Come Curare il Gomito del Tennista

Scritto in collaborazione con: Erik Kramer, DO, MPH

In questo Articolo:Riconoscere il Gomito del TennistaRicorrere alla Terapia ConservativaCercare Assistenza MedicaPrevenire Ulteriori Episodi9 Riferimenti

Il gomito del tennista (o epicondilite laterale) è un'infiammazione piuttosto dolorosa localizzata nella parte esterna del gomito, che implica un danno a carico dei tendini che congiungono l'avambraccio e il gomito stesso. Spesso è il risultato di attività che richiedono l'uso ripetitivo dell'articolazione, incluso ovviamente il tennis. Nei casi più gravi il gomito del tennista può anche comportare un intervento chirurgico, ma generalmente è possibile ricorrere alla terapia conservativa in modo da alleviare i sintomi e accelerare il recupero.

Parte 1
Riconoscere il Gomito del Tennista

  1. 1
    Fai attenzione se il dolore si irradia dal gomito lungo l'avambraccio. Nei casi più gravi può persino arrivare al polso. Inoltre può essere accompagnato da arrossamento nella regione articolare. Se è grave, devi consultare il medico per determinare se si tratta di una frattura o un microtrauma. Potrebbe peggiorare quando esegui questi movimenti:[1]
    • Prendere un oggetto.
    • Girare qualcosa.
    • Tenere un oggetto in mano.
    • Stringere il pugno.
  2. 2
    Pensa a quello che stavi facendo quando hai manifestato i primi sintomi. Il gomito del tennista è causato da un uso eccessivo dell'articolazione. Se il dolore si presenta all'improvviso mentre la muovi, potrebbe dipendere dall'infiammazione dell'epicondilo laterale. Tuttavia, se si manifesta a seguito di una caduta sul gomito o dopo che lo hai urtato contro qualcosa, potrebbe trattarsi di un'altro tipo di lesione.[2]
    • Per una diagnosi corretta è preferibile rivolgersi al medico. In caso di frattura o microtrauma, l'articolazione potrebbe non guarire correttamente se non si interviene con cure adeguate.
    • Sebbene la definizione "gomito del tennista" evochi una lesione dovuta a uno sport con racchetta, qualsiasi attività ripetitiva può causare l'epicondilite laterale, come la pittura, il canottaggio, l'attività edilizia, il giardinaggio e l'utilizzo del computer per lunghi periodi di tempo.
  3. 3
    Vedi se riesci a sollevare un oggetto sopra la testa senza sentire dolore. Il gomito del tennista provoca dolore quando si sollevano oggetti. Potresti addirittura sentirlo mentre tenti invano di alzare le mani sopra la testa.[3]
    • In alternativa, prova a sollevare il braccio sopra la testa e piegare il gomito per toccare la schiena. Se non riesci a completare questo movimento potrebbe trattarsi di epicondilite laterale.
    • Poiché anche altre lesioni possono provocare dolore durante il sollevamento delle braccia, dovresti consultare il medico e riferirgli i tuoi sintomi.
  4. 4
    Nota un lieve gonfiore nell'area interessata. Il gomito del tennista provoca spesso un leggero gonfiore, che tuttavia potrebbe essere assente se la lesione non è grave. D'altro canto, se è forte potrebbe indicare un danno importante, come una frattura o un microtrauma.[4]
    • Recati dal medico se il gomito è gonfio. Ti prescriverà il trattamento adatto in caso di lesione.

Parte 2
Ricorrere alla Terapia Conservativa

  1. 1
    Riposa. Come tutti i disturbi e gli incidenti, anche l'epicondilite richiede riposo. Dormi a sufficienza, evitando che il braccio compia movimenti ripetitivi che possono mettere ulteriormente sotto sforzo i tendini.
    • Sospendi qualsiasi attività che richiede un uso eccessivo del braccio. Per esempio, lascia perdere il giardinaggio, il sollevamento pesi e i videogiochi. Concedi una tregua al gomito!
  2. 2
    Applica il ghiaccio o un impacco freddo. Avvolgi il ghiaccio in un asciugamano sottile e mettilo sull'area interessata per 15 minuti, 3-4 volte al giorno.
  3. 3
    Porta un tutore. I tutori studiati per il gomito del tennista aiutano a proteggere i tendini danneggiati durante il recupero. Tuttavia, indossalo in modo che cinga il braccio appena sotto l'area interessata, non direttamente sopra.[5]
  4. 4
    Esegui esercizi specifici. Si tratta di particolari esercizi di allungamento che favoriscono la guarigione. Tuttavia, se avverti molto dolore durante la loro esecuzione, sospendili immediatamente perché altrimenti potresti peggiorare la situazione.
    • Allunga il muscolo estensore del polso. Tendi in avanti il braccio affetto da epicondilite in modo che sia perpendicolare al torso, stringendo il pugno. Usa la mano opposta per afferrare il pugno e spingerlo verso il basso in modo che il braccio rimanga steso e il polso sia rivolto verso il pavimento. Resta in questa posizione per 20 secondi, poi rilassa le braccia; ripeti l'esercizio 5 volte.[6]
    • Allunga il muscolo flessore del polso. Tendi in avanti il braccio interessato in modo che sia perpendicolare al torso, tenendo l'avambraccio rivolto verso l'alto. Gira il dorso della mano in modo che le dita siano rivolte verso il pavimento. Con la mano opposta, afferra le dita spingendole indietro verso il corpo finché non senti un leggero allungamento nell'avambraccio. Resta in questa posizione per circa 20 secondi; ripeti l'esercizio 4 volte.[7]
  5. 5
    Esegui degli esercizi con una pallina antistress o da tennis. Sono indicati per i muscoli flessori dell'avambraccio e i piccoli gruppi muscolari della mano e dell'avambraccio. Ti aiuteranno a rafforzare la presa permettendoti nel tempo di tenere e trasportare tranquillamente gli oggetti. Siediti su una sedia e afferra la pallina nella mano del braccio affetto da epicondilite. Premila rimanendo in questa posizione per 3 secondi, quindi rilassa la mano. Continua a esercitarti fino a stringerla il più a lungo possibile. Pratica 2 serie da 10 ripetizioni a giorni alterni.

Parte 3
Cercare Assistenza Medica

  1. 1
    Sottoponiti agli esami diagnostici. Probabilmente il medico ti prescriverà una radiografia per verificare se il braccio è fratturato. Se non mostra segni di traumi può prescriverti una TAC o una risonanza magnetica, in modo da controllare l'eventuale presenza di microlesioni. In combinazione con i sintomi gli permetterà di escludere altre cause prima di diagnosticare il gomito del tennista.[8]
    • Potrebbe consigliarti di consultare un ortopedico o un medico dello sport per ulteriori indagini e trattamenti.
  2. 2
    Fai fisioterapia. È di gran lunga il trattamento più efficace contro il gomito del tennista, perché aiuta a rilassare i tessuti danneggiati e alleviare la tensione ai carico dei tendini. Il fisioterapist inoltre ti insegnerà particolari esercizi di stretching da praticare con l'ausilio di un'altra persona.
  3. 3
    Considera i massaggi professionali. La manipolazione dei muscoli e dei tendini dell'avambraccio è in grado di alleviare lo stress accumulato nel tempo, favorendo un miglioramento dell'infiammazione.[9]
  4. 4
    Curati con i farmaci. Il medico potrebbe prescriverti un antinfiammatorio non steroideo per ridurre il gonfiore e il dolore determinati dal gomito del tennista.

Parte 4
Prevenire Ulteriori Episodi

  1. 1
    Evita i movimenti ripetitivi. È facile stressare nuovamente il tendine, perciò evita di affaticare il braccio, ma anche di sollevare oggetti pesanti o eseguire esercizi impegnativi.
    • Probabilmente dovrai modificare il modo in cui utilizzi il braccio per evitare una riacutizzazione dell'infiammazione. Limita i movimenti che ti inducono ad alzare oggetti, specialmente quelli pesanti.
  2. 2
    Continua a esercitarti. Gli esercizi di stretching indicati per curare il gomito del tennista possono anche prevenirne la cronicizzazione. Perciò, appena puoi, allunga il muscolo flessore e quello estensore del polso.
  3. 3
    Considera il Plasma Ricco di Piastrine (PRP), anche definito "gel autologo di piastrine", in caso di dolore cronico. È un trattamento che prevede un prelievo di sangue venoso autologo (cioè del paziente stesso) che viene successivamente sottoposto a duplice centrifugazione e concentrato, dopodiché si procede a infiltrarlo nella zona soggetta a dolore cronico in modo da accelerare il recupero. Se il gomito del tennista è un problema persistente, parla con il tuo medico di questa soluzione.
    • Non è un trattamento comune per il gomito del tennista, ma possono ricorrervi i pazienti che soffrono di dolore cronico e infiammazione continua. Consulta il medico per scoprire se è adatto alle tue esigenze di salute.

Consigli

  • Il tempo di recupero varia da poche settimane a qualche mese, o persino anni. Parla con il medico se hai dubbi e sei preoccupato.
  • Il gomito del tennista non si caratterizza nello stesso modo in tutti i pazienti, perciò non preoccuparti se non ottieni risultati con terapie che si rilevano efficaci per altre persone.

Avvertenze

  • Ascolta il medico. L'automedicazione può essere conveniente ed efficace. Accertati solo di non esporti a ulteriori rischi, sottovalutando magari la gravità del problema o ignorando il ventaglio dei trattamenti a tua disposizione.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Erik Kramer, DO, MPH. Il Dottor Kramer lavora come Medico di Base alla University of Colorado ed è specializzato in controllo del peso, diabete e medicina interna. Si è diplomato in Osteopatia presso il Touro University Nevada College of Osteopathic Medicine nel 2012.

Categorie: Incidenti & Ferite

In altre lingue:

English: Treat Tennis Elbow, Português: Tratar Cotovelo de Tenista (Epicondilite), Español: curar el codo del tenista, Deutsch: Einen Tennisarm behandeln, Français: traiter une épicondylite, 中文: 治疗网球肘, Bahasa Indonesia: Mengobati Radang Siku, Nederlands: Een tenniselleboog behandelen, Čeština: Jak léčit tenisový loket

Questa pagina è stata letta 48 546 volte.
Hai trovato utile questo articolo?