Se senti che sono in arrivo i sintomi del raffreddore, penserai che non ci sia niente da fare per prevenirlo. Tuttavia un po' di aglio potrebbe offrire al tuo sistema immunitario la spinta giusta per attenuare le complicazioni di questo malessere. Anche se probabilmente il termine "curare" ti sembrerà un po' esagerato, puoi usare questa pianta per alleviare in maniera più veloce il raffreddore o i sintomi dello stato influenzale e sentirti meglio!

Metodo 1 di 2:
Usare l'Aglio per Lenire i Sintomi del Raffreddore

  1. 1
    Informati sulle sue proprietà. Uno studio recente ha esaminato l'efficacia di questa pianta su 146 persone per un periodo di 3 mesi. I soggetti che hanno assunto un integratore a base di aglio hanno manifestato i sintomi del raffreddore in 24 casi, a differenza dei 65 in cui non è stato somministrato. Inoltre, nel primo gruppo di partecipanti la presenza dei sintomi si è ridotta di 1 giorno.[1]
    • Secondo un altro studio, coloro che hanno assunto l'aglio hanno sviluppato un numero minore di sintomi e sono guariti più rapidamente, probabilmente perché un sottogruppo di cellule immunitarie è aumentato nei soggetti a cui sono stati somministrati poco più di 2 g di aglio al giorno sotto forma di integratore.[2]
    • La maggior parte dei ricercatori ritiene che i composti dello zolfo presenti nell'aglio, ovvero le allicine, siano responsabili degli effetti anti-raffreddore.[3] Tuttavia si pensa che anche altri elementi, come le saponine e i derivati degli amminoacidi, possano giocare un ruolo importante nella riduzione della carica virale, sebbene non sia chiaro il modo in cui agiscono.[4]
  2. 2
    Sopporta l'odore. Numerose persone detestano l'odore dell'aglio. Le stesse sostanze che sembrano efficaci contro il virus del raffreddore sono anche responsabili del tipico odore di questa pianta. Quindi, per alleviare i sintomi del raffreddore, dovrai farti forza e sopportarlo.
    • La buona notizia è che, in ogni caso, sarai costretto a stare a casa, rinunciando per qualche giorno al lavoro e alla scuola, ed evitare il contatto con altre persone. Dovresti anche riposare e bere molto. Ciò vuol dire che, se l'aglio ha un cattivo odore, potrebbe infastidire perlopiù te e i tuoi familiari. È un piccolo prezzo da pagare se vuoi ristabilirti più velocemente!
  3. 3
    Mangialo crudo. Se puoi, inizia sempre con l'aglio fresco. Sbuccialo e adopera uno schiaccia-aglio o la lama di un coltello per pressarlo. Mangiane circa 1 spicchio crudo ogni 3-4 ore. Ti basta pelare e mangiare![5]
    • Se proprio non ne sopporti il sapore, attenualo mescolandolo con succo d'arancia.
    • Puoi anche aggiungerlo nella limonata. Mettilo in una miscela composta da 2 cucchiai di succo di limone e 170-220 ml di acqua e mescola.[6]
    • Puoi aggiungere l'aglio crudo anche in una soluzione a base di acqua e miele. Il miele ha proprietà antibiotiche e antivirali. Versane 1-2 cucchiai in 180-220 ml di acqua e mescola.[7]
  4. 4
    Usalo in cucina. Anche se l'aglio crudo sembra essere la soluzione migliore, anche quello cotto contiene allicine in grado di mantenere la loro efficacia. Sbuccia e schiaccia qualche spicchio o tritalo, quindi lascialo riposare per 15 minuti. In questo modo permetterai agli enzimi di "attivare" le allicine contenute all'interno.[8]
    • Utilizza 2-3 spicchi d'aglio a ogni pasto quando sei raffreddato. Se mangi leggero, aggiungilo schiacciato o tritato nel brodo vegetale o di pollo e fallo cuocere come d'abitudine. Se mangi normalmente, prova a cucinarlo con le verdure o aggiungerlo al riso durante la cottura.
    • Quando ti senti meglio puoi anche arricchire le salse al pomodoro o al formaggio con qualche spicchio schiacciato o tritato. Strofinalo sulla carne rossa o bianca e cucinala come d'abitudine.
  5. 5
    Prepara un tisana all'aglio. Il calore può anche favorire la decongestione. Porta a ebollizione 700 ml d'acqua e 3 spicchi d'aglio (tagliati a metà). Spegni la fiamma e aggiungi 170 g di miele e 120 ml di succo di limone fresco con semi e buccia perché contengono un'enorme quantità di vitamina C e antiossidanti.[9]
    • Filtra la tisana e sorseggiala durante il giorno.
    • Conserva in frigorifero quella che rimane e riscaldala all'occorrenza.
  6. 6
    Usa un integratore a base di aglio. Può essere un ottimo metodo per coloro che detestano il sapore di questa pianta. Per ridurre i sintomi del raffreddore, assumine 2-3 grammi al giorno, in dosi separate.[10]
    Pubblicità

