Anche se le sue origini risalgono alla metà del XIX secolo, i primi strumenti musicali elettronici usati per la composizione sono stati l'eterofono e il rhythmicon, creati da Leon Theremin.[1] Grazie al progresso tecnologico, i sintetizzatori, che una volta erano riservati agli studi musicali, sono oggi disponibili per tutti gli appassionati di musica elettronica, che vogliono comporre da soli o fare parte di un gruppo. Allo stesso modo, anche i processi di arrangiamento e registrazione dei componimenti musicali elettronici sono stati resi più semplici e possono essere svolti a casa così come in uno studio di registrazione dedicato.

Parte 1 di 4:
Strumenti Musicali Elettronici

  1. 1
    Crea musica elettronica con un sintetizzatore. Anche se "sintetizzatore" è usato come sinonimo di "strumento musicale elettronico", con questo termine si intende la parte dello strumento musicale che produce effettivamente la musica: i beat, i ritmi e i toni.
    • I primi sintetizzatori, come il Moog Minimoog, erano in grado di produrre solo un tono alla volta (erano quindi monofonici). Questi sintetizzatori non potevano produrre i toni secondari generati da altri strumenti musicali, anche se alcuni potevano produrre due note contemporaneamente in seguito alla pressione di due tasti. Dalla metà degli anni '70, sono stati disponibili sintetizzatori in grado di produrre più toni contemporaneamente (polifonici), che permettevano di generare accordi oltre alle singole note.[2]
    • Quasi tutti i primi modelli di sintetizzatore erano separati dal mezzo usato per controllare il suono realizzato. Molti strumenti musicali elettronici, in particolare quelli dedicati all'uso domestico, integrano l'unità di controllo al sintetizzatore.
  2. 2
    Manipola il sintetizzatore con l'unità di controllo dello strumento. I primi sintetizzatori erano controllati azionando interruttori, girando manopole, o, nel caso del theremin (il nome assegnato all'eterofono), dalla posizione della mano dell'operatore sopra lo strumento. Le moderne unità di controllo sono molto più facili da usare e controllano il sintetizzatore grazie alla tecnologia MIDI. Alcune delle unità di controllo sono descritte qui di seguito.
    • Tastiera. Si tratta dell'unità di controllo più comune. Le tastiere variano in dimensioni da quelle complete a 88 tasti (7 ottave) che si trovano sui pianoforti digitali a quelle a 25 tasti (2 ottave) che puoi trovare sulle tastiere giocattolo. Le tastiere per uso domestico hanno tipicamente 49, 61 o 76 tasti (rispettivamente 4, 5 e 6 ottave). Alcune tastiere hanno tasti pesati per simulare la risposta di un pianoforte, mentre altre hanno tasti a molla; altre ancora combinano le molle con pesi più leggeri dei tasti pesati.[3] [4] . Molte hanno un sensore di pressione, che permette di generare suoni più forti secondo la forza esercitata sui tasti.[5]
    • Unità di controllo a bocca/fiato. Questa unità si trova sui sintetizzatori a fiato, uno strumento elettronico realizzato in modo simile a un sassofono, un clarinetto o una tromba. Dovrai soffiare per regolare il suono, che potrai modificare usando il pollice o la mandibola in certi modi.[6]
    • Chitarra MIDI. Questo software ti permette di usare una chitarra acustica o elettrica, con un pickup, per controllare un sintetizzatore.[7] [8] Le chitarre MIDI funzionano convertendo le vibrazioni delle corde in dati digitali. Spesso c'è un ritardo tra l'ingresso e l'uscita a causa della quantità di campionamenti necessaria per creare il suono digitale.[9]
    • SynthAxe. Ormai fuori produzione, il SynthAxe funzionava dividendo la tastiera in 6 zone diagonali e usando le corde come sensori. Il tono era generato secondo quanto venivano piegate le corde.[10]
    • Keytar. Questa unità di controllo ha la forma di un corpo+manico di una chitarra, ma ha una tastiera da 3 ottave sul corpo della chitarra e altri controlli di manipolazione del suono sul manico. Ispirata da uno strumento del XVIII secolo chiamato orphica, offre al musicista il controllo di una tastiera e la mobilità di una chitarra.[11]
    • Batteria elettronica. Introdotta nel 1971, la batteria elettronica è solitamente disponibile in serie di tamburi simili a quelli della batteria acustica, inclusi i cimbali. Le prime versioni suonavano campioni preregistrati, mentre quelle più recenti creano i suoni con equazioni matematiche. Se è integrata con delle cuffie, è possibile per il musicista suonare una batteria elettronica senza produrre suoni udibili per gli altri.[12]
    • Batteria radio. Progettata originariamente come un "mouse" tridimensionale, la batteria radio rileva la posizione delle due bacchette nelle tre dimensioni, variando il suono prodotto secondo la superficie della "batteria" con cui sono in contatto.[13]
    • BodySynth. Si trattava di un'unità di controllo che era possibile indossare e che usava la tensione dei muscoli e i movimenti del corpo per controllare suoni e luci. Era stata progettata per essere utilizzata da ballerini e altri artisti, ma in molti casi era troppo difficile da controllare. Esistono forme più semplici di BodySynth che usano guanti o scarpe come unità di controllo.[14]
    Pubblicità

Parte 2 di 4:
Attrezzatura per la Produzione di Musica Elettronica

  1. 1
    Scegli un computer di sufficiente potenza e assicurati di avere familiarità con il sistema. Anche se gli strumenti musicali elettronici indipendenti sono sufficienti per suonare musica elettronica, ti servirà un computer se vorrai produrre questo genere musicale.
    • Un computer fisso o un portatile sono adatti a creare musica. Se vuoi produrre musica in un luogo preciso, probabilmente preferirai un computer fisso. Se invece vuoi essere libero di produrre musica ovunque, ad esempio quando provi con la tua band, probabilmente ti servirà un portatile.
    • Usa il sistema operativo che conosci meglio. Scegli però la versione più recente di Windows o di Mac OS X alla quale puoi accedere.
    • Il tuo sistema dovrebbe avere una CPU di potenza sufficiente e abbastanza memoria da poter gestire il processo di creazione della musica. Se non sai che requisiti dovrebbe avere il tuo sistema, fai delle ricerche su computer assemblati specificamente per l'uso di videogiochi o per il multimediale.[15]
  2. 2
    Abbina il tuo computer a buone attrezzature musicali. Puoi creare ottima musica elettronica con il processore audio in dotazione al computer e delle casse poco costose. Se però puoi permettertelo, dovresti considerare una delle migliorie seguenti:
    • Scheda audio. Usare una scheda audio progettata per la produzione di musica elettronica è consigliato, se hai in programma molte registrazioni esterne.[16]
    • Monitor da studio. Non si tratta di casse per computer, ma piuttosto di casse progettate per la registrazione in studio (“monitor” in questo senso indica che la cassa riproduce esattamente la sorgente audio, con distorsione minima o assente[17] ). Puoi acquistare monitor da studio economici delle marche M-Audio e KRK Systems, mentre i modelli di qualità più alta sono prodotti da Focal, Genelec e Mackie.[18]
    • Cuffie di qualità studio. Ascoltare da cuffie e non da casse ti aiuta a concentrarti meglio sulle singole parti del brano, e ti aiuta a tenere traccia dei ritmi e dei livelli di volume. I produttori di cuffie da studio includono Beyerdynamic e Sennheiser.[19]
  3. 3
    Installa un buon programma di produzione musicale. Ti serviranno i seguenti software per creare musica elettronica:
    • Workstation audio digitale (in inglese DAW, Digital Audio Workstation). La DAW è il vero e proprio programma di creazione musicale che permette a tutti gli altri software di lavorare insieme. La sua interfaccia solitamente simula il mixer, le tracce e i controlli di trasporto degli studi musicali analogici, oltre a mostrare la forma d'onda dei suoni registrati.[20] Tra le DAW più usate ricordiamo Ableton Live, Cakewalk Sonar, Cubase, FL Studio, Logic Pro (solo su ambiente MacOS), Pro Tools, Reaper e Reason. Esistono anche DAW freeware come Ardour e Zynewave Podium.[21]
    • Programma editor audio. Un editor audio offre funzionalità di modifica dei file maggiori delle DAW, inclusa la capacità di modificare i campionamenti e convertire le composizioni in formato MP3. Sound Forge Audio Studio è un esempio di editor audio poco costoso, mentre Audacity è una delle molte versioni freeware disponibili.
    • Sintetizzatori o strumenti con Virtual Studio Technology (VST). Sono le versioni software dei componenti del sintetizzatore degli strumenti musicali elettronici descritti nella sezione precedente. Li installerai come plugin nella tua DAW. Puoi trovare molti di questi plugin gratuitamente su internet cercando “free software synths”, “free VST” o "software sintetizzatore gratuito" oppure puoi acquistare dei sintetizzatori VST da produttori quali Artvera, H.G. Fortune, IK Multimedia, Native Instruments, o reFX.
    • Effetti VST. Questi plugin offrono effetti musicali come riverbero, chorus, delay e altri. Sono disponibili da molti degli stessi produttori dei plugin VST, in versioni freeware o a pagamento.
    • Campioni. I campioni o samples sono suoni musicali, beat e ritmi che puoi usare per migliorare le tue composizioni. Solitamente sono organizzati in pacchetti specifici per un genere musicale (come blues, jazz, country, rap o rock) e includono suoni individuali e loop. I pacchetti di samples commerciali solitamente sono offerti liberi da royalty – ottieni i diritti al loro utilizzo nelle tue composizioni al momento dell'acquisto. Alcune compagnie di software audio includono l'accesso a campioni gratuiti su internet, ed esistono fonti di terze parti che offrono campioni gratuiti e a pagamento.[22]
  4. 4
    Considera se utilizzare un'unità di controllo MIDI. Anche se puoi comporre musica sul tuo computer usando la sua tastiera come "pianoforte virtuale" e il mouse, sarà più semplice se collegherai un'unità di controllo MIDI al tuo sistema. Come per gli strumenti musicali elettronici indipendenti, la tastiera è l'unità di controllo MIDI più usata; puoi scegliere l'unità che preferisci tra quelle descritte nella sezione precedente, se supportata dal tuo software.
    Pubblicità

Parte 3 di 4:
Prima di Comporre la Tua Musica

  1. 1
    Impara la teoria musicale. Anche se puoi suonare uno strumento musicale elettronico o comporre musica con il tuo computer senza essere in grado di leggere uno spartito, delle nozioni di struttura musicale ti aiuteranno a capire come migliorare la tua produzione e individuare gli errori che commetti.
    • Su wikiHow puoi trovare numerosi articoli che trattano di questo argomento.
  2. 2
    Impara le capacità del tuo strumento o software. Anche se l'hai provata prima di acquistarla, dedica del tempo a sperimentare con la tua attrezzatura prima di affrontare un progetto serio. Avrai un'idea più chiara delle sue potenzialità e magari troverai alcune idee per le tue composizioni.
  3. 3
    Prendi familiarità con il genere musicale che vuoi comporre. Ogni genere musicale ha associati alcuni elementi. Il modo più facile per imparare questi elementi è ascoltare canzoni dei generi che ti interessano e capire come utilizzano questi elementi.
    • Beat e ritmi. Il rap e l'hip-hop sono caratterizzati da ritmi e beat pesanti e trascinanti, mentre il jazz da big band è noto per i ritmi sincopati e dinamici, e la musica country ha spesso un beat shuffle.
    • Strumenti. Il jazz è noto per l'utilizzo di ottoni (tromba, trombone) e fiati (clarinetto, sassofono), mentre l'heavy metal è noto per le chitarre elettriche pesanti, la musica hawaiiana per l'ukulele, la musica folk per la chitarra acustica, la musica mariachi per le trombe e le chitarre e la polka per la tuba e la fisarmonica. Molte canzoni e artisti, però, hanno integrato con successo strumenti di altri generi musicali nel proprio genere di appartenenza, come Bob Dylan, che al Newport Folk Festival del 1965 fece uso della chitarra elettrica,[23] l'uso delle trombe mariachi da parte di Johnny Cash nell'apertura di “Ring of Fire”,[24] o Ian Anderson, che suonava il flauto come strumento solista nel gruppo rock Jethro Tull.[25]
    • Struttura della canzone: molte canzoni con tracce vocali suonate alla radio iniziano con un'introduzione, seguita da strofa, ritornello, un'altra strofa, ritornello, ponte (spesso una strofa abbreviata), ritornello e chiusura. In contrasto, quasi tutti i brani strumentali “trance” suonati nelle discoteche iniziano con un'introduzione, seguita da una melodia che cresce fino al punto in cui tutti gli strumenti sono suonati insieme, e si concludono con una coda in dissolvenza.[26]
    Pubblicità

Parte 4 di 4:
Produrre la Tua Musica Elettronica

  1. 1
    Inizia dal beat. Il beat e il ritmo sono la spina dorsale del brano. Per crearli dovrai usare i suoni di batteria dei tuoi pacchetti di campioni.
  2. 2
    Aggiungi la linea di basso. L'elemento seguente da aggiungere è la linea di basso, suonata da un basso elettrico o un altro strumento in grado di produrre suoni bassi. Assicurati che la linea di basso e il beat della batteria siano in sintonia prima di inserire gli altri strumenti.[27]
  3. 3
    Aggiungi altri ritmi, se lo desideri. Non tutte le canzoni hanno un solo ritmo. Alcune usano più ritmi, con i ritmi secondari utilizzati per attirare l'attenzione di chi ascolta o per enfatizzare momenti chiave della storia del brano. Assicurati che i ritmi aggiuntivi lavorino in concerto a quelli principali, per produrre l'effetto che desideri.[28]
  4. 4
    Aggiungi melodia e armonia. Qui dovrai fare uso dei tuoi strumenti VST. Puoi usare i suoni preimpostati o sperimentare con i controlli per trovare il suono che desideri.[29]
  5. 5
    Mixa i suoni ai livelli desiderati. Il beat, i ritmi e la melodia devono funzionare bene insieme. Per ottenere questo risultato, scegli un componente che serva da suono di riferimento per regolare gli altri; nella maggior parte dei casi sarà il beat.[30]
    • In alcuni casi, vorrai ottenere un suono "più grosso" (ricco) e non a volume più alto. Per farlo, puoi usare più strumenti in una parte del brano, o usare lo stesso strumento più volte. Il secondo effetto è spesso ottenuto con delle tracce vocali, registrate da coristi o dal cantante stesso.[31] È grazie a questa tecnica che la cantante Enya ottiene i suoi suoni caratteristici.
    • Potresti voler introdurre elementi di varietà usando strumenti diversi nei diversi ritornelli del brano – in particolare se cerchi di provocare diverse reazioni emotive. Potresti anche decidere di variare il registro, o la tonalità della canzone, per rendere il brano vivace.
    • Non dovrai riempire ogni secondo dei tuoi brani con tutti gli elementi a tua disposizione. In alcuni casi, ad esempio nelle strofe, puoi omettere le armonie di accordi e lasciare solo beat, melodie e voce a trascinare la canzone. In altri casi, ad esempio all'inizio e alla fine, potresti usare solo la traccia vocale.[32]
  6. 6
    Impara a capire cosa si aspetta il pubblico. Se stai producendo musica elettronica per il pubblico, dovrai considerare le sue aspettative, ad esempio creare un'introduzione che ne catturi l'attenzione e lo invogli ad ascoltare il resto del brano. Non dovrai sottostare a ogni suo capriccio, però; se produrre in modo eccessivo il ritornello non ti sembra la scelta giusta, non farlo.[33]
    Pubblicità

Consigli

  • Quando devi scegliere la giusta DAW o un altro programma di produzione musicale, prova le versioni demo per trovare quella che fa per te.[34]
  • Quando hai creato una canzone, prova a riprodurla su diversi sistemi audio, come lo stereo di casa, lo stereo dell'auto, lettori MP3, smartphone, tablet, molte casse e cuffie diverse. Cerca di ottenere il suono migliore possibile su tutti i supporti.[35]

Pubblicità

Avvertenze

  • Non avere fretta quando devi produrre musica elettronica. Dopo qualche tempo, le tue orecchie potrebbero stancarsi di sentire sempre lo stesso brano. Così come puoi non riconoscere errori nella scrittura se rileggerai le stesse parole troppe volte senza pause, puoi non trovare errori nella scelta degli strumenti o nei livelli di volume.[36]
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

  • Strumento musicale elettronico
  • Computer, preferibilmente con scheda audio dedicata
  • Monitor da studio (casse) e cuffie
  • Workstation audio digitale e programma editor audio
  • Plugin di strumenti musicali elettronici virtuali
  • Plugin di effetti musicali digitali e pacchetti di samples
  • Unità di controllo MIDI

wikiHow Correlati

Come

Contare la Musica

Come

Scegliere il nome giusto per la tua Band

Come

Fare Freestyle Rap

Come

Leggere la Musica

Come

Comporre una Melodia

Come

Calcolare i BPM di una Canzone (Battute Per Minuto)

Come

Diventare un DJ

Come

Fare un Esercizio di Controllo del Respiro per Rappare

Come

Fondare un'Etichetta Discografica

Come

comporre e registrare canzoni con il proprio smartphone

Come

Fare Beatbox

Come

Determinare la Tonalità di una Canzone

Come

Diventare un Apprendista di Kpop

Come

Mandare la Tua Canzone alla Radio
Pubblicità
  1. http://www.hollis.co.uk/john/synthaxe.html
  2. http://en.wikipedia.org/wiki/Keytar
  3. http://en.wikipedia.org/wiki/Electronic_drum
  4. http://www.mistic.ece.uvic.ca/research/controllers/radiodrum/
  5. http://vismod.media.mit.edu/tech-reports/TR-518/2.6.htm
  6. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  7. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  8. http://en.wikipedia.org/wiki/Studio_monitor
  9. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  10. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  11. http://en.wikipedia.org/wiki/Digital_Audio_Workstation
  12. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  13. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  14. http://www.history.com/this-day-in-history/dylan-goes-electric-at-the-newport-folk-festival
  15. http://en.wikipedia.org/wiki/Ring_of_Fire_(song)
  16. http://jethrotull.com/musicians/
  17. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  18. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  19. http://www.musicradar.com/tuition/tech/14-ways-to-create-a-great-song-arrangement-183143/2
  20. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  21. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  22. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  23. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  24. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  25. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  26. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start
  27. http://howtomakeelectronicmusic.com/how-to-make-electronic-music-with-computer-where-to-start

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 38 559 volte
Categorie: Musica
Questa pagina è stata letta 38 559 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità