Scarica PDF Scarica PDF

Se sei un lavoratore dipendente o un pensionato, non hai altri redditi e possiedi solo la casa di abitazione non sei obbligato a presentare il modello 730. Se però hai sostenuto delle spese mediche o altre spese detraibili o deducibili, puoi ottenerne il rimborso presentando la dichiarazione dei redditi. Compilare il modello 730 non è così complicato, perché non devi fare alcun calcolo, e il rimborso che ti spetta ti verrà erogato direttamente in busta paga insieme al tuo stipendio o alla tua pensione. A partire dal 2015 è previsto l'invio al contribuente del modello precompilato, per cui si tratterà solo di controllare i dati precompilati e aggiungere le informazioni mancanti. Vediamo allora insieme i passaggi per compilare il modello 730.

Passaggi

  1. 1
    Procurati il modello. Puoi ritirare gratuitamente il modello 730 presso un ufficio dell'Agenzia delle Entrate oppure presso il tuo comune di residenza. Puoi anche scaricare il modello in formato editabile dal sito dell'Agenzia delle Entrate e poi stamparlo una volta compilato. Il 730 precompilato sarà messo a disposizione online entro il 15 aprile. Tu potrai accettarlo così com'è oppure modificarlo, facendo le opportune correzioni o aggiungendo dati mancanti.
  2. 2
    Indica se si tratta di dichiarazione congiunta. Se sei coniugato, vuoi fare la dichiarazione congiunta, e vuoi anche che sia il tuo datore di lavoratore a fare i conguagli d'imposta, oltre alla casella dichiarante, devi barrare la casella dichiarazione congiunta (mentre il tuo coniuge selezionerà solo coniuge dichiarante).
  3. 3
    Indica i tuoi dati anagrafici. Scrivi il tuo cognome e nome, il tuo sesso, data e luogo di nascita. L'indicazione del recapito telefonico e di posta elettronica è facoltativo. È invece obbligatorio inserire la tua residenza anagrafica e il tuo domicilio fiscale (salvo situazioni particolari, il domicilio fiscale coincide con la tua residenza).
  4. 4
    Indica i familiari a carico. Devi inserire il codice fiscale e il numero di mesi che sono stati a carico tuo. Si considera familiare a carico quel familiare che abbia un reddito annuo non superiore a 2.840,51 euro (al lordo di eventuali oneri deducibili). Coniuge e figli possono essere considerati a tuo carico anche se non abitano con te. Tutti gli altri devono essere conviventi, a meno che tu non debba corrispondere loro gli alimenti in virtù di un provvedimento giurisdizionale (per esempio, al coniuge separato).
  5. 5
    Indica i dati del tuo datore di lavoro. Puoi ricavare i dati necessari dal tuo CUD. Se hai cambiato datore di lavoro devi invece richiedergli i dati. Se attualmente non hai alcun datore di lavoro, devi barrare la relativa casella.
  6. 6
    Compila il quadro dei redditi dei terreni. Devi compilare questo quadro se sei proprietario, usufruttuario, enfiteuta o affittuario di terreni agricoli, oppure se sei titolare o socio di un'impresa agricola. Se non sei proprietario o titolare di un diritto reale devi però indicare non il reddito dominicale, ma solo quello agrario. Se non conosci il reddito dominicale e agricolo puoi ricavarli da una visura catastale. Non sei tenuto alla compilazione del quadro nel caso tua abbia la sola nuda proprietà del terreno.
  7. 7
    Compila il quadro dei redditi di fabbricati. Devi compilare questo quadro se sei proprietario, usufruttuario, titolare del diritto di abitazione o altro diritto reale su di un fabbricato o socio di una società semplice che produca redditi di fabbricati. Non vanno dichiarati gli immobili rurali, perché il loro reddito è già incluso in quello del terreno. Anche qui, il nudo proprietario non deve compilare il quadro. Il quadro è composto da due sezioni: la prima parte serve a indicare i redditi catastali dei fabbricati; la seconda va utilizzata per gli immobili concessi in locazione.
  8. 8
    Compila il quadro dei redditi di lavoro dipendente (e assimilati). Puoi trovare i dati richiesti all'interno del CUD che hai ricevuto.
  9. 9
    Compila il quadro degli altri redditi. In questo quadro devi inserire l'ammontare dei redditi che non siano di lavoro dipendente o da pensione, come per esempio i redditi di capitale (come i dividendi di qualche società di cui sei socio), i redditi di lavoro autonomo (in questo caso si tratterrà di attività svolta senza partita IVA, perché altrimenti devi presentare non già il modello 730, ma il modello Unico), oppure redditi di lavoro occasionale. In questo quadro si indicano anche i redditi soggetti a tassazione separata, come per esempio le somme che hai ricevuto in quanto erede o legatario.
  10. 10
    Compila il quadro delle spese detraibili e degli oneri deducibili. Le spese detraibili e gli oneri deducibili vanno indicati separatamente, in quanto funzionano diversamente. Le spese detraibili vengono infatti sottratte dall'imposta (nella misura percentuale che varia a seconda dei casi), gli oneri deducibili vengono invece sottratti dal reddito e riducono pertanto l'ammontare dell'imponibile.
    • Le principali spese detraibili. Tra le spese detraibili più importanti ci sono le spese sanitarie (sia proprie sia dei familiari a carico), gli interessi sui mutui ipotecari, le assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni, le spese per l'istruzione, le spese per l'asilo nido, le donazioni a diversi enti. Le spese sopra menzionate danno diritto a una detrazione del 19%. Le donazioni in favore delle ONLUS e dei partiti politici danno invece diritto a una detrazione del 24%. Gli interventi per il recupero del patrimonio edilizio danno invece diritto a una detrazione compresa tra il 36% e il 65%, a seconda dei casi.
    • I principali oneri deducibili. Tra i principali oneri deducibili troviamo i contributi previdenziali e assistenziali (rientra in questa categoria anche la misura del contributo al SSN che paghiamo con la polizza per la RC auto), l'assegno corrisposto al coniuge a seguito di separazione o di divorzio (ma attenzione che non vi rientra ciò che viene corrisposto al coniuge per il mantenimento dei figli), i contributi previdenziali e assistenziali versati per domestici e badanti, le donazioni in favore di taluni enti religiosi, le spese per l'assistenza specifica per persone disabili.
  11. 11
    Compila il quadro degli acconti, ritenute, eccedenze e altri dati. In questo quadro vanno indicati gli acconti IRPEF, addizionale comunale e cedolare secca che hai versato, e le ritenute che hai subito a titolo di acconto. Puoi trovare queste informazioni nel tuo CUD. Le eccedenze si riferiscono a un eventuale credito risultante da una precedente dichiarazione, di cui non hai chiesto il rimborso. In questo quadro puoi anche specificare la misura degli acconti (riducendone l'ammontare se hai ragione di ritenere che l'anno successivo il tuo reddito sarà inferiore) e puoi anche optare per il pagamento rateale del saldo. A tal fine devi indicare il numero di rate con cui vuoi pagare (da due a cinque rate se sei un lavoratore dipendente e da due a quattro se sei un pensionato).
  12. 12
    Compila il quadro dei crediti d'imposta. In questo quadro puoi indicare l'ammontare di eventuali crediti d'imposta che tu abbia maturato a vario titolo (per esempio, se hai lavorato all'estero e hai subito la tassazione).
  13. 13
    Compila il quadro delle imposte da compensare. Se dalla tua dichiarazione emerge un credito d'imposta puoi scegliere di poter utilizzare il tuo credito per pagare altre imposte in compensazione mediante l'utilizzo del modello F24.
  14. 14
    Firma la dichiarazione. Con la firma della dichiarazione esprimi anche il tuo consenso al trattamento dei tuoi dati personali sensibili ai sensi della legge sulla privacy.
  15. 15
    Scegli come destinare il 5 e l'8 per mille. Un'ulteriore pagina della dichiarazione ti consente di effettuare le tue scelte in materia di 8 e 5 per mille. Puoi destinare l'8 per mille dell'imposta risultante dalla tua dichiarazione a una delle confessioni religiose indicate nel modulo, oppure allo Stato. La scelta si effettua apponendo la tua sottoscrizione nello spazio relativo alla singola confessione religiosa. Se non effettui alcuna scelta, la somma verrà ripartita proporzionalmente. Il 5 per mille può essere invece destinato ad altri enti o associazioni che perseguono scopi di utilità sociale, di ricerca scientifica o sanitaria, associazioni sportive, oppure ancora può andare a sostenere le attività sociali del tuo comune o le attività di valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico. Se vuoi sostenere una determinata associazione, devi indicarne il relativo codice fiscale nell'apposito spazio.
  16. 16
    Presenta la dichiarazione. La dichiarazione può essere presentata al tuo datore di lavoro oppure a un CAF (centro di assistenza fiscale) o a un professionista abilitato. Il termine di presentazione del modello 730/2015 è fissata per il 7 luglio.
    Pubblicità

Consigli

  • Se la tua situazione fiscale è complessa, è preferibile rivolgersi a un professionista iscritto all'albo dei commercialisti ed esperti contabili perché compili la dichiarazione e possa consigliarti al meglio.
Pubblicità

Avvertenze

  • Il presente articolo ha finalità meramente informative e non costituisce in alcun modo consulenza fiscale. Esso è stato redatto secondo le informazioni disponibili all'atto della sua pubblicazione. È onere del contribuente informarsi sulla legge fiscale vigente.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Calcolare il Tasso di CambioCalcolare il Tasso di Cambio
Calcolare la Percentuale del Tasso di Crescita AnnuoCalcolare la Percentuale del Tasso di Crescita Annuo
Calcolare la Percentuale di Aumento di un CostoCalcolare la Percentuale di Aumento di un Costo
Disconoscere la Propria FamigliaDisconoscere la Propria Famiglia
Calcolare i Rendimenti Annualizzati del Tuo Portafoglio InvestimentiCalcolare i Rendimenti Annualizzati del Tuo Portafoglio Investimenti
Capire se uno Specchio è SemiriflettenteCapire se uno Specchio è Semiriflettente
Dimostrare un Caso di Alienazione GenitorialeDimostrare un Caso di Alienazione Genitoriale
Scrivere una Lettera d'Intenti per una CasaScrivere una Lettera d'Intenti per una Casa
Cambiare IdentitàCambiare Identità
Falsificare una FirmaFalsificare una Firma
Calcolare il Valore del Tuo OroCalcolare il Valore del Tuo Oro
Riconoscere gli Euro FalsiRiconoscere gli Euro Falsi
Calcolare il PILCalcolare il PIL
Comportarsi in TribunaleComportarsi in Tribunale
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 22 702 volte
Questa pagina è stata letta 22 702 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità