Per quanto sia difficile, prima o poi ci ritroviamo tutti a consolare qualcuno che ha perso una persona cara. Che cosa si può dire in situazioni del genere? Purtroppo, non esiste una frase perfetta o giusta da dire, ma è possibile confortare chi ha subito un lutto partecipando al suo dolore, sincerandosi come sta e condividendo i ricordi che affiorano man mano che elabora la sua perdita. Di seguito hai a disposizione un serie di cose da dire in simili circostanze, in modo da poter dare sostegno alle persone a cui vuoi bene quando sono costrette ad affrontare questo durissimo momento. Continua a leggere l'articolo se ti senti pronto a confortarle.

1
"Sono desolato per la tua perdita."

  1. Esprimi le tue condoglianze in maniera semplice e sincera. Potrebbe sembrare banale, ma in questo modo comunichi a chi ha subito il lutto di comprendere pienamente quello che sta attraversando. Se si tratta di un conoscente, esterna sobriamente il tuo cordoglio. Se si tratta di una persona con cui hai una maggiore confidenza, puoi essere più affettuoso.[1]
    • "Mi dispiace tanto per la tua perdita".
    • "Sono davvero affranto nell'apprendere questa orribile notizia".
    • "Sono addolorato al pensiero di quanto è accaduto. Sei nei miei pensieri".
    Pubblicità

2
"Non oso immaginare come tu possa sentirti in questo momento."

  1. Mostra la tua empatia senza paragonare il suo dolore ad altre tue esperienze. Dicendo, ad esempio, "So quello che provi", rischi che l'altra persona non si senta adeguatamente compresa o addirittura più sola. Ognuno soffre a modo suo e, malgrado anche tu abbia perso qualcuno, le circostanze e le dinamiche di un lutto sono ogni volta diverse.[2]
    • "Non riesco a immaginare quanto debba essere difficile per te".
    • "Non pretendo di sapere come ti senti. Sono sempre qui se vuoi parlare".
    • "Non riesco nemmeno a immaginare il dolore che stai provando. Mi dispiace tanto che tu debba attraversare tutto questo".

3
"Mi dispiace per la morte di tuo zio."

  1. Usa la parola "morte" per dimostrare che non hai problemi a parlare di questo evento, per quanto sia doloroso. Molte persone tendono a girare intorno a quanto succede per non sembrare insensibili. Sii diretto e fai vedere che sei in grado di parlarne schiettamente. È probabile che la persona in lutto si apra di più se non avverte disagio da parte tua.[3]
    • "Sono così addolorato di sapere che tuo fratello è morto".
    • "Sono così triste di apprendere che Sara è morta ieri. Ti sono vicino!".
    • "Ho appena saputo della morte di tua zia. Mi dispiace tanto".
    Pubblicità

4
"È una terribile notizia."

  1. Riconosci la gravità della situazione senza volere indicare a tutti i costi il lato positivo. Alcune frasi come "almeno non soffre più" o "hai ancora così tante belle cose davanti a te" possono sembrare confortanti, ma in effetti non servono a consolare una persona in lutto che farebbe qualsiasi cosa per riavere la persona amata.[4]
    • "È davvero doloroso! Sappi che ti sono vicino".
    • "Deve essere devastante. Sono veramente dispiaciuto".
    • "Non posso credere a questa orribile notizia. Prego per te".

5
"Come va oggi?"

  1. Chiedi come sta e valuta come continuare la conversazione. È un modo semplice per rompere il ghiaccio e iniziare a parlare se non sai cosa dire. Presta attenzione a come risponde l'altra persona: magari preferisce parlare di cose leggere per distrarsi, oppure si sente pronta a esternare quello che sente realmente.[5]
    • "Come vanno le cose oggi?".
    • "Come te la cavi?".
    • "Spero ti senta meglio oggi".
    Pubblicità

6
"Ti penso."

  1. Comunica apertamente alla persona in lutto che stai pensando a lei in questo periodo di estrema difficoltà. Spesso chi soffre per la morte di una persona cara ha difficoltà a mettersi in contatto con gli altri, perciò è necessario che siano gli altri a prendere l'iniziativa. Dille che hai pensato a lei non solo appena hai saputo della brutta notizia, ma anche nelle settimane e nei mesi successivi durante i quali sta cercando di abituarsi all'assenza dell'affetto scomparso.[6]
    • "Penso a te e alla tua famiglia".
    • "Sei nei miei pensieri in questo momento difficile".
    • "Ho appena saputo quello che è successo. Mi dispiace tanto. Sei nei miei pensieri e nelle mie preghiere".

7
"Prego per te."

  1. Se è credente, esprimi le tue condoglianze facendo appello alla forza dello spirito. La fede può essere un pilastro molto solido cui aggrapparsi durante le avversità della vita, come la scomparsa di una persona cara. Comunica il tuo sostegno a chi ha subito un lutto dicendo che stai pregando per lui o che Dio lo aiuterà in questo periodo di sofferenza.[7]
    • "Sto pregando per te e per i tuoi cari".
    • "Che Dio sia con te in questo momento di immenso dolore".
    • "Prego affinché tu possa trovare un modo per superare questo periodo durissimo".
    Pubblicità

8
"Sono qui quando vuoi parlare."

  1. Mostra sostegno ascoltando ciò che pensa e prova. La comprensione offerta dall'ascolto aiuta chi soffre a sentirsi meglio perché molte persone hanno bisogno di parlare e sfogarsi ad alta voce per elaborare il proprio dolore. Fai sapere che rappresenti uno porto sicuro in cui ha la possibilità di esternare il suo stato d'animo e presta ascolto senza giudicare.[8]
    • "Sono qui per te, che tu abbia bisogno di una spalla su cui piangere o solo di qualcuno con cui parlare";
    • "Puoi sempre chiamarmi per fare quattro chiacchiere. Non esitate a contattarmi";
    • "Sono qui per ascoltarti in qualsiasi momento. Se vuoi parlare, chiamami".
    • Parla poco e ascolta di più. In questo modo eviterai di dire qualcosa che possa offendere anche se stai cercando di aiutare ad affrontare il lutto.

9
"Lasciami che ti prepari qualcosa da mangiare stasera."

  1. Offriti di fare un favore o sbrigare una commissione. "Come posso aiutarti?" è una domanda indubbiamente premurosa, ma a volte può mettere sotto pressione una persona che sta soffrendo perché magari non sa di che cosa ha bisogno. Piuttosto, proponiti di dare una mano in maniera precisa oppure offrire un po' di assistenza e chiedi se accetta.[9]
    • "Stasera preparo le lasagne, te ne porto un po'".
    • "Stavo pensando di venire a tagliare il prato questo fine settimana. Ti va bene?".
    • "Lascia che porti i bambini a scuola questa settimana. Sono felice di aiutarti come posso!".
    Pubblicità

10
"Ho tanti bei ricordi."

  1. Condividi bei ricordi della persona scomparsa per risollevare l'umore di chi la sta piangendo. Sarà confortato di sapere che manca anche ad altri, ed è probabile che gli darai un po' di gioia rammentando i bei momenti trascorsi insieme. Pensa alle situazioni che ti sono rimaste più impresse o concentrati su quello che pensi e provi quando le racconti.
    • "Il mio ricordo preferito di tuo nonno è stato quando ci portava a pescare durante la nostra infanzia";
    • "Ricordo quella volta in cui tua madre ci scoprì mentre cercavamo di rientrare in casa dopo che ce la svignammo. Non le è mai sfuggito niente!";
    • "Non dimenticherò mai tutto il sostegno ricevuto da Marco quando mi stavo riprendendo da un intervento chirurgico alcuni anni fa. Era un uomo così gentile".

11
"È stato veramente importante."

  1. Ricorda il defunto e parla della sua vita. Per una persona in lutto è davvero confortante sentire quanto chi amava abbia ispirato, aiutato o influenzato la gente o persino una comunità. Le fa capire che non è la sola a sentire la sua mancanza e ad apprezzarlo.[10]
    • "La dedizione di Sandra verso i suoi studenti era impareggiabile. Siamo stati tutti così fortunati ad imparare da lei".
    • "Il dottor Rossi era un pilastro di questa città. Non conosco una sola persona che non abbia una storia da raccontare su di lui".
    • "Tuo fratello era gentile con tutti. Mi ha fatto capire che cosa significhi fare qualcosa di buono per la comunità".
    Pubblicità

12
"Luca mi mancherà."

  1. Pronuncia il nome del defunto per mantenere viva la sua memoria. Proferendo il nome della persona morta, rassicuri chi sta soffrendo che non verrà dimenticata. Inoltre, è confortante perché percepisce di non essere l'unico a sentirne la mancanza.[11]
    • "Mi manca tanto Franco. Era un uomo così gentile".
    • "Veronica era davvero speciale. Mi mancherà".
    • "Penso ancora alla signora Bianchi. È stata la migliore insegnante che abbia mai avuto".

13
"Era una persona meravigliosa."

  1. Prova a dire qualcosa di gentile sul defunto dandone un'opinione positiva. Non devi entrare nei dettagli se non lo conoscevi bene. Ti basta ricordarlo per la sua gentilezza, il suo senso dell'umorismo o la sua generosità in modo da mantenere viva la sua memoria e dare conforto a chi lo conosceva tessendone le lodi.[12]
    • "Nessuno mi ha mai fatto ridere tanto come Amanda".
    • "Tua nonna era una delle persone più intelligenti che abbia mai conosciuto".
    • "Ero felice di venire a casa tua da bambino. Tuo padre è sempre stato così ospitale".
    Pubblicità

14
"Prenditi tutto il tempo che ti serve per elaborare il lutto."

  1. Rassicura chi sta soffrendo che il dolore non ha limiti di tempo. Ognuno elabora la morte a modo suo, ma molte persone sentono il bisogno di "riprendersi" in fretta. Offri speranza e comprensione dicendo che la tristezza, il dolore e tutti gli altri sentimenti connessi a questa circostanza possono durare tutto il tempo che servono: riuscirà a voltare pagina quando sarà pronto.[13]
    • "Prenditi il tempo necessario. Un giorno troverai un modo per superare tutto questo".
    • "Nessuno si aspetta che ti senta meglio dalla sera alla mattina. Prenditi tutto il tempo che ti serve per elaborare il lutto".
    • "Non avere fretta. Non esiste un periodo di tempo definito per soffrire".

15
"Quello che provi è legittimo."

  1. Dimostra a chi sta soffrendo che non lo giudichi per il suo stato d'animo. Potrebbe essere depresso, arrabbiato, scioccato, amareggiato e persino negare la realtà, o esternare qualsiasi combinazione di queste emozioni. Potrebbe anche prendersela con la persona defunta. Resisti alla tentazione di dirgli che deve andare avanti a tutti i costi. Piuttosto, lascia che senta fino in fondo ciò che sta provando.[14]
    • "Non trattenere le tue emozioni".
    • "Qualunque cosa tu stia provando in questo momento è legittima".
    • "È normale che ti senta così. Nessuno si aspetta che tu agisca in un determinato modo in questo momento".
    Pubblicità

16
"È normale piangere se ne hai voglia."

  1. Rassicura chi è in lutto che può esprimere tutto ciò che sente in tua presenza. Quando subiscono un lutto, molte persone tendono a mostrarsi forti trattenendo le lacrime o stampandosi sul volto un'espressione di imperturbabilità. Accetta il suo stato d'animo e digli che può piangere davanti a te senza il timore di sentirsi giudicato o criticato.[15]
    • "Piangi quanto vuoi. Sono qui per te qualunque cosa accada".
    • "Bravo! Liberati!".
    • "Non vergognarti mai di piangere. Stai attraversando un momento durissimo".

17
"Non so che cosa dire."

  1. Sii onesto se non sai qual è la cosa giusta da dire. Non ci sono problemi! L'importante è essere sinceri e mantenere apertura nella comunicazione con chi sta soffrendo. Ricorda che non esistono parole giuste da dire.[16]
    • "Non so cosa dire. Mi dispiace tanto".
    • "Non ho parole".
    • "Vorrei trovare le parole giuste da dire. Sono qui per te, qualunque cosa ti serva".
    Pubblicità

Consigli

  • Parla sinceramente. Chi ha subito un lutto riesce a riconoscere se sei sincero e capirà di avere a che fare con persona premurosa di cui può fidarsi in caso di bisogno.
  • Se non sai davvero cosa dire, se conosci bene la persona in lutto o sei a tuo agio con lei (e lei con te), chiedile se puoi abbracciarla. La semplice presenza fisica significa molto in questi casi, anche se nessuno di voi è in grado di parlare.
Pubblicità

Avvertenze

  • Evita di dare consigli non richiesti. Potresti essere tentato di farlo cercando di alleviare il dolore, ma rischi solo peggiorare la situazione.
  • Non attirare l'attenzione su di te. In questo modo puoi confondere chi sta soffrendo e persino turbarlo, il che di certo non lo aiuta ad affrontare il lutto.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Morire SerenamenteMorire Serenamente
Convincere i Tuoi Genitori a Farti Fare Qualsiasi CosaConvincere i Tuoi Genitori a Farti Fare Qualsiasi Cosa
Riconoscere i Genitori TossiciRiconoscere i Genitori Tossici
Creare un Albero GenealogicoCreare un Albero Genealogico
Prevedere il Colore degli Occhi del Proprio BambinoPrevedere il Colore degli Occhi del Proprio Bambino
Infastidire tua SorellaInfastidire tua Sorella
Dire ai Tuoi Genitori che Hai un RagazzoDire ai Tuoi Genitori che Hai un Ragazzo
Non Pagare il Mantenimento dei FigliNon Pagare il Mantenimento dei Figli
Vivere Dopo la Morte del ConiugeVivere Dopo la Morte del Coniuge
Dire Creativamente a Tuo Marito che Diventerà PadreDire Creativamente a Tuo Marito che Diventerà Padre
Affrontare il Fatto che i Tuoi Genitori non Ti AmanoAffrontare il Fatto che i Tuoi Genitori non Ti Amano - Consigli dagli Esperti di wikiHow
Affrontare la Morte di un GenitoreAffrontare la Morte di un Genitore
Aiutare Qualcuno a Superare la Perdita di un ParenteAiutare Qualcuno a Superare la Perdita di un Parente
Vestirsi per un FuneraleVestirsi per un Funerale
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Rebecca Tenzer, MAT, MA, LCSW, CCTP, CGCS, CCATP, CCFP
Co-redatto da:
Psicologa Clinica e Professoressa a Contratto
Questo articolo è stato co-redatto da Rebecca Tenzer, MAT, MA, LCSW, CCTP, CGCS, CCATP, CCFP. Rebecca Tenzer è la titolare e dirigente di Astute Counseling Services, uno studio privato di consulenza psicologica che si trova a Chicago. Con oltre 18 anni di esperienza clinica e di insegnamento nel campo della salute mentale, è specializzata nel trattamento di depressione, ansia, panico, traumi, dolore, relazioni interpersonali e altri disturbi utilizzando una combinazione di terapia cognitivo-comportamentale, terapia psicodinamica, pratica basata sulle evidenze ed expertise nel campo della salute mentale. Ha conseguito una laurea di primo livello in Sociologia e Antropologia presso la DePauw University, un Master in Didattica (MAT) presso la Dominican University e una laurea in Servizio Sociale alla University of Chicago. È stata membro dell'AmeriCorps ed è anche una docente universitaria di psicologia. Si è formata come psicoterapeuta specializzata in terapia cognitivo-comportamentale (CBT), traumatologa (CCTP) e terapista del dolore abilitata (CGCS). È membro della Cognitive Behavioral Therapy Society of America e della National Association of Social Workers. Questo articolo è stato visualizzato 6 954 volte
Categorie: Famiglia
Questa pagina è stata letta 6 954 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità