Anche se sei convinto di aver preso la decisione giusta, quando si tratta di comunicare in azienda la tua intenzione di licenziarti dal lavoro puoi essere molto nervoso. Sia che tu abbia trovato un nuovo lavoro - nel qual caso le congratulazioni sono d'obbligo - sia che tu voglia lasciare perché sono cambiate le circostanze, la cosa più importante è congedarsi con stile. Per comunicare la notizia, devi essere schietto con il tuo capo e mostrare gratitudine nei confronti dell'azienda. Quando te ne vai, inoltre, evita di tagliare nettamente i ponti con l'azienda.

Metodo 1 di 3:
Preparati per il Colloquio con il tuo Capo

  1. 1
    Prima di parlarne con chiunque altro, comunicalo al tuo capo. Una delle cose più importanti quando ci si licenzia dal lavoro è fare in modo che il capo non dica "Lo sapevo già". Anche se muori dalla voglia di far sapere ai tuoi colleghi più cari che hai trovato un nuovo lavoro, tieniti la notizia per te e per i tuoi più stretti familiari prima di farla sapere al tuo capo. Devi farlo come forma di rispetto verso il tuo capo e per deontologia professionale.
    • Non comunicare la notizia neanche sui social network. Prima devono saperlo il tuo capo e i tuoi colleghi, poi il resto del mondo.
  2. 2
    Fallo di persona. A meno che non abitiate in due zone molto distanti del Paese, devi avere l'accortezza di chiedere un incontro con il tuo capo per comunicargli personalmente la decisione di lasciare l'azienda. Anche se non hai confidenza con il tuo capo o non sei in buoni rapporti con lui, devi fare lo sforzo di incontrarlo di persona piuttosto che scrivergli una lettera o una email. In questo modo fai vedere che hai preso sul serio il tuo lavoro e che vuoi andartene lasciando una buona impressione.
    • Se il tuo capo vive lontano da te, una telefonata è comunque meglio di una lettera o di una email. .
  3. 3
    Pensa a cosa faresti nell'eventualità di una contro-proposta. Potresti restare stupito dalla velocità con cui il tuo capo ti fa una contro-proposta per farti restare. Ora, se il motivo principale della tua intenzione di licenziarti è la scarsa remunerazione, questa potrebbe essere l'occasione per ripensarci. Pensa a quale sarebbe l'aumento di salario che ti convincerebbe a restare. E' importante pensarci bene prima, per non restare spiazzato e per non commettere errori al momento della conversazione con il tuo capo.
    • Se l'aumento a cui pensi ammonta a non meno di 100 euro al mese, non dovresti accontentarti di 50 euro solo per fare contento il tuo capo. Detto questo, in un caso simile dovresti tornare sui tuoi passi e decidere di rimanere solo se il tuo problema principale è il compenso, perché il denaro non risolve tutti gli altri problemi che potresti aver incontrato nel luogo di lavoro. [1]
  4. 4
    Assicurati di avere un piano di transizione: appena avrai dato il preavviso del licenziamento, il tuo capo vorrà sapere in che modo pensi di concludere il tuo lavoro in azienda. Devi pianificare come portare a termine i progetti su cui stavi lavorando, come passare il testimone ai colleghi che ti sostituiranno, come spiegare i sistemi che hai elaborato, come gestire il passaggio con i vecchi clienti e quant'altro possa servire all'azienda per andare avanti senza intoppi anche dopo la tua uscita di scena. Tutto ciò impressionerà favorevolmente il tuo capo e aggiungerà una nota positiva alla situazione. [2]
    • Inoltre farai vedere che ci hai pensato tanto prima di prendere la decisione di licenziarti e che ti preoccupa quello che succederà in azienda dopo di te.
  5. 5
    Preparati a dover andare via quel giorno stesso. Anche se è importante preparare un piano di transizione, potresti per tua sfortuna trovarti di fronte un capo arrabbiato che ti chiede di lasciare subito l'azienda. In questo caso, preparati a prendere tutti i tuoi oggetti personali il più velocemente possibile. Non è necessario svuotare il tuo armadietto prima di parlare con il capo, però almeno prendi dall'ufficio tutti i documenti e le pratiche importanti e portateli via, qualora ti venisse richiesto di andartene immediatamente.
    • Anche se generalmente non accade, il tuo capo potrebbe arrabbiarsi notevolmente ed avere una reazione emotiva. Preparati ad un'eventualità di questo tipo per sapere in anticipo cosa fare in questi casi.
  6. 6
    Considera ciò che faresti se ti venisse chiesto di rimanere più a lungo. Può darsi che il tuo capo ti chieda di rimanere una settimana o due in più o due per aiutare l'azienda a rimettersi in carreggiata. Se sei flessibile con la data d'inizio del nuovo lavoro e ti preoccupi davvero che l'azienda continui a funzionare bene anche in tua assenza, allora dovresti prima chiedere a te stesso se sei disposto a rimanere ancora un po'.
    • Se sei fermamente convinto di prenderti una pausa dopo il licenziamento per schiarirti le idee e per riposare la mente, devi avere questa idea ben presente a te stesso quando parli con il capo: dopotutto lui non può costringerti a restare, tranne che non ci sia qualcosa che l'azienda non è assolutamente in grado di fare senza di te.
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Parla con il Capo

  1. 1
    Comunica la notizia. Quando parli con il capo, le parole d'ordine sono brevità e garbo. Digli semplicemente che intendi lasciare il lavoro, comunica quando sarà il tuo ultimo giorno e ringrazialo per l'opportunità che ti ha dato. Il tuo capo potrebbe chiederti di riferirgli altri dettagli, ma tu non devi sentirti costretto ad aggiungere altro. L'importante è comunicargli le tue intenzioni in maniera chiara e inequivocabile.
    • Non sarà facile né divertente, ma quando gli avrai detto tutto ti sentirai sollevato. Non perdere tempo in chiacchiere e vai subito al dunque.
    • Scegli con cura le parole da usare. Digli che ti dispiace condividere questa notizia con lui e che è un peccato dover lasciare, piuttosto che riferirgli bruscamente che te ne vai.
  2. 2
    Non farne una questione personale. Anche se puoi essere tentato di dire al tuo capo che hai la sensazione che il tuo pieno potenziale non sia mai stato realizzato, che eri sempre accondiscendente, che nessuno ha preso sul serio le tue idee, o che la cultura aziendale soffocava ogni tentativo di divertimento e socializzazione, riferire queste cose non servirà a nulla, adesso che stai per lasciare il lavoro. Riserva le tue lamentele personali ai tuoi amici e cerca di concentrarti sul fatto che il tuo obiettivo è un avanzamento di carriera, non certo risolvere delle questioni personali. [3]
  3. 3
    Riferiscigli quello che ritieni necessario. Non c'è bisogno che entri nei dettagli circa le motivazioni che ti hanno spinto a dimetterti. Se non c'è un altro lavoro in prospettiva, non è necessario che dica al tuo capo perché odiavi quel lavoro. Se invece hai già un altra occupazione, puoi spiegargli che cercavi l'occasione per un avanzamento di carriera - senza specificare quanto sarai pagato in più - e che eri stanco di essere trattato come una persona di poco valore. [4]
    • Il capo potrebbe chiederti se hai un altro lavoro e domandarti tutti i dettagli della nuova occupazione. Non sei obbligato ad aggiungere nulla: basta dolo dirgli che sei entusiasta per la nuova opportunità. .
  4. 4
    Chiedi informazioni. Anche se sei molto concentrato sulla decisione che hai preso e su come riferire la notizia, tanto da non pensare a quello che succederà dopo, è importante informarsi sugli aspetti tecnici del licenziamento, prima di lasciare l'ufficio del capo. Chiedi informazioni sui benefici per i dipendenti e sulle condizioni stipendiali, informati su tutto ciò che riguarda le ferie non godute e le indennità di malattia e vedi se è possibile mantenere, estendere o liquidare il tuo piano pensionistico. Se il tuo capo è troppo arrabbiato o emotivo, allora ti conviene rimandare queste domande ma senza procrastinarle troppo. In ogni caso è meglio informarsi su queste cose già durante l'incontro in cui comunichi la tua intenzione di lasciare il lavoro. [5]
    • É importante ottenere tutti i benefici che ti spettano, prima di rassegnare le dimissioni. Non lasciare nessun compenso cui hai diritto soltanto perché ti senti in colpa per esserti licenziato.
  5. 5
    Offri la tua consulenza per assumere un sostituto. Se davvero hai a cuore il successo dell'azienda, allora una cosa che puoi fare è quella di offrire il tuo aiuto per assumere un sostituto in modo che la tua posizione non rimanga vacante per troppo tempo. Probabilmente conosci i dettagli del tuo lavoro meglio di chiunque altro, quindi puoi essere una grande risorsa per trovare- e anche per formare, se c'è tempo – un sostituto che ti rimpiazzi perfettamente. Questa tua disponibilità offrirà un grande sollievo al tuo capo e contribuirà ad alleviare la perdita.[6]
    • Ovviamente, se non ne puoi più dell'azienda non sei tenuto a farlo, ma se vuoi restare in buoni rapporti con i tuoi ex colleghi, questo può aiutare.
  6. 6
    Evita la reazione emotiva. È naturale che rinunciare al lavoro ti possa procurare una reazione emotiva, soprattutto se nutri sentimenti ambivalenti verso il lavoro o se hai lavorato lì per un lungo periodo di tempo. Tuttavia, se desideri che le cose vadano nel modo migliore possibile, allora devi cercare di mantenere la calma, evitare di arrabbiarti o dire qualcosa di cui potrai pentirti. Se ti accorgi che stai perdendo la calma, prendi un bel respiro. [7]
    • Se fra te e il tuo capo si è creato un rapporto stretto è naturale provare un po' di tristezza. Tuttavia, è importante mantenere la calma il più possibile, in modo da portare avanti il tuo piano senza il timore di essere dissuaso.
  7. 7
    Dai giudizi positivi invece di lamentarti. Anche se senti il bisogno di dire al tuo capo quali sono le sue dieci qualità peggiori e vorresti fargli conoscere dettagliatamente ogni singolo aspetto del tuo lavoro che odi totalmente, dovresti evitare questo tipo di pensieri. Sono completamente improduttivi e serviranno solo a rendere il tuo capo arrabbiato o triste. Esprimere dei giudizi quando si fa parte ancora di un'azienda nella speranza di migliorare le cose va bene, ma dal momento che hai già deciso di andartene, parla soltanto degli aspetti positivi del lavoro che ti accingi a lasciare, piuttosto che lamentarti o inveire.[8]
    • Se proprio devi lamentarti del tuo lavoro, riferisci ad un amico tutte le cose che non ti piacevano. Quando parli con il tuo capo concentrati solo sugli aspetti positivi e se sinceramente non te ne viene in mente nessuno, allora la politica migliore è il silenzio.
  8. 8
    Ringrazia il capo per tutto quello che ha fatto per te. Anche se la conversazione non dovesse finire nel migliore dei modi o non sta procedendo molto bene, è importante congedarsi con una nota di ringraziamento. Fai capire al tuo capo che sei riconoscente per quello che ha fatto per te e che sei grato per tutte le opportunità che hai avuto e per tutte le competenze che hai acquisito. Impegnati a guardare il tuo capo negli occhi dicendogli un grazie sincero. Questo lascerà una buona impressione e renderà più facile proseguire la conversazione.
    • Ti conviene pensarci bene in anticipo per citare esempi concreti di progetti per la cui realizzazione il tuo capo ti ha aiutato , o di competenze che hai costruito grazie al suo supporto. .
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Concludi il tuo Lavoro

  1. 1
    Comunicalo ai tuoi colleghi. Prenditi il tempo necessario per informare i tuoi colleghi che stai lasciando l'azienda. Non devi dirlo necessariamente a tutti, ed ai colleghi con cui non interagivi spesso puoi notificarlo soltanto via email, se necessario. Tuttavia, se ci sono persone con le quali hai costruito dei legami, o anche solo persone con cui hai lavorato per anni, resterai sorpreso da quanto saranno tristi nel vederti andare via. Prenditi il tempo necessario per comunicarglielo individualmente e per dimostrare loro che ti stanno davvero a cuore e che ti mancheranno tanto.
    • Comunica ai tuoi colleghi la notizia con pacatezza e ponderazione. Non farlo in modo sbrigativo e con leggerezza, perché è probabile che ne saranno colpiti a livello emotivo.
  2. 2
    Non parlare male del lavoro in azienda con i tuoi ex colleghi. Magari ti senti sollevato per esserti finalmente licenziato, ma questo non significa che i tuoi colleghi provino gli stessi sentimenti. Evita di denigrare il lavoro che stai lasciando, dicendo che il capo era un idiota e che non vedevi l'ora di iniziare qualcosa di nuovo. Questo lascerebbe un cattivo ricordo di te e i tuoi ex colleghi potrebbero sentirsi amareggiati e risentiti per il fatto che te ne vai. [9]
    • Inoltre gli altri colleghi che come te stanno cercando un nuovo lavoro ma non riescono a trovarlo potrebbero provare sentimenti di gelosia e amarezza.
    • Infine, se ti lamenti con loro del vecchio lavoro, il tuo capo potrebbe venire a saperlo e ciò renderebbe i vostri rapporti più difficili.
  3. 3
    Rimani tutto il tempo che hai concordato con il capo. Se hai promesso al tuo capo che saresti rimasto per altre due settimane o anche di più, allora dovresti attenerti a quel lasso di tempo. Meglio terminare lasciando un'impressione positiva piuttosto che uscire di scena frettolosamente perché ti senti già con le valigie pronte. Lascia un ricordo durevole del tuo lavoro in azienda mantenendo la promessa finale e sii orgoglioso di te stesso per aver colpito favorevolmente i tuoi colleghi.
    • Speri che il tuo capo ti offra delle referenze lusinghiere per i tuoi lavori futuri, quindi non dovresti fare nulla che possa indurlo a cambiare opinione su di te.
  4. 4
    Scrivi una lettera formale, se necessario. Alcune aziende chiedono di scrivere una lettera di dimissioni anche dopo aver dato il preavviso: lo fanno per avere una dichiarazione scritta da conservare nei loro registri. La lettera dovrebbe mantenersi su un tono amichevole, conciso e chiaro. Tutto quello che devi fare è rivolgerti direttamente al tuo capo, dichiarare che hai deciso di dare le dimissioni e specificare la data in cui lascerai il lavoro. Facoltativamente puoi decidere se aggiungere o meno le ragioni delle dimissioni, anche se non c'è bisogno di dire nulla di negativo o di scendere nei dettagli circa tutte le cose che non ti piacciono dell'azienda.[10]
    • Scrivi la tua lettera a mente fredda e mantenendo la calma. L'azienda la conserverà nei suoi registri e potrà utilizzarla in caso di richiesta da parte dei tuoi futuri datori di lavoro, quindi non scrivere nulla di cui potresti pentirti, perché non potrai più tornare indietro.
  5. 5
    Mostra gratitudine. Prima di lasciare definitivamente il lavoro, è importante dedicare il tempo necessario ai saluti e ai ringraziamenti, da rivolgere a tutte le persone che ti hanno aiutato durante tutto il percorso lavorativo, dal capo, ai manager, ai colleghi fino ai clienti e a tutti coloro che hanno avuto a che fare con te nel luogo di lavoro. Così facendo dimostri che hai pensato molto alla tua esperienza lavorativa in quell'azienda e che l'hai apprezzata davvero, quindi non vuoi andartene con il naso per aria. Puoi anche scrivere dei biglietti di ringraziamento per mostrare la tua riconoscenza, oppure prenderti la briga di esprimere personalmente ad ognuno di loro quanto sono stati preziosi per te. [11]
    • Forse hai la sensazione che il tuo lavoro non è stato apprezzato abbastanza e sei tentato di sparire il più velocemente possibile. Tuttavia, ringraziare le persone è una forma di cortesia, quindi metti da parte l'orgoglio e trova qualcosa di cui essere grato nei loro confronti.
