Il passaggio dall'infanzia all'adolescenza può essere un periodo difficile per tuo figlio. È probabile che debba fare i conti con gli sbalzi ormonali, l'aumento delle responsabilità e le dinamiche sociali all'interno della scuola. Tuttavia, questo non vuol dire che dovrebbe starsene comodo in casa, non contribuire alle faccende domestiche e trascurare i suoi impegni scolastici. Il più delle volte è possibile correggere la pigrizia dei ragazzi creando delle solide regole e facendole rispettare, motivandoli a collaborare in casa, spingendoli ad assumersi ulteriori responsabilità e parlando con loro di tutti i problemi e le difficoltà che possono incontrare a scuola o in famiglia.

Parte 1 di 3:
Comunicare con un Figlio Adolescente

  1. 1
    Ascolta tuo figlio e sii paziente. Evita di parlare al suo posto o interromperlo quando dice qualcosa. Incoraggialo a esprimersi facendogli semplici domande su come è andata la giornata o un compito in classe. Nota come risponde e permettigli di esternare quello che pensa.
    • Cerca di stabilire un dialogo. Se, mentre parlate, gli dimostri che sei interessato a conoscere i suoi pensieri e le sue opinioni, lo invoglierai ad aprirsi e ad essere onesto con te. Dagli la possibilità di formulare domande e pensare con la sua testa.
    • Ad esempio, potresti introdurre la conversazione in questo modo: "Come vanno le cose a scuola?", "Com'è andato l'allenamento?" oppure "Ti sei divertito alla festa di sabato?".
    • Fagli capire che ti interessa quello che capita nella sua vita e che sei pronto ad ascoltarlo: "Sai che puoi sempre parlare con me se hai problemi a scuola o se c'è qualcosa che ti distrae", "Sono qui per ascoltarti se hai bisogno di parlare" oppure "Ricorda che puoi parlare e ti ascolterò senza interromperti".
  2. 2
    Chiedi a tuo figlio se dorme bene. La maggior parte degli adolescenti può sembrare pigra o distratta quando, in realtà, dorme poco. A differenza degli adulti, gli adolescenti sono fisiologicamente portati ad addormentarsi più tardi e svegliarsi a metà mattinata anziché di buon ora. Perciò, quando tuo figlio è costretto ad alzarsi alle 7 o 8 di mattina per andare a scuola e studiare, i suoi ritmi naturali sveglia/sonno vengono sconvolti e, quindi, può sembrarti pigro, disorientato e demotivato – tutti sintomi tipici della carenza di sonno. Questo è il motivo per cui dovrebbe coricarsi entro un orario decente affinché possa riposare abbondantemente durante la notte, ovvero per otto ore. In questo modo, non avrà un'aria indolente e disporrà di energie sufficienti durante il giorno.[1]
    • Parla con lui dei ritmi sveglia/sonno e dell'orario in cui deve coricarsi. Se ogni sera va a letto alla stessa ora, anche durante il fine settimana, riuscirà a regolarizzare il suo ciclo veglia/sonno e fornirà al corpo il riposo necessario. Per esempio, se deve svegliarsi alle 7 del mattino cinque giorni a settimana per andare a scuola, dovrebbe andare coricarsi non più tardi delle 22:30 per dormire otto ore piene. Inoltre, dovrebbe rispettare questi orari durante il fine settimana in modo da non sconvolgere i suoi ritmi naturali di veglia/sonno.
  3. 3
    Spiega l'importanza di rispettare gli impegni e le responsabilità. Molti adolescenti sono recalcitranti quando devono collaborare in casa o finire i compiti, perché non vedono alcun interesse in questo genere di cose. Possono pensare: "Che mi importa se dimentico di portare fuori la spazzatura o pulire la mia stanza?". In qualità di genitore, devi spiegare che, in realtà, neanche tu hai sempre voglia di rassettare casa o sbrigare altre incombenze e che preferiresti dedicare il tuo tempo ad altro. Tuttavia, è necessario portare a termine le faccende domestiche e altri compiti per poter essere responsabile nei confronti di tutta la famiglia.
    • Insisti sull'importanza del lavoro di squadra e sulla cooperazione tra tutti i membri della famiglia affinché le faccende e le responsabilità vengano distribuite equamente. Spiegando a tuo figlio che anche a te pesa doverti semptr occuparti della casa, ma che lo fai comunque per il bene di tutti, gli farai capire perché è necessario farsi carico di determinati compiti e portarli a termine. In questo modo, lo incoraggerai a fare il suo dovere come membro della famiglia.
  4. 4
    Controlla se esistono altri problemi in casa o a scuola. A volte, la pigrizia può essere un sintomo di altri problemi, come la mancanza di sonno, depressione, stress o altri conflitti familiari. Se tuo figlio sembra essere più indolente o pigro del solito e manifesta altri sintomi di depressione o ansia, siediti e parla con lui.
    • Se temi che possa soffrire di ansia o depressione, considera la possibilità di consultare il medico curante o uno psicologo per sapere come affrontare questa situazione.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Stabilire delle Regole di Base

  1. 1
    Organizza le faccende domestiche. Assegnandogli dei compiti, gli insegnerai quali sono le sue responsabilità e lo aiuterai a impratichirsi nei lavori di casa. Inoltre, lo spingerai ad alzarsi dal divano e mettersi in attività. Crea un programma suddividendo le incombenze di casa durante il giorno e distribuendo tutti i compiti tra tuo figlio e gli altri familiari, tra cui:[2]
    • Rassettare la sua camera;
    • Pulire il bagno;
    • Fare il bucato;
    • Spolverare e pulire le zone comuni;
    • Spazzare o lavare i pavimenti.
  2. 2
    Limita l'uso dei videogiochi e del computer. La maggior parte dei ragazzi si distrae facilmente e ha l'aria sonnolenta a causa del computer, dello smartphone o dell'ultimo videogioco in voga. Invece di proibire completamente l'uso dei dispostivi elettronici – cosa che potrebbe provocare scontri o litigi – poni dei limiti di tempo a questo genere di distrazioni — ad esempio, vietando lo smartphone durante la cena o i videogiochi dopo le 22:00. In questo modo, permetterai a tuo figlio di concentrare tempo ed energie sui compiti di scuola o sulle sue faccende domestiche. Gli impedirai anche di passare tutta la sera davanti al computer in modo che sia in forma per il giorno successivo.[3]
    • Quando stabilisci dei limiti, devi anche dare il buon esempio e, quindi, rispettare le stesse regole. Non portare il telefono a tavola mentre cenate se non gli consenti di usare il suo ed evita anche di guardare la televisione o giocare ai videogiochi dopo le 22:00. Così facendo, gli dimostrerai che anche tu sei in grado di seguire le stesse regole che hai stabilito per lui.
  3. 3
    Agisci di conseguenza se si comporta male. Se tuo figlio si oppone al fatto di dare un contributo in casa o non rispetta le regole che hai stabilito, sii fermo e chiaro sulle conseguenze a cui va incontro. Potresti punirlo in modo meno severo, vietandogli di uscire per una sera, o in maniera più drastica, riducendo la sua paghetta, proibendogli di usare il televisore o il computer per una settimana o di uscire per un certo periodo di tempo.
    • Dal momento che tra di voi sei tu l'adulto, devi mettere in atto le regole che hai stabilito e agire di conseguenza se disobbedisce. Potrebbe infastidirsi o arrabbiarsi, ma capirà le conseguenze delle sue azioni e probabilmente la volta successiva ci penserà due volte prima di trasgredire una regola o non fare un compito che gli hai assegnato.
    • Evita di reagire eccessivamente e dargli una punizione troppo rigida in caso di piccoli litigi o conflitti banali. Cerca di equiparare i castighi alla gravità degli errori.
  4. 4
    Mantieni la calma e non prendere troppo a cuore i commenti negativi. È molto probabile che si opporrà ai tuoi primi tentativi di imporgli le regole e affidargli le faccende domestiche, perciò preparati a discussioni e battibecchi. Mantieni il sangue freddo e non urlargli contro. Piuttosto, cerca di rispondere con calma e guarda la situazione con ottimismo. Reagirà sicuramente meglio se di fronte ha un genitore che, invece di perdere le staffe, dimostra autocontrollo.
    • Quando non ti ascolta, invece di toglierli l'uso del telefono o del computer, prova soltanto a chiedergli di fare qualcosa e resta lì a guardarlo finché non avrà messo da parte tutte le sue distrazioni e terminato quanto gli hai chiesto. Probabilmente considererà il tuo comportamento irragionevole o fastidioso, ma presto si renderà conto che, finché non si mette all'opera, non smetterai di guardarlo. Con questo sistema lo stimolerai di più di quanto non faresti assillando o urlandogli contro.[4]
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Motivare un Figlio Adolescente

  1. 1
    Analizza come passa il suo tempo. Osserva in che modo sembra pigro o perdere tempo. Passa tutto il giorno al computer? Preferisce leggere un libro invece di dare una mano in casa? Trascorre la maggior parte del tempo al telefono con gli amici e trascura le sue responsabilità. Prima di poter stabilire in che modo puoi motivarlo, devi capire quanto è pigro. Così facendo, arriverai a comprendere il suo modo di pensare e in base a quale schema si manifesta la sua pigrizia.
  2. 2
    Ricorri a un sistema di ricompense. Una volta che hai analizzato la pigrizia di tuo figlio, puoi sfruttare i suoi schemi comportamentali per creare un sistema di ricompense adatto alla situazione. Ad esempio, se si diverte a chattare dal cellulare, puoi dirgli che deve completare le faccende stabilite per quel giorno prima di poter inviare messaggi agli amici. In questo modo, considererà l'uso del telefono come un privilegio e una ricompensa per il fatto di aver dato un contributo in casa. In alternativa, se trascorre troppo tempo davanti al computer, digli che non potrà usarlo finché non avrà apparecchiato la tavola per cena o pulito la sua camera.
    • Sii preciso sui compiti che ti servono per ricompensarlo, in quanto devono spingerlo a fare il suo dovere con la sensazione che riceverà presto un premio. Fai attenzione alle sue preferenze quando decidi come premiarlo perché, se c'è interesse, le ricompense gli sembreranno più generose.
  3. 3
    Pagalo se svolge dei lavori domestici. Quasi tutti i ragazzi cercano di intascare qualche soldo in più, soprattutto se non ricevono una paghetta dai genitori. Dai a tuo figlio questa opportunità proponendogli dei lavori di riparazione in casa o in garage. In questo modo, lo invoglierai ad alzarsi dal divano e fare qualcosa di produttivo.[5]
    • Proponigli di tinteggiare una parete che ha bisogno di una ripulita oppure di mettere in ordine il garage o la cantina. Affidagli un lavoro all'aria aperta, come estirpare le erbacce o tagliare le siepi, per farlo uscire di casa e tenerlo lontano da qualsiasi distrazione.
  4. 4
    Incoraggialo a provare qualche sport o attività extrascolastica. Rifletti sulle capacità di tuo figlio: ad esempio, è portato per il teatro, gli interessa la pallacanestro o ha una passione per l'informatica? Incoraggialo a partecipare a una recita scolastica, a unirsi alla squadra di pallacanestro della scuola o a iscriversi a un corso di informatica. In questo modo, potrà dedicarsi a un'attività interessante e sviluppare talento e competenze.
  5. 5
    Fai volontariato con tuo figlio. Un altro modo per dargli il buon esempio è quello di trascorrere del tempo con lui facendo volontariato per una buona causa. Pensa a qualcosa da fare insieme che vi permetta di dare una mano agli altri ed evitare che si impigrisca.
    • Potreste semplicemente prestare aiuto per qualche ora alla mensa dei poveri o dare una mano come volontari in una fiera. Potreste dedicare il vostro tempo a una raccolta fondi o una colletta alimentare.
  6. 6
    Congratulati con tuo figlio per tutti i suoi successi. Quando sembra determinato a vincere un premio o ottenere un bel voto alle interrogazioni, fagli i tuoi complimenti. Capirà che apprezzi il suo impegno e i risultati che ha raggiunto.
    • Anche se puoi premiarlo dandogli una paghetta extra o concedendogli più tempo da passare al computer, sappi che per un adolescente l'incoraggiamento verbale può essere una ricompensa a tutti gli effetti.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Riconoscere la Posizione del Bambino nell'Utero

Come

Capire se sei Incinta

Come

Mettere Incinta la tua Ragazza

Come

Insegnare a un Bambino a Gattonare

Come

Fare in modo che un Neonato faccia il Ruttino

Come

Riconoscere i Segni di un Aborto Spontaneo

Come

Bloccare la Produzione di Latte Materno

Come

Far Rompere le Acque

Come

Ascoltare il Battito Cardiaco Fetale

Come

Girare un Bambino Podalico

Come

Far Smettere a Tuo Figlio di Masturbarsi in Pubblico

Come

Gestire un Bambino che Non Vuole Andare a Scuola

Come

Scoprire se Tuo Figlio Fa Uso di Marijuana

Come

Calcolare l'Ovulazione con un Ciclo Irregolare
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Trudi Griffin, LPC, MS
Co-redatto da
Counselor Professionale Registrata
Questo articolo è stato co-redatto da Trudi Griffin, LPC, MS. Trudi Griffin lavora come Counselor Professionale Registrata nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Counseling Psicologico Clinico alla Marquette University nel 2011. Questo articolo è stato visualizzato 6 471 volte
Categorie: Genitori
Questa pagina è stata letta 6 471 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità