Scarica PDF Scarica PDF

Dalla tuberosa, o polianthes tuberosa, nasce un fiore dalla fragranza molto intensa, apprezzata dalla maggior parte dei floricoltori e usata anche per produrre profumi. È un bulbo perenne, originario del Messico, che cresce nelle regioni sia fresche sia tropicali, ma richiede cure maggiori nelle zone caratterizzate da inverni piuttosto rigidi.

Parte 1
Parte 1 di 4:
Piantare la Tuberosa

  1. 1
    Decidi dove e quando piantare i bulbi. Il periodo ideale è l'inizio della primavera, dopo l'ultimo gelo, ma è necessario anche un clima caldo che permetta una stagione di crescita lunga almeno 4 mesi e una zona climatica di tolleranza (USDA Hardiness Zone) corrispondente a 8, 9 o 10. Se la stagione di crescita è più breve, devi iniziare a coltivarla al chiuso nel primo periodo della primavera e trasferirla all'aperto quando le temperature notturne superano i 15,5 °C.
    • Se vivi in una zona climatica 7, o inferiore, devi tenere la tuberosa al chiuso durante l'inverno.
    • Le temperature invernali minime nelle zone che vanno da 8 a 10 si aggirano tra -12,2° C e 1,7° C. Le minime invernali nella zona 7 corrispondono a -17,8° C.
  2. 2
    Prepara il terreno. Questa pianta ha bisogno di un suolo ricco e ben drenante. Se vuoi migliorare il terreno del tuo giardino, crea un mix aggiungendo del materiale organico, come torba, compost o vecchio letame in decomposizione. Spargi questo miscuglio formando uno strato di uno spessore massimo di 5-7,5 cm sulla superficie del terreno in modo da rialzarla ed evitare che ristagni l'acqua alla base della pianta.[1]
    • La tuberosa cresce meglio in un suolo con pH compreso tra 6,5 e 7, ma si adatta e si sviluppa piuttosto bene anche nei terreni con pH a partire da 5,5.
    • Puoi usare anche un vaso grande e ben drenante al posto dell'aiuola rialzata.
  3. 3
    Scegli una posizione soleggiata. Pianta la tuberosa in un punto completamente esposto al sole per almeno 6-8 ore al giorno. Ricorda che si tratta di una pianta originaria dei climi caldi, quindi andrebbe spostata in un posto leggermente ombreggiato solo se mostra segni di appassimento o si secca prima del termine della stagione di crescita.
  4. 4
    Scava una buca profonda 5 cm. Se hai acquistato un grappolo di bulbi, piantalo interamente. Distanzia ogni bulbo o gruppo di bulbi a circa 15-20 cm l'uno dall'altro per consentirne la crescita.
  5. 5
    Innaffia abbondantemente i bulbi una volta piantati. Devi bagnare parecchio il terreno affinché si assesti adeguatamente attorno alla pianta.
    • Passa alla sezione successiva per imparare a prenderti cura dei bulbi e delle piantine che crescono. Dovrebbero iniziare a germogliare nel giro di poche settimane.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 4:
Prendersi Cura della Tuberosa

  1. 1
    Innaffia moderatamente finché la piantina non spunta. Non inzuppare il terreno, ma bagnalo quanto basta per evitare che si secchi completamente. Nel giro di poche settimane dovrebbero incominciare a emergere i primi germogli verdi della tuberosa e svilupparsi i sistemi radicali che permettono alla pianta di gestire autonomamente una maggiore somministrazione d'acqua.
  2. 2
    Bagnala con parsimonia durante la stagione di crescita. Man mano che la tuberosa cresce, forniscile circa 2,5-3,75 cm di acqua una volta alla settimana.[2] È preferibile utilizzare questo metodo di innaffiatura anziché darle piccole e frequenti quantità di acqua.
    • Bagnala meno in caso di pioggia in modo che la quantità totale di acqua che riceve ogni settimana corrisponda sempre a circa 2,5-3,75 cm.
    • Fai attenzione a non esagerare perché la tuberosa marcisce facilmente (per questo motivo è importante che il terreno sia ben drenante).
  3. 3
    Applica un fertilizzante bilanciato. Un fertilizzante 8-8-8, contenente azoto, fosforo e potassio in parti uguali, è il più indicato per la tuberosa. Scegline uno solido e applicalo al terreno attorno alla pianta ogni 6 settimane oppure usa un fertilizzante liquido seguendo le istruzioni riportate sulla confezione.[3]
  4. 4
    Sentiti libero di cogliere i fiori se vuoi tenerli in casa. Solitamente i fiori spuntano all'incirca 90-120 giorni dopo la deposizione dei bulbi nel terreno, in genere nella tarda estate o all'inizio dell'autunno.[4] Se li cogli per portarli in casa, non danneggi la pianta e puoi goderti la loro fragranza nell'ambiente domestico.
    • Se si avvicina la stagione fredda e la pianta non è ancora fiorita, trapiantala in un grande vaso e mettile in un punto caldo della casa. Ricorda che il contenitore deve drenare adeguatamente l'acqua, quindi crea un foro nella base (se ne è sprovvisto) e usa un sottovaso o un recipiente analogo per raccogliere l'acqua che tende a scendere.
    • Tieni presente che i fiori di tuberosa sono molto profumati. Raggiungono il picco della loro fragranza nelle ore serali.
  5. 5
    Sorreggi i fiori se necessario. I fiori possono appesantire i gambi quando iniziano a sbocciare, perciò in questi casi ti conviene aggiungere un sostegno. Posiziona un apposito traliccio nel terreno vicino alla pianta o usa una gabbia per sorreggere la pianta da tutti i lati.
  6. 6
    Pota la tuberosa per favorirne la crescita. Anche se non porti i fiori in casa, taglia quelli che si appassiscono per incoraggiarne la ricrescita. Tuttavia, non togliere le foglie se non sono completamente ingiallite.
  7. 7
    Smetti di innaffiare quando i fiori e le foglie appassiscono. Quando il fogliame diventa giallo o si scurisce, vuol dire che in quell'anno la pianta ha terminato la fase di crescita. Vai alla sezione successiva per imparare a curarla durante l'inverno o se vivi in una zona climatica di tolleranza corrispondente a 8, o superiore, e ti aspetti una stagione fredda molto rigida.
    • Non applicare il fertilizzante quando la pianta non è nella fase di crescita.
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 4:
Trasferire la Tuberosa al Chiuso durante l'Inverno

  1. 1
    Valuta la necessità di spostare la pianta all'interno. Se ti trovi in una zona climatica corrispondente a 8, o superiore, la tuberosa può stare nel terreno tutto l'anno. Tuttavia, se vivi in una regione più fredda (ad esempio nella zona 7), puoi isolare il suolo con un consistente strato di pacciamatura, da togliere però in primavera. In qualsiasi altra zona climatica, i bulbi vanno trasferiti al chiuso.
    • La zona 8 corrisponde a una temperatura invernale minima di -12,2° C. La zona 7 prevede una temperatura invernale minima di -17,8° C.
  2. 2
    Trasferisci la pianta al chiuso prima della prima gelata. La tuberosa è in grado di sopravvivere a un gelo di lieve entità, ma è meglio non rischiare. La prima gelata può verificarsi in autunno o in inverno, in base alla regione climatica in cui vivi.
  3. 3
    Taglia il fogliame. Togli le foglie gialle e accorcia il gambo non meno di 10-15 cm dal suolo. Usa un coltello pulito, preferibilmente sterilizzato con alcol, per ridurre il rischio di infezione.
  4. 4
    Scava con cura attorno al bulbo. Asporta una grande zolla di terreno contenente il bulbo e puliscilo con un pennello per liberarlo dai detriti. Procedi delicatamente e con attenzione evitando di spezzare le radici.
  5. 5
    Aspetta che si asciughi. Tieni il bulbo esposto al sole per 24 ore in modo che possa disperdere l'umidità. Se non c'è sole, lascialo in un luogo asciutto per qualche giorno. Non cercare di accelerare questo processo riscaldandolo artificialmente.
  6. 6
    Copri i bulbi con un materiale morbido. Usa una scatola di cartone, un vassoio per piante o qualsiasi altro recipiente e riempilo di torba, segatura o vermiculite. Copri la tuberosa con questo materiale e assicurati di mantenerla a una temperatura di circa 10° C.[5]
  7. 7
    Regola l'umidità, se necessario. In genere puoi lasciare la tuberosa dormiente per tutto l'inverno. Tuttavia, se noti che il bulbo si disidrata troppo, inumidisci leggermente il materiale utilizzato per coprirlo, una o due volte durante l'inverno. Al contrario, se vedi che spuntano le radici, spostala in un luogo asciutto.
  8. 8
    Piantala in primavera. Una volta che la tuberosa ha trascorso l'inverno al riparo, puoi ripiantarla in primavera: nuovi bulbi, vicino a quello originario, tenderanno a produrre fiori.[6] Dopo diversi anni di crescita un grappolo potrebbe essere troppo grande per un'apprezzabile fioritura. In questo caso, stacca i bulbi più piccoli e piantali separatamente, ma tieni presente che alcuni di loro potrebbero non crescere durante il primo anno.
    Pubblicità

Parte 4
Parte 4 di 4:
Coltivare la Tuberosa al Chiuso

  1. 1
    Aggiungi terriccio e rizomi in un vaso. Procurati un vaso di 4 litri provvisto di fori di drenaggio sul fondo. Riempilo per metà con del terriccio umido. Quindi, posiziona i rizomi in cima e coprili con altro terriccio in modo che siano posizionati a 8 cm dal bordo del vaso. Infine, aggiungi circa altri 5 cm di terra.
  2. 2
    Innaffia la tuberosa. Bagna il terreno finché l'acqua non fuoriesce dal fondo del vaso. Dopodiché dovrai innaffiare solo quando il primo centimetro e mezzo di terreno è asciutto. Controllalo ogni paio di giorni per vedere se ha bisogno di acqua.
    • Inoltre, sarebbe una buona idea riempire il sottovaso con un po' di ghiaia e versarvi sopra dell'acqua, quindi posizionare il vaso sulla ghiaia. Anche in questo modo garantisci umidità costante alla pianta.
  3. 3
    Posiziona la tuberosa invasata in un luogo caldo e soleggiato. È importante posizionare questa pianta in un posto esposto al sole tutto il giorno affinché possa riscaldarsi.[7] Cerca di mantenere l'ambiente interno a una temperatura costante di 18-30° C. Guardati intorno per trovare la posizione ideale.
  4. 4
    Fertilizza. Diluisci mezzo cucchiaino di fertilizzante solubile – preferibilmente una miscela 5-10-10 – in un litro d'acqua. Quindi innaffia la pianta con questa soluzione ogni due settimane una volta che entra nella stagione di crescita.
  5. 5
    Togli i rizomi in autunno. In autunno dovrai rimuovere i rizomi dal vaso. Separa i più piccoli dai più grandi, dopodiché butta via quello principale. Conserva i rizomi piccoli in un luogo fresco e buio fino alla primavera, quando potrai ripiantarli.
    Pubblicità

Consigli

  • Per garantire una buona consociazione tra piante, considera l'agapanto, la felce e la canna.
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Bulbi di tuberosa
  • Attrezzi da giardinaggio
  • Compost
  • Fertilizzante

wikiHow Correlati

Piantare un Albero di Avocado
Coltivare un Albero di GiadaColtivare un Albero di Giada
Raccogliere il BasilicoRaccogliere il Basilico
Ravvivare un'Orchidea che non FiorisceRavvivare un'Orchidea che non Fiorisce
Togliere le Spine dei CactusTogliere le Spine dei Cactus
Innaffiare le OrchideeInnaffiare le Orchidee
Ottenere una Pianta di Aloe da una Foglia
Fare Talee di RosaFare Talee di Rosa
Rinvigorire una Pianta di Aloe Vera AppassitaRinvigorire una Pianta di Aloe Vera Appassita
Coltivare il Bamboo della FortunaColtivare il Bamboo della Fortuna
Fare un Irrigatore a Goccia con una Bottiglia di Plastica
Raccogliere i Semi di GirasoleRaccogliere i Semi di Girasole
Coltivare la Bella di NotteColtivare la Bella di Notte
Rimuovere le Punte Marroni delle Foglie delle Piante d'AppartamentoRimuovere le Punte Marroni delle Foglie delle Piante d'Appartamento
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Maggie Moran
Co-redatto da:
Orticoltrice
Questo articolo è stato co-redatto da Maggie Moran. Maggie Moran lavora come Giardiniera Professionale in Pennsylvania. Questo articolo è stato visualizzato 33 656 volte
Categorie: Giardinaggio
Questa pagina è stata letta 33 656 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità