Se stai cercando di introdurre una maggior quantità di pesce nella dieta e vorresti qualcosa di molto versatile, i pesci che appartengono alla famiglia dei Platycephalidae rispondono perfettamente alle tue esigenze. Il nome scientifico descrive la particolare forma di questi pesci tropicali, ovvero l'avere la testa schiacciata nonostante il corpo affusolato. La loro carne è bianca, leggera, gustosa e si abbina bene con molti ingredienti, quindi puoi utilizzare i pesci di questa famiglia in un'ampia varietà di ricette. Noi ne abbiamo scelte tre, semplici e deliziose, per un pasto sano e squisito!

Ingredienti

Filetti Impanati

  • 12-16 filetti di pesci testa piatta
  • 2 cucchiai (16 g) di farina
  • 2-4 cucchiaini (6-12 g) di aglio in polvere
  • 1 cucchiaino (5 ml) di olio extravergine di oliva
  • Un pizzico di sale
  • Una spolverata di pepe

Per 4 persone

Filetti al Forno

  • 4 filetti di pesci testa piatta
  • 2 limoni (piccoli)
  • 2 cucchiai (15-30 ml) di olio extravergine di oliva
  • Un pizzico di sale
  • Una spolverata di pepe

Per 4 persone

Code o Filetti Grigliati

  • 16 code o filetti di pesci testa piatta
  • 200 g di pane grattugiato
  • 55 g di prezzemolo tritato
  • 3 uova

Per 4 persone

Metodo 1
Metodo 1 di 3:
Filetti Impanati

  1. 1
    Mescola sale, pepe e farina in una zuppiera. Misura 2 cucchiai (16 g) di farina e versala in una zuppiera di grandi dimensioni. Aggiungi un pizzico di sale, una spolverata di pepe, poi mescola finché le spezie non sono ben distribuite nella farina.[1]
    • Puoi modificare la quantità di sale e pepe in base ai tuoi gusti.
    • Puoi usare anche altre spezie o delle erbe aromatiche per rendere ancora più gustosa la panatura. Per esempio potresti aggiungere della paprica e dei semi di coriandolo pestati.
  2. 2
    Distribuisci l'aglio in polvere sui filetti. Disponi i filetti in un piatto o dentro una teglia per riuscire a condirli con facilità. Misura 2-4 cucchiai (6-12 g) di aglio in polvere e distribuiscilo uniformemente sui filetti per renderli più saporiti. Dopo averli conditi, girali e condiscili dall'altro lato.[2]
  3. 3
    Infarina i filetti. Trasferiscili direttamente nella zuppiera in cui hai mescolato la farina e le spezie. Infarinali su entrambi i lati per dargli una panatura leggera. Scuotili delicatamente per rimuovere la farina in eccesso in modo che non si formino i grumi durante la cottura.[3]
    • La farina renderà i filetti croccanti e dorati all'esterno.
  4. 4
    Scalda l'olio in una padella a fiamma medio-alta. Versa un cucchiaino (5 ml) di olio extravergine di oliva in una padella antiaderente. Accendi il fornello a fiamma medio-alta e lascia scaldare l'olio. Quando inizia a soffriggere, è il momento di mettere a cuocere i filetti.[4]
    • Puoi usare l'olio di semi se non hai l'olio extravergine di oliva.
    • Fai attenzione quando cucini con l'olio perché potrebbe incendiarsi se lo scaldi troppo. Se dovesse succedere, spegni immediatamente il fornello e copri la padella.[5]
  5. 5
    Cuoci i filetti 2 minuti per lato. Adagiali in padella lasciando un po' di spazio tra l'uno e l'altro per ottenere una cottura uniforme. Generalmente i filetti dei pesci con la testa piatta sono piuttosto piccoli, quindi si cuociono velocemente. Quando sono trascorsi 2 minuti, girali sull'altro lato con la spatola e lasciali cuocere per altri 2 minuti.[6]
    • La carne dei pesci che appartengono a questa famiglia deve diventare opaca e sfaldarsi facilmente. A quel punto i filetti sono pronti.
  6. 6
    Misura la temperatura dei filetti con un termometro per carne per vedere se ha raggiunto i 63 °C. Se il pesce non è completamente cotto può provocare diverse patologie, quindi è importante controllare sempre la temperatura interna prima di mangiarlo. Infilza uno dei filetti nel punto in cui è più spesso e attendi che il termometro rilevi la temperatura. Se ha raggiunto i 63 °C, il pesce è pronto per essere servito.[7]
    • Se il pesce non è ancora completamente cotto, lascialo in padella per un altro minuto prima di controllare di nuovo.
  7. 7
    Servi il pesce finché è caldo con un contorno di verdure. Rimuovi i filetti dalla padella e adagiali su un piatto da portata rivestito di carta assorbente per assorbire l'olio in eccesso. Per un pasto sano, gustoso e completo, puoi servire i filetti con un contorno di patate dolci, pomodorini o asparagi.[8]
    • Puoi conservare gli eventuali avanzi in frigorifero. Mettili in un contenitore ermetico e consumali entro 4 giorni.[9]
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 3:
Filetti al Forno

  1. 1
    Preriscalda il forno a 175 °C. Sposta uno dei ripiani al centro del forno prima di accenderlo per garantire una cottura uniforme del pesce. Attendi che il forno raggiunga la temperatura impostata prima di iniziare a cucinare.[10]
  2. 2
    Disponi i filetti in una teglia. Prendi una teglia delle dimensioni adatte a ospitare tutti i filetti e rivestila con la carta da forno. Adagia i filetti nella taglia lasciando un po' di spazio tra l'uno e l'altro, altrimenti non si cuoceranno in modo uniforme.[11]
    • Se i filetti sono tanti, usa più di una teglia per mantenerli distanziati.
    • La carta da forno eviterà che i filetti si attacchino alla teglia.
  3. 3
    Condisci i filetti con sale e pepe. Distribuisci un pizzico di sale e una spolverata di pepe sul pesce. Sentiti libero di variare le quantità a piacere, ma fai attenzione a suddividere equamente i condimenti.[12]
    • Puoi aggiungere anche altre spezie, come la paprica o il pepe di Cayenna, per rendere i filetti ancora più gustosi e saporiti.
  4. 4
    Decora i filetti con 2-3 fette di limone per dargli ancora più sapore. Pesce e limone creano da sempre un sodalizio indissolubile. Il limone è in grado di esaltare il gusto del pesce, quindi taglialo a fette sottili e adagialo sui filetti. Durante la cottura in forno, il succo del limone verrà assorbito dalla carne e la renderà più succulenta e saporita.[13]
    • Il limone non è un ingrediente indispensabile, quindi sentiti libero di non usarlo se non vuoi.
  5. 5
    Metti i filetti nel forno e cuocili per 10-15 minuti. Posiziona la teglia sul ripiano al centro del forno e tieni lo sportello chiuso durante la cottura. È importante lasciare cuocere il pesce indisturbato evitando di aprire lo sportello del forno per non fare uscire il calore. Dopo 10-15 minuti, estrai la teglia per controllare i filetti.[14]
  6. 6
    Controlla la temperatura con un termometro per carne per vedere se ha raggiunto i 63 °C. Cerca il filetto più grande e infilzalo con il termometro nel punto in cui è più spesso. Attendi che il termometro rilevi la temperatura interna del filetto. Se ha raggiunto i 63 °C, il pesce è pronto per essere servito.[15]
    • Se il pesce non ha ancora raggiunto la temperatura interna di 63 °C, rimettilo in forno per non rischiare un'intossicazione alimentare. Dopo 1-2 minuti misura di nuovo la temperatura.
  7. 7
    Gusta il pesce con un'insalata di contorno. Se vuoi accompagnare i filetti con degli ingredienti freschi, puoi optare per esempio per lattuga e avocado. Metti la lattuga e l'avocado in un piatto, poi adagiaci sopra il pesce. Usa il succo di limone per condire l'insalata![16]
    • Puoi conservare gli eventuali avanzi in frigorifero. Mettili in un contenitore ermetico e consumali entro 4 giorni.[17]
    Pubblicità

Metodo 3
Metodo 3 di 3:
Filetti Grigliati

  1. 1
    Preriscalda la griglia ad alta temperatura. Accendi il barbecue a gas o a carbone e attendi che raggiunga la temperatura corretta. Il coperchio deve rimanere chiuso mentre il barbecue si scalda per evitare di disperdere il calore.[18]
  2. 2
    Versa il pane grattugiato e il prezzemolo tritato in una placca o una pirofila. Versa 200 g di pane grattugiato e 55 g di prezzemolo fresco tritato in una placca o una pirofila piatta e con le sponde. Mescola i due ingredienti a mano o con la forchetta finché non sono ben amalgamati.[19]
    • Puoi aggiungere anche delle spezie a piacere, come paprica e pepe di Cayenna, se vuoi rendere i filetti ancora più saporiti.
  3. 3
    Sbatti le tre uova in una ciotola. Rompi le uova, lascia cadere albume e tuorlo in una ciotola e sbattile con la frusta. Continua a mescolare finché non ottieni una consistenza uniforme.[20]
  4. 4
    Adagia i filetti nelle uova sbattute e poi nel pane grattugiato. Prendi un filetto e intingilo nelle uova sbattute fino a ricoprirlo completamente. Lascia scolare l'uovo in eccesso prima di trasferire il filetto nella pirofila con il pane grattugiato. Impana accuratamente il filetto su entrambi i lati e scuotilo delicatamente per lasciare cadere il pane e il prezzemolo in eccesso. Ripeti i passaggi finché non hai impanato tutti i filetti di pesce.[21]
    • Ricorda che non è possibile conservare le uova sbattute e il pane grattugiato avanzati dato che sono stati contaminati dal pesce crudo.
  5. 5
    Ungi la griglia per evitare che il pesce si attacchi durante la cottura. Intingi le setole di un pennello da cucina nell'olio di oliva e lascia scolare l'olio in eccesso per evitare che goccioli e si infiammi. Spennella la griglia in modo che sia ricoperta da un sottile strato di olio di oliva. L'olio eviterà che il pesce si attacchi alla griglia e che i filetti si rompano quando li giri.[22]
    • Se preferisci puoi usare l'olio di semi invece dell'olio di oliva.
  6. 6
    Cuoci i filetti per 5 minuti su ogni lato. Disponi i filetti sulla griglia in modo ordinato, avendo cura di lasciare un po' di spazio tra l'uno e l'altro. Chiudi il coperchio del barbecue e lascia cuocere i filetti indisturbati per 5 minuti, dopodiché girali con la spatola. Richiudi il barbecue e attendi 5 minuti.[23]
    • Dopo 10 minuti la carne dei filetti dovrebbe essere diventata opaca e la panatura dorata.
  7. 7
    Prendi un termometro per carne e assicurati che i filetti abbiano raggiunto la temperatura interna di 63 °C. Individua il filetto più grande e infilzalo con il termometro nel punto in cui è più spesso. Attendi che il termometro rilevi la temperatura interna. Se ha raggiunto i 63 °C, il pesce è pronto per essere servito.[24]
    • Il pesce non completamente cotto può provocare un'intossicazione. Se il termometro rileva una temperatura interna inferiore ai 63 °C, lascia cuocere i filetti per 1-2 minuti in più, dopodiché controlla di nuovo.
  8. 8
    Accompagna il pesce con limone e salsa tartara. Rimuovi i filetti dalla griglia e trasferiscili in un piatto da portata. Servili con uno spicchio di limone e la salsa tartara in modo che i commensali possano condirli a loro piacimento.[25]
    • Puoi conservare gli eventuali avanzi in frigorifero. Mettili in un contenitore ermetico e consumali entro 4 giorni.[26]
    Pubblicità

Consigli

  • I pesci che appartengono alla famiglia dei Platycephalidae si sposano bene con differenti sapori, quindi puoi sperimentare nuovi abbinamenti con erbe e spezie.
Pubblicità

Avvertenze

  • Assicurati sempre che il pesce abbia raggiunto la temperatura interna di 63 °C prima di servirlo e mangiarlo per prevenire un'intossicazione alimentare.[27]
Pubblicità

Cose che ti Serviranno

Filetti di Pesci Testa Piatta Impanati

  • Bilancia e misurino per i liquidi
  • Zuppiera
  • Padella antiaderente
  • Fornelli
  • Spatola da cucina
  • Termometro per carne

Filetti di Pesci Testa Piatta al Forno

  • Forno
  • Teglia da forno
  • Carta da forno
  • Termometro per carne

Code o Filetti di Pesci Testa Piatta Grigliati

  • Barbecue
  • Pirofila o placca da forno
  • Forchetta
  • Zuppiera
  • Spatola da cucina
  • Termometro per carne

wikiHow Correlati

Cucinare il Salmone Surgelato
Cuocere le Capesante Surgelate
Cuocere le Code di Aragosta SurgelateCuocere le Code di Aragosta Surgelate
Cucinare i Gamberi PrecottiCucinare i Gamberi Precotti
Cuocere le Aringhe AffumicateCuocere le Aringhe Affumicate
Cucinare le Uova di PesceCucinare le Uova di Pesce
Cucinare le Aragoste CongelateCucinare le Aragoste Congelate
Capire se il Pesce È Andato a MaleCapire se il Pesce È Andato a Male
Cuocere i GamberiCuocere i Gamberi
Cucinare i Gamberi Surgelati
Cucinare i Filetti di PangasioCucinare i Filetti di Pangasio
Cuocere i Gamberi al VaporeCuocere i Gamberi al Vapore
Conservare le Ostriche FrescheConservare le Ostriche Fresche
Capire se il Salmone è Andato a MaleCapire se il Salmone è Andato a Male
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lo Staff di wikiHow
Co-redatto da:
Staff di wikiHow - Redazione
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con il nostro team di editor e ricercatori esperti che ne hanno approvato accuratezza ed esaustività.

Il Content Management Team di wikiHow controlla con cura il lavoro dello staff di redattori per assicurarsi che ogni articolo incontri i nostri standard di qualità.
Questa pagina è stata letta 355 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità