Come Controllare le Spese con un Budget

Scritto in collaborazione con: Lo Staff di wikiHow

In questo Articolo:Creare il BudgetRispettare il Budget

Controllare le spese con un budget è importante per affrontare nel miglior modo possibile sia le spese di casa che quelle dell’ufficio, per gestire il denaro e tenere sotto controllo la disponibilità finanziaria. Devi sempre sapere dove vanno a finire i soldi ed è bene riuscire a metterne da parte abbastanza per pagare i conti mensili. È quindi importante controllare ogni piccola quota di reddito, così da capire dove stai spendendo troppo e dove puoi economizzare per coprire le spese più importanti alla fine del mese.

1
Creare il Budget

  1. 1
    Registra il reddito netto che ricevi mensilmente. Questo consiste nella somma effettiva che porti a casa, dopo tutte le trattenute (tasse, contributi, ecc.). Includi anche altre fonti di reddito, se ne hai, come mance, premi mensili, adeguamento del costo della vita, dividendi, interessi attivi e così via.
    • Anche se il tuo reddito è in continuo cambiamento, segui comunque le stesse tecniche descritte nell’articolo. Determina prima tutte le spese essenziali, quelle prioritarie e quelle per mantenere il tuo stile di vita. Poi, con i tuoi introiti da lavoro, comincia a pagare i bisogni primari, seguiti dalle priorità e quindi dalle spese per lo stile di vita che ti sei costruito. Se avanzano dei soldi puoi accantonarli e metterli in un fondo di emergenza o in un libretto di risparmio.
  2. 2
    Togli dal reddito mensile l’obiettivo netto di risparmio che ti sei prefissato. Idealmente, dovresti impostare un prelievo automatico da versare in un altro conto, in modo da non essere neppure tentato di toccarlo. Se non lo vedi mai, non ne sentirai la mancanza. Riuscire ad accantonare una quota risparmiata ti aiuterà ad affrontare eventuali situazioni di emergenza, oltre a prepararti per la pensione.
    • La quantità di soldi che dovresti risparmiare dipende principalmente dallo stipendio, ma una buona base di riferimento è circa il 15% - 20%. Se però puoi permetterti di risparmiare solo il 10% del reddito annuo, va bene ugualmente, l’importante è che ne risparmi comunque un po’.
    • Se hai aderito a dei fondi pensione, il datore di lavoro corrisponde una quota di contributi al tuo fondo (fino a una certa percentuale). In questo caso puoi approfittarne e sfruttare al massimo questa disponibilità. Certo, non li vedi nell’immediato, ma sai che potrai farvi affidamento al momento opportuno. Si tratta della cosa più vicina al "denaro gratis" che hai mai ottenuto nella tua vita.
  3. 3
    Elenca le tue spese mensili in tre categorie distinte. In genere sostieni spese "fisse", "flessibili" e "discrezionali".
    • Le spese fisse restano uguali ogni mese, come ad esempio un mutuo, l’affitto, il pagamento di un prestito, un'assicurazione o un abbonamento a un servizio. Somma tutte le spese fisse e calcola l’ammontare totale mensile.
    • Le spese flessibili sono costituite da elementi che sono necessari, ma dei quali puoi controllare l’importo, come ad esempio gli articoli per la casa e gli alimentari, l’abbigliamento, i servizi e così via. Calcola il totale di queste spese.
    • Le spese discrezionali sono invece elementi che non sono necessari per la sopravvivenza. Tra queste vanno incluse le spese per il tempo libero come il cinema, i viaggi e lo shopping impulsivo. Se il rapporto tra la spesa e il reddito non è in equilibrio e stai spendendo più di quanto guadagni, gli acquisti che rientrano in questa categoria sono i primi che devono essere eliminati o almeno ridotti. Determina l’ammontare di queste spese.
  4. 4
    Sottrai l'importo totale delle spese dal reddito complessivo mensile. Se il costo totale è inferiore al totale del reddito, allora stai gestendo bene le tue finanze e dovresti continuare così. Ma se il costo totale è superiore al totale del reddito, sei decisamente finanziariamente fuori equilibrio e devi stabilire delle priorità nelle tue spese.
  5. 5
    Se il tuo budget è al limite con le spese, verifica con più attenzione quelle flessibili e discrezionali. Controlla la tua banca e l’estratto conto per analizzare quanto spendi e per cosa oppure scarica un’applicazione finanziaria personale online. Questa ti può aiutare a tenere traccia dei soldi che spendi per cose che non sono essenziali.
    • Tieni monitorate le spese fatte con la carta di credito. Lo sapevi che le persone che fanno uso di carta di credito sono propense a spendere di più rispetto a coloro che usano contanti? Questo perché i contanti "appaiono" più reali e spenderli è più “difficile”. Prova a tenere con te solo contanti e verifica se spendi meno.
    • Controlla quanto spendi per mangiare fuori, per bere il tuo caffè del mattino al bar, per andare al cinema e per tutte le altre attività “extra” che puoi ridurre. Molte persone sentono il bisogno di bere assolutamente il caffè al bar, anche se c’è una macchina per il caffè al lavoro. Una tazzina di caffè costa ogni giorno minimo 1 euro, che in un anno lavorativo equivale a circa 250 euro. Ma poi certo non ti limiti a un caffè! E il cornetto non vuoi mangiarlo qualche volta? Pensa a che cosa potresti fare con questi soldi risparmiati se rinunciassi al tuo appuntamento quotidiano al bar.
    • Inizia ad affrontare seriamente la questione di cosa puoi ridurre, o escludere del tutto, dalle tue spese. Sia che debba analizzare la cosa con il coniuge o semplicemente con te stesso, cerca in ogni caso di essere onesto, sincero e chiaro. A nessuno piace ridurre le spese, anche se a volte è necessario.
  6. 6
    Verifica quanti soldi sono rimasti dal tuo reddito, una volta pagate tutte le spese essenziali. Questa è l'unica cifra che puoi spendere se non vuoi fare debiti. Se la tua paga è settimanale, assicurati di accantonare abbastanza soldi per pagare le utenze mensili. Non dovresti mai prendere in prestito dei soldi per coprire queste spese. Questo metodo di accantonamento ti eviterà di sentirti sempre con l'acqua alla gola.
  7. 7
    Rivedi la tua pianificazione a consuntivo alla fine di ogni mese, per assicurarti di rimanere nel budget. Confronta le spese effettive con quelle che avevi preventivato. Se ci sono scostamenti evidenti, potrebbe essere necessario apportare delle modifiche nelle spese discrezionali. Col passare del tempo, puoi fare questo controllo solo su base trimestrale.

2
Rispettare il Budget

  1. 1
    Fatti aiutare dalla tecnologia. Se sei un tipo stile vecchia scuola che ama quadrare il proprio libretto degli assegni congratulazioni! Ma sappi che la nuova tecnologia sta facilitando più che mai il controllo delle spese in tempo reale e con i software più sofisticati. Puoi trovare online molti ottimi strumenti che ti aiuteranno a tenere traccia delle spese e a stilare un budget efficiente per il futuro.
  2. 2
    Non arrenderti al primo segno di fallimento. Fare un budget è come fare una dieta. Un sacco di gente inizia con le migliori intenzioni. Poi, se non riesce a vedere i risultati entro due mesi, o quando inizia ad annoiarsi, si arrende e abbandona, dicendo a se stessa che non ne vale la pena. Non rinunciare prima che la battaglia sia ancora iniziata. Preparati all’idea che i bilanci finanziari richiedono un sacco di tempo e un po' di sforzo.
    • Prova almeno a controllare un budget per un anno intero, per valutare se qualcosa cambia nelle tue finanze. Se, dopo un anno di controllo finanziario costante e meticoloso non hai cambiato di un euro i tuoi risparmi o non sei riuscito a mettere qualche soldo in più nelle tue tasche, allora sentiti libero di rivalutare la cosa. Non resterai deluso.
  3. 3
    Inizia a crearti un fondo di emergenza. Non si tratta della stessa cosa del fondo di risparmio. Il fondo di emergenza ti deve garantire 6-12 mesi di copertura delle spese primarie a cui attingere nel caso, appunto, d'emergenza. Cosa succede se perdi il lavoro? Cosa fai se tua figlia ha bisogno di un intervento ai denti? Se si verificano varie emergenze possono potenzialmente bruciarti tutti i fondi che hai accumulato. Essere preparati è la cosa migliore e avere uno di questi fondi fa la differenza nel tuo budget.
  4. 4
    Spendi il tuo rimborso fiscale con saggezza. Il rimborso fiscale, se ne hai diritto con il tuo 730, può essere un grande colpo di fortuna. Puoi ricevere qualche centinaia di euro o magari anche un migliaio, senza forse neppure aspettarteli. Sapere come spendere questa potenziale risorsa, tuttavia, può essere piuttosto difficile, soprattutto se fai già fatica ad arrivare a fine mese. Valuta di inserirla nel fondo di emergenza o di risparmio, invece di spenderla per una nuova TV a schermo piatto.
  5. 5
    Paga i debiti lentamente ma saldali tutti. Sembra che un’alta percentuale di famiglie italiane sia indebitata più di quanto riesca a pagare mensilmente. Si tratta di molto denaro che deve essere dato a qualcun altro. Se riesci a pagare i debiti mensilmente con il tuo stipendio va benissimo. Ma se, come molte altre persone, ti trovi in difficoltà lottando per pagarli ogni mese, significa che devi mettere in atto delle strategie diverse.
    • Quale debito vuoi pagare per primo? Uno con un elevato interesse o uno che “costa” poco? Saldare quello con un basso interesse o anche più debiti insieme può avere i suoi vantaggi, anche se eliminare prima le pendenze con un tasso di interesse più alto ti permetterà di risparmiare nel lungo periodo.
    • Se sei motivato a chiudere i debiti, comincia da quelli a tasso maggiore. I debiti con un alto interesse possono crescere a dismisura a causa degli interessi che accumulano velocemente, rendendo, in ultima analisi, questo approccio più economico. Tuttavia, se vuoi sentirti motivato chiudendo più linee di debito con un tasso minore, puoi farlo per ricavarne un senso di soddisfazione.

Consigli

  • Cerca di ridurre le spese. Elimina tutti i costi superflui come mangiare fuori o i divertimenti costosi. Valuta di usare i mezzi pubblici e vendi l’auto. Usa i buoni dei supermercati, acquista i prodotti non di marca ed evita gli acquisti fatti impulsivamente. Soprattutto, smetti di fare nuovi debiti. Opta per procurarti una carta di debito (bancomat) e rinuncia o annulla la carta di credito.
  • Crea un piano di spesa che ti consenta di diminuire i debiti. Elenca le spese necessarie, come quelle per il mantenimento della casa e per la salute, e quelle opzionali come i divertimenti e le vacanze.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Categorie: Gestione del Denaro

In altre lingue:

English: Create a Budget, Español: crear un presupuesto, Deutsch: Einen Haushaltsplan aufstellen, 中文: 制定预算, Français: créer un budget, Русский: создать бюджет, Nederlands: Een budget opstellen, Bahasa Indonesia: Membuat Anggaran, Čeština: Jak vytvořit rozpočet, العربية: عمل ميزانية للأسرة

Questa pagina è stata letta 16 662 volte.
Hai trovato utile questo articolo?