I test a risposta multipla facilitano non poco l'assegnazione dei voti. Ma cosa dire dei saggi? Delle tesine? Dei progetti? Quando nella valutazione rientra la soggettività, la correzione diventa molto più complicata. Imparando a creare una scheda di valutazione comprensiva per gli esami suddivisi in più parti, potrai avere una guida nel corso del processo. In questo modo, gli studenti riusciranno a capire in quali aree devono migliorare e perché hai dato un certo voto. Per ricordare i tuoi criteri di correzione e per assegnare punti, utilizza questa griglia, vedrai che sarà tutto più facile. Continua a leggere per saperne di più.

Parte 1 di 3:
Scegliere i Criteri

  1. 1
    Determina l'obiettivo del compito. Le griglie di valutazione generalmente vengono usate per incarichi o progetti più lunghi. Essi presentano molteplici sezioni o parti, le quali richiedono una certa soggettività nella valutazione. In altre parole, non dovresti utilizzarle per un test a scelta multipla, ma possono tornarti utili per dare un voto a un saggio o a una presentazione. Articolare gli obiettivi specifici del progetto da correggere è utile per essere sempre al corrente degli elementi che analizzerai durante la valutazione. Considera le seguenti domande:
    • Qual è lo scopo principale dell'incarico che stai valutando?
    • Cosa avrebbero dovuto imparare gli studenti durante l'elaborazione di questo compito?
    • Come riconoscere un buon compito?
    • Cosa fa spiccare un progetto tra tutti gli altri?
    • Cosa è sufficiente?
  2. 2
    Fai una lista di tutte le componenti del progetto da valutare. Per iniziare a formare il voto finale, distingui tra le parti che compongono il contenuto e le parti riguardanti i requisiti tecnici. Solitamente sono queste le due categorie principali che dovrai determinare per completare una scheda di valutazione comprensiva. Una griglia completa deve dunque tenere conto sia del contenuto sia dei fattori tecnici [1].
    • Le componenti del contenuto si riferiscono alla sostanza e alla qualità del singolo compito. Includono fattori come i seguenti:
      • Stile.
      • Conformità con le tematiche o gli obiettivi del corso.
      • Argomentazione o tesi.
      • Organizzazione.
      • Creatività e opinioni.
    • Le componenti tecniche sono i singoli passaggi che lo studente deve completare per portare a termine il compito. Si riferiscono ai seguenti fattori:
      • Copertina, nome e data.
      • Requisiti temporali o spaziali (rispetto della data di consegna, del numero di parole minimo, ecc.).
      • Formattazione.
  3. 3
    Non complicarti la vita. Vale la pena soffermarti su ogni singolo dettaglio sintattico? Su come lo studente controlla la respirazione mentre fa un discorso? Sulla qualità della rilegatura? Prova a scegliere una quantità gestibile di criteri da prendere in considerazione per assegnare il voto. Meno complessa è la scheda, meglio sarà. Dovrebbe essere comprensiva, ma non piena di requisiti, i quali possono affaticarti nel corso della valutazione (e poi per gli studenti sarà più difficile capirla). Cerca di avere buon senso nella scelta dei criteri, seleziona poche categorie.
    • Una scheda semplice per valutare un saggio, per esempio, potrebbe includere cinque sezioni, ognuna dedicata a un criterio ben preciso: tesi o argomentazione, organizzazione o suddivisione in paragrafi, introduzione/conclusione, grammatica/sintassi/ortografia, fonti/riferimenti/citazioni.
  4. 4
    Concentra la scheda sul corso che hai tenuto. Per esempio, non avrebbe molto senso assegnare 50 punti all'elaborazione della tesi se è un argomento che non hai mai affrontato in aula. Dovresti usare il contenuto delle tue lezioni per valutare il compito, dunque non perderlo di vista mentre sviluppi la griglia [2].
    • All'interno delle categorie più ampie o basilari della scheda, puoi essere più specifico se ti va. Per quanto riguarda la sezione “Tesi o argomentazione”, potresti assegnare un tot di punti alle frasi chiave, all'enunciato di tesi, alle dichiarazioni e alla dimostrazione delle prove; consideralo alla luce del livello di apprendimento degli studenti e di quello su cui ti stai concentrando in classe.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Dare il Voto

  1. 1
    Usa numeri interi per facilitarti il tutto. Sono vari i modi in cui strutturare un sistema preciso nel corso di un semestre o di un quadrimestre, ma è decisamente più facile lavorare su una scala che va da 1 a 100 mentre passi da un compito all'altro. Niente di più semplice. Il voto può essere scomposto con facilità per analizzare le diverse sezioni valutate e gli studenti non avranno difficoltà a capirlo. Cerca di pensare a una serie di criteri che, sommati, ti permetteranno di ottenere un totale di 100. Puoi farlo sotto forma di percentuale o di punti.
    • Alcuni insegnanti impiegano complicati sistemi a punti pur di evitare i metodi più tradizionali e i relativi stigmi. Sei tu ad assegnare i voti, dunque sei tu a decidere cosa fare, ma ricorda che i sistemi troppo complessi tendono a essere più confusi che utili per gli studenti, rinforzando l'impressione di essere sottoposti a un valutazione soggettiva e infinita, semplicemente dettata dai capricci di ogni singolo professore. Ti conviene attenerti alla classica scala da 1 a 100, per quanto possa essere imperfetta [3].
  2. 2
    Assegna i punti in base all'importanza dei singoli compiti. Alcune parti dell'incarico probabilmente avranno più valore di altre, dunque dovresti valutarle di conseguenza. Può essere la fase più difficile della compilazione della griglia, per questo è bene riflettere sugli obiettivi principali del compito e sull'apprendimento degli studenti. Una scheda basilare per valutare un saggio potrebbe essere suddivisa più o meno così:
    • Tesi e argomentazione: _/40.
      • Enunciato di tesi: _/10.
      • Frasi chiave: _/10.
      • Dichiarazioni e prove: _/20.
    • Organizzazione e paragrafi: _/30.
      • Ordine dei paragrafi: _/10.
      • Scorrevolezza: _/20.
    • Introduzione e conclusione: _/10.
      • Introduzione dell'argomentazione: _/5.
      • Riassunto finale dell'argomentazione: _/5.
    • Grammatica, sintassi e ortografia: _/10.
      • Punteggiatura: _/5.
      • Grammatica: _/5.
    • Fonti e Citazioni: _/10.
      • Bibliografia: _/5.
      • Citazioni nel testo: _/5.
    • In alternativa, puoi suddividere equamente i singoli incarichi, in modo che la valutazione numerica massima sia la stessa per tutte le componenti del progetto. Non è l'ideale per un incarico scritto, ma potrebbe essere appropriato per una presentazione o per un altro progetto creativo.
  3. 3
    Se necessario, associa i voti numerici a quelli espressi in lettere. Solitamente è utile determinare a che punteggio corrisponde ogni lettera sin dall'inizio del quadrimestre o del semestre, questo per non complicare il processo di valutazione e per renderlo uniforme. Di conseguenza, è preferibile mantenere una scala da 1 a 100 mentre realizzi questa associazione.
    • Altrimenti, se non preferisci usare le lettere, puoi optare per termini come “Eccellente”, “Soddisfacente” e “Insoddisfacente” per valutare i diversi livelli e comunicare i voti agli studenti.
  4. 4
    Definisci e descrivi i voti espressi in lettere. Scrivi dettagliatamente a cosa corrisponde ciascun livello sin dall'inizio del quadrimestre o del semestre. Questo significa articolare cosa vuol dire un particolare voto in relazione all'incarico e come dovrebbe essere interpretato dagli studenti. A volte è più facile iniziare a individuare le caratteristiche del voto più alto, per poi capire quali compiti considereresti di bassa qualità. Definire cosa implica una C è decisamente più complicato se non sai cosa aspettarti da una A. Per valutare un saggio, ecco come potresti assegnare i voti:
    • A (100-90): il lavoro dello studente soddisfa tutti i criteri previsti dal compito, ed è stato completato in un modo creativo ed eccezionale. Va oltre quello che è stato chiesto, dimostrando una certa iniziativa personale, al che si aggiungono contenuti originali e ben meditati, nonché un'eccellente organizzazione e uno stile impeccabile.
    • B (89-80): se lo studente ha preso questo voto, ciò significa che il suo lavoro soddisfa i criteri di base del compito. Lo ha svolto bene, ma avrebbe potuto migliorare l'organizzazione e lo stile.
    • C (79-70): il lavoro dello studente soddisfa la maggior parte dei criteri del compito. Ciononostante, i contenuti, l'organizzazione e lo stile non sono di una qualità eccelsa e richiedono qualche revisione. Questo lavoro non suggerisce alti livelli di originalità e di creatività da parte dello studente.
    • D (69-70): il lavoro non soddisfa i requisiti del compito o lo fa inadeguatamente. Richiede una certa revisione. Il contenuto, l'organizzazione e lo stile sono per lo più inaccettabili.
    • F (sotto 60): il lavoro non soddisfa i requisiti del compito. In generale, gli studenti che si impegnano non prendono questo voto.
  5. 5
    Organizza i criteri di valutazione e i punti che assegnerai in una tabella. Realizzane una e usala per correggere tutti i lavori che valuti. Questo snellirà il processo e gli studenti avranno qualcosa di concreto da analizzare una volta che avranno ricevuto i lavori corretti. È molto più utile di un voto scritto in grande con la penna rossa per guidarli verso le aree in cui dovrebbero migliorare [4].
    • Dovresti dedicare ogni fila a ciascun obiettivo o compito, mentre ogni colonna dovrebbe presentare un certo punteggio. Sotto al titolo di ogni riga e colonna, elenca quello che ti aspetti in termini di qualità. I punteggi dovrebbero essere inseriti dal più basso al più alto o viceversa, la scelta spetta a te.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Usare le Griglie di Valutazione

  1. 1
    Condividi la griglia con gli studenti prima che svolgano l'incarico. È sempre preferibile che si facciano un'idea su come e su cosa verranno valutati. A seconda della tipologia del compito, dovresti enfatizzare quello che ti aspetti sin dal momento in cui lo assegni; fallo sia attraverso la descrizione dell'incarico sia attraverso la griglia. È meglio che lo studente sappia nello specifico quello che cercherai, e la scheda sarà una sorta di lista di spunta che rivedrà prima di consegnare il lavoro.
  2. 2
    Potresti coinvolgere gli studenti per aggiungere altri elementi alla griglia. Lascia che esprimano le proprie idee sulle voci e sui punteggi della tabella. Magari, possono creare loro stessi un prototipo di scheda di valutazione. In linea di massima, daranno peso ai tuoi stessi punti, dunque capiranno che i tuoi metodi di correzione sono giusti e che il potere di avere successo dipende solo da loro. È un esercizio particolarmente raccomandato per invogliare gli studenti a essere coinvolti nel processo di apprendimento.
    • Non dimenticare il tuo ruolo. Se tutti gli studenti vogliono che vengano assegnati 99 punti alla grammatica, puoi mettere fine a questo esercizio e chiuderla lì. Tuttavia, approfittane per dare una lezione. Rivolgiti agli studenti che non sono ferrati in grammatica e chiedi loro se vorrebbero davvero che quasi tutto il voto venisse assegnato dopo aver cercato il pelo nell'uovo a livello sintattico. Cambieranno idea.
  3. 3
    Attieniti alla scheda di valutazione mentre decidi i voti. Se hai una valanga di saggi da correggere e ti rendi conto che la griglia non è perfettamente equilibrata, magari pensi che sia troppo pignola o che sia impostata in modo da dare voti per lo più buoni, non preoccuparti. Non è questo il momento giusto per modificarla e per cambiare metodo di punto in bianco. Seguila per ora, la rivedrai in un secondo momento.
  4. 4
    Inserisci i voti nelle tabelle e mostra agli studenti la griglia completa. Assegna punti a ogni categoria, sommali per ricavarne il voto finale e condividi il prodotto finito con ciascun alunno. Salva tutte le tabelle sul tuo computer e distribuiscine le copie agli studenti. Ritaglia del tempo per parlare dei loro voti qualora avessero dei dubbi.
    Pubblicità

Consigli

  • Fai una ricerca online per trovare modelli di griglie già pronte. Ti basta inserire i tuoi dati e criteri una volta che ne avrai trovata una adatta a te.
  • Lo stile e l'organizzazione della scheda possono cambiare in base al tipo di lavoro che è stato assegnato. Creane una facile e comprensibile, così potrai usarla senza problemi.

Pubblicità

Avvertenze

  • Cerca di non usare parole o descrizioni dalla connotazione negativa quando discuti dei criteri qualitativi. Afferma semplicemente quali sono le tue aspettative e cosa manca.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Rispondere Quando Ti Chiedono Come Stai

Come

Convertire i Secondi in Minuti

Come

Convertire un Voto da Percentuale a GPA in Scala 4,0

Come

Far Ripartire una Penna a Sfera Secca

Come

Trasferire gli Ebook su Kindle

Come

Diventare una Persona Acculturata

Come

Lavorare e Studiare Contemporaneamente

Come

Ribattere Quando Qualcuno Ti Dice Che Sei Grasso

Come

Scrivere in Codice

Come

Battere il Cinque

Come

Usare una Penna Stilografica

Come

Ricordare Qualcosa che Hai Dimenticato

Come

Aumentare il Proprio Livello di Cultura Generale

Come

Insegnare a Leggere a Tuo Figlio
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, autori volontari hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo. Questo articolo è stato visualizzato 14 717 volte
Questa pagina è stata letta 14 717 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità