Scarica PDF Scarica PDF

Questo articolo spiega come creare e modificare un file di testo usando i due editor più conosciuti di Linux. Praticamente tutte le distribuzioni di Linux integrano al loro interno l'editor "Nano", un editor di testo intuitivo e molto semplice da usare. Se non ti piace usare l'editor "Nano" (o se non l'hai installato) puoi anche usare l'editor "Vi" (o "Vim" in base alla distribuzione che stai usando). Gli editor di testo "Vi" e "Vim" sono un po' più complessi da usare, dato che dispongono di molti comandi e di due modalità di utilizzo.

Metodo 1 di 2:
Editor Nano

  1. 1
    Premi la combinazione di tasti Control+Alt+T per aprire una finestra "Terminale". Questa combinazione di tasti di scelta rapida permette di aprire una finestra "Terminale" ed è supportata da quasi tutte le distribuzioni di Linux.
    • In alternativa, puoi cliccare sull'icona dell'app Terminale elencata nella lista delle applicazioni installate. Se stai usando GNOME, puoi accedere al menu "Dash" ed eseguire una ricerca usando la parola chiave terminale.
    • "Nano" è un editor di testo molto semplice da usare, preinstallato su tutte le distribuzioni di Linux basate su Ubuntu.[1] Se non hai a disposizione il programma "Nano", puoi installarlo manualmente eseguendo il comando sudo apt install nano (su Ubuntu e Debian) o sudo yum install nano (su CentOS e Fedora).
    • Se hai già usato l'editor "Pico", ti accorgerai che "Nano" è fondamentalmente identico e, a differenza dei programmi "Vi" e "Vim", non dovrai passare dalla modalità di inserimento dei comandi a quella di inserimento del testo durante l'utilizzo.
  2. 2
    Accedi alla directory dove desideri creare il file. Molto probabilmente lo vorrai memorizzare all'interno della directory home o in una sottocartella che è la directory di lavoro predefinita che viene utilizzata quando si apre la finestra "Terminale". Se vuoi creare il file all'interno di una sottocartella esistente, puoi usare il comando cd per accedervi.
    • Per visualizzare la lista di tutte le cartelle presenti all'interno dell'attuale directory di lavoro (la tua directory "home"), digita il comando ls e premi il tasto Invio.
    • Per accedere a una directory presente nella cartella "home" digita il comando cd nome_directory e premi il tasto Invio (sostituisci il parametro nome_directory con il nome della directory a cui vuoi accedere).
    • Se hai la necessità di creare una nuova directory, esegui il comando makedir nome_directory (sostituisci il parametro nome_directory con il nome che vuoi assegnare alla nuova directory. Dopo aver creato la cartella in oggetto, usa il comando cd nome_directory per accedervi.
    • È bene precisare che è possibile creare file al di fuori della propria della directory "home", però per farlo occorre avere i diritti di accesso come "root".
  3. 3
    Digita il comando nano nome_file e premi il tasto Invio. Sostituisci il parametro nome_file con il nome che vuoi assegnare al nuovo file di testo. In questo modo verrà creato un nuovo file di testo con il nome indicato che verrà aperto automaticamente.
    • Per esempio, se vuoi creare un file denominato "test_file", digita il comando nano test_file e premi il tasto Invio.
    • Potrebbe essere utile aggiungere l'estensione ".txt" alla fine del nome del file in modo da sapere che si tratta di un file di testo.
    • Se all'interno dell'attuale directory di lavoro è presente un file con lo stesso nome, verrà aperto quest'ultimo senza che ne venga creato uno nuovo.
  4. 4
    Trova la lista dei comandi visibile nella parte inferiore della finestra. I comandi che puoi utilizzare mentre crei il contenuto del tuo file di testo appariranno nella parte inferiore della finestra dell'editor. Per visualizzare un elenco di comandi più ampio, dovrai semplicemente ingrandire la finestra trascinando uno degli angoli con il mouse.
    • I comandi sono caratterizzati dal carattere iniziale (^) o dalla lettera "M". Il primo carattere rappresenta il tasto Control, mentre la lettera "M" rappresenta il tasto Alt.[2]
      • Per esempio, il comando ^U rappresenta il comando "Incolla". Per incollare nel file un contenuto copiato in precedenza dovrai premere la combinazione di tasti Ctrl + U.
      • Il comando M-U permette di annullare l'ultima azione eseguita, quindi per usare questo comando premi la combinazione di tasti Alt + U.
    • Per visualizzare l'elenco di tutti i comandi dell'editor "Nano", premi la combinazione di tasti Ctrl + G.
  5. 5
    Inserisci il testo nel nuovo file. Se hai la necessità di spostare il cursore del testo all'interno del file, usa le frecce direzionali della tastiera.
    • Puoi usare il mouse per selezionare una porzione di testo che desideri copiare e incollare. Per copiare il testo selezionato, premi la combinazione di tasti Alt + 6, quindi usa le frecce direzionali per spostare il cursore del testo nel punto del file in cui desideri incollare il testo copiato e premi la combinazione di tasti Ctrl + U.[3]
  6. 6
    Premi la combinazione di tasti Ctrl+O per salvare il file. Dato che il file ha già un nome, non ti verrà chiesto di assegnargliene uno. Tuttavia, se hai iniziato a scrivere del testo senza prima creare un file (semplicemente eseguendo il comando nano dalla finestra "Terminale"), ti verrà chiesto di inserire il nome del file e di premere il tasto Invio.
    • Resisti alla tentazione di premere la combinazione di tasti Ctrl + S per salvare le modifiche apportate al file, dato che questo comando serve solo a bloccare la sessione della finestra "Terminale".
  7. 7
    Premi la combinazione di tasti Ctrl+X per chiudere l'editor "Nano". In questo modo verrai reindirizzato alla finestra "Terminale".
    • Se hai la necessità di riaprire il file su cui stai lavorando, dovrai semplicemente eseguire il comando nano nome_file come fatto in precedenza.
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Editor Vi o Vim

  1. 1
    Premi la combinazione di tasti Control+Alt+T per aprire una finestra "Terminale". Questa combinazione di tasti di scelta rapida permette di aprire una finestra "Terminale" ed è supportata da quasi tutte le distribuzioni di Linux.
    • In alternativa, puoi cliccare sull'icona dell'app Terminale elencata nella lista delle applicazioni installate. Se stai usando GNOME, puoi accedere al menu "Dash" ed eseguire una ricerca usando la parola chiave terminale.
    • "Vi" è uno degli editor di testo più datati ed è basato su Unix. Il programma "Vim" il cui nome deriva da "Vi iMproved" rappresenta una versione dell'editor "Vi" arricchita di nuove funzionalità. Usando la maggior parte delle versioni moderne di Linux, quando si esegue il comando vi dal prompt dei comandi, viene avviato automaticamente l'editor Vim. I comandi di base sono identici in entrambi gli editor.
    • Il programma "Vi" offre una curva di apprendimento più lunga rispetto all'editor "Nano", ma con la pratica risulterà semplice da usare.
  2. 2
    Accedi alla directory dove desideri creare il file. Molto probabilmente lo vorrai memorizzare all'interno della directory "home" o in una sottocartella che è la directory di lavoro predefinita che viene utilizzata quando si apre la finestra "Terminale". Se vuoi creare il file all'interno di una sottocartella esistente, puoi usare il comando cd per accedervi.
    • Per visualizzare la lista di tutte le cartelle presenti all'interno dell'attuale directory di lavoro (la tua directory "home"), digita il comando ls e premi il tasto Invio.
    • Per accedere a una directory presente nella cartella "home", digita il comando cd nome_directory e premi il tasto Invio (sostituisci il parametro nome_directory con il nome della directory a cui vuoi accedere).
    • Se hai la necessità di creare una nuova directory, esegui il comando makedir nome_directory (sostituisci il parametro nome_directory con il nome che vuoi assegnare alla nuova directory). Dopo aver creato la cartella in oggetto, usa il comando cd nome_directory per accedervi.
    • È bene precisare che è possibile creare file al di fuori della propria della directory "home", però per farlo occorre avere i diritti di accesso come "root".
  3. 3
    Digita il comando vi nome_file e premi il tasto Invio. In alternativa, puoi usare il comando vim nome_file per essere certo che il file verrà aperto all'interno dell'editor "Vim", anziché dell'editor "Vi". La parte "vi" del comando selezionerà l'editor "Vim" come programma da usare. Sostituisci il parametro nome_file con il nome che desideri assegnare al nuovo file.
    • Per esempio, per creare un file denominato "esempio.txt", dovrai eseguire il comando vi esempio.txt.
    • Se all'interno dell'attuale directory di lavoro è presente un file con lo stesso nome, verrà aperto quest'ultimo senza che ne venga creato uno nuovo.
  4. 4
    Premi il tasto i. Quando si avvia l'editor "Vi" o "Vim", il programma verrà avviato nella modalità di funzionamento denominata "Comando". Premendo il tasto I verrà attivata la modalità di inserimento del testo, che è quella necessaria per poter inserire nel file il relativo contenuto testuale.
    • Dopo aver premuto il tasto I nella parte inferiore della finestra dovrebbe apparire la scritta -- INSERT –.
  5. 5
    Inserisci il contenuto del file. Quando la modalità di inserimento del testo è attiva, potrai creare il tuo documento semplicemente digitando il relativo contenuto esattamente come faresti con qualsiasi altro editor di testo. Per creare una nuova riga di testo, premi semplicemente il tasto Invio.
  6. 6
    Premi il tasto Esc. In questo modo verrà riattivata la modalità di inserimento dei comandi. In questa modalità di utilizzo è possibile eseguire operazioni come il copia e incolla di porzioni del testo, salvare il file e chiudere l'editor. Quando la modalità di inserimento è attiva la dicitura "INSERT" non sarà più visibile nella parte inferiore della finestra.
    • Quando è attiva la modalità di inserimento dei comandi (sia in "Vi" sia in "Vim") è possibile usare le frecce direzionali della tastiera per spostare il cursore del testo all'interno del documento. L'editor "Vim" permette di utilizzare le frecce direzionali della tastiera per spostare il cursore del testo anche in modalità "Insert".
    • È possibile passare alla modalità di inserimento del testo in qualsiasi momento premendo il tasto i.
  7. 7
    Digita il comando :w e premi il tasto Invio. Tutti i comandi di entrambi gli editor ("Vi/Vim") iniziano con il simbolo ":". Il comando :w permette di salvare il file (per renderlo mnemonico pensa che la lettera "w" faccia riferimento alla parola inglese "write", cioè alla scrittura su disco dei dati).
    • Se hai creato un file vuoto senza nome (o se hai a necessità di salvare le nuove modifiche sotto forma di un nuovo documento), usa il comando :w nome_file sostituendo il parametro nome_file con il nome che vuoi assegnare al nuovo file.
    • Per avere supporto e imparare a usare i comandi degli editor "Vi/Vim", digita il comando :help e premi il tasto Invio (esegui questo passaggio in modalità di inserimento dei comandi).
  8. 8
    Digita il comando :q e premi il tasto Invio per chiudere l'editor. In questo modo il file su cui stavi lavorando verrà chiuso e verrà visualizzato il prompt dei comandi.
    • Per aprire nuovamente un file esegui il comando vi nome_file o vim nome_file.
    • È possibile salvare le modifiche e chiudere l'editor eseguendo il comando :wq quando la modalità di inserimento dei comandi è attiva.
    Pubblicità

Consigli

  • Ricorda di salvare il file prima di chiudere l'editor, dato che non verrai avvisato dell'eventuale presenza di modifiche non salvate.
  • Puoi eseguire i comandi man vi o man nano all'interno della finestra "Terminale" per visualizzare a video il manuale utente dell'editor di testo che hai scelto di usare.
  • Una delle funzionalità più utili dell'editor Vim che mancano all'editor Vi è la codifica a colori della sintassi che è fondamentale quando si programma. Inoltre, è dotato del controllo integrato dell'ortografia e della capacità di spostarsi all'interno del testo usando le frecce direzionali quando è attiva la modalità "Inserimento".
Pubblicità

wikiHow Correlati

Diventare Utente Root in LinuxDiventare Utente Root in Linux
Installare Google Chrome su Linux Usando la Finestra TerminaleInstallare Google Chrome su Linux Usando la Finestra Terminale
Configurare un Sistema Dual Boot con Windows 10 e Ubuntu 16.04Configurare un Sistema Dual Boot con Windows 10 e Ubuntu 16.04
Controllare l'Indirizzo IP su LinuxControllare l'Indirizzo IP su Linux
Disinstallare del Software da UbuntuDisinstallare del Software da Ubuntu
Formattare un Disco Rigido in UbuntuFormattare un Disco Rigido in Ubuntu
Installare Ubuntu su VirtualBoxInstallare Ubuntu su VirtualBox
Installare Windows da UbuntuInstallare Windows da Ubuntu
Eseguire i File INSTALL.sh su Linux Usando il TerminaleEseguire i File INSTALL.sh su Linux Usando il Terminale
Catturare uno Screenshot sui Sistemi LinuxCatturare uno Screenshot sui Sistemi Linux
Ottenere L'Accesso all'Utente Root in UbuntuOttenere L'Accesso all'Utente Root in Ubuntu
Installare iTunes su LinuxInstallare iTunes su Linux
Usare Wine su LinuxUsare Wine su Linux
Modificare la Password dell'Utente Root in LinuxModificare la Password dell'Utente Root in Linux
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

JL
Co-redatto da:
Scrittore ed Editor Esperto di Tecnologia
Questo articolo è stato co-redatto da Jack Lloyd. Jack Lloyd è uno Scrittore ed Editor esperto di tecnologia che collabora con wikiHow. Ha più due anni di esperienza in scrittura ed editing di articoli riguardanti il mondo della tecnologia. È un appassionato di tecnologia e un insegnante di inglese. Questo articolo è stato visualizzato 45 313 volte
Categorie: Linux
In altre lingue
Questa pagina è stata letta 45 313 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità