Come Controllare se una Ferita è Infetta

5 Parti:Verificare l'Aumento del Dolore, Gonfiore, Arrossamento o Calore Intorno alla FeritaAccertarsi della Presenza di Pus e Altre SecrezioniVerificare se l'Infezione ha Raggiunto il Sistema LinfaticoControllare la Temperatura e lo Stato di Salute GeneraleGestire una Ferita Grave

È abbastanza normale procurarsi tagli o graffi nella vita di tutti i giorni. Spesso si tratta di lesioni che guariscono senza difficoltà, ma può capitare talvolta che i batteri entrino nella ferita e provocare quindi un'infezione anche pericolosa. Tuttavia, se riesci a diagnosticarla tempestivamente, è possibile curarla in maniera più rapida ed efficace. Le infezioni vengono trattate generalmente con gli antibiotici, sebbene le cure dipendano dalla gravità dell'infezione stessa. Ci sono alcuni segni che puoi notare che indicano chiaramente quando c'è un'infezione in corso, come arrossamento, fuoriuscita di pus e dolore persistente. Imparare a verificare lo stato di una ferita è un aspetto essenziale per mantenerti in buona salute.

Parte 1
Verificare l'Aumento del Dolore, Gonfiore, Arrossamento o Calore Intorno alla Ferita

  1. 1
    Per prima cosa, lavati le mani. Prima di iniziare a osservare la ferita devi essere certo di avere le mani accuratamente pulite. Se temi che la tua lesione sia o possa diventare infetta, le mani sporche peggioreranno solo la situazione. Assicurati quindi di lavarle adeguatamente con un sapone antibatterico e acqua prima di intraprendere qualunque operazione.
    • Ricordati di lavarle anche dopo avere toccato la ferita.
  2. 2
    Esamina attentamente la lesione. Togli la fasciatura e inizia a osservarla. Muoviti con cautela, per non rischiare di aggravare la zona già sensibile. Se la benda rimane aderente al taglio, usa acqua corrente per cercare di smuoverla e staccarla. Per questa operazione può essere utile lo spruzzatore dell'acqua del rubinetto della cucina.
    • Una volta tolta la fasciatura sporca, devi gettarla nella spazzatura. Non pensare mai di riutilizzarla.
  3. 3
    Controlla la ferita per i segni di arrossamento o gonfiore. In particolare, verifica se è presente un eccessivo arrossamento o comunque maggiore rispetto a prima. Se hai questa impressione e ti sembra che la zona rossa si sia estesa oltre l'area della lesione, sappi che è un segno di infezione.
    • Accertati anche che la pelle della zona non sia calda. Rivolgiti a un dottore se ti sembra di notare questi sintomi.
  4. 4
    Presta attenzione a un peggioramento del dolore. Se provi una dolenzia diversa o con il passare del tempo aumenta, significa che la ferita è infetta. Il dolore già di per sé, o in concomitanza ad altri segni (come gonfiore, calore e presenza di pus), può indicare la presenza dei batteri. Vai dal medico, se il dolore della zona lesa aumenta. Potresti sentirlo provenire dalla profondità della ferita. Di solito, se l'area è gonfia, calda o provi dolenzia al tatto, devi considerare questi segni come indicatori di possibile infezione.
    • Il dolore potrebbe anche essere pulsante. Il prurito non significa necessariamente che c'è un'infezione in corso, anche se non dovresti mai stuzzicare o grattare troppo una lesione, perché le unghie contengono molti batteri e potresti trasmetterli alla ferita, peggiorando la situazione.
  5. 5
    Non applicare un antibiotico topico, se non ti è stato esplicitamente raccomandato dal medico. Gli studi hanno riscontrato che le creme antibiotiche non sono poi così efficaci per la cura delle ferite infette. Se l'infezione si è diffusa ed è entrata anche nel corpo, un trattamento topico non è sufficiente per combattere anche i batteri presenti nell'organismo.
    • Il medico potrebbe consigliarti degli antibiotici per uso topico nel caso in cui l'infezione fosse di lieve entità e superficiale.

