. Riempilo di terriccio per cactus. Prendi la pianta, metti la mano intorno alla sua base e gira il vaso per farla uscire. Sbatti leggermente le radici per rimuovere il terreno vecchio e pota le parti morte o secche. Metti il cactus nel nuovo vaso e compatta il terreno intorno alla sua base con le mani.
    • Per le prime due settimane dopo il travaso, non annaffiare il cactus e tienilo in un punto illuminato ma protetto dalla luce del sole diretta.[15]
  7. 7
    Incoraggia il cactus ad andare in letargo d'inverno. L'autunno e l'inverno sono tipicamente mesi dormienti per queste piante. Si tratta di una fase necessaria per recuperare le energie e il periodo di riposo stimola la crescita dei fiori negli altri mesi. Puoi favorire la transizione nei modi seguenti:[16]
    • Annaffiando il cactus solo una volta al mese.
    • Non applicando più il fertilizzante.
    • Spostando il cactus davanti a una finestra più fredda (idealmente tra 7 e 13 °C) .
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Risolvere i Problemi Più Comuni

  1. 1
    Sposta il cactus in un punto più buio se diventa bianco. Alcune varietà di cactus crescono meglio con la luce del sole indiretta. Se la pianta diventa bianca, gialla o se ha delle macchie arancioni, probabilmente riceve troppo sole. Spostala in un punto in cui possa ricevere meno luce diretta.[17]
  2. 2
    Sposta la pianta in un punto più luminoso se cresce storta o se diventa meno rigogliosa. Un cactus che non riceve sole a sufficienza può iniziare a crescere verso luce, diventando storto o deforme. Un altro sintomo è quando la parte alta di queste piante diventa più stretta. Sposta il tuo cactus davanti a una finestra che riceve più luce del sole diretta.[18]
    • Per evitare le scottature, sposta il cactus nel punto più luminoso gradualmente, avvicinandolo alla luce poco alla volta per qualche giorno.
  3. 3
    Tieni lontani i parassiti più comuni dei cactus. Ci sono alcuni insetti che possono dare problemi quando coltivi un cactus, come le cocciniglie, le cocciniglie cotonose e gli acari. Per liberarti di loro, risciacqua o bagna la pianta con l'acqua. Gli insetticidi spesso non riescono a risolvere questi problemi.[19]
    • Puoi riconoscere le cocciniglie cotonose dalle macchie pelose che creano sulla pianta, mentre le normali cocciniglie hanno l'aspetto di macchie marroni in rilievo e gli acari creano ragnatele biancastre.
    Pubblicità

Avvertenze

  • Metti i guanti quando maneggi i cactus, in modo da proteggerti dalle spine.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Orticoltrice
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Lauren Kurtz. Lauren Kurtz è una Naturalista e Specialista in Orticoltura nella città di Aurora, in Colorado. Gestisce attualmente il Water-Wise Garden presso il Centro Comunale di Aurora per il Dipartimento di Conservazione dell’Acqua.
Categorie: Casa & Giardino
Questa pagina è stata letta 15 770 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità