I tegami di ghisa tenuti bene sono una gioia da usare e da possedere. Sono versatili, cuociono in maniera uniforme, a dispetto dei luoghi comuni sono relativamente facili da pulire, e durano decenni! Hanno bisogno solo di un po' di manutenzione e di cure premurose.

Passaggi

  1. 1
    Pulisci a fondo la padella.
    • La ruggine è un problema frequente quando si lasciano le padelle di ghisa non trattate esposte a liquidi. Della lana d'acciaio o una paglietta saponata di solito sono sufficienti a rimuovere la ruggine superficiale. Se invece la ruggine ha intaccato gravemente la superficie lasciando dei segni, possono essere necessari trattamenti di raschiatura o levigatura.
    • Un altro problema comune è lo sporco che non va via (di solito cibo lasciato lì per giorni). Se per caso hai un formicaio a portata di mano, puoi lasciare la tua pentola in balia delle "creature", e far fare a loro il lavoraccio.
  2. 2
    Riscalda il forno a 120-150 °C.
  3. 3
    Ungi la padella con del lardo o con il grasso della pancetta. Non usare olio vegetale, perché lascerebbe sulla superficie una patina appiccicosa, e la padella non risulterebbe trattata nel modo corretto.
  4. 4
    Metti la pentola in forno, rovesciata. Per raccogliere eventuali sgocciolamenti, metti sul ripiano inferiore un foglio di alluminio o una teglia. Dopo 15 minuti togli la padella dal forno e scola il grasso.
  5. 5
    Rimetti la padella nel forno acceso, e lasciacela per altre 2 ore.
  6. 6
    Dovresti ripetere la procedura varie volte, per rendere il trattamento più resistente nel tempo. Inoltre, la prima volta che usi la padella cerca di cuocere cibi ricchi di grassi, come pancetta o soffritti: il grasso presente in questi alimenti renderà il trattamento più resistente.
    Pubblicità

Consigli

  • Si può potenziare il trattamento con le fritture, i soffritti, o con altri metodi di cottura ricchi di grassi. Se fai le patatine fritte, il soffritto di cipolle o le polpette, usa pure la pentola di ghisa: ti ringrazierà!
  • Ricordati di non lasciarla mai senza protezione. Se la usi, ungila prima con un sottile strato d'olio.
  • Per ritrattare una padella puliscila, asciugala e segui semplicemente i passaggi descritti in questo articolo.
  • Per i vegetariani, la margarina o altro condimento vegetale sono un valido sostituto del lardo o della pancetta. In alternativa, la padella risulterà trattata anche dall'uso ripetuto nel tempo di olio d'oliva o di arachidi. Alla fine, passa sulla superficie un foglio di carta da cucina o uno strofinaccio.
  • Per rimuovere la ruggine puoi usare anche un antiruggine, che puoi trovare nei negozi di ferramenta o di bricolage. Segui le istruzioni sul flacone: sono piuttosto semplici.
  • Conserva la pentola in un luogo asciutto, come nel forno o nel ripiano inferiore della stufa, perché non prenda umidità.

Pubblicità

Avvertenze

  • Lo strato scuro che si forma sulla superficie è una buona cosa: non raschiarlo via con il detersivo sgrassante o con materiali abrasivi.
  • Leggi attentamente le avvertenze sull'antiruggine: È VELENOSO se ingerito, ma è eccezionale per togliere la ruggine. In caso di dubbi se usarlo o no in relazione ai piatti che intendi preparare, lascia perdere.
  • Quando non la usi, tieni sempre la pentola di ghisa pulita e asciutta.
Pubblicità

Video
Quando usi questo servizio alcune informazioni potrebbero essere condivise con YouTube.

wikiHow Correlati

Come

Scongelare i Gamberi Surgelati

Come

Cuocere le Lenticchie Rosse Decorticate

Come

Accelerare la Lievitazione dell'Impasto

Come

Utilizzare Utensili in Vetro per la Cottura in Forno

Come

Usare una Pietra Refrattaria

Come

Servire il Foie Gras

Come

Mangiare il Burro di Arachidi

Come

Liberarsi della Calandra del Grano (Insetto della Farina)

Come

Congelare i Gamberi

Come

Bollire l'Acqua con il Microonde

Come

Piegare un Tovagliolo di Stoffa

Come

Usare una Caffettiera Americana

Come

Sostituire il Bicarbonato di Sodio

Come

Affilare un Coltello
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 12 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 2 460 volte
Categorie: Cucina
Sommario dell'ArticoloX

Per conservare correttamente una stoviglia di ghisa, puliscila subito dopo averla usata. Strofinala con un panno e acqua calda. Se è rimasto attaccato del cibo, prova a grattarlo via con il sale. Una volta pulito l'utensile, assicurati di asciugarlo bene, in modo che non si arrugginisca. Se si forma la ruggine, rimuovila con aceto di vino bianco e una spugna. Oltre a pulire, dopo ogni utilizzo dovresti anche trattare l'utensile per la cottura. Ricoprilo con uno strato di olio vegetale, che aiuta a prevenire che il cibo si attacchi durante l'uso successivo.

Questa pagina è stata letta 2 460 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità