Come Controllare se il tuo Gatto è Disidratato

Scritto in collaborazione con: Pippa Elliott, MRCVS

In questo Articolo:Cercare i Segni della DisidratazioneDiagnosi e Trattamenti

Quando il gatto perde più liquidi di quelli che assume, si disidrata. Questo può verificarsi per una serie di ragioni, tra cui non mangiare o bere a sufficienza, un colpo di calore, vomito, diarrea, oltre a molti altri fattori. La disidratazione è una condizione grave per i gatti, perché il corretto equilibrio dei liquidi è fondamentale per mantenere la giusta temperatura corporea, la corretta eliminazione delle feci, assicurare una buona circolazione e garantire l'equilibrio degli apparati critici del corpo. Prima riesci a rilevare i segni premonitori della disidratazione nel gatto, prima puoi trovare l'aiuto adeguato, e più facile sarà invertire la condizione.

Parte 1
Cercare i Segni della Disidratazione

  1. 1
    Agisci immediatamente, se necessario. Alcune cause richiedono cure mediche immediate per qualunque gatto, a prescindere dall'età e dallo stato di salute generale. Tra queste cause considera qualunque sospetto di emorragia interna, ustioni, ferite da moderate a gravi, vomito o diarrea consistenti o prolungati, mancanza di appetito che dura più di 24 ore se il gatto è adulto o 12 ore nei cuccioli, respirazione a bocca aperta o febbre alta.
  2. 2
    Controlla l'assunzione di acqua del tuo micio. Nelle fasi iniziali, è facile che la disidratazione passi inosservata. Infatti, anche i segni fisici più sottili non si notano finché il gatto non è disidratato almeno per il 4-5%. Proprio per questo motivo, dovresti prestare attenzione a quanto beve; verifica se sta assumendo meno liquidi del solito o se non beve affatto.
    • Devi fare in modo di assicurargli sempre molta acqua fresca, soprattutto se hai intenzione di stare lontano per un lungo periodo di tempo, come per un impegno di lavoro o per una gita di un giorno.
  3. 3
    Verifica se le gengive sono umide. Un modo per capire se il gatto è disidratato è quello di controllargli le gengive. Usa le dita per spingere verso l'alto il labbro superiore e per esporre così la sua linea gengivale, e toccala con il dito. Se l’animale è ben idratato, dovresti sentire il tessuto gengivale umido. Quando però il micio diventa sempre più disidratato, le gengive cominciano a seccarsi. Se ti sembrano appiccicose o emanano un odore cattivo, potrebbero essere i primi segnali di disidratazione.
    • Se il tessuto gengivale è davvero asciutto, il gatto può essere moderatamente o gravemente disidratato, in base alla presenza di altri sintomi. Solitamente le gengive non diventano completamente asciutte finché il gatto non è disidratato almeno per il 6-7%.
    • Tieni presente che le gengive si asciugano rapidamente all'aria quando sollevi il labbro superiore, quindi devi valutarne immediatamente il grado di umidità.
    • Se le gengive ti sembrano secche, appiccicose, hanno un cattivo odore o non sai con certezza se sono normali, osserva ulteriormente il gatto per individuare altri segni che possano aiutarti a capire se è effettivamente disidratato o quanto lo è.
  4. 4
    Controlla il tempo di riempimento capillare (CRT) delle gengive. Questo consiste nella quantità di tempo necessaria ai capillari, che sono piccoli vasi sanguigni presenti nelle gengive, a riempirsi di sangue. Dato che la disidratazione riduce il volume del sangue, questo tempo aumenta negli animali disidratati. Per controllare il CRT, premi con il dito la gengiva del micio e poi rilasciala. La pelle dovrebbe sbiancare (in caso contrario, prova ancora, questa volta premendo un po' più forte). Quindi solleva il dito e conta i secondi necessari alla mucosa bianca per tornare al suo colore naturale.
    • In un gatto sano e ben idratato la pelle dovrebbe tornare al colore normale in meno di 2 secondi.
    • Se l'animale è moderatamente disidratato, potrebbe essere necessario un po’ più di tempo. Nei casi di disidratazione più grave, questo tempo di riempimento può essere ancora più prolungato.
    • Il tempo di riempimento in genere non aumenta quando la disidratazione è leggera, quindi se noti un aumento del CRT potrebbe trattarsi di una disidratazione moderata o grave che richiede cure veterinarie.
    • Se le gengive sono molto pallide o bianche prima ancora di premerle, porta subito il gatto dal veterinario. Potrebbe essere il caso di una disidratazione più avanzata.
  5. 5
    Prova l’elasticità della pelle. Un altro segnale precoce consiste in una leggera perdita di elasticità della pelle, che diventa più pronunciata quando la disidratazione peggiora. Controlla l'elasticità scegliendo un’area della pelle lungo la schiena o sul torace del micio. Evita la pelle della nuca, perché in questo punto è spessa e può darti dei risultati fuorvianti. Pizzicala delicatamente tra due dita, rilasciala e infine osservala.
    • In un gatto sano e ben idratato, la pelle dovrebbe tornare immediatamente nella sua posizione naturale. Quando è leggermente disidratato, la pelle non può tornare nella posizione più rapidamente di quanto farebbe in un animale ben idratato.
    • Se il gatto è moderatamente o gravemente disidratato, la pelle ovviamente torna a posto più lentamente, mentre, se l’animale è davvero molto disidratato, la pelle può rimanere “pizzicata” e non tornare in posizione normale.
    • Sii consapevole però che non sempre questo test è assolutamente accurato. Gli animali vecchi o emaciati spesso hanno la pelle meno elastica rispetto a quelli più giovani, per cui la loro cute non può scattare in posizione rapidamente, anche se sono ben idratati. I cuccioli con meno di 6 settimane di età hanno la pelle meno elastica di quella degli adulti; inoltre gli animali in sovrappeso hanno molto grasso sottocutaneo, quindi non è possibile notare una evidente perdita di elasticità cutanea finché non sono davvero gravemente disidratati.
  6. 6
    Controlla gli occhi. Questi organi possono fornirti informazioni importanti sullo stato di idratazione del micio. Se sono leggermente infossati in un gatto in buona salute possono indicare una disidratazione moderata. Tieni comunque presente che i mici molto magri, soprattutto quelli anziani o con malattie croniche, possono avere naturalmente gli occhi leggermente infossati.
    • Gli occhi molto infossati e che appaiono secchi possono indicare una grave disidratazione. In alcuni casi davvero gravi, può anche essere visibile la terza palpebra.
    • Se gli occhi appaiono asciutti, infossati o noti la sporgenza della terza palpebra, il gatto dovrebbe essere sottoposto a immediate cure mediche.
  7. 7
    Senti le zampe. Se il gatto manifesta altri segni di disidratazione e le sue zampe sono fredde al tatto, può trattarsi di una disidratazione moderata o grave. Per valutare questo, afferra delicatamente il micio. Tienigli la zampa nel palmo della mano e presta attenzione alla temperatura. Se ti sembra normale come il resto del suo corpo, allora non ha una disidratazione moderata. Se invece la senti fresca o fredda, potrebbe essere un segno di grave mancanza di liquidi e dovresti portarlo dal veterinario il prima possibile.

Parte 2
Diagnosi e Trattamenti

  1. 1
    Cerca assistenza veterinaria. Se l’animale manifesta segni di disidratazione, devi farlo visitare dal medico. Dovresti rivolgerti al veterinario appena il micio mostra i primi segni di carenza di liquidi, dato che è molto più facile trattare il problema se viene affrontato nelle sue prime fasi. Se hai il sospetto che sia moderatamente o gravemente disidratato o se l'animale è letargico e non risponde alle sollecitazioni, portalo subito dal veterinario.
    • Fai capire al medico che si tratta di una situazione di emergenza, in modo che possa visitare l’animale il più presto possibile. Quando la disidratazione è grave, si tratta davvero di un'emergenza pericolosa per la vita.
    • Oltre a confermarti gli esiti del tuo esame fisico e valutare la storia clinica del gatto, il veterinario può sottoporlo a degli esami per stabilire come è arrivato a disidratarsi, in modo da definire una terapia adeguata.
  2. 2
    Lascia che il veterinario esegua dei test. Oltre a un esame fisico, il medico può fare alcuni esami di base per verificare lo stato di disidratazione del gatto. Tra questi può esserci anche un esame del sangue per analizzare l'ematocrito (PCV). Se il PCV è superiore al normale, probabilmente il micio è disidratato.
    • Il veterinario può anche far analizzare un campione di urina per verificarne la concentrazione. Di solito, quando gli animali sono disidratati, i reni elaborano un’urina più concentrata per trattenere la maggior quantità possibile di acqua. Se però il gatto soffre di una malattia renale o di uno squilibrio ormonale, i reni potrebbero non essere in grado di concentrare in modo appropriato l’urina anche quando l’animale è disidratato.
    • Il gatto potrebbe essere sottoposto a ulteriori test, in base alla causa di fondo che si sospetta possa essere responsabile della disidratazione.
  3. 3
    Sottoponi il micio a una cura. Una volta che il veterinario ha visitato il gatto, stabilirà il grado approssimativo di disidratazione e formulerà una terapia per l’assunzione di liquidi. Il modo migliore per rimediare a una disidratazione moderata o grave è quello di somministrare fluidi per via endovenosa. Inoltre è necessario affrontare la causa che l’ha provocata, così da risolvere il problema a monte.
    • In caso di grave disidratazione si deve intervenire immediatamente con una terapia incisiva di somministrazione di liquidi per via endovenosa, per garantire la guarigione dell’animale.
  4. 4
    Cerca le cause di fondo in un gatto malato. Dato che i primi segni di disidratazione sono sottili e difficilmente visibili, è importante cercare di individuare i potenziali fattori di rischio di questo problema e le situazioni che potrebbero provocarlo. Devi iniziare cercando le cause comuni della disidratazione, come un’alimentazione o un’assunzione insufficiente di liquidi, un’eccessiva minzione, vomito, diarrea, ustioni o altri danni alla pelle, emorragie interne o esterne, febbre e perdita di liquidi all'interno del corpo a causa di emorragie interne o altri trasferimenti inopportuni di liquidi dai vasi sanguigni.
    • I gatti malati o debilitati e i cuccioli sono particolarmente vulnerabili a questa condizione. Se il tuo micio rientra in una di queste tipologie, dovresti prestare particolare attenzione nella ricerca di questi fattori, in quanto sono sempre motivo di allarme e richiedono cure veterinarie.
  5. 5
    Individua i fattori di rischio. Alcune patologie mediche e determinate condizioni ambientali rendono più probabile la disidratazione, pertanto gli animali che ne soffrono sono a maggior rischio di disidratazione. Ciò significa che devi essere molto attento nel controllare il tuo animale domestico alla ricerca di ogni piccolo sintomo di carenza di liquidi, per valutare prontamente la disidratazione. Tra i problemi che generano un maggior rischio ci sono le malattie renali, il diabete, l’ipertiroidismo, le malattie cardiache, le malattie infiammatorie intestinali, i parassiti gastrointestinali, varie malattie infettive e i colpi di calore.

Consigli

  • Assicurati che il tuo micio abbia sempre a disposizione molta acqua fresca e pulita.
  • Nutri il tuo gatto con almeno un po' di cibo in scatola o fresco, perché le crocchette sono secche e non forniscono sufficiente quantità di liquidi.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Pippa Elliott, MRCVS. Laureata in Scienze Veterinarie e membro del Royal College of Veterinary Surgeons, la Dottoressa Elliott ha oltre 30 anni di esperienza nel settore della chirurgia veterinaria e nella pratica della medicina per animali di compagnia. Ha conseguito la laurea in medicina e chirurgia veterinaria alla University of Glasgow nel 1987. Lavora da più di 20 anni presso la stessa clinica veterinaria della sua città natale.

Categorie: Gatti

In altre lingue:

English: Check Cats for Dehydration, Español: revisar si un gato está deshidratado, Русский: узнать, обезвожен ли кот, Français: prendre soin d'un chat déshydraté, Bahasa Indonesia: Memeriksa Gejala Dehidrasi pada Kucing, Nederlands: Katten controleren op uitdroging, 한국어: 고양이의 탈수 증상 확인하는 법, 中文: 检查猫咪是否脱水, Deutsch: Katzen auf Dehydrierung untersuchen, ไทย: ตรวจดูว่าแมวมีภาวะขาดน้ำหรือไม่, العربية: فحص جفاف القطط

Questa pagina è stata letta 21 278 volte.
Hai trovato utile questo articolo?