Come Conservare un Sigaro

Se sei un esperto di sigari o un semplice amatore, sapere come conservare un sigaro è molto importante. La corretta conservazione manterrà i sigari freschi e buoni. Una volta imparate le basi della conservazione potrai mantenerli in ottime condizioni per lunghi periodi di tempo. Leggi le seguenti istruzioni.

Metodo 1 di 4:
Conservazione Rapida

  1. 1
    Effettua una misurazione del clima. Un buon sigaro è come un qualcosa che respira: ha bisogno di stare in un clima controllato o rischia di seccarsi in poche ore. Se hai trovato un buon sigaro ma non vuoi ancora fumarlo, puoi fare in modo di tenerlo fresco finché non decidi di farlo.
    • Un sigaro dovrebbe essere conservato a circa 21°C con umidità di circa 70%. In alcuni climi, come quello di Miami, può essere tenuto nel proprio involucro per un breve periodo di tempo senza il rischio che si secchi. Se invece sei in Arizona o Alaska, il clima secco potrebbe rovinarlo se non pensi di fumare il sigaro entro 24 ore.
    • Il tabacco dei sigari di buona qualità è stato coltivato in un clima tropicale, tra il 65 e il 72% di umidità. I sigari sono costituiti da strati di foglie intere di tabacco, e la struttura si basa sulla loro capacità di restare grassi e umidi. I sigari non conservati a temperatura e umidità ottimali possono essiccare, rompersi, o ammuffire.
    • Se sei un vero amante dei sigari e vuoi conservarne una certa quantità, dovrai comprare un humidor. Leggi il prossimo passaggio.
  2. 2
    Conserva alcuni sigari in un sacchetto di plastica aperto finché non sei pronto a fumarli. Se hai un sigaro o due ma non puoi fumarli subito, il modo migliore per conservarli è in un sacchetto a chiusura lampo aperta con un panno leggermente umido sull'apertura, in uno spazio buio mantenuto intorno a 21°C.
    • I sacchetti humidor sono comunemente venduti in molti negozi di sigari e possono mantenerli freschi per diverse settimane. Nei buoni negozi di sigari, il tabaccaio spesso chiede quanto tempo hai intenzione di conservarli, e potrebbe imballare il sigaro in una di queste borse. Facendo domande avrai la possibilità di imparare molte cose al riguardo.
    • L'asciugamano deve essere pulito e solo leggermente umido, preferibilmente con acqua distillata. Dopo un paio d'ore, controlla la borsa per assicurarti che troppa umidità non si accumuli all'interno. In tal caso, apri il sacchetto e sposta l'asciugamano leggermente indietro. I sigari possono fare la muffa.
    • In alternativa, i sigari possono essere conservati in una vaschetta di plastica pulita, coperta con un asciugamano appena umido, quasi completamente asciutto e mantenuto alla temperatura adeguata. Qualunque metodo di conservazione tu scelga, la temperatura è il fattore più importante.
  3. 3
    Tienili nel cellophane o in un tubo mentre sei in transito. Se il sigaro viene avvolto in un involucro di cellophane o è tenuto in un manicotto di cedro o altro tipo di tubo, si può tenerlo nella confezione finché non si ha intenzione di fumarlo. Il cellophane permetterà all'aria di arrivare al sigaro, mentre altri tipi di tubi e manicotti lo proteggeranno durante il trasporto.
    • Gli appassionati di sigari hanno differenti opinioni sul fatto di lasciare o rimuovere i sigari nelle custodie per tanto tempo. Per brevi periodi, non c'è nulla di cui preoccuparsi. Tutti i fumatori di sigari sono d'accordo, però: dopo uno o due giorni, dovrai decidere se fumarlo o metterlo dentro un humidor.
  4. 4
    Tienilo fuori dal frigo. Si tratta di un malinteso comune che il congelamento o la refrigerazione dei sigari sia un modo efficace per mantenerli freschi. Niente potrebbe essere più falso, a meno che tu non voglia un sigaro che sappia di frigorifero. Anche se il sigaro è surriscaldato, o la temperatura è troppo umida, o non lo è abbastanza, mai tenere il sigaro in frigorifero.
    • I sigari non vanno conservati in ambienti perfettamente sigillati perché hanno bisogno di respirare. Non metterli in una scatola di plastica con un coperchio richiudibile, o tenerlo nel congelatore, a meno che tu non lo voglia rovinare. I sigari conservati con un panno umido in una scatola di plastica probabilmente si inumidiranno troppo, e potrebbero anche ammuffirsi dopo un breve periodo di tempo.
    • Se non hai assolutamente nulla per conservare il sigaro a 21°C-70%, conservalo in un luogo relativamente fresco della casa, se vivi in un clima caldo durante l'estate, o tienili in cucina (la stanza più calda in casa) se il tuo inverno offre un clima fresco. Spruzza acqua periodicamente in aria per simulare un umidificatore. Non è l'ideale, ma si può evitare di rovinare un sigaro. Oppure puoi semplicemente fumarlo.
  5. 5
    Chiedi una scatola al negozio di sigari. Quando stai per acquistare, se sai che non hai un posto dove conservarlo, e sai che non lo vuoi fumare subito, chiedi consiglio al negozio, e chiedi se hanno vecchie scatole di sigari in giro, preferibilmente di cedro per l'acquisto o magari gratuitamente. A volte te lo daranno. Conservato in una scatola di sigari, in una stanza fresca, il sigaro starà bene per un po'.
    Pubblicità

Metodo 2 di 4:
Scegliere un Humidor

  1. 1
    Considera il prezzo. Gli umidificatori sono disponibili in diverse dimensioni, stili e prezzi. Non è necessario che sia molto costoso per conservare bene dei sigari. Cerca online o nei negozi.
    • Intorno ai 50 € puoi trovarne uno con il coperchio di vetro e con la possibilità di controllare la temperatura.
    • Un altro fattore di costo è il controllo della temperatura e dell'umidità, la qualità del sensore può variare leggermente. L'ideale è acquistare un piccolo humidor con elementi di alta qualità.
    • Mentre i cofanetti di cedro di buona qualità sono il modo migliore e più affidabile per conservare i sigari, è possibile costruirne uno proprio con ingredienti casalinghi, se non sei un vero fanatico. Passa al metodo successivo se vuoi realizzarlo tu stesso.
  2. 2
    Considera il numero di sigari che avrai a disposizione. Non ha alcun senso investire in un humidor con 7 cassetti che può contenere un paio di centinaia di sigari se ne fumi solo uno ogni tanto. Cerca di prevedere quanti sigari fumerai e comprane uno adatto.
    • Gli humidor da tavolo possono contenere fino a 25 sigari, mentre quelli più grandi fino a 150. Quelli con più scomparti offrono una migliore organizzazione, dandoti la possibilità di suddividere le varie zone per varietà di sigaro con centinaia di supporti. Questa è la soluzione più costosa, possono arrivare a costare fino a diverse centinaia di euro.
    • Gli humidor da viaggio sono dei contenitori piccoli e resistenti con base in plastica che contengono 10-15 sigari alla volta. Se viaggi spesso o vuoi qualcosa di economico, un humidor da viaggio può essere un'ottima alternativa a quelli costosi.
  3. 3
    Assicurati che l'humidor che acquisti siano rivestiti di cedro. È un fattore importante in quanto aiuta a regolare l'umidità e il flusso d'aria. Quelli in plastica o metallo non manterranno una temperatura ottimale come un humidor di cedro. È più bello, ha un buon odore e mantiene bene la temperatura e l'umidità.
  4. 4
    Scegli un umidificatore per il tuo humidor. La maggior parte degli humidor hanno in dotazione un umidificatore che può essere di vari tipi, e saper scegliere quello giusto è un altro elemento importante.
    • Umidificatori a spugna: sono i più comuni ed economici. Normalmente sono posizionati vicino al coperchio dell'humidor e sono imbevuti di propilene e glicolo che regolano l'umidità nel contenitore. La soluzione è venduta presso i tabaccai e costa 5-8 euro. Le marche più comuni sono Xikar e Cigar Mechanic.
    • Perline: sono fatte di silicio e sono molto durature, facili da usare e da cambiare. Un pacchetto di perle costa circa 15-19 euro e probabilmente non avrai bisogno di sostituirlo, ma solo di ricaricarlo. Per usarle, immergile in acqua distillata e spruzza dell'acqua su di esse periodicamente. Conservarle in una calza da donna è un ottimo metodo per metterle in un humidor.
    • Umidificatori digitali: sono abbastanza costosi ma molto efficienti. Puoi impostarlo come desideri e non pensarci più.
  5. 5
    Compra un igrometro e calibralo. Un igrometro serve a misurare il livello d'umidità dell'humidor; può essere digitale o analogico e può essere installato dentro o fuori l'humidor. Alcuni hanno in dotazione un igrometro sul coperchio esterno. Gli igrometri digitali non necessitano di calibrazione a differenza di quelli analogici.
    • Per calibrare un igrometro, chiudilo in un sacchetto di plastica con un cucchiaio di sale in un tappo per 6-12 ore. Quando lo rimuovi dovrebbe misurare 75% di umidità. In caso contrario, usa un cacciavite per calibrare il retro dello strumento in modo che misuri il 75%.
  6. 6
    Crea un microclima nell'humidor. Prima di conservare i sigari nell'humidor devi umidificarlo per circa 7 giorni, è un processo semplice, ma molto importante.
    • Installa l'umidificatore nell'humidor.
    • Metti una tazza con acqua distillata nell'humidor e inumidisci leggermente le pareti del contenitore tamponandole.
    • C hiudi l'humidor e lascialo inumidire per 7 giorni tenendo d'occhio la temperatura e l'umidità. Dopo una settimana, rimuovi il bicchiere d'acqua e potrai finalmente conservare i tuoi sigari.
    Pubblicità

Metodo 3 di 4:
Humidor fai-da-te

  1. 1
    Trova un contenitore adatto. Un humidor fatto in casa si può fare con cestini di plastica, vecchi contenitori di munizioni o scatole di sigari. Anche se queste opzioni non rendono bene quanto un vero humidor, possono andar bene per un periodo medio di tempo. Se hai intenzione di conservare il sigaro per più di una settimana, ma non vuoi comprare un humidor, è una buona idea farselo in casa:
    • Dopo aver scelto il contenitore, lavalo accuratamente con un sapone antibatterico e acqua calda. Lascialo asciugare completamente. Il contenitore dovrebbe essere abbastanza largo da poter contenere i tuoi sigari.
    • Assicurati che il contenitore si chiuda correttamente e che permetta un po' di circolazione d'aria. Questo aiuta a mantenere integro il sapore del sigaro. Se il contenitore è sigillato, assicurati almeno di aprirlo ogni 2 settimane.
  2. 2
    Umidifica il contenitore. Proprio come si farebbe con un humidor comprato al supermercato, è necessario trovare un modo per mantenere l'aria al 70% di umidità. Aggiungi un vasetto di Xicar perline/gel al contenitore, imbevute di acqua distillata, poi drenate.
    • Metti almeno una piccola spugna inumidita sul fondo del contenitore. Questo farà in modo che l'umidità sia disponibile all'interno del contenitore una volta chiuso. Chiudi bene il coperchio sul contenitore con i sigari all'interno.
    • In un negozio di sigari locale, chiedi se hanno dei divisori di cedro da scatole di sigari in giro che possono regalarti. È possibile utilizzare questi ultimi per creare sia i tubi per conservare il sigaro, o per foderare le pareti dell'humidor fatto in casa. Questo aiuterà a regolare l'umidità.
  3. 3
    Conserva il contenitore in un luogo fresco e buio. Tieni sotto controllo la temperatura della zona e assicurarsi che si mantenga a circa 21°C. Tieni un termometro vicino per monitorare la temperatura e fumare i sigari non appena ne hai l'occasione.
    • Controlla i sigari periodicamente per assicurarti che non siano affetti da troppa umidità o siano bagnati. Cerca eventuali segni di muffa, o gocce di umidità nell'humidor. Rimuovi l'umidificatore, o lascialo all'aria, se dovesse capitare.
    Pubblicità

Metodo 4 di 4:
Conservare a lungo i sigari in un humidor

  1. 1
    Conserva l'humidor alla giusta temperatura. Gli humidor possono controllare solo l'umidità e non la temperatura. Devi tenerlo in un ambiente intorno ai 20°C.
  2. 2
    Non mischiare diverse varietà di sigari. Un punto comune di confusione e di interesse per gli appassionati con una grande collezione è dove poter conservare i sigari differenti. Se hai 15 Maduros e una varietà di altri sigari, di varie intensità e di sapori, possono tutti stare accanto all'altro? Sì e no. Tenere i sigari naturali con sigari naturali e i sigari aromatizzati con gli aromatizzati.
    • È possibile che alcuni sapori si mescolino tra sigari, ma non tra tutti. Una buona regola è quella di separare (ricordi i divisori di cedro presso il negozio di sigari?) qualsiasi sigaro aromatizzato da qualsiasi sigaro a tabacco naturale. Un sigaro al gusto di cognac, per esempio, può mescolarsi al sapore del tabacco naturale col quale condivide lo spazio. In generale, però, i sigari naturali dovrebbero stare insieme tra loro a prescindere dalla forza o dal profilo aromatico.
    • Se è necessario conserva una varietà di sigari nella stessa scatola in un humidor, o lo stesso humidor uno accanto all'altro; considera la loro conservazione in maniche di cedro, o creane uno con vecchio cedro preso dal negozio di sigari.
  3. 3
    Considera l'invecchiamento di sigari di qualità "nudi". Un altro argomento di cui si discute nel mondo del sigaro è se conservarli nella confezione di cellophane o "nudi". Se hai un humidor di scarsa qualità e vuoi invecchiare un sigaro di alta qualità per un lungo periodo di tempo, si consiglia di rimuovere il cellophane (sostengono alcuni), anche se comunque dipende molto dalle tue preferenze.
    • Se hai intenzione di fumare un sigaro nel breve termine, in meno di un mese, è bene lasciarlo in un involucro di cellophane per quel periodo di tempo, e anche di più se lo si desidera. È altrettanto comune lasciare i sigari nei tubi e negli involucri originali, specialmente se sono involucri di cedro.
  4. 4
    Fai la rotazione dei sigari se hai intenzione di conservarli per più di un mese. Per assicurarti che l'aria non diventi stantia nel tuo humidor, è buona pratica muovere i sigari in giro ogni mese o circa. Se sei un fumatore accanito e muovi spesso i sigari perché li fumi o li sostituisci con altri, probabilmente non c'è bisogno di programmare la rotazione, ma se sei un collezionista e punti all'invecchiamento per un lungo periodo, è meglio spostarli.
    • In generale, i sigari devono essere conservati in piano, per favorire la circolazione dell'aria. Non li accatastare uno sull'altro. Tienili in un humidor con spazio abbondante.
  5. 5
    Mantieni l'umidificatore a seconda del clima. È buona norma controllare l'igrometro almeno una volta alla settimana per assicurarsi che i livelli di umidità siano corretti, e per cambiare il fluido nell'umidificatore ogni paio di mesi, in base al clima della località in cui vivi.
    • In climi particolarmente freddi e secchi, è una buona idea cambiare il fluido umidificatore, o ricaricare le perle più o meno ogni 3 mesi, e certamente ogni volta che si vede il livello di immersione. In climi più tropicali, va bene cambiarla ogni 9-12 mesi.
    • È una buona idea ricalibrare l'igrometro una volta ogni sei mesi, rimuovendolo dall'humidor, riponendolo nella borsa con il sale, e assicurandosi che faccia una lettura accurata. Gli igrometri difettosi sono responsabili della maggior parte degli errori della conservazione.
    Pubblicità

Consigli

  • Se decidi di avere un humidor, assicurati di provarlo prima dell'acquisto. Solleva il coperchio di 7 centimetri e lascialo cadere. Ascolta il suono del "fruscio" dell'aria che viene spinta fuori. Questo previene che il coperchio sbatta e significa che l'humidor viene chiuso ermeticamente, indice di qualità.

Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Acqua
  • Humidor
  • Spugna o tovagliolo
  • Umidificatore
  • Igrometro

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 11 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.
Categorie: Hobby & Fai da Te
Questa pagina è stata letta 48 037 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità