Come Curare il Fegato dall’Alcolismo

Scritto in collaborazione con: Chris M. Matsko, MD

In questo Articolo:Riconoscere i Sintomi e Chiedere AiutoRisolvere i Problemi di Malnutrizione e Promuovere la Guarigione del FegatoCurare l'Infiammazione del Fegato con i Farmaci24 Riferimenti

In media un forte bevitore su tre sviluppa danni al fegato.[1] Quando l'organo scompone l'alcool, dal processo si generano delle sostanze che lo deteriorano. Se questo accade di continuo, con il passare del tempo nel fegato si sviluppano delle cicatrici fibrose che si definiscono cirrosi. Se la cirrosi non è ancora in essere, il fegato può ancora guarire, a patto di smettere di consumare alcolici e risolvere gli eventuali problemi di denutrizione. Molte persone compiono grandi passi verso la guarigione in soli pochi mesi.[2][3]

Parte 1
Riconoscere i Sintomi e Chiedere Aiuto

  1. 1
    Riconosci i primi sintomi comuni dell'alcolismo. Se l'abuso di bevande alcoliche è un problema recente, potresti non avere ancora alcun sintomo. Con il passare del tempo però le tue condizioni di salute peggioreranno. I sintomi iniziali includono:[4][5]
    • Dolori nell'area addominale;
    • Perdita di appetito;
    • Nausea o dissenteria;
    • Spossatezza.
  2. 2
    Riconosci i sintomi che indicano che i danni al fegato stanno aumentando. Se hai uno dei seguenti disturbi, è fondamentale che tu smetta di bere e ti faccia visitare da un medico per proteggere il fegato da ulteriori danni e iniziare a curarlo:[6][7]
    • Itterizia o ingiallimento della pelle e della parte bianca degli occhi;
    • Ristagno di liquidi nei tessuti di gambe e addome;
    • Febbre;
    • Prurito;
    • Perdita di peso;
    • Perdita dei capelli;
    • Presenza di sangue nelle feci o nel vomito (causata da un sanguinamento interno);
    • Alterazioni della personalità, deficit di memoria e insonnia;
    • Intorpidimento dei piedi o delle gambe;
    • Gonfiore addominale;
    • Melena (feci scure, untuose e maleodoranti);
    • Vomitare sangue;
    • Affaticamento.
  3. 3
    Smetti di bere. Il fegato non può guarire a meno che tu non smetta di consumare alcolici. Il tuo medico curante può prescriverti una terapia adatta alle tue condizioni e necessità. Le possibili opzioni includono:[8]
    • Uso di farmaci, come il baclofene;
    • Terapia psicologica;
    • Associazione di supporto, come gli Alcolisti Anonimi;
    • Trattamento di disintossicazione ambulatoriale;
    • Trattamento di disintossicazione residenziale.

Parte 2
Risolvere i Problemi di Malnutrizione e Promuovere la Guarigione del Fegato

  1. 1
    Consulta un dietista o un nutrizionista. Un professionista della scienza dell'alimentazione può aiutarti a formulare una dieta che ti consenta di migliorare le tue condizioni di salute, tenendo conto della tua storia clinica e delle eventuali allergie.
    • Se lo stato di malnutrizione è particolarmente grave, potrebbero somministrarti una speciale dieta liquida per via endovenosa.
  2. 2
    Adotta una dieta che ti restituisca energia. I danni al fegato possono indicare che l'organo non è in grado di immagazzinare correttamente l'energia. Se questo fosse il tuo caso, avrai bisogno di mangiare di più per compensare ciò che il corpo non è in grado di conservare.[9]
    • Fare 5-6 piccoli pasti al giorno a base di ingredienti sani può portare giovamento.
    • Aumenta il consumo di carboidrati semplici mangiando la frutta e quello di carboidrati complessi mangiando pasta, pane e cereali integrali, patate, mais, piselli, pastinache, lenticchie, fagioli e frutta secca.[10]
    • Puoi integrare i carboidrati con una quantità moderata di grassi. Ti forniranno una dose di energia supplementare.[11]
    • Se in concomitanza con l'abuso di alcool hai perso peso, è possibile che il tuo corpo abbia iniziato a consumare i tessuti muscolari per procurarsi le sostanze nutrienti di cui ha bisogno.
  3. 3
    Consulta il medico curante (o un nutrizionista) per sapere qual è il tuo fabbisogno proteico giornaliero. Le raccomandazioni si baseranno su diversi fattori, tra cui molto probabilmente la gravità dei danni al fegato.
    • Alcuni esperti suggeriscono di incrementare il consumo di proteine per fornire energia all'organismo.[12]
    • Altri medici sostengono invece che, essendo danneggiato, il fegato potrebbe avere difficoltà a processare le proteine e ciò potrebbe causare un accumulo di tossine. Secondo questa teoria, potrebbe essere necessario ridurne l'apporto anziché aumentarlo.[13]
  4. 4
    Assumi degli integratori di vitamine e sali minerali. Le vitamine del gruppo B sono particolarmente importanti, ma assicurati di far fronte al tuo fabbisogno quotidiano anche di vitamina K, fosfati e magnesio.[14]
    • L'organismo ha bisogno delle vitamine del gruppo B per scomporre il cibo e trasformarlo in energia. Più precisamente, a tale scopo, puoi assumere un integratore che contenga tiamina, folati e piridossina, che sono vitamine appartenenti al gruppo B.
    • Le vitamine del gruppo B sono presenti in molti alimenti, come pesce, pollo, tacchino, carne rossa, uova, latticini, fagioli, piselli e verdure a foglia.[15]
    • Se non fornisci abbastanza vitamine al corpo attraverso la dieta, il medico potrebbe consigliarti di ricorrere a un integratore. A tal proposito non iniziare ad assumere farmaci o rimedi naturali senza il suo benestare, neanche se si tratta di un prodotto erboristico. Consultalo sempre per sapere se il tuo fegato è in grado di processarne i principi attivi.
  5. 5
    Riduci il consumo di sodio a un massimo di 1.500 mg al giorno. In questo modo preverrai che i fluidi corporei si accumulino nelle gambe, nell'addome o nel fegato.[16]
    • Cerca di mangiare senza sale.
    • Evita i cibi ultra processati e confezionati perché spesso contengono una dose elevata di sale.
  6. 6
    Aiuta il corpo a espellere le tossine bevendo molta acqua ogni giorno. Il fabbisogno quotidiano varia da individuo a individuo, in base al peso, allo stile di vita e alle condizioni climatiche. La soglia minima per tutti è comunque di due litri al giorno.
    • Se le urine sono scarse, scure o torbide, molto probabilmente non stai bevendo abbastanza acqua.[17]
  7. 7
    Ritrova l'appetito facendo esercizio fisico a un'intensità moderata. L'attività fisica promuove la salute del corpo e anche quella mentale.
    • Chiedi al medico che tipo e quanto esercizio fisico è raccomandato nel tuo caso specifico.

Parte 3
Curare l'Infiammazione del Fegato con i Farmaci

  1. 1
    Utilizza esclusivamente i farmaci approvati dal tuo medico. Chiedi sempre il suo benestare, anche per quanto riguarda i rimedi erboristici, gli integratori e i farmaci che non richiedono la ricetta medica. Nelle sue attuali condizioni, il tuo organismo potrebbe avere difficoltà a processare certe sostanze e il tuo medico saprà aiutarti a effettuare le scelte giuste.[18][19][20]
    • Molti farmaci e rimedi erboristici possono causare danni al fegato. Alcuni di questi prodotti sono di uso comune, come l'aspirina, il camedrio, la valeriana, il vischio e la scutellaria. A questi si aggiungono alcune erbe cinesi ("jin bu huan" e "ma-huang").
    • Evita qualunque tipo di droghe, anche quelle cosiddette leggere, perché possono provocare ulteriori danni al fegato;
    • Proteggiti dalle sostanze chimiche tossiche contenute nei fungicidi, negli insetticidi o negli spray e dalle altre esalazioni nocive. Se sei costretto a stare in un ambiente malsano, indossa una mascherina per proteggere le vie respiratorie.
  2. 2
    Chiedi al medico di poter usare i corticosteroidi per ridurre l'infiammazione. Se il tuo fegato è gravemente danneggiato, questi farmaci antinfiammatori possono essere benefici.[21]
    • Solitamente i farmaci corticosteroidi non vengono prescritti ai pazienti affetti da problemi ai reni, sanguinamento gastrointestinale o infezione.
    • In genere il prednisolone (un glucorticoide) viene prescritto per 28 giorni. Durante la terapia, il medico vorrà tenere monitorato il livello di glucosio nel sangue.
    • In media, due pazienti su cinque non traggono beneficio dall'assunzione dei corticosteroidi.
  3. 3
    Valuta di assumere la pentossifillina se nel tuo caso i corticosteroidi non funzionano. Sappi tuttavia che gli studi effettuati riguardo a questo farmaco hanno dato risultati controversi.[22]
    • Il medico saprà dirti se le ricerche più recenti hanno dato esito positivo o negativo;
    • La pentossifillina inibisce le citochine che causano ulteriori danni al fegato. Questo farmaco può essere favorevole per i pazienti che hanno il fegato danneggiato in modo lieve o moderato.
    • Talvolta i corticosteroidi vengono usati in combinazione con la pentossifillina.
  4. 4
    Prova a usare gli steroidi anabolizzanti o il propiltiouracile se il tuo fegato non è gravemente danneggiato. Il parere dei medici riguardo a questi farmaci è ancora controverso perché le prove scientifiche a loro sostegno sono ancora scarse.
    • Gli steroidi anabolizzanti esercitano un'azione potente.
    • Il propiltiouracile nasce come farmaco per la cura della tiroide.
  5. 5
    Valuta con il medico la possibilità di sottoporti a un trapianto del fegato. Se l'organo è gravemente malato, potrebbe essere l'unica soluzione disponibile. Per poter ricevere un fegato nuovo, è necessario:[23][24]
    • Aver smesso di bere;
    • Essere in una condizione di salute che ti consenta di superare l'operazione;
    • Accettare di astenerti dal consumare bevande alcoliche per il resto della tua vita;
    • Che tutti gli altri possibili trattamenti siano falliti.

Avvertenze

  • Consulta il medico curante o un nutrizionista prima di apportare qualunque cambiamento significativo alla dieta o di assumere un qualunque farmaco (anche da banco), integratore o rimedio erboristico. Se il tuo fegato ha subito dei danni, devi prima accertarti che sia in grado di processarne i principi attivi.

Riferimenti

  1. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/alcoholic-hepatitis/basics/symptoms/con-20026160
  2. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000281.htm
  3. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/alcoholic-hepatitis/basics/treatment/con-20026160
  4. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000281.htm
  5. http://www.nhs.uk/Conditions/Liver_disease_%28alcoholic%29/Pages/Symptoms.aspx
  6. http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/000281.htm
  7. http://www.nhs.uk/Conditions/Liver_disease_%28alcoholic%29/Pages/Symptoms.aspx
  8. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/alcoholic-hepatitis/basics/treatment/con-20026160
  9. http://www.nhs.uk/Conditions/Liver_disease_%28alcoholic%29/Pages/Treatmentpg.aspx
Mostra altro ... (15)

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Chris M. Matsko, MD. Il Dottor Matsko è un Medico in pensione che vive in Pennsylvania. Si è laureato presso la Temple University School of Medicine nel 2007.

Categorie: Dipendenza

In altre lingue:

English: Heal Liver from Alcoholism, Español: curar al hígado de los daños del alcoholismo, Português: Curar o Fígado do Alcoolismo, Русский: вылечить печень от алкоголизма, Deutsch: Die Leber von einer Alkoholsucht heilen, Français: traiter un foie endommagé par l'alcoolisme, Bahasa Indonesia: Memulihkan Kerusakan Hati Akibat Kecanduan Alkohol, 日本語: アルコール依存症で疲弊した肝臓を癒す, Nederlands: Alcoholschade aan de lever laten herstellen, 中文: 治愈因酗酒而受损的肝脏

Questa pagina è stata letta 9 956 volte.
Hai trovato utile questo articolo?