Scarica PDF Scarica PDF

Il sedano, originario del Mediterraneo, cresce meglio in climi temperati con temperature comprese tra 15 e 21°C. Poiché il sedano richiede una coltivazione lunga, può essere difficile da coltivare in alcune zone e cresce meglio quando i semi sono piantati all’interno. Sebbene non semplici da lavorare, le piante di sedano producono gambi deliziosi e croccanti quando coltivate in terreni umidi e ricchi di azoto in zone a clima temperato. Segui i passaggi successivi per imparare a coltivare sedano nel tuo giardino.

Metodo 1 di 4:
Scegliere una Varietà

  1. 1
    Il sedano da taglio fa parte del genere Apium graveolens - secalinum. Cresce con un gambo robusto e produce foglie deliziose che hanno più aroma rispetto alle altre varietà. Ci sono diverse varietà di sedano da taglio, tra cui le più note sono Par-Cel, di origine olandese, Safir, molto aromatico, e Flora-55.
  2. 2
    Il sedano rapa fa parte del genere Apium graveolens - rapaceum. Cresce con una grande radice che può essere raccolta e mangiata assieme ai gambi. Una radice ha bisogno di circa 100 giorni per crescere abbastanza per essere raccolta e mangiata. Il sedano rapa, che predilige i climi freschi marini, comprende diverse varietà, tra cui Brilliant, Giant Prague, Mentor, President e Diamant.
  3. 3
    Il sedano tradizionale fa parte del genere Apium graveolens - dulce. Il sedano tradizionale cresce in climi temperati e richiede da 105 a 130 giorni per maturare ed essere raccolto.
    • Non ama le temperature estreme e cresce meglio con temperature inferiori a 24°C di giorno e tra 10 e 15°C di notte.
    • Comprende varietà come Conquistador e Monterey, che si raccolgono prima delle altre varietà, Golden Boy, che produce gambi piccoli, e Tall Utah, a gambi grandi.[1]
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Preparare il Giardino

  1. 1
    Scegli un’area in pieno sole e/o parzialmente in penombra. Anche se preferisce i climi temperati, il sedano ama il pieno sole. Comunque, crescerà bene anche in zone ombreggiate.
  2. 2
    Scegli un’area con terreni ricchi e umidi. In origine pianta di zone paludose, il sedano sopporta condizioni di suolo piuttosto umide a differenza di altri ortaggi. Comunque, assicurati di piantare in terreni che non tendono a inondarsi.
    • Potresti voler coltivare il sedano in un’aiola sopraelevata. Ricorda, tuttavia, che alcune varietà formano radici molto grandi, per cui assicurati che l’aiola sia abbastanza profonda.
    • Usa legno di cedro per contenere l’aiola, se possibile, perché non marcisce con l’acqua.
  3. 3
    Controlla il pH del terreno. Il sedano predilige terreni leggermente acidi con un pH compreso tra 6,0 e 7,0. Il sedano non richiede un drenaggio perfetto a differenza della maggior parte degli ortaggi, tuttavia ha bisogno di terreni ricchi e floridi.
    • Misura i livelli di magnesio e di calcio per stabilire che tipo di pietre aggiungere al terreno. Se il terreno ha poco magnesio, aggiungi pietre dolomitiche. Se ha molto magnesio, aggiungi calcite.
    • Aggiungi le pietre due o tre mesi prima di piantare per consentire l’assorbimento dei minerali. Dopo aver aggiunto, controlla di nuovo il pH.[2]
  4. 4
    Concima il terreno con letame, compost, o altri fertilizzanti ad alto tenore di azoto. Mescola nel terreno circa 10 cm di fertilizzante naturale. Il sedano predilige i terreni ricchi di sostanze organiche. Questo aiuterà le piantine a diventare piante robuste e produttive.
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Piantare il Sedano

  1. 1
    Inizia a piantare i semi all’interno da 10 a 12 settimane prima delle ultime gelate di primavera. Puoi seminare i semi in vasi di torba con parecchi semi per cella per assicurati che almeno uno si trasformi in piantina.
    • Per accelerare la germinazione, puoi tenere in ammollo i semi la notte prima.[3]
    • Copri i semi con circa 2,5 cm di terra da invaso, ma non compattare il terreno con le dita dopo aver seminato i semi. Il sedano ha bisogno di molta luce per germinare. Innaffia i vasi per inumidire il terreno dopo aver piantato i semi.
    • Sistema i vasi in un posto caldo in modo che il terreno mantenga una temperatura compresa tra 21 e 24°C finché i semi germinano. Questo dovrebbe richiedere da due a tre settimane.
    • Dopo la germinazione, sposta le piantine in un luogo più fresco in modo che il terreno abbia una temperatura compresa tra 15 e 21°C. Con attenzione dirada le piantine in modo che ne resti una per cella.
  2. 2
    Trasferisci le piantine in giardino due settimane prima dell’ultima gelata di primavera. Assicurati che non ci sia troppo freddo all’aperto. Il sedano sopporta leggere gelate, tuttavia temperature sotto i 13°C di giorno e 4,5°C di notte per più di una settimana possono danneggiare le piante.
  3. 3
    Sistema le piantine a distanza di 15 – 30 cm l’una dall’altra in file distanti 45 – 90 cm. Hai solo bisogno di fare buchi un po’ più profondi delle celle in cui si trovano le piantine. Picchietta sui lati delle celle per liberare le piantine senza danneggiare le radici.
  4. 4
    Sistema le piantine nel terreno e copri con terra. Copri fino al livello delle prime foglie e compatta leggermente l’area intorno alle piantine aiutandoti con le mani.
  5. 5
    Innaffia bene il terreno. Il sedano richiede umidità costante, per cui non fare inaridire mai il terreno. Se il sedano non riceve abbastanza acqua, i gambi diventeranno legnosi e amari. Assicurati di innaffiare diverse volte in una settimana e aumenta le innaffiature durante lunghi periodi secchi e caldi.
  6. 6
    Aggiungi pacciamatura. Per mantenere il terreno fresco e umido, aggiungi al terreno circa cinque cm di pacciamatura fatta di foglie, erba, fieno o altri materiali delle piante.In questo modo si riduce la possibilità di erbe infestanti.[4]
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Prendersi cura delle Piante di Sedano

  1. 1
    Concima ogni 2 – 4 settimane. Le piante di sedano sono grandi divoratrici che richiedono un terreno ricco da concimare spesso. Per soddisfare le piante di sedano, concima con fertilizzante all’azoto ogni due settimane da quando hai piantato fino al raccolto.
  2. 2
    Innaffia con regolarità. La cosa più importante nel prendersi cura delle piante del sedano è assicurarsi che siano sempre ben idratate. Se non ricevono acqua a sufficienza, le piante di sedano diventano legnose e amare.
  3. 3
    Sbianca il sedano da 7 a 10 giorni prima di raccogliere. La sbiancatura consiste nel proteggere i gambi dal sole per dare un sapore più blando. Copri i gambi con del giornale, un cartone da latte con la parte superiore e il fondo rimossi, o qualunque altro genere di carta o di cartone. Puoi usare dello spago per legare i gambi e impedire che si sviluppino in modo incontrollato.
    • La sbiancatura non è richiesta, di certo modifica il gusto e il colore del sedano. Inoltre, il sedano sbiancato ha meno nutrienti. Molti preferiscono il gusto più dolce del sedano sbiancato.
    • Stai attento perché alcune varietà "si sbiancano da sole" e non hanno bisogno di sbiancatura.[5]
  4. 4
    Raccogli i gambi, le foglie, e/o le radici. Puoi iniziare a raccogliere i gambi quando raggiungono venti cm di altezza. Inizia la raccolta dai gambi esterni e procedi verso l’interno. Questo consente di far continuare a maturare i gambi più interni.
    • Una volta maturo, il sedano non raccolto si mantiene per quasi un mese a patto che la temperatura del terreno si mantenga tra 15,5 e 24°C.
    • Il sedano più cresce e diventa scuro, più sarà ricco di antiossidanti e di sostanze nutritive. Comunque, diventa anche più duro e legnoso.[6]
    Pubblicità

Consigli

  • Se vuoi raccogliere solo alcuni gambi di sedano per usarli, fai attenzione a non danneggiare la pianta perché potrebbe ammalarsi.
  • Conserva il sedano in buste di plastica nel frigorifero fino a due settimane.
  • Le cime con foglie del sedano sono edibili.
Pubblicità

Avvertenze

  • L’insufficienza d’acqua causa malattie; questo succede soprattutto quando il sedano non ha abbastanza acqua e non assorbe calcio.
  • Gli infestanti comprendono afidi, tripidi e limacce. Le micosi e i funghi delle foglie possono essere un problema; usa un fungicida.
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lauren Kurtz
Co-redatto da:
Orticoltrice
Questo articolo è stato co-redatto da Lauren Kurtz. Lauren Kurtz è una Naturalista e Specialista in Orticoltura nella città di Aurora, in Colorado. Gestisce attualmente il Water-Wise Garden presso il Centro Comunale di Aurora per il Dipartimento di Conservazione dell’Acqua. Questo articolo è stato visualizzato 30 524 volte
Categorie: Il Tuo Orto
Questa pagina è stata letta 30 524 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità