Come Conservare le Patate Sbucciate

In questo Articolo:Conservare le Patate nell'AcquaMantenere le Patate Fresche

Le patate sono sempre le benvenute a tavola, ma lavarle, sbucciarle e affettarle ogni volta che desideri cucinarle può essere un processo laborioso. Per risparmiare tempo in cucina realizza tutti i preparativi in anticipo, quindi metti le patate sbucciate in una ciotola piena d'acqua. Aggiungi un liquido che abbia lievi proprietà acidule, come succo di limone o aceto, per evitare che si anneriscano. Una volta sbucciate, le patate dovrebbero mantenersi fresche per 1-2 ore a temperatura ambiente o per circa 24 ore nel frigorifero.

Parte 1
Conservare le Patate nell'Acqua

  1. 1
    Sbuccia le patate e lavale con acqua fredda. Una volta che avrai eliminato la buccia, risciacquale sotto il getto dell'acqua fredda. Impila dei tovaglioli di carta. Non appena l'acqua comincia a scorrere pulita, chiudi il rubinetto, appoggia le patate sui tovaglioli e tamponale delicatamente per asciugarle [1].
    • Se devi prepararne in grandi quantità, sbuccia tutte le patate, quindi mettile in un colino e risciacquale insieme.
    • Quando una patata viene sbucciata, l'amido liquido che si trova al suo interno viene esposto all'aria e comincia ad alterare rapidamente il colore della polpa, generando la formazione di sfumature rosa scuro o marroni. Fare un risciacquo veloce permette di rimuovere l'amido in eccesso, decelerando questo processo [2].
  2. 2
    Se lo desideri, taglia le patate. A questo punto avrai la possibilità di tagliare le patate a dadini, fette o in qualsiasi altra forma richiesta dalla ricetta che hai scelto. Questa operazione può ridurre sostanzialmente i tempi di preparazione e cottura; in caso contrario è possibile lasciarle intere. A ogni modo, la durata di conservazione sarà più o meno la stessa [3].
    • Usa un coltello ben affilato. I coltelli dalla lama smussata danneggiano le patate, in quanto fanno sprigionare maggiormente gli enzimi responsabili del deterioramento [4].
    • Per preparare un purè, taglia le patate in cubetti di circa 3-4 cm. Per fare piatti come patate fritte o au gratin, tagliale in fette dallo spessore di circa 1,5 cm.
    • Minori sono le dimensioni delle patate, più velocemente assorbiranno l'acqua. È per questo motivo che è meglio aspettare fino all'ultimo minuto per preparare piatti come hash browns, patate fritte o verdure miste.
  3. 3
    Riempi una ciotola grande con acqua fredda. Scegli un recipiente abbastanza capiente da contenere tutte le patate che hai preparato. In questo modo non sarai costretto a tenere molteplici contenitori sul piano di lavoro o in frigo. Versa l'acqua più o meno fino al centro del recipiente, assicurandoti di lasciare abbastanza spazio per le patate che hai sbucciato [5].
    • Evita di riempire eccessivamente la ciotola, altrimenti potrebbe strabordare al momento di immergere le patate.
    • Se hai deciso di fare un purè, riempi direttamente la pentola della cottura anziché usare una ciotola. Quando arriverà il momento di preparare la cena, potrai semplicemente mettere la pentola sul fuoco e portare l'acqua a ebollizione [6].
  4. 4
    Aggiungi succo di limone o aceto. Scegli un ingrediente acidulo, come succo di limone o aceto bianco distillato, e versane qualche goccia nell'acqua. Mescola fino a farlo distribuire completamente. Non esistono dosi esatte, ma si consiglia in generale di misurare circa 1 cucchiaio (15 ml) di succo di limone o aceto per ogni 4 l di acqua. Per una ciotola da 2-5 l, calcola più o meno ½ cucchiaio o 1 cucchiaio e ¼ [7].
    • L'elemento acidulo non inciderà sul sapore delle patate cotte.
  5. 5
    Metti le patate nella ciotola dell'acqua. Assicurati che il liquido ti permetta di coprire interamente le patate. Una volta immerse, non potranno essere deteriorate dall'azione dell'ossigeno che si trova nell'ambiente circostante [8].
    • Durante la decomposizione le patate sprigionano gas. Di conseguenza, se dovessero galleggiare vicino alla superficie dell'acqua, è possibile che non siano tanto fresche quanto pensavi.

Parte 2
Mantenere le Patate Fresche

  1. 1
    Copri la ciotola. I contenitori a chiusura ermetica con morsetto di bloccaggio garantiscono risultati migliori. Se non ne hai uno a disposizione, copri l'apertura della ciotola con un foglio di pellicola trasparente o carta stagnola e premilo sui bordi per creare un ambiente a tenuta stagna. Il contenuto del recipiente verrà così protetto dall'aria, inoltre limiterai le probabilità che si riversi accidentalmente [9].
    • Prima di chiudere il recipiente, rimuovi il più possibile l'aria che si trova al suo interno.
  2. 2
    Se conservi le patate a temperatura ambiente, usale entro 1-2 ore. Hai intenzione di cucinarle subito? Non è necessario riporle in frigo. Basta lasciare la ciotola sul piano di lavoro e togliere le patate dall'acqua quando ti servono. Essendo un intervallo di tempo limitato, non dovrebbero presentare particolari alterazioni di colorazione [10].
    • La conservazione a temperatura ambiente può essere utile per chi preferisce preparare tutti gli ingredienti in una volta sola prima di procedere con la cottura.
  3. 3
    Conserva le patate in frigo per un massimo di 24 ore. Se non hai intenzione di usarle subito, è necessario tenerle al freddo. Metti la ciotola su uno dei ripiani centrali del frigorifero e lasciala al suo interno per tutta la notte. Assicurati di scolare l'acqua il giorno dopo, qualora intendessi cuocerle al forno o friggerle [11].
    • Lasciare le patate nell'acqua per più di un giorno può farle impregnare di liquido, alterandone in questo modo il sapore o la consistenza.
  4. 4
    Cambia l'acqua qualora fosse necessario. In alcuni casi è l'acqua usata per la conservazione delle patate a subire delle alterazioni, anziché le patate stesse. Se dovesse succedere, basta scolarla. Rimetti le patate nella ciotola e aggiungi dell'acqua pulita [12].
    • Se le lasci nell'acqua sporca, le patate rimarranno in ammollo a contatto con gli stessi enzimi che le fanno annerire in condizioni normali.
    • La maggior parte degli enzimi viene espulsa nelle prime ore, quindi non si dovrebbe cambiare l'acqua più di una volta.

Consigli

  • Usa un pelaverdure manuale per rimuovere gli ultimi pezzetti di buccia prima di immergere le patate nell'acqua.
  • Sbuccia, taglia e conserva le patate con un giorno d'anticipo per portarti avanti con i preparativi di un pasto importante.
  • Se devi preparare una pietanza che richiede una consistenza croccante (come i pancake di patate o le patate fritte a bastoncino), è meglio aspettare e tagliare le patate poco prima di cuocerle.
  • Se lavi bene le patate sbucciate e cambi l'acqua tutti i giorni, potresti riuscire a conservarle fino a 3 giorni.

Avvertenze

  • Evita di conservare le patate tagliate a listarelle nell'acqua. Dato che i pezzi sono di piccole dimensioni, assorbiranno velocemente l'acqua e perderanno la loro consistenza croccante.

Cose che ti Serviranno

  • Ciotola grande
  • Acqua
  • Pellicola trasparente o carta stagnola
  • Succo di limone o aceto bianco distillato
  • Coltello affilato
  • Tagliere
  • Pentola grande (facoltativa)
  • Colino di plastica o metallo (facoltativo)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Frutta & Verdura

In altre lingue:

English: Store Peeled Potatoes, Español: guardar papas peladas, Português: Armazenar Batatas Descascadas

Questa pagina è stata letta 245 volte.
Hai trovato utile questo articolo?