Come Controllare la Dilatazione della Cervice

In questo Articolo:Prepararsi a Controllarla ManualmenteControllarla a CasaCercare Ulteriori Segnali della Dilatazione Cervicale

La dilatazione della cervice è un fenomeno che avviene nel corpo di una donna incinta che si avvicina al travaglio e al parto; lo scopo è quello di aprire il percorso dall'utero al canale del parto affinché il nascituro possa venire al mondo.[1] Il diametro della cervice deve passare da 1 a 10 cm e a questo punto la donna può partorire.[2] Nella maggior parte dei casi, un operatore sanitario abilitato, come un ginecologo, un infermiere o un ostetrico, è in grado di controllare il grado di dilatazione, ma puoi farlo anche tu stessa. Tastando questa parte del corpo e prestando attenzione ad altri segnali, come gli stati d'animo e i rumori, puoi capire quanto si è dilatata.

Parte 1
Prepararsi a Controllarla Manualmente

  1. 1
    Parla con il tuo ginecologo. Una gravidanza sicura è fondamentale per un parto e un bambino sani. Fai in modo di ottenere tutte le cure prenatali dal medico, dall'infermiere o dall'ostetrico per assicurarti che non solo la gravidanza stia procedendo correttamente, ma anche che tu possa controllare la dilatazione cervicale senza alcun rischio.
    • Ricorda che all'inizio del nono mese di gravidanza il ginecologo comincia a prestare attenzione ai segnali indicatori dell'approssimarsi del parto. Questo significa che esegue delle palpazioni dell'addome e un esame interno per verificare lo stato della cervice; inoltre, cerca degli indizi che il bimbo abbia iniziato a "scendere", vale a dire che la cervice inizi a dilatarsi e a diventare più morbida.
    • Ponigli ogni domanda e dubbio che hai, incluso se il bambino ha iniziato a spostarsi verso il canale del parto. Dovresti anche informarti se è sicuro controllare da sola la dilatazione cervicale; se la gestazione non è a rischio, puoi procedere.
  2. 2
    Lavati le mani. La sporcizia può diffondere batteri e germi causando un'infezione. Il controllo della cervice prevede l'inserimento di una mano o delle dita nella vagina ed è fondamentale, per la tua salute e quella del nascituro, che siano pulite.[3]
    • Usa sapone e acqua calda. Bagna le mani con l'acqua corrente e applica il detergente per creare una bella schiuma; strofinale vigorosamente per almeno 20 secondi senza tralasciare alcuna superficie. Infine, risciacquale e asciugale con cura.
    • Se non hai il sapone, opta per un igienizzante con almeno il 60% di alcol. Applicane su un palmo una dose sufficiente a ricoprire entrambe le mani e strofina queste ultime fra loro proprio come faresti con il sapone. Presta attenzione a trattare tutte le superfici, unghie incluse; continua a strofinare finché la pelle non è completamente asciutta.
  3. 3
    Chiedi aiuto. Se sei un po' preoccupata o hai qualche timore a eseguire un autoesame da sola, chiedi al tuo partner o a un altro familiare di aiutarti. Permettigli di intervenire nei limiti del tuo comfort; ad esempio, può sorreggere lo specchio, darti la mano oppure parlarti in maniera tranquillizzante.
  4. 4
    Assumi una posizione comoda. Prima di controllare effettivamente la dilatazione della cervice, devi metterti comoda; puoi sederti sul WC o sdraiarti sul letto con le gambe divaricate: fai quello che ritieni meglio per te.[4]
    • Togli gli abiti della parte inferiore del corpo prima di iniziare; in questo modo non sei costretta a rimuoverli maldestramente una volta trovata la posizione migliore.
    • Siediti o accovacciati appoggiando un piede a terra e l'altro sulla tavoletta del water. Se queste soluzioni non fanno al caso tuo, puoi anche accucciarti semplicemente a terra oppure sdraiarti sul letto.
    • Ricorda che non c'è nulla di cui vergognarsi: stai facendo qualcosa del tutto naturale e normale.

Parte 2
Controllarla a Casa

  1. 1
    Inserisci due dita nella vagina. Inizia l'esame valutando grossolanamente la dilatazione. Invece di mettere tutta la mano nel canale vaginale, cosa che potrebbe creare disagio, usa solo il medio e l'indice, per cominciare.[5]
    • Prima di questa operazione, ricorda di lavarti scrupolosamente le mani con acqua e sapone.
    • Individua l'apertura vaginale con le punte delle dita. Il dorso della mano dovrebbe essere rivolto verso la colonna vertebrale e il palmo verso l'alto; inclina le dita in direzione dell'ano per percepire la cervice. Se provi dolore o disagio intenso, interrompi l'esame.
  2. 2
    Spingi le dita fino a toccare la cervice. Quella di una donna incinta trasmette la stessa sensazione tattile delle labbra arricciate; dopo aver inserito l'indice e il medio nel canale vaginale, portale verso l'alto finché non incontri questa struttura.[6]
    • Ricorda che in alcune donne la cervice si trova più in alto, in altre più in basso; potrebbe essere necessario spingere le dita in profondità oppure potresti trovarla abbastanza in fretta. La cervice è in pratica la fine del canale vaginale, a prescindere dalla sua posizione nel corpo.[7]
    • Toccala delicatamente; se la premi o la pungi con le dita potresti causare un'emorragia.[8]
    • Se è dilatata, un dito riesce a scorrervi nel centro in maniera piuttosto semplice. Quello che percepisci in mezzo all'apertura è il sacco amniotico che ricopre la testa del bambino e potrebbe avere la stessa consistenza di un palloncino di lattice pieno d'acqua.[9]
  3. 3
    Continua a usare le dita per capire quanto sei dilatata. Quando la cervice raggiunge un'apertura di 10 cm, il parto è in genere imminente. Se un dito riesce a entrare nel centro della struttura senza difficoltà, prova a inserire anche il secondo per fare una valutazione di massima.[10]
    • Ricorda che se riesci a inserire un dito, la dilatazione è di circa un centimetro; di conseguenza, se puoi farvi passare cinque dita, l'apertura è di cinque centimetri. Man mano che il travaglio prosegue, la cervice passa dall'essere una struttura contratta a un'altra simile a un elastico; quando raggiunge i 5 cm di dilatazione potresti sentirla tesa come la guarnizione di un barattolo ermetico.
    • Continua a infilare delicatamente le dita nella vagina finché non riesci a usare tutta la mano o non provi dolore. Estraila e osserva quante dita sei riuscita a usare: in questo modo hai un'idea di massima della dilatazione.
  4. 4
    Recati alla struttura ospedaliera. Se l'apertura cervicale è maggiore di 3 cm, significa che ti trovi in una fase attiva del travaglio. Dovresti recarti in ospedale o al centro di maternità che hai scelto oppure prepararti adeguatamente, se hai optato di partorire a casa.[11]
    • Ricorda che le contrazioni sono un altro segnale che dovresti andare in ospedale, diventando più regolari e intense man mano che il parto si avvicina; inizialmente, si manifestano ogni 5 minuti e durano 45-60 secondi.[12]

Parte 3
Cercare Ulteriori Segnali della Dilatazione Cervicale

  1. 1
    Ascolta i suoni della dilatazione. Ci sono molti segnali indicatori che possono essere monitorati senza dover inserire le dita nella vagina; queste tecniche sono molto utili soprattutto se provi parecchio dolore o disagio. La maggior parte delle donne emette un certo tipo di suono durante il travaglio; ascolta quelli prodotti dal tuo corpo per valutare il grado di dilatazione. Questi sono i rumori che accompagnano le varie fasi:[13]
    • Quando la dilatazione è compresa tra 0 e 4 cm, non dovresti sentire alcun suono e dovresti riuscire a parlare durante le contrazioni senza troppa fatica;
    • A 4-5 cm è molto difficile parlare, se non quasi impossibile, e i rumori del corpo sono ancora poco intensi;
    • Quando la cervice ha un'apertura di 5-7 cm, dovresti sentire un suono più forte e intermittente; parlare durante la contrazione è pressoché impossibile;
    • A 7-10 cm potresti percepire dei rumori molto forti e non dovresti riuscire a parlare durante la contrazione;
    • Se il corpo non emette alcun suono, puoi comunque valutare la dilatazione. Chiedi a qualcuno di farti una domanda all'inizio di una contrazione; maggiori difficoltà incontri a formulare la risposta, maggiore è la dilatazione.
  2. 2
    Presta attenzione alle tue emozioni. Quelle legate all'esperienza del parto sono innate per una donna in travaglio; monitorandole, puoi capire quanto è aperta la cervice. Ecco quali sono le sensazioni correlate alle fasi del parto:[14]
    • Provi felicità e voglia di ridere: la cervice è a 1-4 cm di dilatazione;
    • Sorridi e ridi per le piccole cose fra una contrazione e l'altra: la cervice si è aperta di 4-6 cm;
    • Provi irritazione per le barzellette e le piccole conversazioni: sei dilatata di circa 7 cm.
  3. 3
    Verifica l'odore. Molte persone notano determinati odori quando la dilatazione della cervice raggiunge i 6-8 cm; si tratta di un odore intenso d'umidità, ma non muschiato.[15] Se noti un evidente cambiamento nell'odore della stanza in cui stai per partorire, la cervice potrebbe essersi dilatata fino a 6-8 cm.
  4. 4
    Cerca secrezioni mucose e sanguinolente. Alcune donne lamentano una perdita mucosa filamentosa intorno alla trentanovesima settimana, con tracce rosa o marroni di sangue.[16] Questa piccola emorragia continua durante tutte le fasi prodromiche del parto. Quando raggiungi i 6-8 cm di dilatazione, il muco e il sangue sono più abbondanti; osservandone la presenza, puoi valutare in quale fase del travaglio ti trovi.
  5. 5
    Controlla la linea viola. Si trova nel solco di separazione delle natiche e permette di valutare la dilatazione cervicale; quando la linea raggiunge la sommità del solco, la dilatazione è completa. Per questa tecnica devi chiedere l'aiuto di qualcuno.[17]
    • Nelle prime fasi del travaglio, si trova vicina all'ano; man mano che il parto si avvicina, risale lungo le natiche e, quando sei completamente dilatata, raggiunge la sommità del solco.
  6. 6
    Monitora le sensazioni del corpo. Molte donne manifestano segnali fisici della dilatazione che possono essere controllati senza un esame vaginale. In linea generale, le partorienti lamentano disagi simili a quelli influenzali quando sono vicine a una dilatazione di 10 cm o alla fase espulsiva; prestando attenzione a questi segni e sintomi puoi avere un'idea della misura che ha raggiunto l'apertura cervicale. Nella maggioranza dei casi devi considerare una combinazione dei vari segnali.[18]
    • Se provi una sensazione di vomito, viso arrossato e caldo al tatto, significa che sei dilatata di circa 5 cm; potresti anche tremare in maniera incontrollata. Il vomito da solo potrebbe essere una reazione nervosa, ormonale o conseguente alla fatica.
    • Se il volto è arrossato ma non mostri altri sintomi, la cervice potrebbe essersi dilatata di 6-7 cm.
    • Sappi che i soli tremori incontrollabili sono un segnale di affaticamento o febbre.
    • Presta attenzione se tendi ad "arricciare" le dita dei piedi o a restare sulle punte: entrambi indicano una dilatazione di 6-8 cm.
    • Se hai la pelle d'oca sul sedere e sulle cosce, è possibile che la cervice sia dilatata di 9-10 cm.
    • Sappi che i movimenti intestinali involontari sono indizi che la dilatazione è completa;[19] puoi anche vedere o percepire la testa del neonato vicino al perineo.
  7. 7
    Fai attenzione alla pressione sulla schiena. Mano a mano che il nascituro scende nel canale del parto, percepisci una certa pressione in zone differenti della schiena. Più sei dilatata, più la sensazione si trova in basso lungo la colonna vertebrale; in genere, si sposta dal bordo del bacino all'osso sacro.[20]

Consigli

  • Procedi lentamente e in maniera delicata, non fare movimenti improvvisi!
  • Lavati le mani dopo aver controllato la cervice.

Avvertenze

  • Se provi dolore, disagio o contrazioni associate al tentativo di entrare nel canale del parto, interrompi immediatamente il controllo; in questo caso, devi rivolgerti a un ginecologo o a un ostetrico.

Riferimenti

  1. http://www.whattoexpect.com/pregnancy/symptoms-and-solutions/dilation-and-effacement.aspx
  2. http://americanpregnancy.org/labor-and-birth/first-stage-of-labor/
  3. http://www.mayoclinic.org/healthy-lifestyle/adult-health/in-depth/hand-washing/art-20046253
  4. http://www.gentlebirth.org/archives/birth.html#Self-Checking
  5. http://www.gentlebirth.org/archives/birth.html#Self-Checking
  6. http://www.gentlebirth.org/archives/birth.html#Self-Checking
  7. https://www.verywell.com/how-to-check-your-cervix-and-cervical-position-1960299
  8. http://trimestertalk.com/bleeding-internal-cervical-exam-normal/
  9. http://www.gentlebirth.org/archives/birth.html#Self-Checking
Mostra altro ... (11)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Salute Donna

In altre lingue:

English: Check a Cervix for Dilation, Español: revisar el cuello uterino para ver si estás dilatada, Português: Verificar a Dilatação Cervical, Deutsch: Den Gebärmutterhals auf Erweiterung untersuchen, Français: vérifier la dilatation du col de l'utérus, Bahasa Indonesia: Mengecek Pembukaan Serviks, العربية: فحص اتساع عنق الرحم, Tiếng Việt: Kiểm tra độ giãn cổ tử cung, Nederlands: De baarmoederhals op ontsluiting controleren, Русский: проверить раскрытие шейки матки, 中文: 知道孕妇宫颈扩张

Questa pagina è stata letta 10 700 volte.
Hai trovato utile questo articolo?