Come Comportarsi con un Cattivo Capo

3 Parti:Migliorare la Vostra RelazioneAvere la Mentalità GiustaAgire

Una delle molte ragioni per le quali i lavoratori diventano infelici al lavoro è il cattivo management. Un cattivo capo può trasformare anche un buon ambiente in un posto di lavoro sgradevole ed infelice. Loro hanno il potere di assegnare compiti buoni o cattivi, e perfino di licenziare. Questo squilibrio di potere costituisce la ragione per la quale è così importante avere una buon rapporto con il tuo superiore. Tu non devi essere inerme e accettare silenziosamente un cattivo capo, ma devi alzare la voce per tentare di cambiare la situazione. Tuttavia, devi renderti conto che alcuni dirigenti si comportano male intenzionalmente perché ricevono dei benefit e tu potresti essere visto come una minaccia, nel qual caso devi sapere come difenderti. Se vuoi sapere come comportarti con il tuo capo cattivo e migliorare il tuo ambiente di lavoro, inizia a leggere dal Passaggio 1.

Parte 1
Migliorare la Vostra Relazione

  1. 1
    Parla. Se non riesci ad avere una buona relazione con il tuo capo, non dovresti indugiare in silenzio. Parlare con il tuo boss riguardo ai tuoi problemi in modo calmo, educato e professionale può portarvi a lavorare insieme per risolverli. Il tipo di relazione che avete e la personalità del tuo capo naturalmente devono influenzare il tuo approccio alla conversazione, ma in generale, dire qualcosa e cercare di migliorare la vostra relazione è meglio di arrabbiarsi e sentirsi frustrati e non essere in grado di portare a termine il mio lavoro.[1]
    • Saresti sorpreso di quanti capi non hanno idea che le persone che gestiscono si sentono trascurate, arrabbiate, frustrate o pensano di ricevere segnali ambigui. Quando esprimerai le tue preoccupazioni al tuo capo, sarà grato che avrai detto qualcosa.
    • Se non dirai mai niente a riguardo, non ci sono possibilità che il tuo rapporto di lavoro o l'ambiente lavorativo migliorino. Dire qualcosa è spiacevole, ma ne varrà la pena nel lungo periodo.
    • Dovresti decidere in anticipo cosa dire, chiedere al tuo capo un momento per un colloquio e arrivare preparato con prove ed esempi di situazioni in cui ti sei sentito frustrato.
  2. 2
    Lavora con il tuo capo, non contro di lui. Anche se potresti provare soddisfazione a sabotare il tuo capo o a farlo apparire stupido o incompetente, nel lungo periodo è molto meglio aiutare il tuo capo a fare bella figura e raggiungere obiettivi che rappresentino il bene tuo e della società. Se passerai il tuo tempo a far sembrare incompetente il tuo capo alle riunioni, o a sabotare i suoi sforzi per concludere un lavoro, non farai altro che avvelenare la vostra relazione e il tuo ambiente di lavoro. Invece di cercare di migliorare la tua situazione, prova ad aiutare il tuo capo ad ottenere degli obiettivi e tutto andrà meglio.[2]
    • Certamente l'ultima cosa che vorresti fare è lavorare con qualcuno che non ti rispetta molto. Ma sarà sempre meglio che scontrarsi con lui.
  3. 3
    Prendi nota di tutte le vostre interazioni. Anche se documentare tutte le cose fastidiose o orribili che ti ha fatto il tuo capo non ti sembra il passatempo più divertente, dovresti iniziare a farlo se pensi che la situazione sia sfuggita di mano. Conserva tutte le email negative, salva i promemoria che provano che il tuo capo dà messaggi contraddittori, e fai quello che puoi per documentare i vostri problemi professionali. Questo è consigliabile per due motivi:[3]
    • Per prima cosa, se tu e il tuo capo discutere della vostra relazione problematica e il tuo capo ti dicesse che non sai di cosa stai parlando, avrai qualcosa da portare come prova. Se il tuo capo ti sentirà dire che i suoi messaggi sono confusi, non sarà efficace come mostrargli due email con messaggi completamente opposti.
    • Se il tuo capo è il tipo di persona che ti potrebbe accusare in modo falso, documentando tutte le vostre interazioni potrai riabilitare il tuo nome.
  4. 4
    Non parlare male del capo con i colleghi. Dire cose negative sul tuo capo davanti ai colleghi non farà altro che mettere benzina sul fuoco e nel peggiore dei casi può farti finire nei guai. Anche se potresti essere tentato di sfogarti riguardo allo stile manageriale del tuo capo, non dovresti rivelare i tuoi sentimenti negativi. Trovare conforto dai tuoi colleghi non ti aiuterà a risolvere i problemi con il tuo capo, e se uno di loro volesse farti uno sgarbo, potrebbe riferire tutto al tuo superiore.
    • Dovresti evitare in particolar modo di dire qualcosa di negativo sul tuo capo ai tuoi superiori. Questo non aiuterebbe la tua reputazione. Ricorda che dovresti dare l'impressione di essere una persona che va d'accordo con tutti, non un rompiscatole che si lamenta sempre di tutti in ufficio.
  5. 5
    Anticipa i problemi prima che accadano. Un altro modo per migliorare la relazione con il tuo capo è fare attenzione ai problemi futuri e cercare di prevenirli prima che si presentino. Pensa di dover cercare di prevenire i capricci di un bambino piccolo: se sentirai il tuo capo che inizia a sbraitare dall'altra parte del corridoio, prepara qualcosa da dire per calmarlo, oppure trova un modo per chiamarti fuori dalla situazione. Se conosci molto bene il tuo capo, dovresti sapere quali cose lo irritano, e farai bene a ideare un piano prima che le cose volgano al peggio.[4]
    • Se sai che un collega sta per parlare di un grosso problema in ufficio a una riunione, puoi parlare con il tuo capo in anticipo per prepararlo.
    • Se sai che il tuo capo è di cattivo umore quando piove e rimane bloccato nel traffico, preparati con delle buone notizie quando si presenterà alla porta del tuo ufficio.
  6. 6
    Lavora sulle debolezze del tuo capo. Potresti essere tentato di sfruttarle, ma questo non ti permetterebbe di fare molta strada nella tua società o nel tuo ambiente di lavoro. Cerca invece di aiutarlo a contrastare queste debolezze, così che tutto vada in modo più efficiente e con meno conflitti. Se il tuo capo fa sempre tardi alle riunioni, offriti di essere tu a iniziarla. Se il tuo capo è disorganizzato, offriti di correggere il prossimo rapporto prima di doverlo presentare ai clienti. Cerca dei modi per aiutare davvero il tuo capo e cogli le opportunità che si presentano.[5]
    • Se aiuti il tuo capo a lavorare meglio, la vostra relazione migliorerà. Il tuo capo potrebbe persino esserti grato.
  7. 7
    Elogia il tuo capo quando fa qualcosa di giusto. Molti manager non ricevono mai elogi perché si crede erroneamente che gli elogi dovrebbero essere diretti soltanto dai manager agli impiegati. Affrontare il tuo superiore per offrigli consiglio può renderti nervoso, ma i buoni manager sono veramente grati per opinioni utili e costruttive, e apprezzeranno ogni opportunità per migliorare il loro lavoro. Tuttavia, stai attento a non adulare un capo cattivo, poiché potresti non essere capito.
    • Il tuo capo sarà impressionato dai tuoi tentativi di farlo sentire meglio riguardo al suo stile manageriale e tutto andrà meglio.

Parte 2
Avere la Mentalità Giusta

  1. 1
    Ricorda che c'è una differenza tra una cattiva relazione e un cattivo capo. Un capo cattivo è colui che si comporta male intenzionalmente e non è disponibile a trattarti in modo aperto e onesto. Una cattiva relazione è l'impossibilità di comunicare o lavorare insieme per raggiungere obiettivi che beneficiano entrambi. Per risolvere la situazione con il tuo capo, dovresti concentrarti sulla relazione e non sulla persona. Questo ti aiuterà a rimanere calmo e a trovare un modo produttivo per risolvere la situazione.
  2. 2
    Assicurati di comportarti in modo giusto. Prima di dare la colpa al tuo capo per tutti i problemi nel vostro rapporto, dovresti chiederti se c'è qualcosa delle tue prestazioni che potresti migliorare. Potresti pensare di comportarti in modo perfetto, ma dovresti assicurarti di soddisfare davvero gli obiettivi da raggiungere, fare la tua parte nei progetti e comunicare in modo efficace. Chiediti se c'è qualcosa che puoi fare per migliorare il tuo comportamento, e se questo potrebbe portare ai problemi che hai con il capo.[6]
    • Naturalmente, c'è la possibilità che il tuo capo sia del tutto irragionevole e non ci sia modo per migliorare il modo in cui ti tratta. Ma è meglio non trascurare la tua parte nel vostro rapporto.
  3. 3
    Non perdere il senso dell'umorismo. Una sana dose di umorismo può aiutarti a gestire la relazione con il tuo capo e a non prenderla troppo sul serio. Anche se i conflitti sul posto di lavoro non sono per niente divertenti, dovrai fare un passo indietro e ricordare che, in fin dei conti, il tuo lavoro non è tutta la tua vita e che hai molte relazioni significative e altri interessi fuori dal lavoro che danno senso alla tua vita. La prossima volta che il tuo capo ti fa sentire frustrato o ti infastidisce, impara a farti una risata, scrollare le spalle e non prendere sempre tutto troppo sul serio.[7]
    • Naturalmente, se il tuo capo è offensivo, ti discrimina, o si comporta in modo incredibilmente fuori luogo, non c'è niente da ridere. Ma imparare a ridere dei fastidi della vita di tutti i giorni può aiutarti a migliorare il tuo atteggiamento nei confronti del rapporto di lavoro.
  4. 4
    Sii sempre professionale. Anche se potresti essere tentato di parlare male del tuo capo, comportarti in modo infantile, arrivare al lavoro in ritardo o fare qualcosa di sciocco come rubare la penna del tuo capo, queste tattiche non ti aiuteranno. Anche se scoprissi che il tuo capo è infantile o immaturo, non dovresti scendere al suo livello, ma dovresti sempre mantenere un atteggiamento professionale - dopo tutto, devi ricordare di essere al lavoro, non stai facendo una rissa in un bar e non stai insultando un amico al telefono. Mantieni la calma e la dignità, così sarà il tuo capo a dare esempio di non professionalità quando avrete un conflitto.[8]
    • Se agisci in modo non professionale, questo si rifletterà negativamente su di te e sul tuo futuro nella società. Non vorrai che le altre persone pensino che tu sia infantile solo perché il tuo capo ti fa impazzire.
  5. 5
    Non combattere il fuoco con il fuoco. Se tu e il tuo capo avete un alterco, potresti avere la tentazione di rispondere con parole dure e un linguaggio offensivo, ma ciò ti darebbe solo un sollievo temporaneo. Anche se il tuo capo si arrabbia con te, dovresti evitare di usare un linguaggio offensivo, di attaccarlo sul piano personale o di fare qualunque cosa di irragionevole per sfogarti. Anche se potresti sentirti meglio sul momento, nel lungo periodo non farai altro che peggiorare il vostro rapporto e passare dalla parte del torto. Dovrai comportarti da gentiluomo, e non abbassarti al livello del tuo capo.
    • Se ti accorgi che ti stai arrabbiando al punto da rischiare di dire qualcosa di cui ti pentirai, scusati e torna quando ti senti pronto a parlare di nuovo.
  6. 6
    Concentrati sul problema e non sul tuo capo. Se ti concentrassi sul tuo capo, ti sentirai frustrato e renderai la questione personale. Invece di arrabbiarti con il tuo capo perché è disordinato, perché ti confonde o perché è distante, dovresti cercare di risolvere il tuo problema al lavoro, che si tratti di rendere le riunioni più efficienti o di rendere più facile il lavoro in concerto con i colleghi per ovviare ai messaggi confusi del tuo capo. Cerca di capire come risolvere il problema, lavorando con il tuo boss e per conto tuo.
    • Pensare al problema di lavoro invece che al comportamento frustrante del tuo capo ti permetterà di essere più produttivo nel tuo tentativo di migliorare la situazione. Se ti concentrerai di più sul comportamento del tuo capo, rischierai di rendere la questione personale.

Parte 3
Agire

  1. 1
    Parla con il tuo supervisore. Se il problema è davvero sfuggito di mano, la soluzione migliore è parlare con il supervisore del tuo capo o con una persona di grado superiore all'interno della società. Se hai provato di tutto o se hai pensato alle possibili soluzioni e hai capito che non c'è niente da fare, la scelta migliore è portare il problema al livello superiore di comando. Parla con il tuo supervisore. Esprimi chiaramente che vorresti davvero migliorare le cose per la società, ma che non sei riuscito a lavorare con il tuo capo. Parla col massimo della calma e della professionalità, anche se sei arrabbiato.
    • Concentrati sulla produttività, e non sulle emozioni. Non lamentarti di quanto il tuo capo sia cattivo o scortese, ma piuttosto di aspetti relativi al lavoro, ad esempio come la mancanza di comunicazione renda difficile lavorare.
    • Non parlare male del tuo capo al tuo supervisore. Sii il più gentile possibile quando dai voce alle tue preoccupazioni. Non dire che il tuo capo è pazzo o completamente fuori di sé; spiega invece come sia stato leggermente inflessibile o abbia cambiato spesso l'obiettivo del gruppo di lavoro. Non rischiare di dire qualcosa che possa dare l'idea che tu non riesca a mantenere la calma o avere un buon rapporto con gli altri.
  2. 2
    Trova un altro mentore all'interno della società. Il tuo capo non deve essere il tuo unico riferimento al lavoro. Se non vuoi lasciare la tua posizione ma hai un rapporto difficile con il tuo capo, faresti meglio a trovare un'altra persona nella società con cui sia piacevole lavorare e che possa insegnarti molto, così da poterti concentrare su una relazione più positiva. Se hai lavorato con qualcuno che ammiri molto, cerca di trovare un modo per passare più tempo con lui e di imparare; questo servirà a migliorare la tua esperienza lavorativa.[9]
    • Se tu e questa persona avete un rapporto amichevole e di cooperazione, potrebbe aiutarti a trovare delle strategie per lavorare con il tuo capo. Non servirà parlare male del capo per ricevere dei consigli su come gestire il rapporto con lui. Questa persona potrà darti consigli molto preziosi, soprattutto se lavora nella società da più tempo di te.
  3. 3
    Chiedi di essere trasferito in un dipartimento diverso. Un altro modo per risolvere un problema con un capo cattivo, una volta capito di non poter lavorare insieme, è semplicemente chiedere di essere trasferito in un dipartimento diverso della società. Se vuoi rimanere in società, ma hai capito che non puoi più lavorare con il tuo capo, la scelta migliore è parlare con il tuo supervisore per trovare una posizione più adatta a te all'interno della società. Potresti essere in grado di avviare una relazione di lavoro migliore con un capo più comprensivo.
    • Se hai lavorato bene con altre persone in passato e hai capito che è semplicemente impossibile lavorare con questo particolare capo, questo non avrà un impatto negativo su di te. In effetti, sarai ben visto per aver preso l'iniziativa e migliorato la tua situazione.
  4. 4
    Agisci se pensi di essere stato discriminato. Se questo è il tuo caso, è importante consultare il tuo sindacato o un avvocato del lavoro se ritieni di essere stato discriminato e fai parte di una classe protetta. Alcuni conflitti coinvolgono disaccordi sulla legalità di certe azioni. Gli informatori che segnalano delle violazioni possono avere la protezione legale e possono provare a discutere delle loro preoccupazioni con enti fuori dalla catena di comando della società.[10]
    • Se il conflitto nasce da una frode atta a derubare il governo, gli informatori devono seguire una procedura speciale per proteggere i loro diritti.
  5. 5
    Considera se vale la pena lasciare il tuo lavoro. Se la situazione con il tuo capo è degenerata al punto che non riesci a vedere una soluzione se non l'abbandono della compagnia, dovrai riflettere bene per capire se sia la cosa giusta da fare. Se la tua situazione di lavoro ti crea problemi di salute, o reca danno al tuo benessere generale, e non c'è la possibilità di essere trasferito o di migliorare la situazione, potrebbe essere il caso di andarsene. Ricorda però che può essere piuttosto difficile trovare un altro lavoro, soprattutto nella congiuntura economica attuale, e dovresti considerare se vale la pena di rimettersi a cercare.[11]
    • Naturalmente, puoi fare quello che fanno molte persone che non sono felici del loro lavoro: iniziare a candidarti per altre posizioni senza lasciare il tuo lavoro. Questo può renderti un candidato più desiderabile perché sei già impiegato, e ti darà un'idea della domanda sul mercato per un professionista come te.
    • Se però la tua situazione è davvero intollerabile, non puoi trovare la scusa della scarsa domanda sul mercato per costringerti a rimanere. Sarai tu a dover stabilire il punto di non ritorno.
  6. 6
    Fai delle ricerche prima di cambiare lavoro. Alcune persone sono così desiderose di cambiare lavoro da accettare senza pensare tutte le altre offerte che ricevono. Prima però di prendere una decisione sul tuo futuro, dovresti parlare con le persone della nuova società, con il tuo futuro capo e assicurarti di non finire dalla padella nella brace. Anche se non vedi l'ora di andartene, non dovresti rischiare di avviare una situazione che non sia migliore di quella che stai lasciando alle spalle.[12]
    • Quando accetti una nuova offerta di lavoro, dovresti farlo senza pregiudizi sul tuo futuro capo. Una volta fatta questa scelta, potrai iniziare una nuova vita lavorativa sana e produttiva.

Avvertenze

  • Tutte le azioni legali hanno dei limiti di tempo per essere intentate, e talvolta sono tempi molto stretti. Consultati con sindacato o con un avvocato il prima possibile.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Il Mondo del Lavoro

In altre lingue:

English: Deal with a Bad Boss, Español: lidiar con un mal jefe, Русский: вести себя с плохим начальником, Português: Lidar com um Chefe Ruim, Français: travailler avec un mauvais chef, 中文: 应对一个坏老板, Deutsch: Mit einem schlechten Chef umgehen, Nederlands: Omgaan met een slechte baas

Questa pagina è stata letta 53 554 volte.

Hai trovato utile questo articolo?