Scarica PDF Scarica PDF

Tendi ad avere reazioni eccessive quando qualcuno si rivolge a te in modo offensivo? È normale provare risentimento se qualcuno ti critica o ti offende. Comunque, la cosa migliore è farsi crescere il pelo sullo stomaco se tendi a reagire con rabbia, pianti o ti senti sconvolto per giorni. Non è sbagliato essere sensibili, ma non è divertente perdere l'equilibrio e cadere a terra per un commento banale. Imparando a considerare la situazione nel suo insieme, ad avere un atteggiamento positivo e a rafforzare la fiducia in te stesso, riuscirai a restare in piedi la prossima volta che ritieni che qualcuno ti abbia offeso.

Parte 1
Parte 1 di 3:
Gestire le Critiche

  1. 1
    Rifletti prima di reagire. Quando ti viene rivolto un commento negativo, la prima reazione è probabilmente di difesa. Potresti avere l'impulso di reagire con rabbia o correre in bagno a gridare. Potresti anche arrossire o iniziare a sudare. Imparare a riflettere prima di agire ti mette in una posizione di controllo. Non riuscirai a controllare il modo in cui un commento ti fa sentire, ma potrai dominare almeno il modo in cui reagisci.[1]
    • Prenditi un momento per lasciare che la prima ondata di emozioni scivoli via. Cerca di rendertene conto e aspetta che si affievoliscano. Non reagire finché l'istinto a difenderti non è andato via.
    • Potrebbe aiutare davvero contare fino a dieci prima di dire qualcosa. Se sei da solo, puoi farlo ad alta voce. Se sei con qualcun altro, conta in silenzio. Dieci secondi sono di solito sufficienti per sgombrare la mente.
  2. 2
    Distingui le critiche dalle offese. Una critica è di solito legata a qualcosa di distinto rispetto alla persona. Ad esempio, l'insegnante potrebbe osservare che la tua scrittura ha bisogno di migliorare. Può essere antipatico sentirselo dire, ma non significa che ci sia qualcosa di sbagliato in te. Un'offesa, invece, è quando qualcuno demolisce la persona che sei. Di solito si collega a qualcosa che non puoi modificare. La critica svolge una funzione positiva, mentre l'offesa intende procurare sofferenza.[2]
    • Considera il contesto. La persona che ti ha rivolto il commento era mossa da buone intenzioni? È qualcuno che rispetti e che ha titolo per criticarti, ad esempio il tuo insegnante, il tuo capo o i genitori? O è qualcuno che tenta di farti del male?
    • Confondere la critica con l'offesa porta in genere a reazioni eccessive. Riuscire a separare le due cose aiuterà a farti crescere il pelo sullo stomaco a scuola, al lavoro e in altri luoghi dove è legittimo esprimere commenti per migliorare.
  3. 3
    Verifica se hai la possibilità di migliorare. Chi ha mosso le critiche ha colto nel segno? Il commento potrà essere amaro da ingoiare, ma forse era giustificato. Se sai che ha un fondamento di verità, tenta di accettarlo invece di metterti sulla difensiva. Ascoltare le critiche con umiltà invece di respingerle istintivamente può aiutarti a migliorare.[3]
    • Può anche essere che le critiche siano infondate. A maggior ragione non c'è necessità di reagire in modo eccessivo. In fondo si tratta solo di un'opinione.
    • A tal proposito, forse potrebbe essere utile sentire altri pareri. In questo modo puoi stabilire se hai davvero la possibilità di migliorare.
  4. 4
    Osserva il quadro d'insieme. Averne la visuale ti aiuterà a trascorrere la giornata senza lasciarti prendere troppo dalle emozioni. Ricorda, non c'è niente di sbagliato nelle reazioni istintive di rabbia, di tristezza o di difesa quando ricevi una critica. Comunque, non dovresti permettere che le emozioni ti abbattano per il resto della giornata. Nel quadro più ampio di una giornata, di una settimana, di un mese o di un anno, un commento non ha molto significato.
    • Se ti sembra impossibile valutarlo in questa prospettiva, limitati a dire a te stesso di aspettare fino all'indomani. Il dispiacere svanirà realmente dopo un giorno o due.
    • Nel frattempo, distraiti. Trascorri del tempo con un amico, guarda un buon film o esercitati a scacciare via i cattivi pensieri.
  5. 5
    Imponiti di trasformare il commento in qualcosa di positivo. Il modo migliore per reagire alle critiche è usarle come stimolo per agire. Se non riesci a tenerle lontano dalla mente, decidi di servirtene in qualche modo sostituendo i sentimenti negativi con quelli positivi.
    • Ad esempio, se hai ricevuto una recensione negativa su una relazione che hai scritto, considera di correggerla tenendo in mente le critiche.
    • Senza farti condizionare troppo, memorizzale e proponiti di fare meglio la prossima volta.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 3:
Gestire le Offese

  1. 1
    Cerca di essere sprezzante. Le offese, a differenza delle critiche, spesso sono recate con l'intenzione di ferire. A volte chi offende è solo insensibile. Che le offese riguardino il tuo aspetto, l'intelligenza, l'abilità o qualcos'altro, si recepiscono di solito come un attacco personale. Dal momento che non hanno un intento costruttivo, non devi prenderle sul serio. A differenza delle critiche, non trasmettono alcuna informazione positiva. Sentiti autorizzato a respingere le offese invece di fartene una ragione.[4]
    • Ricorda che un'offesa è un'opinione, non è un fatto. Ad esempio, se qualcuno sostiene che sei poco attraente o poco intelligente, un altro potrebbe credere l'esatto contrario.
    • Dopo aver provato il dispiacere che l'offesa reca, prova a sorvolare. Considerala come la puntura di un insetto che non cambia la tua vita per quanto fastidioso.
  2. 2
    Renditi conto che il problema riguarda chi ti ha offeso, non te. Chi offende gli altri spesso lo fa perché ha dei carichi emotivi o disturbi della personalità. Se uno è in pace con se stesso, non va in giro a raccontare agli altri che cosa c'è di sbagliato in loro. Fai un passo indietro e renditi conto che il problema lo ha chi ti ha offeso.[5]
    • Fai attenzione ai sentimenti che stanno dietro l'offesa. La persona che ha espresso il commento potrebbe essere triste, arrabbiata o turbata in qualche altro modo. Alcuni hanno difficoltà a manifestare le proprie emozioni e tendono a scaricare i problemi sugli altri.
    • Utilizza queste informazioni come aiuto per non prendere l'offesa troppo sul personale. Può averti ferito, ma era solo il travestimento dei veri sentimenti di chi ti ha offeso.
  3. 3
    Verifica se hai una ferita più profonda. Se tendi a recepire come un'offesa il meno negativo dei commenti, potresti essere tu ad avere sentimenti confusi. Potresti avere un profondo senso d'inadeguatezza che rende difficile sopportare i giudizi duri. Rendersene conto può aiutare a sentirsi meno offesi e a farsi crescere il pelo sullo stomaco.
    • Ad esempio, forse ti senti insicuro sulla tua intelligenza da quando hai iniziato un nuovo difficile corso di lezioni. Qualcuno che ti chiama "sciocco" o "cretino" può farti sentire offeso al di là delle sue reali intenzioni.
    • La soluzione è lavorare sul senso d'inadeguatezza che rappresenta per te un punto di debolezza e un nervo scoperto. Quando ti sentirai più sicuro della tua intelligenza sarai in grado di mettere questi commenti dietro le spalle.
  4. 4
    Reagisci con eleganza. Resisti alla tentazione di rispondere all'offesa con un'altra offesa. Non ti farà sentire meglio con te stesso e peggiorerà soltanto il tuo stato d'animo. Invece, reagisci in un modo di cui potrai essere orgoglioso quando più tardi rifletterai sulla situazione.
    • Hai tutto il diritto di ignorare l'offesa. Fingi che niente sia stato detto se questa ti sembra la soluzione migliore.
    • Oppure prova a sollevare il mento, a stabilire un contatto visivo con la persona e a rispondere "che si sbaglia e che ciò che ha detto non è vero".
  5. 5
    Difenditi, se necessario. Se le offese sono frequenti, forse è il caso di cambiare registro e porre fine alla situazione. Alcuni si divertono a recare dispiaceri agli altri. Se ritieni che qualcuno stia esagerando con le offese, prendi in considerazione una delle seguenti possibilità:[6]
    • Avere un confronto faccia a faccia. Dire alla persona che vuoi che la smetta. A volte questo può essere sufficiente perché la persona cessi di offenderti.
    • Cercare un aiuto esterno. Se ti senti oggetto di bullismo, un confronto diretto non risolve. Parla con il tuo insegnante, capo, supervisore o con qualcun altro che ti può aiutare a gestire con urgenza la situazione.
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 3:
Costruire la Fiducia in Se Stessi

  1. 1
    Sii orgoglioso della tua forza. Quando sei convinto delle tue capacità, della tua personalità e degli altri tuoi punti di forza, i giudizi negativi addolorano meno. Puoi accettare le critiche usando un pizzico di saggezza e servirtene per migliorare. Puoi osservare le cose con obiettività attraverso offese prive di significato. Costruire la fiducia in se stessi è il modo migliore per farsi crescere il pelo sullo stomaco.[7]
    • Conosci i tuoi punti di forza? Prova a fare un elenco di tutto ciò che ammiri di te. Avere la consapevolezza delle cose in cui eccelli ti conforterà quando ti senti giù.
    • Cerca di diventare abile in ciò che fai. Passa il tempo a fare pratica, ad apprendere e a darti sempre da fare per migliorare. In questo modo avrai la piena consapevolezza delle tue capacità e una critica o un'offesa non riusciranno più a buttarti giù.
  2. 2
    Non cercare di essere perfetto. Se la perfezione è il tuo ideale, ogni piccolo commento può stenderti. Va bene nelle cose che ti occorrono per lavorare, ma non c'è modo di essere perfetto in tutto ciò che cerchi di fare. Non si tratta di abbassare i tuoi standard. Basta rendersi conto che ciò che conta è fare del proprio meglio, non la perfezione.[8]
    • Essere un perfezionista può sembrare una buona cosa, ma i perfezionisti hanno meno pelo sullo stomaco di chi si è concesso di sbagliare.
    • Per correggere questa tendenza mettiti alla prova per imparare qualcosa di nuovo. Cimentati in una nuova abilità, in uno sport, in una lingua o in qualsiasi altra cosa ti possa interessare. Partire da zero può essere mortificante, ma ti aiuterà a capire che la perfezione è impossibile. Ciò che conta è il percorso.
  3. 3
    Trascorri del tempo con persone positive. Forse sei circondato da persone ipercritiche nei tuoi confronti. Può essere difficile vedere se stessi con chiarezza se gli altri pretendono standard impossibili. La soluzione non è cercare di cambiare, ma passare più tempo con persone che ti accettano per come sei.
    • Presta attenzione a come ti senti dopo aver frequentato certe persone. Ti senti rinfrancato e sereno? O stai peggio?
    • Quando sei in compagnia di persone che ti accettano per come sei, non devi preoccuparti di essere eccessivamente reattivo. Dopo aver stabilito un rapporto di fiducia scoprirai che i veri amici ti apprezzano anche quando ti senti insicuro.
  4. 4
    Esercitati a prenderti cura di te. La fiducia in se stessi è difficile da conquistare se non lo fai. Avere una routine per prendersi cura di sé aiuta a sentirsi più in salute sia fisicamente che mentalmente. Il tuo stato d'animo ne trarrà giovamento e forse ti preoccuperai meno dei giudizi meschini che ti vengono rivolti.
    • Mangia sano e fai esercizio. Lo avrai sentito ripetere un milione di volte, ma aiuta. Assicurati di seguire una dieta bilanciata e fai esercizio almeno 30 minuti per giorno.
    • Dormi a sufficienza. La stanchezza amplifica le emozioni e ti rende più incline a prendere le cose nel modo sbagliato.
  5. 5
    Cerca un aiuto esterno. Se non sembra che tu riesca a liberarti delle emozioni che gli altri ti creano con i propri commenti, potrebbe essere opportuno parlare con uno psicoterapista. La depressione, l'ansia e altri disturbi collegati ti fanno sentire impossibile gestire le negatività. Fissa un appuntamento con uno specialista per discutere della tua situazione e avere consigli.[9]
    • La psicoterapia può essere molto efficace quando si tratta di costruire la fiducia in se stessi e farsi crescere il pelo sullo stomaco. Alla fine potresti anche ritenere che essere reattivo sia la soluzione per te.
    • Se soffri di depressione cronica o di un altro disturbo, anche i farmaci possono essere di aiuto. Dovrai prendere un appuntamento con uno psichiatra per discutere le opzioni migliori per la tua situazione.
    Pubblicità

Consigli

  • Renditi conto che nessuno è stato mai esente da critiche. Alcuni dei personaggi di maggior successo nella storia hanno avuto folte schiere di denigratori.
  • Occorre pazienza ed esercizio, ma ne vale la pena.
  • A volte le cose che ci fanno reagire di più sono i problemi che temiamo di dover affrontare. Avere il coraggio di farlo attraverso i cambiamenti o accettando se stessi ti darà col tempo più fiducia in te stesso.
Pubblicità

Avvertenze

  • Non pensare che farsi crescere il pelo sullo stomaco significhi essere scortese o indifferente.
  • Non tutte le persone che ti criticano vogliono ferire i tuoi sentimenti. C'è differenza tra una critica costruttiva e la maleducazione.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Avere un Glow UpAvere un Glow Up
Fare in Modo che un Desiderio si Realizzi da un Giorno all'AltroFare in Modo che un Desiderio si Realizzi da un Giorno all'Altro
Dimenticare Volontariamente le CoseDimenticare Volontariamente le Cose
Evitare di PiangereEvitare di Piangere
Determinare il tuo Tipo di Personalità Myers BriggsDeterminare il tuo Tipo di Personalità Myers Briggs
Piangere e Sfogare le EmozioniPiangere e Sfogare le Emozioni
Sconfiggere la DepersonalizzazioneSconfiggere la Depersonalizzazione
Trovare la Tua PassioneTrovare la Tua Passione
Far Passare Più Velocemente il TempoFar Passare Più Velocemente il Tempo
Creare un Bullet JournalCreare un Bullet Journal
Vincere la Timidezza con le RagazzeVincere la Timidezza con le Ragazze
Acquisire Fiducia in se StessiAcquisire Fiducia in se Stessi
Essere più Sicuro di TeEssere più Sicuro di Te
Credere in se stessiCredere in se stessi
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 3 093 volte
Categorie: Sviluppo Personale
Questa pagina è stata letta 3 093 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità