Come Creare una Storyboard

In questo Articolo:Mappare la StoriaProgettare la StoryboardRitoccare la Storyboard7 Riferimenti

Quando crei un video, il primo passo è preparare una storyboard, in modo da dare vita alla sceneggiatura e presentarla ad altre persone. Una storyboard è una serie di riquadri che mostrano la suddivisione del video, illustrando le scene principali: come apparirà l'ambientazione, chi ci sarà e quali saranno le azioni. Si usa spesso come modello per le scene dei film, dei video musicali, delle produzioni televisive e altro, e può essere creata a mano o con dei mezzi digitali. Leggi oltre per imparare a mappare la tua storia, a illustrare i fotogrammi chiave e a mettere a punto la storyboard.

Parte 1
Mappare la Storia

  1. 1
    Stabilisci una cronologia. Il modo migliore per organizzare la storia e portarla in vita è stabilire i parametri del quando e dove la storia ha luogo, per poi decidere in quale ordine cronologico accadranno gli eventi. Se la storia non è del tutto lineare (per es. ci sono flashback, flash forward, cambio di prospettiva, risultati alternati, cronologie multiple, viaggi nel tempo e così via) puoi sempre creare una cronologia narrativa.
    • Fai una lista degli eventi principali della storia nell'ordine in cui saranno narrati e, quindi, come appariranno sullo schermo.
    • Se stai creando la storyboard per una pubblicità, stabilisci quali scene ci saranno e in che ordine.
  2. 2
    Identifica le scene chiave. Una storyboard ha lo scopo di mostrare all'osservatore l'essenza della storia, dandogli un'idea piuttosto chiara di come si tradurrà in film. Il punto non è cercare di ricreare tutta l'esperienza in un libro animato, ma di dimostrare importanti punti chiave che attirano l'osservatore. Pensa alla storia nel dettaglio e crea una lista dei momenti chiave che desideri illustrare nella storyboard.
    • Scegli scene che mostrino lo sviluppo della trama dall'inizio alla fine.
    • I punti di svolta sono importanti da mostrare. Tutte le volte che c'è un colpo di scena o un cambiamento importante nella trama, includilo nella storyboard per mostrare l'evoluzione della storia.
    • Potresti anche far notare i cambiamenti nell'ambientazione. Se la storia inizia in una città e si sposta in un'altra, assicurati che sia chiaro nelle tue illustrazioni.
    • Se crei la storyboard per una pubblicità, il processo non è diverso: prendi immagini chiave che rappresentino l'evoluzione e il senso del filmato dall'inizio alla fine. Come guida generale, tieni a mente che per una classica pubblicità da 30 secondi una storyboard non dovrebbe avere più di 15 fotogrammi. Calcola in media 2 secondi per fotogramma.
  3. 3
    Decidi quanto vuoi entrare nel dettaglio. Una storyboard può essere incredibilmente dettagliata, con illustrazioni che tratteggiano ogni ripresa. Se sei alle fasi preliminari di un film lungo, devi ancora percorrere molta strada per poter entrare adesso nel dettaglio. Tuttavia, potresti dividere il film in scene singole con una storyboard separata per ciascuna scena. Questo ti permetterebbe di creare una rappresentazione molto dettagliata della progressione di singole scene e sarebbe utile quando bisogna organizzarsi per le riprese.[1]
    • Se lavori a un film e stai dividendo ripresa per ripresa, crea quella che si definisce una lista di riprese. Per ogni ripresa della lista dovrai pensare alla composizione delle inquadrature e ad altri dettagli su come sarà effettivamente girata.
    • Ricorda che lo scopo della storyboard è quello di fornire chiarezza visiva e dare a tutti le informazioni essenziali. Non deve essere un'opera d'arte in sé. Cerca di essere pratico quando devi scegliere i dettagli da inserire nella storyboard. Non vuoi che l'osservatore si perda cercando di interpretare le illustrazioni anziché vedere il quadro generale.
    • Una buona storyboard solitamente viene compresa da chiunque al primo sguardo. Potenzialmente un regista, un cameraman o un selettore di scene (solo per citarne alcuni) possono fare riferimento alla storyboard come guida.
  4. 4
    Scrivi una descrizione di ogni fotogramma. Ora che sai quali scene principali vuoi mostrare, pensa a come descrivere l'azione in ogni illustrazione. Scrolla la lista delle scene e scrivi una descrizione degli elementi più importanti per ciascuna. Questo aiuterà a decidere cosa disegnare per la tua storyboard.
    • Per esempio, potresti volere un fotogramma che descriva una conversazione tra i due personaggi principali. Cosa è necessario comunicare con questa immagine? I personaggi stanno litigando, sorridendo o si spostano verso una destinazione? Alcuni tipi di azione dovrebbero essere presenti in ogni disegno.
    • Prendi in considerazione anche l'ambientazione. È importante avere certe visuali nello sfondo dietro ai personaggi?

Parte 2
Progettare la Storyboard

  1. 1
    Decidi che mezzo usare per creare la storyboard. Puoi disegnare il modello di base a mano, dividendo un cartone in riquadri vuoti della stessa dimensione usando una matita e un righello. La struttura dovrebbe essere simile a quella di un fumetto, con diverse celle che mostrano come la scena apparirà sullo schermo. Se preferisci puoi usare Adobe Illustrator, storyboardthat.com, Microsoft PowerPoint, Amazon's Storyteller o Adobe InDesign per creare un modello di storyboard in formato verticale oppure orizzontale.
    • La dimensione delle celle dovrebbe essere disegnata in rapporto al video finale, per esempio 4:3 per lo schermo televisivo o 16:9 per un film. Puoi acquistare dei fogli speciali di anteprima con queste dimensioni.[2]
    • Un modello di storyboard per la pubblicità dovrebbe essere fatto in riquadri rettangolari nei quali inserire le visualizzazioni. Se vuoi includere delle didascalie, assicurati che ci sia spazio sufficiente dove mettere le descrizioni del video. Dovrebbe esserci anche una colonna per l'audio, in cui includere il dialogo, i suoni e la musica.
    • Se devi fare storyboard per più di un progetto, serve avere un buon tablet Wacom™, in modo da lavorare direttamente in Photoshop.
    • Se non vuoi creare le immagini tu stesso, potresti assumere un artista di storyboard che ti fornisca i disegni. Descriverai cosa accade in ogni riquadro e darai all'artista la sceneggiatura su cui lavorare. L'artista ti fornirà dei riquadri in bianco e nero oppure a colori che potrai scannerizzare nel cartone in sequenza.
  2. 2
    Fai una bozza delle anteprime. Innanzitutto, porta in vita le scene disegnando gli schizzi che hai mappato nel modello. Questa è solo una bozza, non renderla perfetta. Mentre abbozzi ogni scena, migliora i seguenti elementi, cancellando e ridisegnando come spesso necessario:
    • Composizione (luce, primo piano/sfondo, gamma di colori, ecc.).
    • Angolazione delle riprese (bassa o alta).
    • Tipo di ripresa (ampia, ravvicinata, sopra la spalla, carrellata, ecc.).[3]
    • Oggetti nei riquadri.
    • Attori (persone, animali, divani parlanti a cartone animato... qualsiasi cosa che agisca).
    • Effetti speciali.
  3. 3
    Aggiungi altre informazioni importanti. Accanto o sotto ogni cella aggiungi la descrizione di quello che accade nella scena.[4] Inserisci il dialogo. Aggiungi informazioni sulla durata della ripresa. Infine, numera le celle così è più facile avere dei riferimenti quando discuti della storyboard con altri.
  4. 4
    Completa la storyboard. Dopo avere identificato i punti chiave del soggetto e aver elaborato un progetto per ogni riquadro, rivedi il tuo lavoro e apporta i cambiamenti finali. Assicurati che ogni cella ritragga l'azione che desideri. Ritocca le descrizioni e il dialogo se necessario. È una buona idea far vedere la storyboard a qualcun altro per assicurarti che scorra bene e non sia poco chiara.[5]
    • Considera se aggiungere i colori. Se stai creando una storyboard pubblicitaria, questo aiuterà a sviluppare la tua idea.
    • Ricorda che non è importante che i disegni appaiano realistici o perfetti. A seconda del pubblico, bastano delle figure rappresentative. Nella maggior parte dei casi, le storyboard non devono essere perfette, devono solo avere senso per il gruppo di lavoro.

Parte 3
Ritoccare la Storyboard

  1. 1
    Pensa a una prospettiva a tre punti di fuga. Anche se le illustrazioni della tua storyboard non devono sembrare create da un artista professionista, ci sono alcuni trucchi che puoi usare per far sembrare le immagini simili a scene di un film. Non è obbligatorio, ma può aiutare le persone con cui lavori a visualizzare la ripresa più chiaramente.[6]
    • Anziché disegnare tutti i personaggi come se fossero su una linea orizzontale, mettili in prospettiva. Posiziona alcuni un po' lontani dalla telecamera e altri più vicini. Quelli lontani dovrebbero apparire più piccoli, con i piedi in alto nella pagina, quelli più vicini dovrebbero apparire più grandi, con i piedi in basso nella pagina.
    • Quando è il momento di tradurre la storyboard in film, avrai idee migliori su come dirigere le riprese.
  2. 2
    Motiva i tagli. Mentre crei la storyboard del film, pensa ai motivi per ogni taglio fatto a ogni ripresa. Per andare avanti con la storia, non è possibile saltare semplicemente al punto successivo della trama, ma bisogna fornire una ragione per cui si verificano le azioni e gli eventi. Mettere nella storyboard le motivazioni per i tagli aiuterà a capire come costruire tensione e fare andare avanti la storia quando dovrai realizzare il film.
    • Per esempio, se vuoi tagliare l'inquadratura per passare da una stanza a un'altra, fai in modo che il personaggio guardi verso la porta perché sente un rumore.
    • Questo aiuterà la continuità della storia e terrà l'osservatore impegnato.
  3. 3
    Lascia che la tua storyboard si trasformi nel tempo. La storyboard può essere uno strumento straordinario da avere a disposizione durante le riprese e la direzione del film. Tuttavia, basarsi solo sulla storyboard potrebbe essere limitante. Durante le riprese potrai farti venire idee per scene a cui non avevi pensato prima. Concediti di deviare dalla storyboard o almeno di rivederla, in modo da rendere un po' più organico il processo di produzione.[7]
    • Ricorda di accettare le idee degli altri mentre procedi, specialmente se lavori con una troupe di professionisti talentuosi. Una storyboard è concepita per essere cambiata e migliorata in corso d'opera grazie a idee alle quali non avevi pensato da solo.
    • La maggior parte dei registi ha uno stile diverso quando si tratta di storyboard. Alcuni mappano qualsiasi dettaglio, altri la usano solo come guida.

Consigli

  • Se non sai disegnare, c'è un programma a disposizione che ti aiuterà a creare storyboard selezionando e inserendo oggetti da una libreria.
  • Le storyboard non servono soltanto per pianificare le riprese di un video; possono essere utili anche per illustrare una sequenza di azioni o la progettazione di siti web complessi.

Cose che ti Serviranno

  • Fogli con le anteprime
  • Fogli con la storyboard
  • Materiale per disegnare
  • Software per la creazioni di immagini
  • Scanner


Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 18 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Film Making

In altre lingue:

English: Create a Storyboard, Русский: сделать раскадровку, Português: Criar um Storyboard, Español: crear un guion gráfico (storyboard), Deutsch: Ein Storyboard kreieren, Français: réaliser un scénarimage, Bahasa Indonesia: Membuat Storyboard, Nederlands: Een storyboard maken, العربية: عمل اللوحات القصصية, 한국어: 스토리보드 작성법, Tiếng Việt: Vẽ kịch bản phân cảnh hình ảnh

Questa pagina è stata letta 40 900 volte.
Hai trovato utile questo articolo?