Parte 2
Accertarsi della Presenza di Pus e Altre Secrezioni

  1. 1
    Osserva la presenza di pus o altra secrezione giallo-verdastra. Questa secrezione potrebbe anche avere un cattivo odore. Se noti pus o altri fluidi dall'aspetto torbido che escono dalla ferita, significa che c'è un'infezione. In questo caso devi cercare delle cure mediche il prima possibile.
    • È normale che da una ferita esca del liquido, purché sia chiaro e fluido. Tuttavia, ricorda che i batteri possono anche produrre delle secrezioni dall'aspetto chiaro, non giallognolo o verdastro e, in questo caso, il medico dovrà controllarle per individuarne la causa specifica.
  2. 2
    Verifica se si forma del pus attorno alla ferita. Se noti del pus sotto la superficie dell'epidermide, attorno alla ferita, allora significa che c'è un'infezione. Anche se vedi del pus o un grumo morbido al tatto che cresce sotto la pelle e non esce dalla ferita, significa che la zona è infetta e devi affrontare il problema in modo tempestivo.
  3. 3
    Sostituisci la vecchia medicazione con una nuova sterile dopo avere controllato il taglio. In questo modo, se non riscontri segni di infezione, copri e proteggi la lesione. Se invece la ferita è infetta, la benda sterile la protegge da altre contaminazioni esterne, almeno finché non ti farai visitare dal medico.
    • Fai attenzione ad applicare sul taglio solo la parte non adesiva della fasciatura. Inoltre assicurati di prenderne una abbastanza grande da coprire completamente la zona lesa.
  4. 4
    Se continua a uscire del pus dalla ferita, devi rivolgerti a un medico. Le secrezioni trasparenti sono del tutto normali mentre il corpo combatte l'infezione. Se, però, ti accorgi che aumentano di volume e diventano giallastre o verdastre (o comunque non si riducono con il tempo) devi farti visitare. Ciò è particolarmente importante se noti la presenza di segni di infezione come quelli descritti finora.

Parte 3
Verificare se l'Infezione ha Raggiunto il Sistema Linfatico

  1. 1
    Controlla se la pelle attorno alla ferita presenta delle linee rosse. Potrebbero esserci delle striature rossastre che si diramano dalla ferita verso altre zone di pelle. Queste significano che l'infezione si sta diffondendo dal taglio verso il sistema linfatico, responsabile del drenaggio dei fluidi dai tessuti.
    • Questo tipo di infezione (linfangite) può essere molto grave e devi sottoporti a cure mediche immediate, se noti delle striature rosse dalla zona della ferita, soprattutto se hai anche la febbre.
  2. 2
    Individua i linfonodi (ghiandole) più vicini alla lesione. Per quanto riguarda le braccia, quelli più vicini si trovano nella zona delle ascelle; per le gambe, sono intorno alla zona inguinale. Per le altre zone del corpo, quelli più vicini che dovresti controllare si trovano su entrambi i lati del collo, appena sotto il mento e la mascella su entrambi i lati.
    • I batteri vengono intrappolati in queste ghiandole quando il sistema immunitario reagisce all'infezione. A volte potresti avere un'infezione ai linfonodi senza avere manifestato alcuna striatura visibile sulla pelle.
  3. 3
    Controlla che i linfonodi non presentino delle anomalie. Usa due o tre dita e applica una leggera pressione per palpare la zona dei linfonodi e verificare che non si siano ingrossati o siano dolenti al tatto. Una maniera relativamente semplice per accertarti che tutto sia nella norma è quella di usare entrambe le mani per tastare contemporaneamente i linfonodi sui due lati del corpo. Dovresti sentirli più o meno simili e simmetrici, se l'infezione non li ha intaccati.
  4. 4
    Controlla il linfonodo più vicino alla ferita per accertarti che non sia gonfio o dolente. Se presenti uno di questi sintomi o entrambi, probabilmente l'infezione si sta diffondendo, anche se non hai riscontrato delle striature rosse attorno al taglio. Di solito i linfonodi hanno un diametro di circa 1,3 cm e dovresti riuscire a sentirli. Quando sono infiammati possono ingrossarsi anche fino a 2 o 3 volte la loro dimensione originale e a questo punto dovresti riuscire a percepirli in maniera chiara.
    • In genere, dei linfonodi gonfi che sono anche morbidi e si muovono facilmente indicano un'infiammazione o infezione.
    • Se invece sono sodi, non si muovono, sono dolorosi e permangono per più di una o due settimane, allora devi farli esaminare dal medico.

Parte 4
Controllare la Temperatura e lo Stato di Salute Generale

  1. 1
    Misura la temperatura corporea. Oltre ai sintomi che si manifestano nella zona della ferita, devi anche controllare la presenza di febbre. Se la temperatura è maggiore di 38 °C, significa che la ferita è infetta. Devi rivolgerti al medico, se uno o più segni di infezione descritti in precedenza sono accompagnati da febbre.
  2. 2
    Valuta se provi un malessere generale. Questo è un semplice e chiaro indicatore di infezione. Se ti sei ferito e qualche giorno dopo inizi a sentirti male, sappi che le due cose potrebbero essere correlate. Guarda ancora con attenzione la lesione alla ricerca dei segni di contaminazione batterica e, se il malessere permane, rivolgiti al medico.
    • Se inizi a provare dolori muscolari, mal di testa, vertigini, nausea o anche vomito, potresti avere un'infezione. Anche un nuovo sfogo cutaneo è un buon motivo per farti visitare da un dottore.
  3. 3
    Tieni sotto controllo il livello di idratazione. Anche la disidratazione è un indicatore di una ferita infetta. Tra i principali sintomi di questo disturbo ci sono scarsa produzione di urina, bocca secca, occhi infossati e urina di colore scuro. Se noti questi segni, devi prestare particolare attenzione alla ferita, controllarla attentamente e contattare il medico.
    • Dato che l'organismo è impegnato a combattere l'infezione, è importante mantenersi idratato e bere liquidi in quantità adeguata.

Parte 5
Gestire una Ferita Grave

  1. 1
    Riconosci i tipi di ferite che potrebbero infettarsi. Anche se la maggior parte delle lesioni guarisce con pochi o nessun problema, è più probabile che alcune si possano infettare a causa di altri fattori, perché, ad esempio, non vengono pulite e curate in modo corretto o se si trovano in zone del corpo che sono esposte più facilmente ai batteri, come i piedi. I morsi di animali e di persone hanno maggiori probabilità di infettarsi.
    • Le ferite causate da un morso o quelle provocate da un elemento sporco come un coltello, un chiodo o un attrezzo, le ferite da punta e quelle causate da schiacciamento possono infettarsi più facilmente rispetto ad altri tipi di lesioni.
    • Se sei stato morso, valuta con il medico se corri il rischio di contrarre la rabbia o il tetano. Potrebbe essere necessario sottoporti a un trattamento di antibiotici o fare l'antitetanica.
    • La maggior parte delle ferite, nei soggetti sani, guarisce senza particolari rischi di infezione, in quanto le difese naturali del corpo si sono evolute nel tempo per proteggere l'organismo.
  2. 2
    Documentati sui fattori che possono aumentare il rischio di infezione. Se il soggetto è immunodepresso, per esempio a causa del diabete, HIV, malnutrizione o uso di droghe, ci sono maggiori probabilità che la ferita possa infettarsi. Batteri, virus e funghi che normalmente non causano particolari problemi in un organismo sano, possono però svilupparsi e moltiplicarsi se le difese immunitarie sono basse. Ciò è particolarmente vero nel caso di ustioni di secondo o terzo grado, quando la difesa di prima linea del corpo (la pelle) viene gravemente compromessa.
    • Se soffri di qualche patologia medica e temi che la tua ferita sia infetta, è importante recarti da un medico per un controllo.
  3. 3
    Nota i segni di una infezione grave. Potresti avere la febbre e potresti avvertire dei sensi di vertigine. Il cuore potrebbe battere più veloce del solito. La ferita è rossa, calda, gonfia e dolorosa. Potresti sentire un odore cattivo, come di qualcosa di marcio o in decomposizione. Tutti questi sintomi possono manifestarsi in un caso medio/grave — ma se si presentano tutti insieme, è assolutamente necessario l'intervento del medico.
    • Non guidare se ti gira la testa e sei febbricitante. Se possibile, fatti accompagnare all'ospedale da un amico o un familiare. Potresti avere bisogno di assumere degli antibiotici molto forti per stabilizzare il tuo organismo.
    • Se hai dei dubbi, fatti controllare da un medico. In caso di infezione l'autodiagnosi o controllare su internet non è sufficiente. Un parere medico e relativa diagnosi sono la maniera migliore per accertarti delle tue condizioni effettive.
  4. 4
    Fatti visitare da un medico. Se credi che la tua ferita sia infetta, recati al pronto soccorso o fissa un appuntamento d'urgenza con il tuo dottore. È assolutamente importante se soffri di altre patologie o se rientri nei fattori di rischio relativi alle infezioni.
  5. 5
    Considera l'assunzione di antibiotici e antinfiammatori non steroidei. I primi potrebbero aiutarti a prevenire l'infezione batterica e possono essere la soluzione più efficace per curare un'infiammazione acuta. Gli antinfiammatori aiutano il corpo a guarire da gonfiore, dolore e febbre. È possibile comprare quelli da banco, ma per quelli più efficaci è necessaria la prescrizione medica.
    • Evita gli antinfiammatori non steroidei se fai uso di anticoagulanti. In alcuni pazienti, questi farmaci possono provocare ulcere allo stomaco e insufficienza renale. Rivolgiti al medico.

Consigli

  • Usa una buona illuminazione. Se la stanza è ben illuminata, puoi vedere molto meglio i segni di infezione.
  • Se non riscontri alcun segno di miglioramento, come una crosta, allora potrebbe esserci un'infezione; in questo caso fatti visitare dal medico. Dovresti recarti da lui anche in caso di peggioramento delle condizioni della lesione.
  • Se continua a fuoriuscire del pus, puliscilo il prima possibile e, se continua a formarsi, rivolgiti al medico.

Avvertenze

  • L'infezione può provocare gravi problemi di salute, quindi, se non riesci a determinare con certezza le condizioni della lesione, contatta il tuo medico di famiglia o vai in ospedale.

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Disturbi & Trattamenti

In altre lingue:

English: Check a Wound for Infection, Español: verificar la infección de una herida, Deutsch: Wundbehandlung, Português: Verificar se uma Ferida está Infeccionada, Français: vérifier qu'une blessure n'est pas en train de s'infecter, Русский: проверить, не воспалилась ли рана, 中文: 检查伤口是否感染, Bahasa Indonesia: Memeriksa Luka terhadap Adanya Infeksi, العربية: الكشف عن التهاب الجروح, Čeština: Jak kontrolovat zranění, zda v něm není infekce, Nederlands: Controleren of een wond ontstoken is, ไทย: ตรวจสอบว่าบาดแผลติดเชื้อหรือไม่, हिन्दी: घाव में संक्रमण की जांच करें, Tiếng Việt: Nhận biết Vết thương Nhiễm trùng, 한국어: 상처의 감염여부 확인법, 日本語: 傷口の感染を調べる

Questa pagina è stata letta 190 192 volte.

Hai trovato utile questo articolo?