Come Credere in Dio

Le idee e le definizioni su Dio variano in base alle diverse culture e persone nel mondo. Per quanto alcuni punti di vista possano somigliarsi, il viaggio alla scoperta di chi o cosa sia Dio è da fare individualmente. Questa ricerca interiore non deve per forza risolversi nel cristianesimo, nell’ebraismo o in qualsiasi altra religione specifica. Puoi trovare la fede per conto tuo, ma credere in Dio significa credere in un potere superiore. Puoi decidere quali forze di causa maggiore debbano condizionare la tua vita, le tue decisioni e azioni.

Passaggi

  1. 1
    Definisci l’intelligenza: la capacità di mettere insieme i fatti e creare relazioni, e riconoscere la dimostrazione di quest’attività concettuale da parte della scienza e della realtà in generale.

    Considera ciò che fa parte del pensiero umano complesso, intelligente – nessuno può davvero spiegarlo con certezza… non è spiegabile con la logica binaria (serie di 0-1) come per i computer, rigidamente programmati.

    Persino un super-computer è molto simile a un semplice animale che costruisce un certo tipo di riparo, si nutre in un certo modo, tutto tramite istruzioni pre-programmate chiamate istinti. Le formiche, i moscerini e le api, nonostante le scarse facoltà mentali, possono compiere azioni straordinariamente coordinate, ma gli umani superano persino le capacità dei super-computer quando si tratta di apprendimento autonomo e moltiplicazione di distinte relazioni complesse (ma non per quanto riguarda la mera velocità nelle azioni ripetitive o nei calcoli complessi, non essendo quello il punto di forza degli umani).
  2. 2
    Considera la tesi che Dio sia per definizione un’“intelligenza”, un’autorità che determina la “realtà” incluso come, quando e perché sia libera o fino a che punto sia controllata, ed è più grande degli umani in ogni modo.

    Non stupirti se certe persone sembrano aspettarsi/pretendere che Dio renda la Terra una zona controllata, senza dolore né conseguenza per l’attività individuale e umana in generale:

    limitazioni simili avrebbero impedito a Dio di organizzare la realtà in base a strati complessi di bene contro male con tutte le relative conseguenze/ricompense, e non è necessariamente semplice, nonostante le pretese di certi pensieri semplicistici (tieni conto che Dio non ha simili limitazioni prestabilite).

    Ognuno è evidentemente responsabile principalmente di se stesso, ma talvolta si capita nel posto sbagliato, e si rischia di ritrovarsi sulla traiettoria di psicopatici come Adolph Hitler. E un popolo o una Nazione potrebbe (sconsideratamente) seguire un tale megalomane – esulando da concetti semplicistici di un “dio in scatola” spiegabile (potresti dover aprire la tua mente/scatola) – ma sicuramente alcuni daranno la colpa a un dio riservato, limitato...
  3. 3
    Non preoccuparti di chi cerca di tentarti/convincerti dell’inesistenza di un dio onnipotente – perché la loro “logica” non è basata su alcuna reale autorità definita: solo sulla loro logica della negazione. Sii lieto della tristezza suscitata da quella logica: gioisci della tua empatia e del tuo amore nei loro confronti.
  4. 4
    Pensa agli eventi che hanno portato alla tua unica, pressoché inspiegabile “pre-programmazione” di:
    • Attributi di “unicità umana individuale” (a differenza di un fiocco di neve piuttosto monodimensionale che è chiaramente non pre-programmato), che significa che tra 10 miliardi di persone vissute, svariate migliaia di miliardi di combinazioni possibili, sebbene effettivamente fossero/sono pianificate/programmate in anticipo, tra tutti coloro che sono vissuti:
      • Non esistono 2 persone identiche: nemmeno i gemelli monozigoti, sebbene provengano dalla stessa cellula, poiché hanno comunque impronte digitali distinte eccetera;
        • Eppure la famiglia può condividere precisi tratti/attributi familiari pre-programmati – talenti/abilità, acutezza sensoriale, predisposizioni genetiche ad esempio verso le malattie – debolezze o punti di forza, longevità, e cose tipo:
          • L’identità tua/della tua famiglia – aspetto, muscolatura, bocca, orecchie, colore (occhi/capelli/pelle), dimensioni e forme delle ossa, corporatura e suono della voce, umori, personalità, odori tutti condivisi, così come le allergie o intolleranze ai cibi, al contatto o all’assunzione di particelle, ecc. – ossia unicità personale/individuale pianificata.
  5. 5
    Osserva il mondo perfetto che ti circonda e sostiene la vita, considerando che è stato progettato e creato da un essere intelligente, stando alla logica: per esempio, la vita mostra migliaia di sistemi biochimici ed elettrici equilibrati e accuratamente regolati, tra cui la coscienza, la vista, l’udito, oltre a un “cervello in grado di vivere, crescere, elaborare secondo logica, saggezza ed emotività”.
    • Questi fantastici sistemi includono anche il sesso, la specie, le caratteristiche familiari e razziali – e gli istinti, il sistema immunitario, la cura delle malattie, la digestione, persino la coscienza, lo sviluppo personale e il carattere – e tutto suggerisce tratti altamente organizzati e con un chiaro scopo: non causati dal caso e dal caos.
    • Vedila in questo modo: dire che l’intero universo è stato creato dal caso (senza intelligenza) è come dire che una scultura è creata dalla semplice erosione.
    • Tutte le cellule derivano da altre cellule. Una cellula si riproduce scomponendosi in 2 nuove cellule (mitosi). Perciò da dove viene la prima cellula? Dio.
    • Neanche gli oggetti inanimati apparentemente semplici e le cose più complesse esisterebbero, se non fossero state pianificate e create. L’intelligenza e la logica risiede in ogni cosa visibile e invisibile (microscopica) nella vita.
  6. 6
    Senti i dolori e le gioie della vita, non per forza nel tuo corpo, ma nel cuore (nella tua essenza). Il dolore può avere diverse fonti, la morte di una persona amata, la perdita del lavoro, il dissesto economico o un divorzio. La gioia può essere provocata dall’amore, dal raggiungimento di un obiettivo o lo sviluppo di un nuovo talento e la coltivazione delle proprie passioni.
  7. 7
    Trova difficile guardare avanti a ciascuna giornata senza pensare a ciò che hai avuto o perso, e che ti ha lasciato alla ricerca delle risposte profonde. Perso non per tua volontà, ma perché ti è sfuggito. Tieni ben salde le tue speranze.
  8. 8
    Trova impossibile non veder l’ora di vivere ogni giornata per via delle incredibili occasioni che ti sono state date, la bellezza intorno a te, la magia visibile in ogni aspetto della natura e della vita.
  9. 9
    Guardati intorno, la tua casa, la tua auto, la tua salute, i talenti sono piacevoli: già, ma non danno senso alla vita. Le tue lacrime potranno diminuire, le tue gioie aumentare, ma avrai sempre bisogno di qualcuno che ascolti – non solo che senta il tuo dolore o condivida i tuoi successi. Cammini solitario nella tua anima, ma non a caso. Stai guarendo, ma hai bisogno di qualcuno che sia più di un amico o un familiare che ti aiuti a curare la solitudine che senti e con cui condividere la magia che vedi tutt’intorno.
  10. 10
    Entra in un luogo di culto. Stai solo cercando una speranza vitale, soddisfacente. Può essere paragonato a stare seduto nella cappella di un ospedale. Sei da solo coi tuoi pensieri, e preghi. Le tue preghiere non sono davvero religiose, ma stanno rilasciando i tuoi sentimenti come se tu fossi col tuo miglior amico. Stai pregando a Dio, un dio che potresti essere convinto d’aver inventato, ma che è sempre stato e sempre sarà – non esattamente come descritto da qualsiasi religione o testo sacro. Punta a un più totale apprezzamento della fede e del significato che dà all’esistenza.
  11. 11
    Ascolta ciò che viene detto. Se ti fa sentire come se avessi trovato ciò che cercavi, sentirai un entusiasmo dentro di te. Sta avvenendo qualcosa di tiepido e realizzante. Improvvisamente ti senti meno solo, e meno impotente.
  12. 12
    Pensa, mentre ti allontani e guardi il cielo o la terra. Vedi che il Creatore ha davvero creato ogni cosa, persino te! Dì “Sto trovando la fede, e la vita può avere un nuovo senso per me”. Continuare a ripeterselo può aiutare l’idea a dribblare il processo di dubbio e razionalizzazione ed elevarlo a verità auto-rivelatrice. Ora rivolgiti al Creatore e vivi la vita come dovrebbe essere vissuta. Senti la gratitudine – per tutto ciò che ha fatto il Creatore, e dì “Grazie per avermi salvato dalla solitudine”. Ora senti che quando hai bisogno di aiuto e quando ti abbatti, hai qualcuno con cui parlare, e in grado di guidarti.
  13. 13
    Scegli di essere positivo e di goderti lo straordinario dono della vita; ora sarai conscio del Potere che ti ha dato il dono più grande.
  14. 14
    Leggi la Bibbia. Molti vi trovano una direzione e le verità per la vita. Prova a studiare – chi cerca trova. Sviluppa uno schema comunicativo col Creatore, pregando e studiando ogni giorno.

Consigli

  • Se i tuoi cari muoiono e ti chiedi “Perché?”… “Perché sono morti?”… “Perché mi hanno lasciato solo?”: non smettere di chiedere. Troverai una ragione prima o poi. Fino ad allora, ricorda di “…seguire la fede e non gli occhi” – finché Dio non ti riterrà pronto a conoscere la risposta – fidati di Dio.
  • Quest’articolo vale solo per un Dio convenzionale, privato, e presuppone l’esistenza Dio come necessaria e utile. Sebbene diverse fedi professino diverse immagini divine, trascendono le nostre idee di qualsiasi essere vivente, che sia maschio, femmina, entrambi e o nessuno dei due: Dio è più grande…
  • Non abbandonare la tua fede, solo perché accade qualcosa che ti butta giù. Dio ha un motivo anche per quello. Cercandolo presto, lo troverai. Una porta sarà aperta. Quando Dio chiude una porta, apre un portone…
  • Abbi fede. Non arrenderti. Credi, e non sarai mai solo. Non devi credere o unirti a qualche religione in particolare per avere fede.
  • Apprendi testimonianze personali di persone la cui vita è stata salvata o trasformata dalla loro fede in Dio. Leggi questi esempi di persone in cerca di prove dell’esistenza divina: Aru [1] e Rita [2]
  • Se la situazione sembra disperata, tieni duro. Hai uno scopo e Dio lo sa!
  • Le convinzioni maturate con la fede, verso un Entità Superiore, non spuntano da un momento all’altro. Non ti svegli una mattina dicendo “Oggi crederò in Dio. Domani avrò fede”. Qualcosa deve scattare dentro di te per cercare quella fede.
  • Quando trovi la fede, tienila stretta, non lasciarla scappare, non smettere di credere. Un giorno finalmente comprenderai come ci si sente ad avere uno scopo nella vita, e se stai ancora cercando, magari troverai uno scopo ancora più grande, quando meno te l’aspetti.
  • Ogni cosa nella vita, ogni percorso intrapreso, ha un motivo. Scrivilo, e segui la strada. Poi un giorno, rileggi quel libro, e ripercorri la tua strada. Individua gli incroci, le strade vecchi che sono confluite in strade battute, armonicamente.
  • Molti dicono che serva “vedere per credere”, ma vale anche per Dio? Se dici “Sono cristiano”, ma non credi in un vero Dio… analizza il senso della cristianità, e scoprirai che il tuo rapporto con Dio si riscontra tramite la ricerca a cuore aperto e la sua accettazione attraverso la fede. Gesù disse: “Vedendo me, avete visto il Padre

    Dio influenza, interviene/interferisce (non costringe), e l’intelligenza decide la realtà, ché la vita è libera, logica (non robotica), vigile (non insensibile). Il disegno accurato ci ha fornito intelligenza, controllo fisico, sensi ed emozioni – che indicano tratti organizzati, carichi di scopo (non casuali) con conseguenze e ricompense ora e in futuro.

Avvertenze

  • La gente sarà in disaccordo con te molte volte, ma non dargli troppo peso. Rispetta le religioni degli altri, credono in cose diverse dalle tue. È una scelta personale. Non c’è nulla di male in questo.

Informazioni sull'Articolo

wikiHow è una "wiki"; questo significa che molti dei nostri articoli sono il risultato della collaborazione di più autori. Per creare questo articolo, 104 persone, alcune in forma anonima, hanno collaborato apportando nel tempo delle modifiche per migliorarlo.

Categorie: Religione

In altre lingue:

English: Believe in God, Español: creer en Dios, Português: Acreditar em Deus, Français: croire en Dieu, 中文: 信神, Русский: поверить в Бога, Deutsch: An Gott glauben, Bahasa Indonesia: Percaya pada Tuhan

Questa pagina è stata letta 5 286 volte.
Hai trovato utile questo articolo?