  6. 6
    Concludi eventuali progetti incompiuti. Durante i tuoi ultimi giorni di lavoro, dovresti dare il massimo per portare a termine qualsiasi lavoro incompiuto in modo che il tuo capo e l'azienda possano gestire al meglio il periodo di transizione dopo il tuo licenziamento. Cerca di concludere i progetti ancora in sospeso, aiuta gli altri dipendenti o i nuovi assunti a prenderli in consegna e porta a termine tutto quanto non potrebbe essere fatto senza di te. Si consiglia di mettere giù un elenco delle attività che devi completare prima di abbandonare il posto di lavoro, in modo da non lasciare il tuo capo in difficoltà.
    • Chiaramente potrebbe essere difficile portare a termine tutti i progetti in sospeso nelle ultime due o tre settimane in azienda.
  7. 7
    Se annunci il tuo nuovo lavoro sui social network, fallo con garbo. Puoi scrivere che sei entusiasta all'idea di iniziare un nuovo lavoro, ma evita di menzionare il tuo vecchio lavoro o, se proprio vuoi, scrivi qualcosa di carino su tutte le cose che hai imparato. Evita di scrivere che sei contento per aver lasciato quel luogo orribile e che sei stufo di lavorare con degli idioti incompetenti. Può darsi che su Facebook tu non abbia nessun amico tra gli ex colleghi di lavoro, ma devi comunque stare attento a quello che dici, perché le persone sanno come fare per scoprire se qualcuno sta parlando male di loro sui social network.
    • Peraltro, se il capo della tua nuova azienda vede che scrivi messaggi del genere sui social network, si domanderà sicuramente se si può fidare di te e metterà in dubbio la tua lealtà. Di conseguenza sarà diffidente nel relazionarsi con te.
  8. 8
    Rimani concentrato fino al tuo ultimo giorno di lavoro. Forse ritieni impossibile restare concentrato durante le ultime due settimane di lavoro, quando sai di avere una opportunità più interessante che ti aspetta. Tuttavia, ti conviene dare il meglio di te stesso per realizzare tutto ciò che bisogna fare: sii amichevole con i colleghi, attento durante le riunioni e porta a termine il tuo carico di lavoro ogni giorno. Trascorri le tue ultime giornate di lavoro mostrando un umore allegro e leggero - per quanto sia possibile - non vuoi che le persone ti ricordino per aver mostrato un atteggiamento negativo.[12]
    • Una delle cose più importanti che puoi fare è restare a lavorare tutto il giorno. Non andare via troppo presto o ti attirerai gli sguardi dei colleghi, dando l'impressione che ti senti sprecato quel lavoro. Non ti piacerebbe lasciare negli altri un ricordo simile di te.
  9. 9
    Ricorda di lasciare un'impressione positiva. In definitiva, questa è la cosa più importante de fare negli ultimi giorni di lavoro in azienda. Anche se hai la sensazione di aver lavorato in un ambiente asfittico in cui tutti erano piuttosto meschini e maliziosi, mantieni un profilo alto e non dire alla gente quello che pensi veramente. Concludi i tuoi ultimi giorni di lavoro sempre con il sorriso sulle labbra, in modo tale che tutti ti ricordino come una persona allegra e laboriosa. Il tuo capo potrà fungere da referenza positiva nel tuo futuro lavorativo, quindi non rovinare tutto il duro lavoro che hai appena concluso comportandoti da ingrato nelle ultime settimane di lavoro. [13]
    • Per quanto tu possa avere la tentazione di dirne quattro al tuo capo o ad un collega di lavoro, anche solo per pochi istanti, sappi che tagliare bruscamente i rapporti con le persone può avere un effetto duraturo sulla tua carriera professionale.
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 4 114 volte
Categorie: Il Mondo del Lavoro
Questa pagina è stata letta 4 114 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità