Come Creare un Bonsai

3 Parti:Scegliere il Bonsai GiustoInvasare un Albero adultoFar Crescere l'Albero dal Seme

L'antica arte della creazione del bonsai risale a più di mille anni fa. Anche se solitamente associata al Giappone, in realtà ha origine in Cina, dove gli alberi vengono normalmente associati alla religione del Buddismo Zen[1]. Gli alberi di bonsai sono attualmente utilizzati per scopi decorativi e ricreativi, oltre che tradizionali. Prendendosene cura, il coltivatore ha la possibilità di assumere un ruolo contemplativo, oltre che creativo, nella crescita di un simbolo di bellezza naturale. Inizia a leggere quest'articolo per imparare come crearne uno tu stesso.

Parte 1
Scegliere il Bonsai Giusto

  1. 1
    Seleziona una specie di albero adatta al tuo clima. Non tutti gli alberi vanno bene. Molte piante perenni legnose e anche alcune tipologie tropicali possono essere trasformate in bonsai, ma non è detto che vada bene qualunque specie per la tua localizzazione geografica specifica. Quando si seleziona una specie, è importante prendere in considerazione il clima. Per esempio, alcuni alberi muoiono con il gelo, mentre altri, in realtà, richiedono che la temperatura scenda sotto lo zero in modo da poter entrare in uno stato dormiente e prepararsi per la primavera. Questo vale soprattutto se hai intenzione di tenere l'albero all'aperto. Il personale del negozio di giardinaggio sarà in grado di aiutarti a risolvere i tuoi dubbi.
    • Una varietà particolarmente adatta ai principianti è il ginepro. Questa pianta sempreverde è resistente: si trova in tutto l'emisfero settentrionale e anche nelle regioni più temperate dell'emisfero australe. Inoltre, i ginepri sono facili da crescere - rispondono bene alla potatura e agli altri sforzi di "formazione". Essendo sempreverdi, non perdono mai le foglie.
    • Altre conifere comunemente coltivate come bonsai sono i pini, gli abeti e i cedri di molte varietà. Le latifoglie sono un'altra possibilità - gli aceri giapponesi sono particolarmente belli, così come le magnolie, le querce e gli olmi. Infine, alcune piante tropicali non legnose, come la crassula ovata (detta "albero di giada") e la serissa, sono adatte per gli ambienti interni in climi freddi o temperati.
  2. 2
    Decidi se hai intenzione di tenere l'albero all'interno o all'esterno. Le esigenze degli alberi di bonsai possono variare drasticamente secondo la loro collocazione. In generale, gli ambienti interni sono più secchi e ricevono meno luce di quelli esterni, quindi ti consigliamo di scegliere alberi che necessitino di poca luce e umidità. Di seguito vengono elencate alcune delle più comuni varietà di alberi da bonsai, raggruppate secondo la loro propensione per ambienti interni o esterni: [2]
    • Interni: Ficus, Hawaiian Umbrella, Serissa, Gardenia, Camelia, Kingsville Boxwood.
    • Esterni: Ginepro, Cipresso, Cedro, Acero, Betulla, Faggio, Larice, Olmo, Ginkgo.
    • Si noti che alcune delle varietà più resistenti, come i ginepri, sono adatte a entrambi gli usi, purché adeguatamente curate.
  3. 3
    Seleziona il formato del tuo bonsai. Ne esistono diverse varietà. La loro altezza può variare dai 15 ai 90 centimetri, a seconda della loro specie. Se scegli di far crescere il bonsai da una piantina o da una talea di un altro albero, possono essere anche più piccoli. Le piante più grandi richiedono più acqua, terra e luce solare, per cui devi assicurarti di averne disponibilità prima di effettuare l'acquisto.
    • Ecco alcuni elementi da prendere in considerazione:
      • Le dimensioni del contenitore che l'ospiterà
      • Lo spazio disponibile a casa o in ufficio
      • La disponibilità di luce solare a casa o in ufficio
      • La quantità di cura che sei in grado di dedicare al tuo albero (maggiori dimensioni richiedono più tempo per la potatura)
  4. 4
    Devi visualizzare il prodotto finito mentre selezioni la pianta. Dopo aver deciso quale tipo e dimensione di bonsai desideri, puoi recarti in un vivaio o in un negozio di bonsai per selezionare la pianta che diventerà il tuo albero bonsai. Quando scegli la pianta, cercane una dalla foglia verde sana e vivace per assicurarti che sia in salute (tieni comunque presente che gli alberi decidui possono avere foglie di diversi colori in autunno). Infine, dopo aver limitato la ricerca agli alberelli più sani e belli, dovrai immaginare come sarà dopo la potatura. Parte del divertimento nel coltivare un bonsai consiste nel potarlo delicatamente e nel plasmarlo finché non diventa esattamente come lo vuoi — questo può richiedere anni. Devi scegliere un albero la cui forma naturale si presti a essere potata e/o modellata in base al progetto che hai in mente.
    • Nota che, se scegli di far crescere il bonsai dal seme, avrai la possibilità di controllare la crescita del tuo albero in quasi tutte le fasi del suo sviluppo. Tuttavia, ci possono volere anche fino a cinque anni per farlo diventare adulto, in base alla specie[3]. Per questo motivo, se hai intenzione di potare o plasmare (relativamente) subito il tuo albero, farai meglio ad acquistare una pianta già cresciuta.
    • Un'altra opzione possibile è farlo crescere da una talea. Si tratta di un ramo tagliato da un albero in crescita e trapiantato in un nuovo terreno per avviare un impianto separato, ma geneticamente identico al precedente[4]. Le talee sono un buon compromesso: crescono prima dei semi e offrono comunque una buona dose di controllo sulla crescita dell'albero.
  5. 5
    Scegli un vaso. La caratteristica distintiva dei bonsai è di essere piantati in vasi che limitano la loro crescita. Per questa scelta bisogna assicurarsi che il contenitore sia abbastanza grande da permettere alla terra di coprire le radici della pianta. Quando l'innaffi, essa assorbe l'umidità dal terreno attraverso le radici. Senza una piccola quantità di terra nel vaso, le radici dell'albero non possono trattenere l'umidità. Per evitare il marciume radicale, dovrai anche assicurarti che il vaso abbia uno o più fori di drenaggio sul fondo. Se non ci fossero, puoi sempre farli tu.
    • Anche se il vaso deve essere abbastanza largo da contenere l'albero, ti consigliamo di mantenere comunque un'estetica pulita e ordinata del tuo bonsai. Contenitori troppo grandi possono rimpicciolire l'albero stesso, dandogli un aspetto bizzarro o sfalsato. Acquista un vaso abbastanza grande da contenere le radici, ma non eccessivamente - deve completare l'albero esteticamente ed essere, al contempo, visivamente discreto.
    • Alcuni preferiscono crescere i bonsai in pratici contenitori essenziali, per poi trasferirli in vasi più belli una volta adulti. Questo processo risulta particolarmente utile se la specie dell'albero di bonsai è delicata, perché ti permetterà di rimandare l'acquisto di un contenitore più artistico fino a quando la tua pianta non sarà sana e bella.

Parte 2
Invasare un Albero adulto

  1. 1
    Prepara l'albero. Se hai appena comprato un bonsai dentro un contenitore di plastica poco attraente oppure ne stai coltivando uno e desideri trasferirlo finalmente nel vaso "perfetto", è necessario prepararlo prima di trapiantarlo. Prima di tutto, assicurati che sia stato potato nella forma desiderata. Se vuoi che continui a crescere in un certo modo dopo la potatura, dovrai avvolgere delicatamente un filo robusto intorno al fusto o al ramo, in modo da dirigerne la crescita. Dovrà essere in perfetta forma, prima di essere trapiantato nel vaso nuovo e questo processo è piuttosto gravoso per il bonsai.
    • Sappi che gli alberi con cicli stagionali (ad esempio, molti alberi decidui) è meglio che siano trapiantati in primavera. L'aumento delle temperature primaverili induce molte piante a entrare in uno stato di maggiore crescita; ciò significa che si riprenderanno meglio dallo stress della potatura e della rifilatura della radice.
    • Devi ridurre le innaffiature prima del rinvaso. La terra secca e non compatta può essere molto più facile da lavorare di quella umida.[5]
  2. 2
    Rimuovi la pianta e pulisci le radici. Rimuovi con cautela la pianta dal suo vaso attuale, facendo attenzione a non rompere o strappare il suo tronco principale. È meglio usare una paletta per invaso per aiutarsi a sollevare la pianta. La maggior parte delle radici verrà tagliata prima che sia rinvasata nel contenitore da bonsai. Tuttavia, per vedere bene le radici, di solito bisogna spazzolarne via lo sporco. Puliscile, eliminando eventuali grumi di sporcizia che potrebbero impedirti di distinguerle bene. Rastrelli per radice, bacchette, pinzette e strumenti simili sono molto utili per questo processo.
    • Le radici non devono essere pulitissime, ma abbastanza pulite da permetterti di vedere quello che stai facendo durante la loro potatura.
  3. 3
    Sfronda le radici. Se la loro crescita non è adeguatamente controllata, i bonsai possono facilmente diventare troppo grandi per i loro contenitori. Per essere certo che il tuo albero di bonsai rimanga gestibile e ordinato, sfoltisci le radici durante la potatura. Taglia tutte le radici larghe e spesse, oltre a quelle rivolte verso l'alto, lasciando una rete formata da quelle più lunghe ed esili vicine alla superficie del suolo. L'acqua viene assorbita dalle punte delle radici, quindi, in un contenitore piccolo, molti fili sottili sono generalmente meglio di uno solo, spesso e in profondità.
  4. 4
    Prepara il vaso. Prima di invasare il bonsai, assicurati di disporre di una base di terra fresca e nuova su cui posarlo in modo che sia all'altezza desiderata. Aggiungi uno strato di terra a grana grossa nella parte inferiore del vaso vuoto, come base. Aggiungi quindi uno strato di terreno di coltura o della terra più fine. Utilizza un mezzo che riesca a drenare bene - il comune terreno da giardino può trattenere troppa acqua e far annegare l'albero. Lascia una piccola quantità di spazio nella parte superiore del vaso in modo da poter coprire le radici della pianta.
  5. 5
    Invasa l'albero. Metti la pianta nel suo nuovo vaso secondo l'orientamento desiderato. Termina con l'aggiunta di terra fine, ben drenante o con terreno di coltura, avendo cura di coprire le radici dell'albero. Se lo desideri, puoi aggiungere uno strato finale di muschio o ghiaia. Oltre a essere esteticamente gradevole, può aiutare a tenere il bonsai in posizione.
    • Se la pianta non riesce a rimanere in posizione verticale nel nuovo contenitore, fai passare un filo spesso dal fondo del vaso attraverso i fori di drenaggio. Legalo intorno alle radici per tenere fermo il bonsai.
    • Ti consigliamo di aggiungere dei setacci in rete sui fori di drenaggio del vaso, in modo da prevenire l'erosione del suolo, che si verifica quando l'acqua porta via della terra dal vaso attraverso i fori di drenaggio.
  6. 6
    Prenditi cura del tuo nuovo bonsai. Il tuo albero ha appena subito un processo radicale, un po' traumatico. Per le due o tre settimane successive al rinvaso dovrai lasciarlo in una zona semi-ombreggiata, protetta dal vento e dalla luce solare diretta[6]. Annaffia la pianta, ma non usare fertilizzante finché le radici non si saranno riprese. Dare modo al bonsai di riprendersi dopo il rinvaso gli permetterà di adattarsi alla sua nuova "casa" e, nel frattempo, di prosperare.
    • Come appena specificato, gli alberi a foglia caduca con ciclo annuale chiudono un proprio periodo se la crescita primaverile è stata intensa. Per questo motivo, è meglio potare nuovamente in primavera l'albero deciduo, dopo il periodo di stasi invernale. Se si tratta di una pianta da interno, dopo averle permesso di riattecchire in seguito al rinvaso, è meglio spostarla all'esterno, dove l'innalzamento della temperatura e una maggiore luce solare potranno accelerare il suo naturale "scatto di crescita".
    • Una volta stabilizzato, potrai sperimentare l'aggiunta di altre piantine nel suo stesso contenitore. Se inserite e curate con attenzione (come il tuo albero), queste aggiunte ti permetteranno di creare una composizione molto piacevole. Prova a utilizzare piante native della stessa zona del bonsai, in modo che il regime di acqua e luce supporti ugualmente bene tutta la flora presente nel vaso.

Parte 3
Far Crescere l'Albero dal Seme

  1. 1
    Scegli i tuoi semi. Sviluppare un bonsai da un unico seme è un processo lento ed estremamente lungo. Secondo la tipologia di albero che vuoi far crescere, ci possono volere fino a quattro o cinque anni per ottenere un tronco dal diametro di circa un centimetro[7]. Alcuni semi richiedono anche precise condizioni controllate per la germinazione. Tuttavia, questo metodo è forse l'esperienza più completa nella creazione del bonsai, poiché consente di avere il totale controllo sulla crescita della pianta fin dal momento in cui spunta dal terreno. Per iniziare, compra i semi della tua specie preferita in un negozio di giardinaggio oppure raccoglili in natura.
    • Gli alberi decidui, come querce, faggi e aceri, sono facilmente riconoscibili dai baccelli (ghiande, …) che l'albero rilascia annualmente. A causa della facilità con cui si ottengono i loro semi, questi tipi di alberi costituiscono un'ottima scelta, se hai intenzione di far crescere un albero di bonsai partendo dal seme.
    • Prova a procurarti dei semi freschi. Il periodo di possibile germinazione dei semi da albero è solitamente più breve di quello delle semenze di fiori e verdura. Per esempio, i semi della quercia (ghiande) sono "freschi" appena raccolti all'inizio dell'autunno e quando mantengono il loro colore verde.[8]
  2. 2
    Permetti al seme di germinare. Una volta trovati i semi adatti per il tuo bonsai, dovrai prendertene cura per garantirti che possano germinare (germogliare). Nelle zone non tropicali, con stagioni ben definite, i semi di solito cadono dagli alberi in autunno, rimangono a riposo durante l'inverno, prima di germogliare in primavera. La semenza delle piante native di queste zone è solitamente codificata biologicamente per germinare solo dopo aver sperimentato le temperature fredde dell'inverno e il calore gradualmente crescente della primavera. In questi casi, è necessario esporre il tuo seme a queste condizioni oppure simularle usando un frigorifero.
    • Se vivi in un ambiente temperato con stagioni ben definite, puoi semplicemente interrare il seme in un piccolo vaso pieno di terra e tenerlo fuori per tutto l'inverno e la primavera. Altrimenti, potrai tenere i semi in frigorifero per simulare il rigore invernale. Metti i semi in un sacchetto di plastica, chiuso da una cerniera lampo, con un terreno di coltura sciolto e inumidito (ad esempio, con della vermiculite) e porta di fuori in primavera quando vedrai spuntare i germogli.
      • Per simulare il ciclo naturale della temperatura, gradualmente decrescente e poi crescente dal tardo autunno fino all'inizio della primavera, dovrai posizionare inizialmente il sacchetto con i semi nella parte inferiore del frigorifero. Nelle due settimane seguenti, dovrai portarlo via via sulle mensole più alte, fino a metterlo accanto all'unità di raffreddamento. Poi, alla fine dell'inverno, dovrai invertire il processo, spostando il sacchetto gradualmente verso il basso. [9]
  3. 3
    Disponi le piantine in un vassoio o un vaso. Quando le piantine cominciano a germogliare, tieniti pronto a iniziare il loro nutrimento in un piccolo contenitore pieno di terriccio di tua scelta. Se hai permesso ai tuoi semi di germinare naturalmente all'aperto, solitamente potranno restare nello stesso vaso. Altrimenti, potrai trasferire i semi sani dal frigorifero a un vaso o a un vassoio preventivamente preparato. Scava un buchino per il tuo seme e seppelliscilo lì in modo che il germoglio sia rivolto verso l'alto e la radice a fittone verso il basso. Bagnalo immediatamente. Nel tempo, cerca di mantenere umida, ma non fradicia, la terra attorno al seme, evitando il fango che potrebbe causare la marcescenza della pianta.
    • Non utilizzare fertilizzanti fino a circa cinque o sei settimane dopo che le piante si saranno stabilizzate nei loro nuovi contenitori. Inizia con una quantità infinitesima di fertilizzante, perché potresti "bruciare" le giovani radici della pianta, danneggiandole per la sovraesposizione alle sostanze chimiche presenti.
  4. 4
    Tieni le piantine in una zona dalla temperatura adeguata. Mentre i semi continuano a crescere, dovrai fare attenzione a non esporli direttamente a temperature fredde o rischierai di perdere le giovani piantine. Se vivi in una località con una primavera calda, potrai introdurre gradualmente le piante all'esterno, in un luogo tiepido ma riparato, assicurandoti che non siano troppo esposte al vento o che non rimangano permanentemente al sole, sempre che quella specie possa sopravvivere naturalmente nella tua zona geografica. Se stai facendo crescere delle piante tropicali o portando alla germinazione dei semi fuori stagione, allora potrebbe essere meglio tenere le piante in casa o in una serra, dove è più caldo.
    • Indipendentemente da dove tieni le piantine giovani, devi assicurarti che ricevano annaffiature frequenti, ma non eccessive. Mantieni il terreno umido, ma non inzuppato.
  5. 5
    Abbi cura delle giovani piantine. Continua con il tuo regime di irrigazione e di cauta esposizione al sole durante la crescita della piantina. Agli alberi decidui spunteranno direttamente dal seme due foglioline, dette cotiledoni[10], prima di sviluppare foglie vere e di continuare a crescere. Quando l'albero cresce (di solito questo processo richiede anni), si possono usare gradualmente vasi sempre più grandi per ospitarne la crescita fino a raggiungere le dimensioni desiderate per il bonsai.
    • Una volta stabilizzato, potrai lasciare l'albero fuori, in un posto dove riceva sole al mattino e ombra al pomeriggio, purché la specie sia tra quelle che possono sopravvivere naturalmente nella tua area geografica. Le piante tropicali e le altre varietà delicate di bonsai potrebbero dover essere tenute perennemente al chiuso se il clima locale non è adatto.

Consigli

  • Pianta l'albero in un vaso grande, lasciandolo crescere per un paio d'anni in modo che la base del tronco diventi più spessa.
  • Tagliare spesso le radici aiuta la pianta a sopravvivere in un vaso piccolo.
  • Si può creare un bonsai anche da altri tipi di albero.
  • Permetti alla pianta di crescere fino alla stagione seguente prima di modellarla e potarla.
  • Prenditi cura dell'albero e non lasciarlo morire.
  • Prova a focalizzarti sugli stili di base degli alberi (verticale, informale e a cascata).

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Giardinaggio

In altre lingue:

English: Start a Bonsai Tree, Español: hacer un bonsái, Português: Fazer um Bonsai, Français: créer un bonsaï, Deutsch: Aus einem normalen Baum ein Bonsai machen, 中文: 制作盆景, Русский: вырастить бонсай, Nederlands: Een bonsaiboom kweken, Čeština: Jak pěstovat bonsaje, Bahasa Indonesia: Memulai Menanam Pohon Bonsai, العربية: زراعة شجرة بونساي, Tiếng Việt: Tự trồng một Cây Bonsai, हिन्दी: बोनसाई पेड़ की शुरुआत करें, 日本語: 盆栽を始める

Questa pagina è stata letta 163 123 volte.

Hai trovato utile questo articolo?