Come Cominciare una Conversazione Quando Non Hai Nulla di cui Parlare

In questo Articolo:Trovare Argomenti di cui ParlareRicordare gli Aspetti FondamentaliMantenere Intatto l'Interesse

Può essere molto stressante intavolare una conversazione per fare conoscenza o per rompere un silenzio imbarazzante. Pertanto, sfrutta le seguenti indicazioni per intrattenersi con una persona quando non hai nulla di cui parlare.

Parte 1
Trovare Argomenti di cui Parlare

  1. 1
    Esprimi un'osservazione sul luogo o sulle circostanze. Guardati intorno per vedere se c'è qualcosa che vale la pena mettere in risalto. Ecco qualche esempio per commentare luoghi o circostanze: "Questo posto è spettacolare!", "Questa casa è incredibile!", "Adoro questo panorama!" oppure "Che bel cane!".
  2. 2
    Formula domande a risposta aperta. Alla maggior parte delle persone piace parlare di sé: è un ottimo modo per avviare una conversazione. Una domanda a risposta aperta richiede una replica argomentata al posto di un semplice sì o no. Solitamente comincia con "chi, quando, cosa, perché, dove e come", mentre le domande chiuse tendenzialmente contengono "fare, avere, è/sono/sei".
    • Domande a risposta chiusa: "Ti piace leggere?", "Sei mai stato in questa università?", "La primavera è la tua stagione preferita?", "Mi sto intromettendo?" e "Vieni spesso in questo posto?".
    • Domande a risposta aperta: "Che tipo di libri ti piace leggere?", "Che cosa hai studiato in questa università?", "Qual è la tua stagione preferita? Perché?", "Che fai in questo momento?" è "Qual è il tuo bar preferito?".
  3. 3
    Sappi come combinare osservazioni generali con domande a risposta aperta. Dal momento che potrebbe essere imbarazzante o inopportuno adoperare uno solo di questi due elementi di conversazione, uniscili per ottenere un effetto migliore. Per esempio:
    • "Che bella borsa, dove l'hai presa?". In questo modo, darai al tuo interlocutore l'opportunità di parlare del giorno in cui ha fatto shopping e di tutto ciò che di divertente gli è accaduto, invece di: "Mi piace la tua borsa!" - "Grazie!" (fine).
    • "Che buffet incredibile! Qual è il tuo piatto preferito?". È particolarmente utile chiedere un parere, in quanto può essere seguito dalla classica domanda aperta: "Perché?".
    • "Quanta gente! Qual è il tuo relatore preferito?"
    • "Mi piace il tuo costume. Quali sono i tuoi film di fantascienza preferiti?"
  4. 4
    Rivolgi qualche domanda sugli animali domestici. Spesso, questo argomento offre un terreno comune per stabilire un contatto con persone con cui hai poco da condividere. Se ti piacciono gli animali, puoi facilmente relazionarti con altri amanti, che si tratti di cani, cavalli, uccelli, gatti o creature selvatiche. Anche se, parlando del tuo cucciolo, potresti risultare noioso agli occhi di qualche persona, mostrando interesse per l'animale del tuo interlocutore puoi portarlo ad aprirsi e intavolare una piacevole conversazione.
  5. 5
    Rievoca gli avvenimenti successi di recente. È molto probabile che chi hai di fronte sia al corrente degli ultimi fatti accaduti e, se così non fosse, è un ottimo modo per avviare una conversazione! Leggi i giornali o guarda i notiziari e, quando sarai pronto per iniziare a parlare con qualcuno, prova a dire: "Hai sentito di quell'incidente in elicottero? Che tragedia!".
  6. 6
    Ricorri alle discussioni precedenti. Se conosci il tuo interlocutore, richiama alla mente gli argomenti di cui avete discusso in passato e riprendine uno: per esempio, un evento memorabile del figlio, qualche progetto o brutta notizia di cui ti ha messo a parte. Non avrai solo qualcosa di cui parlare, ma dimostrerai anche attenzione per quello che dice e interesse per i suoi problemi e le sue vicissitudini tanto da ricordartene.
  7. 7
    Formula domande facili da rispondere. Talvolta, alcune domande sono più difficili di altre. Qualcuno ti ha mai chiesto che programmi avessi nel fine settimana e tu hai pensato, "Non voglio pensare a questo ... devo proprio rispondere?". La maggior parte delle persone preferisce domande semplici, come "Che fai oggi?" oppure "Ti stanno massacrando a scuola in questi giorni?". In questo modo, la conversazione dovrebbe essere più scorrevole e distensiva.
  8. 8
    Cerca di essere sensibile. Fai in modo che le domande non siano invasive. Sii certo di non sollevare argomenti di cui il tuo interlocutore preferirebbe non parlare. Ad esempio, alcune persone potrebbero sentirsi molto a disagio quando discutono di questioni che le toccano personalmente, quali il peso, la mancanza di una laurea o altre qualifiche, l'assenza di un partner fisso e così via. Cerca di essere delicato, anche quando non conosci bene chi hai di fronte.

Parte 2
Ricordare gli Aspetti Fondamentali

  1. 1
    Abbandona le tue paure. Quando improvvisamente hai l'impressione di non poterti di impegnare in una conversazione con un'altra persona, magari c'è qualche pensiero negativo che ti assilla, come la preoccupazione di risultare noioso, di non essere all'altezza, di dire qualcosa di poco importante, di essere invadente, di portare via del tempo al tuo interlocutore, ecc. Queste sensazioni possono farti ammutolire. Non è insolito sentirti in imbarazzo quando si tiene una conversazione con qualcuno, ma non è anche poco utile.
    • Rilassati. È molto probabile che qualsiasi cosa tu dica non resterà impressa nella mente degli altri se non per pochi mesi. Puoi dire ciò che pensi, purché non sia offensivo o davvero strano (a meno che, ovviamente, alla persona con cui stai cercando di dialogare non piacciano argomenti stravaganti).
    • Tieni presente che ognuno di noi manifesta di tanto in tanto le proprie insicurezze, ma è fondamentale superarle per poter interagire con gli altri. Rassicurati pensando che l'altra persona non ti sta lì per giudicarti. Anche se fosse, è improbabile che la sua opinione condizioni la tua vita, quindi rilassati.
  2. 2
    Presentati, se necessario. Se non conosci il tuo interlocutore, è molto semplice rompere il ghiaccio: cerca di mostrarti accessibile, di' come ti chiami, stringi la mano e sorridi. Sono gesti gentili che ti offrono la possibilità di iniziare una conversazione. A volte, tuttavia, non è necessario presentarsi finché non si inizia a dialogare.
  3. 3
    Continua a chiacchierare del più e del meno. In questo modo, manterrai la conversazione leggera e poco impegnativa, cosa particolarmente utile quando non conosci ancora bene qualcuno. Parlando di argomenti leggeri, potrai stabilire se hai affinità e somiglianze col tuo interlocutore piuttosto che intavolare una discussione partendo da posizioni categoriche.
    • Le conversazioni leggere comprendono argomenti quali il proprio blog o sito web, l'acquisto di una nuova auto, la ristrutturazione della casa, la premiazione di un figlio per un lavoro artistico, i programmi per le vacanze, piante e fiori, un bel libro appena letto e così via.
    • Le chiacchiere poco impegnative non contemplano temi di politica, religione, disarmo e fusione nucleare, critiche su qualcuno, soprattutto su chi ospita o sull'evento a cui si è intervenuti.
    • Sebbene parlare del tempo sembri una banalità, quando sono insolite, le condizioni meteorologiche costituiscono un buon argomento di conversazione.
  4. 4
    Sincronizzati con il tuo interlocutore. Una volta che qualcuno comincia a parlare, seguilo mantenendo viva la conversazione. Ascolta in maniera attiva, riflettendo su quello che dice, e cogli gli elementi necessari per capire come si sente in tua compagnia.
    • Rispondi alle domande che ti vengono rivolte, ricambia con altre domande inerenti al tema della discussione, cambia argomento quando c'è una pausa e assicurati che il tuo interlocutore abbia la possibilità di parlare almeno quanto te (se non di più).
  5. 5
    Di tanto in tanto chiama l'altra persona per nome. Non solo sarà un buon esercizio di memoria, ma è un segno di rispetto e cordialità che la metterà a suo agio. In questo modo, stabilirai un approccio più personale e renderai la conversazione più intima e concreta. Come regola generale, puoi farlo una volta tra una chiacchiera e l'altra e almeno una volta in ogni conversazione.
  6. 6
    Fai qualche cenno di assenso. Non è necessario parlare in continuazione. Puoi annuire, dire "ah-ah", "wow”, "bene", "mhm”, sospirare, mugugnare in maniera gioviale e fare piccole affermazioni incoraggianti, come "Sul serio?", "Benissimo!", "Che cosa hai fatto/detto, allora?", "È incredibile!" e così via.
  7. 7
    Mantieni il linguaggio del corpo aperto e ricettivo. Annuisci per comunicare che sei d'accordo, guarda spontaneamente negli occhi, senza fissare, e rivolgiti in direzione dell'altra persona. Metti la mano sul petto di tanto in tanto e tocca anche il braccio del tuo interlocutore, se sei una persona "tattile". In questo modo, metterai a suo agio chi ti parla e renderai la conversazione più naturale.
    • Mantieni una distanza ragionevole, se la persona con cui stai parlando è un estraneo o qualcuno che non conosci bene.
  8. 8
    Lasciati coinvolgere dalla conversazione. Mantieni alto l'interesse verso l'altra persona e concentrati su di lei. Invece di chiuderti, fai in modo che la tua curiosità sia vigile. È un aspetto importante per mantenere piacevole la conversazione e continuare a dialogare. Potrebbe persino portarti a intavolare ulteriori conversazioni con la stessa persona: ad esempio, se presti attenzione la prima volta, magari in seguito potrai tornare su qualche aspetto della sua vita di cui avete già parlato!
  9. 9
    Reagisci in maniera naturale alle situazioni. Sorridi e ridi quando l'altra persona fa una battuta o uno scherzo divertente. Non sforzarti, però, altrimenti può risultare fastidioso; sorridi e annuisci oppure sorridi, scuoti la testa e abbassa lo sguardo.
  10. 10
    Esercitati a intavolare una conversazione. Potresti sentirti un po' maldestro in un primo momento, ma con la pratica sarà più facile sostenere una bella conversazione. Ogni volta che ti trovi in una situazione in cui sei chiamato a dialogare con qualcuno, considera questo momento come una parte della tua esercitazione e nel frattempo nota i tuoi miglioramenti.

Parte 3
Mantenere Intatto l'Interesse

  1. 1
    Segui il tuo interlocutore. Se sembra interessato, allora vai avanti. Se guarda l'orologio, o peggio, sembra in cerca di una strategia di fuga, allora vuol dire che stai parlando da troppo tempo. È importante intercettare i segnali che lancia per poter rendere la conversazione quanto più piacevole è possibile e lasciare nell'altra persona la voglia di parlare di nuovo con te.
    • A volte sembra una capacità difficile da acquisire, ma è necessario fare pratica. È davvero l'unico modo per migliorare.
  2. 2
    Usa parole che richiamano i sensi. Si tratta di termini quali "vedere", "immaginare", "sentire", "dire", "avere la sensazione" e simili, che stimolano l'interlocutore ad allargare il quadro descrittivo delineato dalla conversazione. In tal modo, l'incontro sarà più invitante e avrà un certo effetto sull'altra parte. Per esempio:
    • Dove ti immagini tra un anno?
    • Qual è la tua sensazione sulle attuali fluttuazioni del mercato azionario?
    • Come vedi i nuovi piani di ristrutturazione previsti in città?
  3. 3
    Mantieni l'equilibrio. Se cominci una conversazione, spetta a te inizialmente mantenere il ritmo. Che cosa succede quando l'altra persona inizia ad ascoltarti in maniera attiva, facendoti domande a risposta aperta? Hai varie opzioni a disposizione:
    • Sfrutta l'occasione per cominciare a parlare di te. Basta non esagerare. Ricordati di coinvolgere l'altra parte facendo domande a risposta aperta e ascoltando attivamente quando hai terminato di parlare.
    • Distogli l'attenzione se preferisci non essere al centro della conversazione. Di' qualcosa come: "Beh, mi piacciono i libri di Harry Potter e mi è piaciuto soprattutto l'ultimo, ma non vorrai sentir parlare di me tutta la serata! Secondo te, quali sono i passaggi più belli della serie di Harry Potter!?".
    • Rispondi a una domanda con un'altra domanda. Per esempio, dopo "Come sei riuscito ad allontanarti così presto?" potresti dire: "Beh, come tu hai fatto?". Spesso l'altra persona è talmente concentrata a raccontare il resto della storia che si dimentica di quanto ti ha chiesto prima!
  4. 4
    Non temere le pause. Le pause possono essere sfruttate per cambiare argomento, dare nuova energia alla conversazione o addirittura per prendere un po' di respiro. L'unica volta in cui dovresti preoccuparti del silenzio in una conversazione è quando una pausa si estende eccessivamente. Fintantoché ci si sposta in maniera naturale da un argomento all'altro o ci si congeda, va tutto bene e non c'è motivo di preoccuparsi.
  5. 5
    Cerca di non mettere a disagio l'altra persona. Rispondi con rispetto a chi si sente continuamente in difficoltà o a disagio in tua presenza. Se il tuo interlocutore sembra schivo e disinteressato a condividere informazioni con te, non insistere troppo. Fai qualche tentativo prima di decidere di andare avanti.
    • Non fare troppe domande se il tuo interlocutore continua a non rispondere.
  6. 6
    Trova una scappatoia. Un'ottima scusa per iniziare una conversazione è dire che non puoi trattenerti per molto tempo perché devi incontrare altri amici o hai una riunione. In questo modo, libererai l'altra persona dalla sensazione di essere intrappolato o obbligato, e tutti e due avrete una comoda via d'uscita se la conversazione non fa progressi. In questo caso, puoi sempre rimandarla a un momento migliore.
    • Ricordati di non esagerare, altrimenti l'interlocutore potrebbe pensare che non intendi parlare con lui, preferendo stare con i tuoi amici. Basta usare questo trucco una o due volte.

Consigli

  • Comportati in modo rilassato. È difficile avviare una conversazione quando sei un fascio di nervi.
  • Per rompere il ghiaccio, è sempre meglio rivolgere qualche complimento.
  • Parla in maniera chiara e mirata. Se mormori, sarà molto più difficile dialogare.
  • Ricorda di avere qualcosa in comune con chiunque parli. Tutti sappiamo che tempo fa, apprezziamo il cibo saporito e ci divertiamo ridendo. In caso di dubbi, basta parlare del motivo per cui l'altra persona si trova nel tuo stesso posto. Ad esempio, se la incontri a una fermata dell'autobus, chiedile dove sta andando. Se viene da un'altra città, domandale come si vive dalle sue parti.
  • Sii intraprendente. Di recente, relazionarsi è diventata una tale necessità che non è possibile essere troppo timidi e riservati. Se hai un motivo per metterti in contatto con qualcuno, trova un modo. Se ti piace il lavoro di una persona, diglielo.
  • Prova a utilizzare il linguaggio del corpo per comunicare con l'altra persona. In questo modo, la coinvolgerai maggiormente nella conversazione e prolungherai l'incontro.
  • È vantaggioso nutrire un interesse autentico per quello che fai. Se la tua vita non ti sembra così interessante, non lo sarà neanche per gli altri.
  • Se sei timido, è utile preparare qualche argomento con cui ti senti a tuo agio.
  • Coltiva i tuoi interessi. È più facile intraprendere conversazioni interessanti quando ti dedichi ai tuoi interessi. Approfondisci le tue passioni in modo da poterle descrivere con attenzione. Amplia e studia ciò che ti piace con l'atteggiamento di chi è interessato a scoprire ogni aspetto. Un altro modo per coltivare le proprie passioni consiste nell'interrogare gli altri sui loro interessi. Se il tuo amico adora il calcio, chiedigli quali squadre e giocatori, a parer suo, stanno giocando bene quest'anno oppure fagli qualche domanda per capire come funziona il campionato.
  • Non aver paura se la conversazione prende direzioni interessanti. Se ti porta a seguire altri percorsi mentali mentre parli, probabilmente c'è qualche relazione.
  • Quando una conversazione è efficace, buona parte è dovuta alla comunicazione non verbale e non necessariamente a quello che dici. Sviluppa i lati della comunicazione non verbale che ti portano a essere cordiale e fiducioso.
  • Se hai difficoltà a relazionarti con gli altri, probabilmente non esprimi sinceramente i tuoi interessi (magari ne parli troppo o troppo poco) oppure stai nascondendo qualche tua passione per paura che la gente possa respingerla (e di conseguenza, anche te). E qual è il risultato? Non stabilisci alcun rapporto. A un certo punto, devi pur interessarti a qualcosa se vuoi essere interessante.
  • Ricorda le cose divertenti che hai visto o sentito durante la giornata. Ad esempio, qualcosa di divertente detta da qualcuno, un'esperienza piacevole trascorsa con i tuoi amici o qualcos'altro di interessante. Attingi da queste situazioni quando ti trovi in una conversazione.

Avvertenze

  • Usa "per favore", "posso", "grazie", "potresti" quando qualcuno è gentile con te e quando desideri qualcosa. La buona educazione è sinonimo di maturità e intelligenza.
  • Non interrompere mai una conversazione tra due o più persone. Attendi che si fermino se intendi dire qualcosa. La cortesia può fare molto.
  • Non agire con arroganza e non pretendere di sapere tutto quando stai tra la gente.
  • Ricorda che non tutti vogliono parlare. Se l'altra persona mostra segni di disagio o perdita di interesse, non dovresti annoiarla con i tuoi discorsi.
  • Fai attenzione a non usare troppi riempitivi come "ehm" o "cioè". C'è il rischio che il tuo interlocutore si senta a disagio o obbligato a dire qualcosa. Invece, parlare lentamente e fai qualche pausa. In questo modo, creerai un po' di tensione e coinvolgerai molto di più il tuo nuovo amico nella conversazione.
  • Non essere troppo invadente con le domande.
  • Non parlare sempre della tua situazione finanziaria quando hai appena conosciuto qualcuno, soprattutto se si tratta di un incontro galante.
  • Non fare mai commenti negativi sulla persona con cui stai parlando o su chiunque altro. Non sai mai se esiste un rapporto personale con l'oggetto delle tue critiche. Tuttavia, non aver paura di pronunciarti se non hai mai sentito parlare di quello che hai appena sentito, per esempio, un gruppo o una persona famosa.
  • Non giurare, insultare, mancare di rispetto, esprimere giudizi aggressivi di carattere razziale, religioso, sessuale di fronte agli altri.
  • Non scoraggiarti quando la persona con cui parli mostra poca partecipazione. Chissà, forse con la prossima scoprirai di avere qualche interesse in comune.

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 174 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Interazioni Sociali

In altre lingue:

English: Start a Conversation When You Have Nothing to Talk About, Español: iniciar una conversación sin tener nada de qué hablar, Português: Começar uma Conversa Quando Você Não Tem o que Falar, Deutsch: Smalltalk, Nederlands: Een gesprek beginnen als je niets hebt om over te praten, Français: entamer la conversation quand vous n'avez rien à dire, Русский: завести беседу, когда не о чем поговорить, 中文: 在无话可说的时候开始一段对话, Bahasa Indonesia: Memulai Sebuah Percakapan Saat Anda Tidak Punya Sesuatu Untuk Dibicarakan, Tiếng Việt: Mở đầu cuộc trò chuyện khi bạn không có gì để nói, العربية: بدء محادثة دون امتلاك شيء للتحدث عنه, ไทย: เริ่มบทสนทนาเวลาไม่มีเรื่องคุย, 한국어: 할 말이 없을 때 대화를 시작하는 법, 日本語: 話題が無い時に会話を始める, Türkçe: Konuşacak Bir Şey Olmadığında Sohbet Nasıl Başlatılır, हिन्दी: बातचीत शुरू करें जबकि आपके पास बात करने कुछ ना हो (Start a Conversation When You Have Nothing to Talk About)

Questa pagina è stata letta 8 730 volte.
Hai trovato utile questo articolo?