Come Costruire Rapporti Interpersonali Sani

4 Metodi:Coltivare un RapportoComunicare in Maniera SanaRafforzare il LegameConoscere Se Stessi

I rapporti interpersonali sono fondamentali per condurre una vita felice e realizzata [1]. Offrono sostegno quando si ha bisogno di una guida, ispirazione per mezzo della collaborazione. Soprattutto, soddisfano l'esigenza tipicamente umana di trovare il proprio posto nel mondo e provare un senso di appartenenza all'interno di un gruppo che si rispetta e si ammira. Coltivare un rapporto interpersonale sano richiede tempo, pratica, attenzione nei confronti delle proprie necessità e di quelle degli altri.

1
Coltivare un Rapporto

  1. 1
    Conosci nuove persone. Gli esseri umani, introversi inclusi, sono creature sociali per natura. Di conseguenza, se vuoi costruire un rapporto sano con il prossimo, devi cogliere tutte le opportunità di interazione che ti si presentano.
    • Trova delle valide ragioni per stare a contatto con gli altri. Più volte lo fai, più avrai la possibilità di interagire con la gente, quindi le probabilità che tali interazioni siano significative diventeranno sempre più alte [2]. Esci, vai al bar, fai un viaggio, partecipa a un concerto o a un'opera teatrale.
    • Cerca incontri organizzati da gruppi della tua comunità che condividono i tuoi stessi valori e interessi, partecipa agli eventi. Meetup.com è un'ottima risorsa a tal proposito, ma con una breve ricerca online puoi trovarne anche altre.
    • Sii disponibile. Impara a dire di sì agli inviti che ti vengono fatti da conoscenti, colleghi, familiari e amici. Può essere un semplice pranzo di venerdì, un campeggio nel weekend, un invito a un saggio di danza di un bambino. Non importa l'evento in sé. A patto che non interferisca con le tue responsabilità settimanali, accetta.
  2. 2
    Rispetta la diversità. Quando si rispetta la diversità, si rispetta il diritto di essere unici e differenti, aprendo le porte a interazioni più sicure, profonde e fruttuose [3]. Ecco alcuni modi per rispettare la diversità:
    • Informati su un'altra cultura o religione partecipando a un incontro di preghiera in un luogo di culto;
    • Fai volontariato nella tua comunità per aiutare individui affetti da disabilità o esigenze speciali;
    • Visita altri Paesi e adotta i costumi del posto quando è possibile e rispettoso farlo.
    • Guarda documentari che ti facciano conoscere altre culture e parti del mondo [4].
  3. 3
    Concentrati sulla qualità delle relazioni. Un rapporto interpersonale di qualità viene definito da vicinanza, rispetto, valori condivisi e appoggio. Alcuni studi hanno dimostrato che un buon rapporto interpersonale non giova solo alla salute mentale, ma anche al benessere fisico [5].
    • Trascorri del tempo di qualità con gli altri proponendo attività interessanti [6]. Per esempio, fate una passeggiata, visitate un museo o chiacchierate.
  4. 4
    Coltiva la fiducia. È fondamentale per avere un rapporto sano: se non ti senti al sicuro con qualcuno, è difficile approfondire il legame. Dimostra di essere affidabile ammettendo i tuoi errori e scusandoti sinceramente, comportandoti in maniera leale e comunicando apertamente [7]. Dovresti cercare persone con le stesse caratteristiche.
    • Se non ti assumi la responsabilità delle tue azioni e provi ad accusare gli altri dei tuoi sbagli, per la gente sarà difficile fidarsi di te. Ammetti i tuoi errori e scusati con sincerità.
    • Sii affidabile mantenendo le promesse. Può essere tanto semplice quanto arrivare puntuale a un appuntamento con un amico o completare un progetto per la scadenza che ti è stata indicata [8]. Quando dici che farai qualcosa, gli altri devono potersi fidare di te.
    • Di' quello che senti davvero e fai quello che dici [9]. Non dire a qualcuno che terrai un segreto per poi andare a spifferarlo. I tuoi comportamenti dovrebbero essere coerenti con le tue parole.
    • Ricorda che è un processo graduale: devi guadagnarti la fiducia di una persona, specialmente se è rimasta scottata in passato [10].
  5. 5
    Tratta gli altri in maniera gentile. Non devi solo fare gesti carini, come un regalo, ma anche controllare le tue interazioni quotidiane. Trattare gli altri dimostrando una gentilezza e un rispetto sincero è fondamentale per coltivare un legame sano. Fidarsi di qualcuno e approfondire un rapporto richiede una certa vulnerabilità. Se una persona pensa che tu possa prenderla in giro o trattarla male, per lei sarà difficile essere vulnerabile con te. Invece, la gentilezza fa sentire apprezzati e benvoluti [11].
    • Per esempio, può essere difficile mostrarsi gentili nel bel mezzo di un conflitto. Invece di accusare, gridare, insultare l'altra persona o sfruttare le sue insicurezze, cerca di esprimere il motivo per cui ti senti ferito e arrabbiato [12].

2
Comunicare in Maniera Sana

  1. 1
    Usa buone tecniche di comunicazione verbale. Il modo più facile per conoscere nuove persone, anche solo momentaneamente, è rompere il ghiaccio e parlare. Secondo una ricerca la comunicazione (anche quando è obbligatoria) migliora lo stato d'animo e permette in generale di avere una predisposizione più positiva nei confronti degli altri [13].
    • Sii assertivo. Assertività significa condividere i propri pensieri ed emozioni in maniera adeguata e rispettosa [14].
    • Sii onesto e mostra la tua identità agli altri in maniera trasparente. Le persone percepiscono l'onestà e questo le sprona a fidarsi di qualcuno. Inoltre, avviare un rapporto fondato sulle bugie significa che poi bisogna mantenerle, con il rischio che la menzogna venga portata a galla e la relazione compromessa [15].
    • Fai domande aperte. Invita gli altri a parlare di sé. Ciò non solo favorisce la condivisione, la fiducia e l'intimità, aiuta anche a orientare la conversazione verso tematiche che mettono a proprio agio [16].
  2. 2
    Ascolta. Ascoltare è il primo passo da fare per costruire rapporti interpersonali più forti [17]. Dimostra che apprezzi le persone per quello che sono e quello che dicono. Ecco alcuni segreti per ascoltare al meglio [18]:
    • Guarda negli occhi gli altri: non devi fissarli, ma concentra l'attenzione sul tuo interlocutore anziché sul cellulare o su altra gente.
    • Cerca di avere un linguaggio del corpo adeguato. La gestualità può aiutare ad aumentare la sicurezza del tuo interlocutore. Non agitarti o guardare l'orologio. Annuisci quando la persona con cui parli sostiene un punto interessante.
    • Non interrompere: lascia che il tuo interlocutore finisca di parlare prima di chiedergli: "Posso chiederti/aggiungere qualcosa?". Tuttavia, puoi dimostrare che sei attento annuendo, emettendo suoni affermativi (come "Mh-mh") o dicendo parole come "Capisco".
    • Cerca di avere una mentalità aperta. Non lasciare che la comunicazione sia guidata dalla paura o dal pregiudizio. Dimostra di rispettare il tuo interlocutore, indipendentemente dai punti con cui non sei d'accordo.
  3. 3
    Usa anche delle tecniche di comunicazione non verbale. Considera attentamente il significato veicolato dalle tue espressioni di comunicazione non verbale, le quali rafforzano e accentuano i tuoi pensieri e stati d'animo.
    • Per denotare sicurezza, cerca di parlare a un ritmo normale (non troppo velocemente o lentamente), guarda frequentemente negli occhi il tuo interlocutore (ma non fissarlo, a volte distogli lo sguardo), evita di agitare le gambe o muoverti nervosamente e cerca di dimostrare apertura (per esempio non incrociare le braccia) [19].
  4. 4
    Risolvi i conflitti in maniera sana. Il conflitto è inevitabile, anche fra persone che hanno idee simili. Nei momenti di frustrazione è facile dire cose o agire in modi che riflettono avvilimento, non i veri valori che si hanno. Ecco come risolvere costruttivamente un alterco [20]:
    • Evita di avere un linguaggio del corpo (come puntare il dito verso il viso di qualcuno, avvicinarti troppo, alzare gli occhi al cielo e così via) o verbale aggressivo.
    • Fai delle domande e presenta equamente i vari punti di vista;
    • Evita di insultare o ricorrere ad attacchi personali;
    • Ricorda sempre al tuo interlocutore che rispetti il suo punto di vista e il suo diritto a pensarla diversamente.

3
Rafforzare il Legame

  1. 1
    Sii empatico. L'empatia trasmette calore, accettazione e affetto. È il fondamento di qualsiasi relazione sana, nasce dall'ascolto e dal rispetto. Per dimostrare empatia durante una conversazione, bisogna contribuire parlando di esperienze simili e sottolineare i valori condivisi con il proprio interlocutore. Quando una persona ti considera empatica, sarà più predisposta a confidarsi, fidarsi di te e stimarti, ovvero i pilastri di un buon rapporto [21].
    • Dimostra empatia, non compassione: avere compassione significa sentire una tristezza suscitata dal dolore di qualcun altro, il problema è che porta a concentrarsi sulla propria sofferenza. L'empatia mantiene invece il focus sull'altra persona, quindi induce ad ascoltare e a sentire il suo dolore, unico e diverso dal tuo.
  2. 2
    Dimostra compassione. La compassione richiede autoanalisi per esaminare le cause del proprio dolore e ispira a non infliggere la stessa sofferenza agli altri. Significa appoggiare il diritto degli altri a sentirsi appagati e felici, pur non essendo sempre d'accordo con il loro punto di vista. La compassione è fondamentalmente un atto di gentilezza che ti permette di rassicurare gli altri del fatto che li reputi meritevoli e importanti. Cerca di coltivarla nella tua vita facendo quanto segue [22]:
    • Offri compassione a chi ti ha maltrattato: forse l'atto di compassione più difficile che ci sia è quello riservato a una persona ritenuta immeritevole di tale trattamento. La cosa migliore da fare è mettersi nei suoi panni, immaginando gli eventi che le hanno provocato la rabbia e il dolore che infligge agli altri. Permettiti di sentire empatia verso quella sofferenza, quindi canalizzala in atti di gentilezza e tolleranza nei confronti della persona in questione.
    • Concentrati su quello che avete in comune. Le persone in fondo si somigliano. Tutti si sentono appagati grazie alle stesse emozioni: amore, fiducia, supporto, senso di appartenenza. Il fatto che questi desideri si manifestino diversamente all'esterno non vuol dire che le persone siano differenti. Quando finisci per rimuginare sulle differenze, cerca di riportare l'attenzione sulle somiglianze ricordando che questa persona è alla ricerca della felicità, conosce la sofferenza, cerca la sicurezza e sta ancora scoprendo il mondo, proprio come te.
  3. 3
    Restituisci. La reciprocità è un elemento importante per sviluppare legami forti con gli altri [23]. Pensa a come puoi sollevare un peso dalle spalle di un'altra persona, anche solo per un istante. Dimostrare che ci sei per qualcuno e che ci tieni veramente può rendere più profondo il rapporto.
    • Offri atti di gentilezza. Per esempio, offriti di fare da babysitter gratis ai figli dei vicini affinché possano uscire da soli una sera, aiuta un amico a trasferirsi, dai ripetizioni di matematica alla tua sorellina. Fai tutto questo senza aspettarti pagamenti o reciprocità: proponiti per pura e semplice gentilezza.
    • Fai qualcosa di carino per gli altri. Potresti fare un regalo oppure offrire parole di incoraggiamento.
    • Dimostra il tuo appoggio dando una mano oppure offrendo assistenza in un modo o in un altro [24]. Condividi le responsabilità con un coinquilino o con qualunque altra persona tu viva (come pulire, pagare le bollette e così via).

4
Conoscere Se Stessi

  1. 1
    L'auto-esplorazione aiuta a coltivare buoni rapporti interpersonali: scopri perché. Certo, il tuo obiettivo è imparare ad avere dei rapporti sani con gli altri, ma conoscere te stesso può aiutarti a raggiungere questo obiettivo molto più efficacemente. È importante prenderti tutto il tempo necessario per comprendere la tua identità e quello che ti motiva, i tuoi gusti e le tue avversioni, semplicemente la tua maniera di vivere, in modo che tu possa relazionarti costruttivamente agli altri [25].
    • Per esempio, sapere che cosa ti fa arrabbiare può aiutarti a evitare di reagire in maniera sproporzionata. Forse non ti sentivi ascoltato quando provavi a parlare con tuo padre, quindi ora sai che tendi a perdere le staffe quando qualcuno non risponde subito a una tua domanda. Se sai di essere fatto in questo modo, puoi fermarti prima di aggredire il tuo interlocutore ricordando a te stesso: "Sono scosso perché questo mi fa ripensare al comportamento di mio padre. È possibile che Susanna stia ancora pensando a una risposta o non mi abbia sentito. È inutile reagire in maniera esagerata". Poi, evita di andare su tutte le furie con Susanna e rischiare di danneggiare il vostro rapporto.
  2. 2
    Tieni un diario per lasciare emergere la tua interiorità. Un diario ti permette di facilitare il dialogo fra l'immagine ideale che hai di te stesso e quello che sei attualmente. Scrivere può essere anche un esercizio fondato sul silenzio e sulla concentrazione per confessare alla carta argomenti di cui ancora non sei pronto a parlare. Ecco alcuni spunti che possono stimolare una maggiore introspezione [26]:
    • "Chi sono?"
    • "Cosa amo?"
    • "Che cosa direi al me stesso del passato?"
  3. 3
    Segui una cronologia temporale. Una sequenza temporale permette di fare un bilancio dei propri obiettivi e dei progressi che sono stati necessari per raggiungerli. Può essere utile sia come strumento di verifica per esaminare i propri traguardi sia per motivarsi a dare il massimo in vista delle tappe future. Ecco alcuni fattori da ricordare mentre si elabora la cronologia:
    • Decidi dove inizierà e dove finirà. Non devi partire dalla tua nascita.
    • Fai una lista preliminare degli eventi da aggiungere. Dovrebbero basarsi su aspetti che consideri significativi e importanti.
    • Includi un titolo. Fai in modo che sia dettagliato, quindi evita titoli come "La mia vita". Dovrebbe sia guidare l'interpretazione della cronologia sia riflettere i valori inerenti alla sua creazione.
  4. 4
    Realizza te stesso. Il termine "auto-realizzazione" è stato coniato dallo psicologo umanistico Abraham Maslow. Descrive il processo in cui vengono soddisfatte le esigenze primordiali, in modo da riuscire a soddisfare quelle più astratte [27]. Questa ideologia enfatizza in maniera marcata tutti i livelli della cura personale e l'accettazione delle necessità individuali. Ecco quali sono:
    • Sicurezza fisiologica: cibo, rifugio, calore, aria;
    • Benessere: protezione dai danni o dalle minacce;
    • Appartenenza: inclusione in un gruppo, amore, libertà di prendere quello che serve e dare in maniera disinteressata.
    • Autostima: immagine di sé positiva;
    • "Essere": la capacità di esplorare gli impulsi creativi astratti e raggiungere l'auto-realizzazione.

Fonti e Citazioni

  1. http://www.researchgate.net/profile/Burton_Singer/publication/246513007_Interpersonal_Flourishing_A_Positive_Health_Agenda_for_the_New_Millennium/links/02e7e53b477514a75a000000.pdf
  2. http://www.nytimes.com/2015/02/08/travel/meeting-people-on-the-road.html
  3. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4181672/
Mostra altro ... (24)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Relazioni Interpersonali

In altre lingue:

English: Build Healthy Interpersonal Relationships, Español: desarrollar relaciones interpersonales saludables, Português: Cultivar Relacionamentos Interpessoais Saudáveis, Русский: построить здоровые межличностные отношения

Questa pagina è stata letta 285 volte.

Hai trovato utile questo articolo?