Come Coltivare l'Edera

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow | 15 Riferimenti

In questo Articolo:Scegliere la Zona in cui Coltivare l'EderaPropagare una Nuova Pianta d'EderaPrendersi Cura dell'Edera

L'edera comune è una robusta pianta rampicante che cresce rapidamente nei climi caldi. Sebbene sia considerata una specie infestante, è molto utilizzata per coprire suoli, pareti, tralicci o altre strutture. Puoi coltivarla in giardino oppure nei vasi, sia all'aperto sia al chiuso, e si adatta alle condizioni in pieno sole, ombra e ombra parziale. Grazie alla sua estrema resistenza, anche i giardinieri inesperti possono imparare a coltivarla con successo.

Parte 1
Scegliere la Zona in cui Coltivare l'Edera

  1. 1
    Definisci la zona climatica in cui vivi. Il territorio viene suddiviso in categorie, in base alle temperature e ad altri fattori geo-climatici per capire quali piante crescono meno in ogni zona. L'edera comune ha poche probabilità di prosperare nelle aree dove la temperatura scende a -35 °C. In Italia queste temperature sono pressoché impossibili, se non sulle montagne più alte durante l'inverno; di conseguenza, non dovresti avere difficoltà a coltivare questa pianta su tutto il territorio nazionale.[1]
  2. 2
    Individua una zona del giardino in cui il terreno sia fertile e ben drenante. L'edera ha bisogno di nutrienti e l'acqua non deve ristagnare nella terra. Verifica che il punto in cui vuoi metterla soddisfi questi requisiti; in alternativa, valuta di usare un vaso grande per avere il controllo del tipo di terriccio.[2]
  3. 3
    Scegli la superficie che verrà ricoperta dall'edera. Questa pianta è famosa per la sua capacità di diffondersi rapidamente; per tale ragione, devi coltivarla in una zona che possa trarre beneficio da questa caratteristica.[3]
  4. 4
    Cerca una parete. In alternativa, puoi fare in modo che l'edera si arrampichi su un muro, un albero, un traliccio o un'altra struttura. Se vivi in una casa di mattoni, puoi anche lasciare che si diffonda sull'edificio; scegli un punto adatto e interra la pianta nei paraggi.[4]
  5. 5
    Trova un contenitore. L'edera cresce molto in fretta e in certe località è considerata un infestante; per questo motivo, dovresti valutare di coltivarla in un grande vaso. Un qualunque contenitore ampio dotato di fori di drenaggio dovrebbe andare bene; riempilo con del terriccio.[5]

Parte 2
Propagare una Nuova Pianta d'Edera

  1. 1
    Prendi delle talee da una pianta già stabilizzata. Se conosci qualcuno che la possiede (oppure tu stesso hai un'altra pianta), inizia a procurarti diverse talee di 10-12 cm. Usa un coltello affilato (o delle cesoie da giardinaggio) per tagliare il rampicante appena sotto un nodo (la piccola protuberanza da cui spuntano le foglie).[6]
  2. 2
    Inumidisci il terriccio. Usa una bottiglia per spruzzare il terreno con l'acqua finché diventa umido in maniera uniforme, ma non fradicio. In alternativa, se stai usando un vaso, puoi innaffiare abbondantemente e poi aspettare che l'acqua dreni.[7]
  3. 3
    Pratica dei fori. A questo punto, devi fare diversi buchi sulla superficie del terreno o del terriccio d'invaso. Se stai coltivando l'edera in giardino, devi distanziare le talee di circa 30 cm; se hai optato per il contenitore, puoi anche interrarle più vicine, sebbene non tutte sopravviveranno.[8]
  4. 4
    Usa un ormone radicante. Questa sostanza è disponibile in ogni centro per il giardinaggio e incoraggia lo sviluppo delle radici da una talea. Sebbene l'edera comune possa essere propagata anche senza l'aiuto dell'ormone, in questo modo aumenti le probabilità che la pianta si radichi. Ti basta intingere la base di ogni talea nel liquido, subito prima di interrarla.[9]
  5. 5
    Pianta l'edera. Dopo aver preparato il terreno (o il terriccio d'invaso) e dopo avere intinto le talee nell'ormone radicante, tutto quello che devi fare è mettere ciascuna piantina nei fori che hai praticato in precedenza; aggiungi del terriccio attorno a ciascuna talea per tenerla ferma.[10]

Parte 3
Prendersi Cura dell'Edera

  1. 1
    Innaffiala regolarmente. L'edera comune ha bisogno di circa 2-3 cm di acqua ogni settimana dopo essere stata piantata. Può essere bagnata dalla pioggia oppure puoi provvedere tu stesso a un'irrigazione manuale; quando l'edera è ben stabilizzata, puoi ridurre la frequenza con cui la bagni.[11]
  2. 2
    Concimala raramente. Puoi valutare di darle piccole quantità di fertilizzante durante la primavera. Non dovresti usare più di 30 ml di prodotto con azoto a lento rilascio per ogni 0,1 m2 di terreno.[12]
  3. 3
    Pota la pianta. Devi tagliarla di tanto in tanto per mantenerla pulita e ordinata. È sufficiente asportare i rami ribelli usando delle cesoie da giardinaggio, per conferire all'edera una bella forma, in base ai tuoi desideri.[13]
  4. 4
    Pota abbondantemente la pianta di edera ben stabilizzata. Ogni pochi anni è necessario tagliarla parecchio quando ha formato un tappeto ben radicato; in questo modo, incoraggi la crescita di nuovi germogli e permetti all'edera di restare in buona salute.[14]
  5. 5
    Spruzzala con dell'acqua saponata. Se noti che è meno "vivace" del solito (foglie cadenti o con colori spenti), osservala da vicino alla ricerca di afidi o ragnetti rossi; sebbene siano molto piccoli, entrambi questi insetti sono visibili a occhio nudo. Puoi controllare (e perfino prevenire) queste infestazioni spruzzando la pianta con acqua e sapone.[15]
    • Mescola una piccola dose di sapone neutro privo di sostanze chimiche con dell'acqua filtrata e travasa la miscela in una bottiglia a spruzzo.
    • Spruzza delicatamente l'edera una volta al giorno per tre giorni, per liberarla da afidi e ragnetti rossi.
    • In seguito, per evitare una nuova infestazione, spruzza tutta la pianta una volta ogni 1-2 settimane o dopo ogni pioggia torrenziale.

Consigli

  • I giardinieri esperti riescono a coltivare l'edera in modo tale che si arrampichi attorno a strutture di metallo per formare certe forme e figure.

Avvertenze

  • L'edera è una pianta molto robusta e può prendere rapidamente il sopravvento coprendo una superficie vasta, soprattutto nelle regioni con il clima caldo e umido. Dovresti controllarne lo sviluppo, in modo che resti confinata nello spazio che hai definito, dato che è difficile sradicare o uccidere l'edera una volta che si è stabilizzata.
  • Fai attenzione a non coltivarla troppo vicino ad altre piante, perché potrebbe soffocarle.

Cose che ti Serviranno

  • Terriccio fertile
  • Pianta o talea di edera comune
  • Acqua
  • Fertilizzante
  • Cesoie
  • Acqua e sapone neutro
  • Ormone radicante
  • Graticcio, parete o struttura per permettere alla pianta di arrampicarsi

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Giardinaggio

In altre lingue:

English: Grow English Ivy, Português: Cultivar Hera

Questa pagina è stata letta 9 097 volte.
Hai trovato utile questo articolo?