A volte, capita di avvertire un prurito improvviso al cuoio capelluto. Forse hai cambiato lo shampoo, il balsamo, o magari non hai fatto niente, eppure la testa ha appena iniziato a prudere. Esistono diverse cause che possono scatenare il prurito, come la pelle secca o i residui dei prodotti per capelli, ma è facile da contrastare e con questa guida imparerai come si fa.

Metodo 1 di 2:
Primo Metodo: La Cura dei Capelli

  1. 1
    Usa dei prodotti diversi da quelli che utilizzi solitamente. Cambia shampoo e balsamo per almeno due settimane, in modo da eliminare i residui accumulati con l'uso dei soliti prodotti.
    • Se sei al verde o non vuoi acquistare un altro shampoo, potresti creare una purea a base di olio di oliva, maionese e broccoli. Mescola insieme questi ingredienti e poi spalma il composto sul cuoio capelluto. L'olio di oliva, in realtà, è utile per ridurre la grassezza, la maionese idrata ed elimina i pidocchi, donando ai capelli lustro e splendore, mentre i broccoli puliscono a fondo. Puoi anche aggiungere un uovo per nutrirli maggiormente.
  2. 2
    Asciuga bene i capelli ogni mattina. Lasciandoli umidi, il cuoio capelluto sarà soggetto ad accumulo di residui e alla secchezza causata dall'evaporazione dell'acqua, il che innescherà il prurito. Potrebbe addirittura svilupparsi della muffa tra i capelli! Sarebbe preferibile evitare uno scenario del genere.
  3. 3
    Prenditi cura dei capelli. Devi spazzolarli o pettinarli almeno due/tre volte al giorno per distribuire il sebo uniformemente, cercando di fare attenzione al cuoio capelluto! Fallo delicatamente!
  4. 4
    Controlla i prodotti che usi. Elimina qualsiasi cosa contenga alcol, perché è una sostanza che causa secchezza e, di conseguenza, gli attacchi di prurito.
  5. 5
    Usa un balsamo di buona qualità. Serve a donare lucentezza ai capelli, ma anche morbidezza e spessore, rivitalizzandoli e nutrendoli. Se non hai un buon balsamo a portata di mano, puoi usare lo yogurt: ha proprietà idratanti e contiene antiossidanti che nutrono e riducono l'arrossamento.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Secondo Metodo: La Cura del Corpo

  1. 1
    Verifica la presenza di un eritema solare. In estate, soprattutto nei primi giorni di caldo, capita spesso di scottarsi il cuoio capelluto. In tal caso, quando la pelle inizia a guarire, insorge il prurito proprio come se fosse una normale scottatura. Si consiglia l'uso di uno shampoo o un balsamo all'aloe vera per alleviare il fastidio.
  2. 2
    Verifica la presenza di pidocchi. Il prurito scaturisce da una reazione della pelle alla saliva dei pidocchi. Sì, è spiacevole e disgustoso, ma è facile eliminarli. Chiedi a qualcuno di controllarti la testa per verificare la presenza dei pidocchi o delle uova, chiamate lendini, che sono attaccate alla radice dei capelli.
    • Usa uno shampoo anti-pidocchi e lava con acqua bollente tutta la biancheria e gli indumenti che hai usato, poi devono asciugarsi al caldo per almeno 20 minuti.
    • I tessuti che non puoi lavare in lavatrice devono essere lavati a secco (inclusi i peluche).
    • Passa l'aspirapolvere sui tappeti e sulle superfici imbottite.
    • Immergi tutti gli strumenti che usi per la cura dei capelli (pettini, spazzole, nastri, mollette, ecc.) nell'alcol o nello shampoo anti-pidocchi per almeno un'ora.
  3. 3
    Rilassati! Lo stress gioca brutti scherzi all'organismo in generale e può influire anche sulla salute del cuoio capelluto. Se il prurito si diffonde fino al collo e al viso (in assenza di eruzioni cutanee o altri segni che possano indicare un'infezione), probabilmente la causa è da ricondurre a una vita troppo stressante.
  4. 4
    Bevi almeno 8 bicchieri di acqua al giorno. Magari sei disidratato e anche il cuoio capelluto ha bisogno di acqua. Consulta il medico, il quale ti saprà indicare la quantità giusta di acqua che dovresti bere in base al tuo peso e alla tua età.
  5. 5
    Potresti assumere degli integratori a base di vitamina E. Contiene gli oli essenziali che fanno bene alla pelle e ne favoriscono l'idratazione.
  6. 6
    Consulta il tuo medico. Se il prurito non accenna a diminuire, potrebbe essere il sintomo di una patologia più seria: herpes zoster (il fuoco di Sant'Antonio), infezioni fungine come la Tinea Amiantacea o il Lichen Planus, dermatiti, psoriasi, tigna e altri problemi.
    Pubblicità

Consigli

  • Tieni sempre le unghie ben pulite, perché potresti grattarti il cuoio capelluto durante il sonno!
  • Per quanto possa essere allettante, non devi assolutamente grattarti! Peggioreresti la situazione.
  • Se vuoi alleviare il fastidio, usa una spazzola pulita dalle setole morbide per favorire la circolazione del sangue e una distribuzione uniforme del sebo.

Pubblicità

Avvertenze

  • Non spazzolare ripetutamente i capelli per troppo tempo altrimenti diventeranno grassi.
  • Gli acari possono trovarsi anche sui lobi delle orecchie. Bisogna applicare lo stesso trattamento anche in quella zona.
  • Lava le lenzuola e i cuscini per evitare che gli acari si diffondano facilmente. Sono parassiti fastidiosi! Potresti usare anche uno spray organico sul materasso.
  • Gli acari che hanno l'aspetto di granelli di polvere possono causare prurito, perciò passa l'aspirapolvere sui tappeti, cambia spesso le federe dei cuscini e, quando fai lo shampoo, fai un prelavaggio con un po' di aceto o birra, risciacquando abbondantemente con acqua pulita.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Prevenire e Curare la Forfora

Come

Avere delle Belle Unghie

Come

Avere un Arco Mandibolare Definito

Come

Eliminare le Macchie di Nicotina dalle Dita

Come

Eliminare le Rughe sulla Fronte

Come

Ridurre il Gonfiore e l'Arrossamento dei Brufoli

Come

Trattare i Brufoli nelle Orecchie

Come

Usare un Derma Roller

Come

Eseguire una Pulizia del Viso con il Vapore

Come

Sbarazzarsi un Brufolo Schiacciato in una Notte

Come

Schiacciare un Brufolo

Come

Aprire i Pori della Pelle

Come

Portare in Superficie un Brufolo Sottopelle

Come

Trattare una Irritazione alle Ascelle
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità. Questo articolo è stato visualizzato 63 531 volte
Categorie: Cura della Pelle
Questa pagina è stata letta 63 531 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità