Come Creare una Macchina Fotografica a Foro Stenopeico

5 Metodi:Costruzione del CorpoCostruzione dell'Otturatore e del MirinoCaricamento della Macchina FotograficaFotografareSviluppo di una Fotografia

Sapevi che puoi creare una macchina fotografica funzionante con degli oggetti che molto probabilmente hai già in giro per casa? Anche se sembrano meccanismi complicati, fondamentalmente le fotocamere sono scatole buie con un piccolo foro per trasferire la luce da un soggetto esterno a un materiale fotosensibile posto all'interno. Segui i passi seguenti per realizzare una macchina fotografica a foro stenopeico, usando contenitori di metallo o di cartone.[1]

1
Costruzione del Corpo

  1. 1
    Scegli una lattina cilindrica o una scatola rettangolare. Prendi un contenitore che abbia le dimensioni di una normale macchina fotografica e che sia pulito. Per esempio, potresti usare una vecchia latta di vernice, una scatola dei cereali, una scatola per scarpe o una lattina di caffè. Assicurati che il contenitore abbia un tappo con una chiusura precisa.
  2. 2
    Pittura di nero l'interno e l'esterno del contenitore. Potresti anche ricoprirlo interamente di carta stagnola, ma fai attenzione a evitare pieghe e strappi. In questo modo eviterai ogni riflesso di luce all'interno della scatola.
    • Assicurati di verniciare interamente anche il tappo.
    • Lascia asciugare completamente la vernice prima di proseguire.
    • Se della vernice dovesse staccarsi o rovinarsi, rivernicia con cura la scatola prima di utilizzarla per fotografare.
  3. 3
    Determina le dimensioni del foro stenopeico. La distanza fra il foro e la pellicola determinerà l'effetto finale delle tue foto. La pellicola si troverà dal lato opposto rispetto al foro, quindi probabilmente sul tappo se stai usando una latta.
    • Le dimensioni del foro sono molto importanti, perché determinano quanto nitide o sfocate saranno le tue foto.
    • Per un contenitore con una distanza fra base e tappo di 7-15 cm, usa un ago da cucito numero 70 che farai entrare fino a metà nel contenitore, creando così il foro.
    • Cerca di creare un foro il più circolare possibile. Girare l'ago mentre lo spingi all'interno aiuterà a ottenere un foro più preciso e "pulito".
  4. 4
    Crea il foro stenopeico nella base del contenitore. Puoi forare direttamente la base del contenitore con un ago, altrimenti puoi creare un foro più grande, di circa 1-1,5 cm di lato nella base della scatola, e forare con l'ago un pezzo di carta o di metallo più sottile da applicare poi sul foro grande. Il secondo metodo sarebbe da preferire, perché ti permette di ottenere un foro più preciso e di riprovare, se dovessi sbagliare al primo tentativo.
    • Se scegli il secondo metodo, prendi del cartoncino nero o un foglio di metallo sottile e foralo appoggiandolo sul foro grande creato nella scatola, quindi blocca in posizione il materiale con del nastro adesivo forte.
    • Degli ottimi materiali da usare per il secondo metodo sono carta stagnola spessa, metallo malleabile di un contenitore per alimenti o cartoncino.
    • Controlla che il foro sia ben fatto guardando nella scatola dalla parte del tappo, dove sarà la pellicola, e osservando attraverso il forellino. Assicurati di poter vedere chiaramente cosa c'è dall'altra parte del foro. Una pagina di un libro o di un documento sarà un buon oggetto da utilizzare per questa prova.

2
Costruzione dell'Otturatore e del Mirino

  1. 1
    Ritaglia l'otturatore dal cartoncino nero. Il cartoncino opaco che non lascia passare la luce è il materiale migliore per questo scopo. Assicurati che il cartoncino sia abbastanza spesso da non piegarsi durante l'uso.
    • Ritaglia dal cartoncino un quadrato di 5 cm di lato. Assicurati che questo sia abbastanza grande da coprire interamente il foro che hai creato sul fondo del contenitore.
    • Fissa il quadrato al corpo macchina con del nastro adesivo lungo un lato, sopra al foro stenopeico. Questo pezzo di nastro sarà come un cardine che ti permetterà di aprire e chiudere l'otturatore quando vuoi bloccare o far passare la luce.
    • Usa un qualsiasi tipo di nastro resistente, come nastro isolante o nastro telato.
  2. 2
    Applica un pezzo di nastro sul lato opposto del quadrato. Usa un nastro meno adesivo del precedente (il nastro isolante va benissimo, quello telato è troppo forte) e blocca l'altro lato dell'otturatore sotto al foro stenopeico mentre non stai fotografando, per evitare che la luce filtri all'interno della macchina fotografica.
  3. 3
    Crea un mirino con il cartone. Questo ti permetterà di replicare il campo proiettato dal foro stenopeico sulla pellicola e ti aiuterà a immaginare come apparirà la tua fotografia.
    • Il mirino frontale dovrebbe seguire la forma della pellicola utilizzata e dovrebbe essere piazzato direttamente sopra il foro stenopeico. Bloccalo con della colla o del nastro adesivo forte.
    • Il mirino posteriore dovrebbe essere in cima alla macchina fotografica e funzionare come uno spioncino che ti permetterà di visualizzare la tua foto. Puoi crearne uno con una rondella di metallo o tagliando un cerchio perfetto nel cartone e incollandolo al mirino posteriore. Come prima, fissalo con nastro adesivo forte o colla a caldo.
    • Per fotografare soggetti più vicini di un metro e mezzo, posiziona il soggetto più in basso nel mirino, compensando l'errore di parallasse fra mirino e foro stenopeico.

3
Caricamento della Macchina Fotografica

  1. 1
    Scegli se usare pellicola o carta fotografica. Se decidi di utilizzare la carta fotografica, potrai caricarla nella tua macchina in condizioni di luce particolari.
    • Usando carta fotografica, dovrai caricarla in una stanza illuminata con una luce di sicurezza, oppure con una torcia filtrata attraverso almeno tre strati di cellophane rosso.
    • La torcia dovrà essere da 2 a 3 metri di distanza dalla macchina fotografica, quindi appenderla al soffitto e lavorare al di sotto di questa potrebbe essere una buona soluzione.
    • Diversamente dalla carta fotografica, la pellicola deve essere caricata in condizioni di buio totale. Impara a caricare la macchina con un pezzo di carta prima alla luce e poi con gli occhi chiusi, in modo da abituarti a lavorare al buio, prima di provare a caricare la pellicola vera e propria.
  2. 2
    Determina le dimensioni del materiale fotosensibile. Dovrai tagliare la pellicola in fotogrammi più piccoli, la cui dimensione dipenderà dalle dimensioni complessive del tuo corpo macchina.
    • Per lattine piccole, puoi usare della pellicola tagliata in pezzi da 6x9 cm. Per una macchina fotografica realizzata con una latta di vernice da 4 litri, taglia la pellicola in pezzi da 10x15 cm. In una latta di caffè da 1 kg dovrai inserire pellicola ritagliata in rettangoli da 5x8 cm. Queste misure valgono anche per l'uso di carta fotografica.
    • Usa se possibile pellicola in fogli, che è completamente piatta e quindi più facile da manipolare.
    • Assicurati di ritagliare la carta o la pellicola al buio. Un ripostiglio dovrebbe andare bene, se non ci sono fessure che facciano filtrare la luce all'interno.
    • Se non sei sicuro delle dimensioni della pellicola da utilizzare per la tua macchina fotografica, tieniti largo sulle dimensioni del materiale sensibile che ritaglierai: potrai sempre rifilare la foto dopo averla sviluppata.
  3. 3
    Carica la tua macchina fotografica. Posiziona la carta fotografica o la pellicola all'interno del corpo macchina, dalla parte opposta rispetto al foro stenopeico.
    • In condizioni di buio completo, blocca il materiale fotosensibile usando del nastro adesivo piegato ad anello. Potresti aver bisogno di mettere del nastro in tutti gli angoli del materiale sensibile, per evitare che si arricci. Non mettere assolutamente alcun pezzo di nastro sulla parte frontale del materiale, perché potrebbe danneggiare o impedire la formazione dell'immagine.
    • Assicurati che il lato della carta con l'emulsione sia girato verso il foro stenopeico. Potrai distinguere il lato con l'emulsione fotografica dal suo aspetto lucido e brillante. Per la pellicola, invece, il lato con l'emulsione è quello piegato all'interno della spirale quando la distendi.
    • Se non riesci identificare il lato con l'emulsione, bagnati un dito e tocca negli angoli entrambi i lati della carta o della pellicola. Il lato appiccicoso è quello con l'emulsione.
  4. 4
    Richiudi la macchina fotografica. Rendila totalmente a prova di luce assicurandoti che ogni taglio, crepa o forellino siano sigillati con vernice nera, carta stagnola o nastro isolante nero. Ogni minima quantità indesiderata di luce che dovesse filtrare all'interno rovinerebbe la fotografia.[2]

4
Fotografare

  1. 1
    Posiziona la macchina fotografica su una superficie piana. Potrai sia appoggiarla su un tavolo, su un bancone o su qualsiasi altra superficie piatta, sia collegarla a un treppiede utilizzando elastici o nastro adesivo. A causa della sensibilità dell'otturatore, la macchina fotografica dovrà essere completamente immobile mentre fotografi.
  2. 2
    Determina il tempo d'esposizione. Se usi la pellicola dovrai esporla alla luce solo per pochi secondi, mentre nel caso della carta fotografica l'esposizione dovrà durare qualche minuto.
    • Se usi la pellicola, il tempo d'esposizione dipenderà dalla sensibilità ISO di questa. A maggiore sensibilità corrispondono tempi d'esposizione minori. Una pellicola da 400 ISO dovrà essere esposta per un tempo da 2 a 12 secondi, in base alla luminosità del soggetto inquadrato. Per una pellicola da 100 ISO il tempo sarà fra 8 e 48 secondi, e per una pellicola da 50 ISO fra 16 secondi e 1 minuto e 36 secondi.[3]
    • Se utilizzi la carta fotografica il tempo d'esposizione varierà fra uno e diversi minuti, anche se ci sono prodotti realizzati per lunghissime esposizioni, anche fino a vari mesi!
    • Dovrai fare pratica per determinare il tempo d'esposizione adatto al tuo caso, ma ricorda la regola basilare dell'esposizione: maggiore è la luce esterna, minore sarà il tempo d'esposizione.
  3. 3
    Punta la macchina fotografica verso il soggetto. Ricordati di tener conto della parallasse, inquadrando il soggetto un po' più in basso nel mirino.
  4. 4
    Apri l'otturatore. Tira su il nastro adesivo inferiore per permettere alla luce di passare attraverso il foro stenopeico. Usa molta cura in questo passaggio, per non scuotere la macchina fotografica.
    • Se il tuo tempo d'esposizione è di diversi minuti o di qualche ora puoi anche bloccare l'otturatore in posizione aperta, in modo da non doverlo tenere aperto manualmente.
    • Se il luogo dove stai fotografando è ventoso, puoi anche mettere un oggetto pesante, come un sasso o una scarpa, sopra la macchina fotografica, per tenerla ben ferma.
  5. 5
    Chiudi l'otturatore. Dopo aver tenuto l'otturatore aperto per il tempo necessario, incolla nuovamente l'otturatore in posizione di chiusura per impedire che ulteriore luce possa filtrare all'interno. Durante il tempo d'esposizione, si sarà formata un'immagine sulla pellicola o sulla carta fotografica. Tutto ciò che ti rimane è sviluppare il materiale fotosensibile.

5
Sviluppo di una Fotografia

  1. 1
    Scegli se vuoi sviluppare le foto da te o se portarle a un laboratorio fotografico. Lo sviluppo fai da te è un processo che richiede parecchi materiali, tra cui molti reagenti e soluzioni chimiche, una camera oscura e, se usi la pellicola, un ingranditore. Pellicola e carta fotografica utilizzati in una macchina fotografica stenopeica possono essere portati in un laboratorio e sviluppati come qualsiasi altra pellicola o carta. Se decidi di sviluppare da te, comunque, continua a leggere per scoprire cosa dovrai fare.
  2. 2
    Impara come sviluppare la pellicola in bianco e nero. Per uno sviluppo tradizionale serviranno tre soluzioni: lo sviluppo, il bagno d'arresto e il fissaggio.
  3. 3
    Acquista i materiali per lo sviluppo. Oltre a una camera oscura, ti serviranno una soluzione di sviluppo, una soluzione per il fissaggio, acqua, pinze, panni, una lastra di vetro e una luce di sicurezza nella tua camera oscura. La tua camera oscura dovrà essere completamente buia, fatta eccezione per la luce di sicurezza.
    • Puoi anche utilizzare delle lampadine arancioni a LED come luci di sicurezza.
    • Avrai anche bisogno di 3 bacinelle di plastica, tipo quelle per lavare i piatti. Riempi la prima con circa 5 cm di soluzione di sviluppo, la seconda con 5 cm d'acqua (utilizzata come bagno d'arresto) per bloccare il processo di sviluppo, e la terza con la soluzione di fissaggio.
  4. 4
    Togli la pellicola o la carta fotografica dalla macchina fotografica. Fai questo solamente quando sarai nella camera oscura illuminata esclusivamente con la luce di sicurezza: la luce bianca distruggerà la tua foto.
  5. 5
    Usa un ingranditore per stampare il negativo dalla pellicola alla carta fotografica. Se hai usato direttamente la carta fotografica nella macchina stenopeica, salta questo passaggio. Altrimenti posiziona il negativo sul portanegativi, accendi l'ingranditore e regola il diaframma all'apertura necessaria per la tua foto.
    • Potresti dover creare un provino a contatto per provare le varie aperture di diaframma prima di sceglierne una. Realizza il provino coprendo la carta con del cartoncino nero, quindi scoprila a mano a mano che cambi l'apertura del diaframma, in modo da ottenere strisce con diversa esposizione.
  6. 6
    Posiziona la carta fotografica nella soluzione di sviluppo. Dopo aver stampato il negativo sulla carta fotografica, posizionala nel bagno di sviluppo con le pinze. Osserva mentre l'immagine appare sulla carta e rimuovila dalla soluzione, usando le pinze, quando raggiunge il grado di sviluppo desiderato.
    • Agita delicatamente avanti e indietro la bacinella con la soluzione di sviluppo per bagnare bene la carta fotografica.
    • Ricordati sempre che l'immagine apparirà più scura sotto la luce bianca, quando uscirai dalla camera oscura.
  7. 7
    Trasferisci la carta fotografica nel bagno d'arresto per una decina di secondi. Il bagno d'arresto dovrebbe essere semplice acqua a temperatura ambiente.
  8. 8
    Usando le pinze, posiziona la carta nel bagno di fissaggio per due minuti.
  9. 9
    Rimuovi la fotografia e lavala sotto acqua corrente per un paio di minuti. Appendi la foto ad asciugare, oppure asciugala con un phon per capelli.[4]

Consigli

  • La parte più importante nella costruzione di una macchina fotografica a foro stenopeico è assicurarsi che la parte interna sia completamente schermata dalla luce esterna.
  • Se utilizzi la carta stagnola per il foro, evita di accartocciarla troppo e assicurati che il nastro adesivo sia completamente piatto e ben aderente al cartone.
  • Se vuoi sovrapporre più immagini nella tua fotografia, copri l'otturatore con del cartoncino nero mentre cambi soggetto.

Cose che ti Serviranno

  • Una latta cilindrica o una scatola piccola
  • Un ago da cucito numero 70
  • Un taglierino o delle forbici resistenti
  • Nastro isolante o nastro telato
  • Cartone spesso o cartoncino opaco
  • Vernice nera o carta stagnola
  • Materiali per lo sviluppo (opzionali)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Fotografia

In altre lingue:

English: Make a Pinhole Camera, Español: hacer tu propia cámara estenopeica, Português: Fazer uma Câmera Pinhole, 中文: 制作针孔照相机, Русский: сделать простейшую фотокамеру, Français: fabriquer un sténopé, Deutsch: Eine Lochkamera bauen

Questa pagina è stata letta 17 416 volte.

Hai trovato utile questo articolo?