Come Coltivare la Lavanda

In questo Articolo:IniziareMessa a dimoraCurare la Pianta

Facile da coltivare e molto apprezzata, la lavanda è un complemento gradito in ogni giardino, con i suoi bellissimi fiori e il meraviglioso aroma. Qui trovi come coltivare e curare una piantina di lavanda senza l’aiuto di nessuno.

1
Iniziare

  1. 1
    Scegli un punto ben esposto. La lavanda è un’erba mediterranea, quindi attecchisce in siti caldi e soleggiati. Scegli un punto in giardino dove la piantina sarà in pieno sole per almeno otto ore al giorno. Il punto dovrà anche essere il più riparato possibile per proteggere la pianta dai venti invernali.[1]
    • Piantare la lavanda vicino a una pietra o a un muro può essere una buona idea, per garantire più calore e maggior protezione.
  2. 2
    Assicurati che il terreno abbia un adeguato drenaggio. L’umidità è nemica della lavanda, per cui è importante scegliere un posto dove non c’è ritenzione d’acqua. Il terreno dovrebbe essere friabile, soffice e ben areato per avere le migliori condizioni per la coltivazione della lavanda. [1]
    • Per migliorare il drenaggio del terreno, puoi usare un po’ di sabbia da costruzione prima di piantare.[2]
    • In alternativa, cerca di piantare la lavanda in una piazzola sopra elevata, in cima a un pendio, o a fianco a un muro per migliorare il drenaggio.[2]
  3. 3
    Controlla il livello di pH del terreno. La lavanda cresce meglio in ambiente leggermente alcalino, con un pH tra 6,7 e 7,3.[2] Puoi verificare il pH del terreno con una sonda per test reperibile nei negozi. Puoi trovarla nei negozi per il giardinaggio e per l’abbellimento della casa.
    • Se necessario, puoi aumentare l’alcalinità del suolo con un po’ di ossido di calcio. Dovresti aggiungere circa 70 gr. di calce per un quarto di mc. di terreno.[2]
  4. 4
    Compra la lavanda. Ci sono diverse specie di lavanda che si possono coltivare nel giardino di casa. Le possibilità di coltivarle con successo sono legate alle condizioni della zona in cui vivi. Il tipo di lavanda venduto nei negozi della zona dove vivi dovrebbe andare bene, sebbene sia meglio controllare le specifiche della pianta o chiedere a un impiegato se non ti senti sicuro.[3]
    • La lavanda Munstead e Hidcote sono due varietà particolarmente vigorose.
    • Sebbene sia possibile coltivare la lavanda partendo dai semi, questo metodo non è raccomandabile perché richiede scarificatura e temperature basse e può richiedere un mese per la germinazione.[1]

2
Messa a dimora

  1. 1
    Scava un buco abbastanza grande per le radici. Usa un trapiantatoio per scavare un buco nel posto che hai scelto. Il buco deve essere profondo e largo abbastanza per contenere le radici. La lavanda in realtà cresce meglio in spazi piuttosto ristretti.[1]
    • Se devi mettere a dimora la lavanda in un vaso o in un contenitore, scegline uno largo abbastanza per contenere le radici, con circa 2,5 cm. in più per lato.
  2. 2
    Prepara il terreno. Prepara il terreno per la lavanda e migliora le condizioni per la coltivazione ammucchiando nel buco due manciate di pietre da circa 2,5 cm. di diametro, con circa mezza tazza di ossido di calcio in totale, concime e calcio in polvere. Mischia bene e copri il tutto con un leggero strato di terreno.[3]
    • Le pietre aiuteranno il drenaggio, l’ossido di calcio renderà il terreno alcalino, mentre la polvere di calcio e il concime daranno alla pianta quanto occorre per un buon avvio.[3]
  3. 3
    Lava la lavanda nel suo vaso prima di mettere a dimora. Dovresti farlo mentre è ancora nel vaso e almeno un’ora prima di mettere a dimora. Questo assicurerà che le radici siano idratate prima di interrare, ma non umide.[3]
  4. 4
    Sfronda la lavanda. Sfronda leggermente la lavanda prima di piantare. Questo faciliterà la circolazione dell’aria tra gli steli, incoraggerà la crescita, ed eviterà che la parte centrale dello stelo diventi legnosa, che è un problema comune con la lavanda.[4]
  5. 5
    Prepara le radici. Rimuovi la pianta dal vaso e con delicatezza scuoti per rimuovere la terra in eccesso dalle radici. La lavanda deve essere messa a dimora con le radici nude, per facilitare il rapido adattamento al nuovo ambiente di crescita.[3]
  6. 6
    Metti a dimora la lavanda. Con cura metti a dimora su un sottile strato di terreno disposto sopra la mistura preparata in precedenza. Assicurati che le radici non siano a diretto contatto con la mistura. Riempi gli spazi intorno e sopra le radici con terra, compattando leggermente alla base degli steli.[3]
    • Se stai mettendo a dimora più di una pianta, lascia uno spazio di circa 90 cm. tra l’una e l’altra. Questo garantirà una buona circolazione dell’aria e spazio sufficiente per la crescita.[3]

3
Curare la Pianta

  1. 1
    Usa fertilizzante. La lavanda è una pianta che richiede poca cura e avrà solo bisogno di fertilizzante una volta all’anno. Usa un leggero strato di compost misto e polvere di calcio, possibilmente all’inizio della primavera. Puoi anche usare un’emulsione liquida di pesce con erbe e alghe marine una o due volte nel corso dell’estate.[4]
  2. 2
    Innaffia con moderazione. Come osservato in precedenza, l’umidità è nemica della lavanda e se le radici della pianta diventano eccessivamente umide, questo ucciderà la pianta più rapidamente delle temperature aride o eccessivamente fredde. Infatti, innaffiare eccessivamente le piante di lavanda in primavera è una delle cause principali d’insuccesso.
    • Per stabilire la giusta quantità d’acqua, assicurati che il suolo si asciughi tra un’innaffiatura e l’altra. Comunque la pianta è naturalmente protetta da una possibile mancanza d’acqua.[4]
    • Se stai coltivando la lavanda in vaso, assicurati che il vaso abbia adeguato drenaggio, per prevenire che si formino pozze in basso.
  3. 3
    Previeni le erbe infestanti. Puoi prevenire la crescita di erbe infestanti intorno alla base della pianta di lavanda coprendo il terreno con un sottile strato di pacciamatura. Usa della pacciamatura leggermente colorata, come sabbia grossolana, pietrisco e gusci di molluschi.[3] La pacciamatura aiuterà anche a proteggere le radici dalle gelate invernali.[4]
  4. 4
    Sfronda la pianta di lavanda. Dovresti sfrondare la lavanda almeno una volta all’anno, preferibilmente in primavera prima che inizi la nuova fioritura. Dovresti sfoltire circa un terzo dell’intera pianta, usando forbici da giardinaggio o una potatrice per dare una forma ordinata e rotonda.[4]
    • La potatura incoraggerà la pianta a sviluppare nuova fioritura e fermerà lo sviluppo incontrollato.
    • Assicurati soltanto di non esagerare con la potatura perché questa potrebbe avere effetti dannosi per la nuova fioritura.
  5. 5
    Raccogli i fiori. Il periodo migliore è quando i boccioli dei fiori di ciascuno stelo stanno iniziando a schiudersi. Questo è quando l’aroma di lavanda è più intenso e fragrante. Taglia i fiori alla base dello stelo in prossimità delle foglie.[3]
    • Per essiccare la lavanda, fai un mazzo di circa un centinaio di fiori, legalo con una fascia elastica e appendilo a testa in giù con un chiodo per circa 10 – 14 giorni dentro casa in luogo caldo, buio e asciutto.[3]
    • Se vuoi addobbare la casa con la lavanda, sistema i fiori in un vaso, ma non mettere le radici in acqua. Questo farebbe cadere i fiori più in fretta e renderebbe gli steli molli.[3]

Consigli

  • Il fogliame passa in genere dal verde chiaro al grigio argento e alcune specie hanno foglie verdi giallastre. Non tutti i tipi sono disponibili subito, e potrebbero richiedere ricerche sui siti web o su cataloghi.
  • La lavanda cresce fino a 70 cm circa di altezza, secondo le varietà, ed è perenne. Ha bisogno di almeno sei ore di sole diretto ogni giorno, tuttavia di più è meglio. Le piante di lavanda crescono in zone difficili e hanno bisogno almeno di una quarantina di cm di distanza l’una dall’altra.
  • Gli steli vecchi sono legnosi, e la lavanda non si può dividere facilmente come altre piante perenni. Se è necessario spostarla, fallo in primavera quando la nuova crescita è iniziata e ripianta immediatamente. La pianta si può riprodurre per propagginazione.
  • Alcune varietà possono essere coltivate partendo dai semi (specialmente la varietà "Munster"), oppure si possono acquistare vasi di piante vive in primavera. Le varietà preferite includono: "Grosso", "Provence", "Royal Purple", "Gray Lady", e "Hidcote".
  • I fiori di lavanda sono disponibili d’estate e variano da tutte le sfumature del grigio al porpora intenso. Ci sono anche specie con fiori di altri colori: bianco, rosa, e giallo verde. I fiori sono piccoli, qualche volta a gruppi ma aperti e ammassati, e crescono su steli appuntiti.

Avvertenze

  • La lavanda è soggetta alla marcitura della radice. Per evitare questo, non innaffiare eccessivamente d’estate e tieni l’acqua al minimo in inverno.

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 11 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Giardinaggio

In altre lingue:

English: Grow Lavender, Français: cultiver de la lavande, Deutsch: Lavendel anbauen, Español: cultivar lavanda, 中文: 种植薰衣草, Português: Cultivar Lavanda, Русский: вырастить лаванду, Bahasa Indonesia: Menanam Lavender, Nederlands: Lavendel verzorgen, العربية: زراعة الخزامي, Tiếng Việt: Trồng hoa oải hương, 日本語: ラベンダーを育てる

Questa pagina è stata letta 41 772 volte.
Hai trovato utile questo articolo?