L'aglio arrostito è un condimento squisito per intensificare il sapore di numerosi piatti. Sebbene sia abbastanza facile da preparare, la procedura si porta via del tempo. È per questo che molte persone decidono di arrostirne in abbondanza, per poi conservarlo in vista di un futuro utilizzo. L'aglio arrostito può essere tenuto in frigo per qualche giorno, mentre nel congelatore puoi lasciarlo per circa un anno.

Parte 1 di 2:
Conservazione nel Breve Termine

  1. 1
    Se devi conservarlo per pochi giorni, metti l'aglio in frigo usando un sacchetto a chiusura ermetica. Arrostite le teste d'aglio, riponile in un sacchetto a chiusura ermetica o in un altro contenitore di plastica e mettile in frigo. Assicurati di lasciare gli spicchi all'interno della buccia, che ha la funzione di proteggerli. In una sola busta di plastica è possibile conservare una buona quantità di teste d'aglio [1].
    • Puoi tenerle in frigo fino a un massimo di tre giorni, dopodiché andranno a male.
    • Quando l'aglio arrostito va a male, assume una colorazione marrone, diventa molliccio o inizia a emanare un odore di marcio.
  2. 2
    Ricopri l'aglio con l'olio e conservalo in frigo usando un contenitore a chiusura ermetica per farlo durare più a lungo. Sistema l'aglio arrostito in un contenitore a chiusura ermetica e versaci abbastanza olio da ricoprire completamente le teste. Chiudilo bene con l'apposito coperchio e mettilo nel frigorifero [2].
    • Con questo metodo di conservazione l'aglio arrostito dovrebbe mantenersi fresco per circa una settimana in frigo.
  3. 3
    Evita di conservare l'aglio ricoperto di olio a temperatura ambiente. Quando ricopri l'aglio di olio, assicurati di non lasciarlo mai a temperatura ambiente, in quanto questo crea un ambiente propizio alla diffusione del batterio responsabile del botulismo. I bassi livelli di acidità, l'assenza di ossigeno e il caldo possono creare condizioni favorevoli per la proliferazione batterica [3].
    • Assicurati di mettere l'aglio immerso nell'olio d'oliva in frigo o nel congelatore subito dopo averlo preparato.
    Pubblicità

Parte 2 di 2:
Congelare l'Aglio Arrostito

  1. 1
    Estrai gli spicchi arrostiti. Afferra la parte inferiore della testa d'aglio, ovvero il lato che non è stato tagliato. Schiacciala verso l'alto con le dita per fare in modo che gli spicchi arrostiti comincino a fuoriuscire [4].
    • Cerca di eseguire la procedura su un piatto o su un'altra superficie pulita.
  2. 2
    Schiaccia gli spicchi e mettili in un vassoio per il ghiaccio. È un metodo molto pratico per preparare dei cubetti di aglio arrostito, in quanto potrai semplicemente schiacciarli fuori dal vassoio quando ne avrai bisogno. Basta ridurre in poltiglia l'aglio arrostito con una forchetta, per poi versarlo nel vassoio del ghiaccio aiutandosi con un cucchiaio [5].
    • Una volta che i cubetti si saranno congelati (ci vorrà circa un'ora), potrai rimuoverli dal vassoio e metterli in un sacchetto a chiusura ermetica.
  3. 3
    In alternativa, congela individualmente ciascuno spicchio d'aglio su una teglia da forno. Distribuiscili su una teglia separandoli bene e mettili nel congelatore per almeno un'ora. Una volta congelati, potrai spostarli tutti in un sacchetto a chiusura ermetica, in modo da facilitare la conservazione nel freezer.
    • Questo metodo richiede meno tempo inizialmente (ovvero estrarre gli spicchi dai rispettivi involucri). Considera però che quando vorrai usare l'aglio in cucina prima dovrai farlo scongelare completamente e rimuovere la buccia.
  4. 4
    Metti l'aglio arrostito nel congelatore. Questi metodi dovrebbero permetterti di congelare l'aglio fino a 10-12 mesi. L'aglio cotto congelato dura molto di più rispetto all'aglio crudo sottoposto allo stesso processo di conservazione [6].
    • Congelato l'aglio, non dovrai fare altro che prenderne la quantità che ti servirà di volta in volta in cucina per insaporire le pietanze che preparerai.
  5. 5
    Fatto!
    Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da
Redazione di wikiHow
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità.
Questa pagina è stata letta 289 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità