Scarica PDF Scarica PDF

Può capitare prima o poi di dover determinare approssimativamente la temperatura dell'acqua e di non avere un termometro impermeabile. Puoi valutarla osservando dei segnali che ti fanno capire che il liquido sta quasi bollendo o congelandosi. Puoi anche usare la mano o il gomito per testarne il livello di calore; tuttavia, ricorda che procedere senza uno strumento non fornisce un valore preciso.

Metodo 1 di 3:
con la Mano e il Gomito

  1. 1
    Tieni la mano vicina all'acqua. Per farti un'idea molto approssimativa se l'acqua è fredda, tiepida o calda, per prima cosa avvicina la mano alla superficie. Se percepisci il calore che si irradia dall'acqua, significa che è molto calda e potrebbe scottarti; se non percepisci nulla, il liquido potrebbe essere freddo o a temperatura ambiente.
    • Non mettere direttamente la mano nell'acqua, né in cucina né in natura, senza prima averla tenuta al di sopra della superficie per valutarne la temperatura.
  2. 2
    Intingi il gomito. Se il recipiente è abbastanza grande da consentirlo, metti la punta del gomito nell'acqua per stimare grossolanamente la temperatura; dovresti capire immediatamente se il liquido è freddo o caldo.
    • Non mettere la mano in un contenitore d'acqua di cui ignori il livello di calore perché potresti scottarti.
  3. 3
    Stima la temperatura. Se lasci il gomito in ammollo per 5-10 secondi, puoi farti una vaga idea della temperatura a cui si trova l'acqua; se percepisci un leggero calore, è probabile che sia intorno ai 38 °C.[1]
    Pubblicità

Metodo 2 di 3:
Capire se l'Acqua è Fredda

  1. 1
    Osserva se è presente della condensa sul recipiente. Se l'acqua si trova in un contenitore di vetro o metallo (come un thermos o un pentolino) e noti che inizia a formarsi della condensa, puoi affermare con sicurezza che è più fredda dell'aria che la circonda.[2]
    • In parole semplici, la velocità con cui si sviluppa la condensa è maggiore quando l'acqua è molto più fredda dell'aria.
    • Se noti che entro due o tre minuti si creano queste goccioline di liquido sulle pareti esterne del bicchiere, l'acqua è davvero molto fredda.
  2. 2
    Nota se comincia a formarsi del ghiaccio. Se l'acqua che stai osservando è freddissima e inizia a congelarsi, dovresti notare un piccolo strato di ghiaccio che comincia a formarsi attorno ai bordi. Il punto di congelamento di questo liquido è prossimo a 0 °C, sebbene sia possibile vedere i primi cristalli anche quando è leggermente più calda (0,5-1,7 °C).[3]
    • Ad esempio, se stai osservando una ciotola di acqua dentro il freezer, puoi vedere dei piccoli frammenti solidi che iniziano a svilupparsi nel punto in cui il liquido tocca le pareti interne del contenitore.
  3. 3
    Controlla se l'acqua si è congelata. Si tratta di una semplice operazione che puoi portare a termine con una sola occhiata; se l'acqua è congelata (è ghiaccio solido), la sua temperatura è pari o inferiore a 0 °C.
    Pubblicità

Metodo 3 di 3:
Valutare il Calore dalla Dimensione delle Bolle

  1. 1
    Osserva le bollicine mentre l'acqua inizia a scaldarsi. Se vuoi avere un'idea ragionevolmente precisa della temperatura dell'acqua mentre questa si scalda, osserva le piccole bolle che si formano sul fondo del tegame o della pentola; quando sono molto piccole, significa che la temperatura è prossima a 70 °C.[4]
    • A questo livello, le bollicine che si formano sono piccole quanto gli "occhi dei gamberetti" o una capocchia di spillo.
  2. 2
    Presta attenzione alle bolle di medie dimensioni. Man mano che la temperatura aumenta, le bolle che si formano dal fondo diventano leggermente più grandi di una capocchia di spillo; questo significa che la temperatura dell'acqua è vicina agli 80 °C.[5]
    • Quando l'acqua raggiunge tale livello di calore iniziano anche a sollevarsi dei tenui fili di vapore dalla superficie.
    • Ora le bolle sono nettamente più grandi; se vuoi avere un metro di paragone, puoi pensare che abbiano il diametro di un occhio di granchio.
  3. 3
    Osserva le bolle più grandi che si sollevano verso la superficie. Quelle che si formano sul fondo del pentolino diventano sempre più grandi e alla fine galleggiano verso l'alto; in questa fase la temperatura è di circa 85 °C. Un altro indizio è il tintinnio che si diffonde dalla base del tegame.[6]
    • Le prime bolle che raggiungono la superficie hanno la dimensione di un occhio di pesce.
  4. 4
    Osserva la fase delle catene di bolle. Si tratta dell'ultimo passaggio prima del pieno bollore. Le bolle grandi nascono dal fondo della pentola e si portano rapidamente in superficie formando una catena continua; la temperatura dell'acqua è di circa 90-95 °C.[7]
    • Subito dopo questa fase, l'acqua raggiunge i 100 °C e quindi il pieno bollore.
    Pubblicità

Consigli

  • L'altitudine interferisce con il punto di ebollizione dell'acqua; anche se in genere bolle a 100 °C, in alta quota inizia a bollire anche a una temperatura inferiore: 90 °C.[8]
Pubblicità

Avvertenze

  • Non mettere mai un dito o una mano nell'acqua che bolle o che è prossima a farlo, ti procureresti una brutta ustione.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Realizzare un Modellino del Sistema Solare
Identificare i Funghi CommestibiliIdentificare i Funghi Commestibili
Fare una Relazione su un Esperimento ScientificoFare una Relazione su un Esperimento Scientifico
Fare Cristalli di SaleFare Cristalli di Sale
Scrivere una Buona Conclusione sull'Esperienza Scientifica di LaboratorioScrivere una Buona Conclusione sull'Esperienza Scientifica di Laboratorio
Capire se la Roccia che hai Trovato è un MeteoriteCapire se la Roccia che hai Trovato è un Meteorite
Evitare le Scosse ElettrostaticheEvitare le Scosse Elettrostatiche
Creare un OlogrammaCreare un Ologramma
Creare il Modello di una CellulaCreare il Modello di una Cellula
Costruire un PluviometroCostruire un Pluviometro
Realizzare un Modellino della TerraRealizzare un Modellino della Terra
Configurare un BarometroConfigurare un Barometro
Calcolare il Valore PCalcolare il Valore P
Disegnare una Cellula AnimaleDisegnare una Cellula Animale
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Meredith Juncker, PhD
Co-redatto da:
Dottoranda in Biochimica e Biologia Molecolare
Questo articolo è stato co-redatto da Meredith Juncker, PhD. Meredith Juncker è una dottoranda in Biochimica e Biologia Molecolare al Louisiana State University Health Sciences Center. I suoi studi si concentrano sulle proteine e sulle malattie neurodegenerative. Questo articolo è stato visualizzato 38 849 volte
Categorie: Scienze
Questa pagina è stata letta 38 849 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità