Come Controllare i Livelli della Batteria dell'Automobile

Scritto in collaborazione con: Rocco Lovetere

È molto importante controllare regolarmente gli elettroliti della batteria dell'auto (che non sono solo acqua) per due ragioni: innanzitutto perché sono soggetti alla naturale evaporazione e in secondo luogo perché una quantità ridotta di liquido si separa in ossigeno e idrogeno ogni volta che carichi la batteria. Imparare a controllare e a rabboccare in sicurezza il liquido della batteria è un aspetto fondamentale della manutenzione di un veicolo. Continua a leggere questa guida dove troverai tutte le istruzioni dettagliate per procedere, senza trascurare la tua sicurezza e l'integrità della vettura.

Parte 1 di 4:
Pulire la Batteria e Aprire le Celle

  1. 1
    Individua la batteria. Nella maggior parte delle auto, basta aprire il cofano per avere accesso a questo elemento.
    • In alcuni casi puoi trovare la batteria nella parte inferiore del vano motore, fra il paraurti e le ruote anteriori. A volte ci si accede dalla parte inferiore dell'auto e quindi sarà necessario smontarla per poterla controllare.
    • Nella maggior parte delle BMW, delle Mercedes Benz e in poche altre macchine, la batteria si trova nel bagagliaio, in uno scomparto nascosto.
    • Potrebbe trovarsi anche sotto i sedili posteriori, come accade in alcune Cadillac.
  2. 2
    Pulisci la batteria. Prima di controllare i livelli, pulisci la superficie della batteria e togli ogni detrito che circonda i terminali. Questo passaggio è molto importante perché devi evitare che del materiale estraneo possa entrare nelle celle quando le apri. La pulizia inoltre rallenta o ferma il processo di corrosione del metallo circostante.
    • Per una pulizia generale dalla sporcizia della strada e da poca corrosione, usa un detergente per i vetri a base di ammoniaca. Spruzzalo su uno straccio – non sulla batteria – e pulisci la superficie. In alternativa, puoi usare della carta da cucina, ma ricorda di cambiarla spesso man mano che si spezza in frammenti.
    • La corrosione massiccia deve essere eliminata con un impasto di bicarbonato di sodio e acqua. Anche in questo caso devi inumidire uno straccio e non bagnare la batteria. In alcune circostanze è necessario ripetere più volte questo passaggio e alla fine potrai eliminare ogni residuo di bicarbonato con un panno inumidito di detergente per vetri. Se lasci delle tracce di bicarbonato all'esterno della batteria, promuovi e acceleri un'ulteriore corrosione dei terminali e del metallo.
    • Non essere frettoloso in queste operazioni, accertati che i tappi delle celle siano ben chiusi mentre pulisci. Evita che i detergenti entrino o colino nella batteria attraverso i tappi sollevati.
    • Nota: se preferisci, puoi smontare la batteria dalla vettura prima di pulirla e provvedere alla manutenzione, per poi installarla in un secondo momento. Questa procedura è più sicura, soprattutto se la tua batteria si trova in un punto difficile da raggiungere. Tuttavia, scollegando i cavi, tutti o alcuni accessori elettrici verranno resettati (l'orologio, la radio e così via). Se puoi procedere a tutta la manutenzione senza smontare il pezzo, allora risparmierai molto tempo in seguito.
    • Puoi anche staccare i terminali e immergerli in una tazza di acqua molto calda. Il calore scioglierà la corrosione lasciando una superficie perfettamente pulita. Accertati che i terminali siano completamente asciutti prima di collegarli di nuovo alla batteria.
  3. 3
    Apri i tappi delle celle. Sulla superficie della batteria, in genere, dovresti vedere due tappi semi-rettangolari di plastica che si usano per sigillare le celle. Puoi rimuoverli facendo delicatamente leva con una spatola di plastica o un cacciavite. Cerca di sollevarli da diversi punti lungo il perimetro, se incontri delle difficoltà.
    • Alcuni modelli presentano sei tappi tondi singoli; in questo caso ti basta ruotarli in senso antiorario e sollevarli.
    • Se la tua batteria riporta l'etichetta "senza manutenzione", significa che non è progettata per essere aperta. La casa automobilistica non prevede alcun rabbocco per questo tipo di batteria, che andrà semplicemente sostituita quando non funzionerà più.
  4. 4
    Continua a pulirla, se necessario. La rimozione dei tappi potrebbe rivelare altra sporcizia attorno alle celle. In questo caso pulisci con cura usando un panno inumidito con detergente per i vetri.
    • Questa volta non usare il bicarbonato di sodio. Limitati a una piccola quantità di detergente con ammoniaca e presta molta attenzione affinché nulla (detergente, sporcizia, residui di carta) possa entrare nella batteria.
    • Non ignorare questa fase; se la superficie della batteria è pulita, si forma meno corrosione. Questo è un aspetto importante del processo di manutenzione, in modo da garantire l'integrità delle connessioni.
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Valutare il Livello del Liquido Presente

  1. 1
    Confronta i livelli di liquido nelle celle. Guarda all'interno di ogni apertura per capire quanto liquido c'è in ciascuna. In teoria il livello di liquido dovrebbe essere costante in ogni cella.
    • Se così non fosse, è probabile che tu abbia accidentalmente riempito maggiormente una cella rispetto alle altre durante un rabbocco precedente. Questo è un problema facilmente risolvibile eguagliando le quantità di liquido una volta che quello in eccesso si è consumato.
    • Se i livelli sono evidentemente difformi, allora potrebbero esserci anche delle piccole perdite di liquido o una crepa nel corpo della batteria. In questo caso devi sostituirla. Se non ci sono perdite evidenti, riempi le celle fino al livello massimo di sicurezza usando solo acqua distillata e fai un secondo controllo dopo alcune settimane per valutare eventuali variazioni importanti.
  2. 2
    Riconosci un livello basso di elettroliti. La quantità di elettroliti è insufficiente quando qualunque parte degli elementi metallici presenti sul fondo è esposta all'aria. Se questi pezzi non sono completamente sommersi, allora la batteria non può operare al massimo dell'efficienza.
    • Le parti rimaste a secco si rovineranno nel giro di pochi giorni.
    • Se il livello dell'elettrolita si trova solo 1 cm sotto la parte superiore del catodo e dell'anodo, aggiungi acqua a sufficienza per coprire completamente questi elementi, in modo che la batteria sia ancora utilizzabile, sebbene con una capacità leggermente ridotta. Troverai ulteriori istruzioni nella terza parte di questo articolo; in caso contrario valuta di cambiare la batteria.
    • Un livello insufficiente di liquido potrebbe essere causato da un sovraccarico e, in tal caso, dovresti controllare l'alternatore.
  3. 3
    Riconosci un livello normale di liquido. Deve essere a 1 cm sopra gli elementi metallici o a 3 mm dal bordo dei tubi di riempimento che si estendono dall'apertura delle celle.
    • In questa situazione non devi rabboccare la batteria. Limitati a chiudere di nuovo i tappi delle celle e controlla la batteria fra tre mesi.
  4. 4
    Impara a riconoscere quando il liquido si trova al livello massimo di sicurezza. In questo caso l'elettrolita tocca la base dei tubi di riempimento.
    • La maggior parte di questi è dotata di una coppia di tacche in un punto vicino al fondo dei tubi stessi. Le tacche rendono visibile un menisco (una piccola quantità d'acqua che viene attirata verso i bordi del tubo) che assume una classica forma "a occhio" quando il fluido tocca la base del tubo. Se non vedi alcun menisco, significa che il livello del liquido si trova sotto il fondo del tubicino di riempimento.
    • La funzione del menisco è quella di farti capire quando interrompere il rabbocco. Potrebbe essere necessaria una torcia per vederne chiaramente la presenza o l'assenza.
  5. 5
    Tieni in considerazione che questi riferimenti sono validi solo per le batterie d'auto piombo-acido. Se le istruzioni riportate in questo articolo entrano in conflitto con i consigli del produttore o del venditore della batteria, ignorale.
    • Ricorda inoltre che le batterie dei golf cart, delle macchine per lavare i pavimenti e quelle con nichel e cadmio hanno bisogno di elettroliti speciali.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Cambiare i Livelli di Liquido

  1. 1
    Per rabboccare le celle della batteria usa solo acqua distillata. La puoi comprare in qualsiasi supermercato. Se il livello dell'elettrolita è basso (l'anodo e il catodo sono esposti all'aria), allora riempi ogni cella per sommergere di nuovo questi elementi. In seguito ricarica la batteria con lo strumento apposito o limitati a guidare normalmente la vettura per qualche giorno. Se la batteria ha una carica piena, rabboccala solo fino al livello massimo di sicurezza – il liquido deve toccare la base dei tubi di riempimento.
    • Prendi un imbuto, una bottiglia a spruzzo o una pipetta da cucina per avere il massimo controllo del flusso di liquido e riempi ogni cella fino al livello massimo. Presta molta attenzione affinché i detriti e la sporcizia non entrino nella batteria.
    • L'acqua del rubinetto, di pozzo, filtrata o comunque un qualunque tipo di acqua che non sia distillata introdurrebbe dei minerali, elementi chimici (come il cloro) e altri contaminanti nella batteria, riducendone la durata.
  2. 2
    Se la batteria è "morta" o troppo debole, non riempire completamente le celle. In questo caso dovresti limitarti a sommergere gli elementi metallici esposti (o lasciarli come sono se il fluido è a livello normale).
    • Quando carichi una batteria debole o non funzionante, il livello di elettrolita aumenta, quindi dovresti avere dello spazio libero per consentire questa dilatazione (tale fenomeno non accade con una batteria a piena carica).
    • I livelli di elettrolita aumentano anche quando la batteria si scalda.
  3. 3
    Asciuga ogni goccia o schizzo e rimetti i tappi. Verifica che ogni elemento sia pulito, senza alcun residuo e rimetti i tappi sulle celle.
    • Se per errore hai riempito troppo la batteria, ma il liquido non trabocca, la cosa migliore da fare è di fermarsi e non fare null'altro. Se il liquido è fuoriuscito dalla batteria, ricorda che si tratta di acido e non toccarlo con la pelle o gli abiti.
    • Pulisci la zona con uno straccio o della carta da cucina asciugando l'apertura delle celle. Evita che il panno o la carta si inzuppino tanto da gocciolare su altri elementi del vano motore o su altri oggetti. Risciacquali subito in un secchio di acqua. Indossa dei guanti e non toccare l'acqua con le mani nude.
    • Una volta terminato il lavoro, butta lo straccio risciacquato o la carta assorbente nella normale spazzatura. Versa l'acqua nello scarico prestando molta attenzione a non schizzarla tutt'intorno. Devi evitare che i residui di acido cadano su altri oggetti. Alla fine pulisci con cura tutto ciò che è entrato in contatto con il liquido, usando uno straccio inumidito di detergente per vetri.
    • La batteria che si è bagnata deve essere controllata ogni settimana per tutto un mese, per accertarti che non ci siano altre fuoriuscite e, se necessario, pulisci ogni residuo di acido come descritto in precedenza.
    • La quantità di acido solforico che è uscita accidentalmente con il liquido probabilmente è minima per interferire con il funzionamento della batteria. Non cercare di rimpiazzare quella persa, perché un eccesso di acido riduce la vita della batteria e la rovina in maniera ben peggiore rispetto a quanto possa fare la sua carenza.
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Prendere le Adeguate Misure di Sicurezza

  1. 1
    Proteggi gli occhi con una maschera di sicurezza. L'elettrolita della batteria è acido solforico, quindi è di vitale importanza che non entri in contatto con il tessuto oculare, dato che creerebbe molti danni o perfino la cecità.
    • Le lenti a contatto non offrono alcuna protezione e potrebbero addirittura peggiorare la situazione in caso di incidente. Allo stesso modo, i normali occhiali da vista non sono adeguati perché non hanno le protezioni laterali.
    • Per tutti questi motivi indossa una maschera protettiva, resistente agli acidi, che puoi acquistare in tutte le ferramenta.
  2. 2
    Proteggi le mani con guanti monouso. Scegli un materiale che resista all'acido solforico almeno per qualche minuto. Anche questo tipo di protezione è disponibile nei centri di bricolage e in ferramenta.
    • Il lattice e il vinile non resistono all'acido per molto tempo. Se hai optato per guanti costruiti con questi materiali, toglili e cambiali immediatamente non appena ti accorgi che si sono inumiditi. Con il tempo, gli schizzi di elettrolita vengono assorbiti dal materiale e raggiungono la pelle ustionandola.
    • Il neoprene offre protezione per un'ora o più, ma non è facile trovare guanti di questo materiale nei normali negozi per il "fai-da-te". Ricorda che "nitrile" e "neoprene" non sono la stessa cosa. Il primo ha una resistenza all'acido solforico ben inferiore a quella del lattice e non dovrebbe essere usato.
  3. 3
    Proteggi la cute. Indossa degli abiti vecchi, a maniche lunghe, e delle scarpe con la punta chiusa per riparare la maggior superficie di pelle possibile. Se delle gocce di liquido cadono sugli abiti, l'acido consumerà le fibre nel giro di una o due settimane lasciando un buco. Per questa ragione usa dei vestiti vecchi che puoi permetterti di rovinare.
  4. 4
    Sappi cosa fare in caso di contatto diretto con l'elettrolita. Se degli schizzi di acido raggiungono la pelle, lavala immediatamente con acqua corrente e sapone.
    • Se percepisci una sensazione di formicolio o di bruciore sulla cute, allora una goccia o uno schizzo di elettrolita potrebbe averla raggiunta. Basta una sola goccia per causare un'ustione.
    • Probabilmente non noterai alcun arrossamento o danno cutaneo finché non sarà troppo tardi. Per questo motivo devi sempre controllarti, fare una pausa e lavarti immediatamente, piuttosto che sperare nella buona sorte.
    • A lavoro finito smaltisci in maniera adeguata tutti i guanti e gli stracci. Se li lasci a contatto con altri materiali, potresti causare dei danni.
    Pubblicità

Consigli

  • Se ti accorgi di avere delle difficoltà, porta la vettura da un meccanico. La maggior parte dei negozi di autoricambi eseguirà questo servizio gratuitamente.
  • Quando controlli la batteria, mantieni le aree circostanti pulite e senza detriti.
  • Non togliere i tappi della batteria mentre il motore è in funzione.
  • Proteggi gli occhi, l'acido della batteria è molto corrosivo e potresti diventare cieco.
  • Indossa sempre gli occhiali di protezione quando controlli e rabbocchi il liquido nelle celle.
  • Usa una spatola di plastica larga 2,5 cm per fare leva e aprire i tappi delle celle. Si tratta di uno strumento che puoi acquistare in tutte le ferramenta o colorifici. In alternativa, usa un cacciavite con manico isolante, ma fai attenzione e non toccare accidentalmente altre parti in metallo con lo stelo. Potrebbero generarsi delle scintille che a loro volta accenderebbero l'idrogeno presente nella batteria.
  • Pulisci la batteria. La sporcizia attira l'umidità, soprattutto quella che è stata esposta ai fumi acidi della batteria, riducendo di conseguenza la conduttività degli elementi. La corrente che scorre sulle superfici esterne della batteria e attraverso le incrostazioni facilita la corrosione del metallo circostante.

Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Occhiali di protezione.
  • Guanti, meglio se in neoprene. Quelli in lattice o vinile sono accettabili, ma non comprare quelli in nitrile perché non resistono al contatto con l'acido della batteria.
  • Stracci o carta da cucina.
  • Acqua distillata.
  • Bottiglia a spruzzo, imbuto o pipetta da cucina.
  • Detergente per vetri a base di ammoniaca.
  • Bicarbonato di sodio (facoltativo, utile solo se c'è molta corrosione sui terminali della batteria).
  • Una spatola di plastica larga 2,5 cm (facoltativa) per fare leva e sollevare i tappi della batteria; in alternativa puoi usare con cautela un cacciavite dal manico isolato.

Informazioni su questo wikiHow

Maestro Meccanico
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Rocco Lovetere. Rocco Lovetere svolge il ruolo di Maestro Meccanico nell'officina a gestione familiare Rocco's Mobile Auto Repair in California. È un tecnico con certificazione ASE (Eccellenza Servizio Automobilistico) e lavora nel settore delle riparazioni auto dal 1999.
Questa pagina è stata letta 39 629 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità