Come Coltivare il Mais Dolce

Scritto in collaborazione con: Katie Gohmann

In questo Articolo:SeminaPrendersi Cura del Mais DolceRaccolto15 Riferimenti

Il mais dolce è un cereale annuale che offre soddisfazioni incredibili, anche dal punto di vista del raccolto, alle persone che lo coltivano. Dato che è molto sensibile alle gelate, è meglio procedere in primavera, in un'area assolata e protetta dal vento; è inoltre necessario innaffiarlo regolarmente e togliere le erbacce, in quanto la coltura potrebbe soffrire se venisse privata dell'acqua e dei nutrienti del suolo. Il tuo impegno per garantire al mais le migliori condizioni di crescita sarà premiato dalle pannocchie dolci e succose che raccoglierai, deliziose da mangiare come spuntino o come contorno, e che sono sicuramente più fresche di quelle che puoi trovare nei negozi di alimentari.

Parte 1
Semina

  1. 1
    Pianta il mais dolce due settimane dopo l'ultima gelata. Dato che questo cereale è molto sensibile alle basse temperature, è consigliato piantarlo quando il rischio di ulteriori gelate è passato. Verifica quali sono le date presunte della fine del gelo nella tua zona e procedi con la semina almeno due settimane dopo.[1]
    • La data può variare in base alla regione in cui ti trovi. Se vivi in un'area meridionale, potrai seminare prima rispetto alle persone che vivono al nord.
    • Aspetta finché il terreno non raggiunge una temperatura di 15 °C circa.
  2. 2
    Scegli il cultivar di mais dolce che preferisci. Esistono diverse varietà di mais dolce ed extra dolce: tutte maturano in tempi differenti; in linea generale, se vivi in una regione dal clima piuttosto fresco, dovresti piantare quella che fiorisce prima.[2]
    • Le varietà che appartengono alla categoria "Saccharata" (secondo la suddivisione proposta da E. Lewis Sturtevant) sono molto diffuse, hanno chicchi gialli dal sapore dolce e cremoso; resistono bene al freddo e crescono in molti tipi di climi differenti.
    • Negli Stati Uniti, dove la coltivazione del mais dolce è molto diffusa, si possono trovare varietà e ibridi differenti, come la "How Sweet Is It", che resiste bene alle principali malattie tipiche di questo cereale, sebbene fiorisca più tardi e cresca meglio nei climi più temperati.
    • Un altro cultivar d'oltreoceano è il mais "Divinity" dai chicchi bianchi e teneri che tollera bene la siccità e resiste a diverse malattie.
    • Le varietà "Sugar and Gold" e "Butter and Sugar" sono entrambe a fioritura precoce e prosperano bene nei climi più freschi.
  3. 3
    Individua la zona rettangolare migliore per piantare il mais. Questo cereale viene impollinato con il vento, ciò significa che le correnti d'aria spostano il polline da una pianta all'altra; per questo motivo, è importante seminare in blocchi anziché in lunghe file, in modo che il polline possa diffondersi meglio sui vari steli.
    • Trova una zona quadrata i cui lati siano lunghi almeno 1,2 m e che sia esposta alla luce diretta del sole.
    • Tieni in considerazione anche l'altezza del mais rispetto a quella delle altre piante; sappi che lascia in ombra quelle vicine in base a dove decidi di seminarlo.
  4. 4
    Libera il terreno dalle erbacce. Prima di iniziare a interrare i semi, devi ripulire dagli infestanti il quadrato o il rettangolo che hai individuato, dato che possono intralciare la crescita delle piantine e assorbire i nutrienti presenti nel terreno, che sono invece necessari per le delicate piantine di cereale.
    • Ripulisci con cura tutta la zona che hai deciso di dedicare al mais; strappa le erbacce dalle radici, in modo che non possano più ricrescere.
    • Rimuovi anche le grosse pietre o i sassi e spezza i grandi grumi di terra.
  5. 5
    Aggiungi il compost nel terreno. Prima di piantare il mais dolce, diffondi uno strato di compost spesso 5-10 cm su tutta la zona di coltivazione; questo materiale offre al suolo l'azoto e gli altri nutrienti importanti, permettendo inoltre di mantenere la giusta umidità del terreno.[3]
  6. 6
    Usa un fertilizzante 10-10-10. Dopo aver distribuito uno strato di compost, diffondi un ulteriore strato di concime, usandone circa 250 ml per ogni 3 m2 di terreno di coltura.[4]
    • Il fertilizzante favorisce lo sviluppo del mais e fornisce al terreno un'ulteriore dose di nutrienti.
  7. 7
    Interra i semi a circa 4 cm di profondità. Una volta ripulito e preparato il terreno in cui vuoi coltivare il cereale, inizia con la semina. Pianta i semi in almeno quattro file lunghe 1,2 m, inserendoli a circa 4 cm di profondità nella terra e distanziandoli l'uno dall'altro di almeno 25-30 cm.[5]
    • Per inserire il seme nel terreno usa il pollice per creare il foro alla profondità indicata; lascia cadere il seme e coprilo con la terra per proteggerlo.
    • Se vuoi realizzare più di quattro file, fai comunque in modo che il campo sia quadrato o rettangolare, mantenendo i semi sempre alla distanza di circa 25-30 cm l'uno dall'altro.
    • Le varietà di mais dolce maturano in tempi differenti; se vuoi ottenere una stagione del raccolto lunga, piantane diversi tipi.
    • Se decidi di coltivare varietà differenti, assicurati che le piantine che appartengono al medesimo cultivar siano almeno in due file adiacenti, in modo che possano impollinarsi efficacemente.
    • Se trovi alcune giovani piantine già sviluppate presso il vivaio o il centro per il giardinaggio della tua città, questa può essere un'ottima alternativa.
  8. 8
    Innaffia abbondantemente i semi. Subito dopo averli interrati, devi bagnarli con una generosa quantità di acqua finché il terreno non diventa ben inzuppato e scuro; questo passaggio è di estrema importanza per le piantine, per permettere loro di crescere e prosperare.[6]

Parte 2
Prendersi Cura del Mais Dolce

  1. 1
    Innaffia alcuni giorni dopo la semina. È importante mantenere i semi ben idratati in questa fase iniziale; se dopo tre o quattro giorni dalla semina non ha ancora piovuto, devi provvedere tu stesso a fornire l'acqua.[7]
    • È sufficiente innaffiare finché il terreno non diventa scuro e umido, ma non devi esagerare al punto da formare una pozzanghera.
  2. 2
    Bagnalo regolarmente se vivi in una regione piuttosto secca. Il mais dolce ha bisogno di circa 2,5 cm d'acqua a settimana per iniziare a svilupparsi, devi quindi irrigarlo se vivi in una regione dal clima asciutto, dove non piove molto. Utilizza un tubo da giardino con pistola a spruzzo e diffondi l'acqua quanto più vicino possibile al terreno.[8]
    • Non bagnare la porzione apicale delle piantine, perché potresti lavare via il polline dalla barba del mais.
    • Una volta che si è formata la barba sulla parte superiore della pianta, è necessario fornire 2,5 cm d'acqua ogni 5 giorni.
  3. 3
    Rimuovi regolarmente le erbacce dal suolo. Ogni volta che vedi dei nuovi infestanti spuntare dal terreno, strappane le radici per liberare l'area; ricorda che queste erbacce assorbono i nutrienti del terreno, che servono invece al mais per crescere. Fai attenzione durante la procedura, per non strappare le radici poco profonde delle piantine che stai coltivando.
    • Il mais sviluppa spesso dei polloni - rami nati direttamente dal tronco, i quali possono essere facilmente confusi con gli infestanti se non ti accorgi che sono attaccati alla pianta. Sebbene per alcune piante sia opportuno rimuoverli, staccandoli dal mais potresti in realtà nuocere alle radici, dovresti quindi lasciarli al loro posto.[9]
  4. 4
    Usa un fertilizzante 10-10-10 sei settimane dopo la semina. In questa fase la pianta dovrebbe essere alta circa 50 cm, stabilizzata e dovrebbe aver sviluppato dei germogli; è quindi un buon momento per distribuire uno strato di concime che contenga azoto, fosforo e potassio in parti uguali. Distribuiscine 250 ml per ogni 3 m2 di terreno.[10]
  5. 5
    Tratta la barba del mais con una miscela antiparassitaria. Questa pianta è particolarmente suscettibile alla Helicoverpa Zea, che si sviluppa quando le falene depongono le uova sulla peluria che si forma sulla superficie del cereale. Per evitare che tale insetto cresca sull'estremità superiore della pianta, nutrendosene, diffondi ogni poche settimane una soluzione di acqua e olio vegetale in parti uguali, aggiungendo alcune gocce di detersivo liquido per i piatti.[11]
  6. 6
    Proteggi le piante dagli animali. Quelli piccoli, come scoiattoli, uccelli e altri roditori, possono mangiare il mais; evita di attirarli nel campo liberando il terreno dagli steli vecchi di granturco o da altro materiale in decomposizione.
    • Se vedi dei roditori girovagare nei dintorni, valuta di installare una recinzione elettrica attorno al campo per impedirne l'accesso; puoi anche provare a piantare varietà di mais particolarmente alte, in modo che gli animali non possano raggiungere le pannocchie.

Parte 3
Raccolto

  1. 1
    Verifica se la pannocchia è matura. Osservala e prendi nota del giorno in cui hai visto la barba spuntare sulla parte apicale. Tre settimane dopo la comparsa di tali filamenti, puoi iniziare a testare se il cereale è maturo; per verificarlo, sbuccia parzialmente una pannocchia e prova a forare un chicco con un'unghia.[12]
    • Quando il mais è maturo, un liquido denso e lattiginoso dovrebbe schizzare dal chicco; quando non è ancora del tutto maturo, la sostanza è più acquosa. Lo stadio lattiginoso, la prima fase di maturazione del mais, dura in genere una settimana.
    • Dovresti capire quale pannocchia controllare per valutarne la maturità osservando la buccia e la barba. Quando il mais è pronto per il raccolto, le brattee (le foglie cartacee che costituiscono l'involucro) sono ben aderenti e verdi invece che giallastre, mentre la barba è di colore marrone scuro anziché dorata.[13]
    • Se vuoi testare una pannocchia che non è ancora matura, ricorda di richiudere le foglie attorno ai chicchi per proteggere questi ultimi dagli infestanti.
  2. 2
    Stacca le pannocchie a mano. Se dall'ispezione sei giunto alla conclusione che il mais è maturo, afferra il gambo con la mano non dominante e utilizza l'altra per spingere la pannocchia verso il basso con decisione e staccarla dalla base; in seguito, torcila su se stessa e separala definitivamente dal gambo. In questo modo, dovrebbe restare intatta e perfettamente avvolta nelle brattee; sulla base della stessa dovresti inoltre notare un moncone da cui si è sviluppata.[14]
  3. 3
    Mangia il mais subito dopo il raccolto. È meglio consumare il cereale quanto prima, non appena è stato staccato dagli steli. Puoi riporlo in frigorifero per un paio d'ore o per tutta la notte, ma il livello di freschezza diminuisce. Per gustare il miglior mais possibile, procedi subito dopo il raccolto: togli l'involucro, la barba e lava la pannocchia prima di grigliarla o lessarla.[15]
    • Puoi anche congelare i chicchi dopo aver sgranato le pannocchie; riponili in sacchetti a chiusura ermetica e mettili nel freezer. Puoi anche conservare il cereale in barattoli chiusi ermeticamente.
  4. 4
    Monitora il granturco ogni due giorni circa dopo aver raccolto le prime pannocchie mature. Continua a controllare le piante; quelle che appartengono alla medesima varietà maturano tutte nello stesso periodo (in un intervallo di un paio di mesi) e devi evitare di sprecare il cereale fresco!
    • Se stai coltivando numerose varietà, ricorda che hanno tempi di maturazione differenti; etichettale correttamente per sapere quando giunge il momento giusto per il raccolto.

Consigli

  • Il mais soffre quando viene trapiantato, è meglio quindi iniziare la coltivazione all'aperto fin da subito.
  • Anche se vuoi coltivare solo un piccolo numero di steli, è meglio predisporre una formazione a griglia per favorire l'impollinazione.
  • Quasi tutti i tipi di mais sviluppano due o tre pannocchie per stelo.

Cose che ti Serviranno

  • Semi di mais
  • Compost
  • Fertilizzante 10-10-10
  • Olio vegetale

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Katie Gohmann. Katherine Gohmann lavora come Giardiniera Professionista in Texas. Svolge la professione di giardiniera e orticoltrice dal 2008.

Categorie: Il Tuo Orto

In altre lingue:

English: Grow Sweet Corn, Español: cultivar maíz dulce, Русский: выращивать сладкую кукурузу, Deutsch: Mais richtig anbauen, Français: faire pousser du maïs sucré

Questa pagina è stata letta 2 018 volte.
Hai trovato utile questo articolo?