Metodo 2 di 2:
Individuare e Trattare il Raffreddore Comune

  1. 1
    Informati sul raffreddore comune. È causato solitamente dal rhinovirus che, più comunemente, infetta le vie aeree superiori, ma può anche interessare le quelle inferiori e, talvolta, i polmoni. Si diffonde perlopiù entro marzo e a ottobre.
    • In genere il periodo di incubazione è breve, solo 12-72 ore dopo l'esposizione al virus, che si verifica nelle vicinanze dei soggetti che, avendolo già contratto, tossiscono o starnutiscono.[11]
  2. 2
    Riconosci i sintomi. Secchezza o irritazione nasale sono il primo sintomo, spesso accompagnato dal mal di gola caratterizzato da irritazione o prurito.
    • Questi sintomi sono generalmente seguiti da secrezione nasale, congestione nasale e starnuti, e peggiorano nel giro di 2-3 giorni dopo la comparsa dei primi sintomi.[12]
    • Le secrezioni nasali sono chiare e acquose. Possono diventare più dense e assumere un colore giallo-verdastro.
    • Altri sintomi includono: mal di testa o dolori muscolari, occhi lucidi, pressione sul viso e alle orecchie dovuta alla congestione dei seni paranasali, calo della percezione degli odori e dei sapori, tosse e/o raucedine, vomito in seguito alla tosse, irritabilità o irrequietezza e febbre bassa. In genere si manifestano nei neonati e nei bambini in età prescolare.
    • Il raffreddore può aggravarsi se si sviluppano infezioni a carico dell'orecchio (otite media), sinusite (infiammazione dei seni), bronchite cronica (infiammazione polmonare con congestione e tosse) e peggioramento dei sintomi dell'asma.[13]
  3. 3
    Cura il raffreddore. Dal momento che non esiste una cura contro il raffreddore comune, cerca di alleviare i sintomi. Solitamente si raccomanda di:[14]
    • Riposare molto.
    • Bere in abbondanza. Tra i liquidi da assumere considera l'acqua, i succhi e il brodo di pollo o verdure. In realtà, il brodo di pollo è ottimo contro il raffreddore.[15]
    • Fare gargarismi con acqua salata tiepida: contribuiscono ad alleviare il mal di gola.
    • Usare pastiglie o spray per la gola se la tosse è così grave da non permetterti di riposare bene.
    • Prendere antidolorifici o farmaci per il raffreddore, seguendo le istruzioni riportate nel foglietto illustrativo.
  4. 4
    Valuta se il malessere è talmente grave da giustificare una visita medica. Il più delle volte non c'è bisogno del medico. Tuttavia, non esitare a chiamarlo se tu o tuo figlio manifestate uno dei seguenti sintomi:[16]
    • Temperatura corporea superiore a 38 °C. Se tuo figlio ha meno di 6 mesi e ha la febbre, chiama il pediatra. Per i bambini di più di 6 mesi, è necessario consultare il medico quando la febbre supera i 40 °C.
    • Se i sintomi durano più di 10 giorni.
    • Se i sintomi sono gravi o inconsueti, come forte mal di testa, nausea, vomito o difficoltà respiratorie.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Eliminare il Catarro dalla Gola senza Medicinali

Come

Liberare la Gola dal Muco

Come

Capire se Hai un'Infezione da Streptococco alla Gola

Come

Indossare una Mascherina Medica

Come

Far Passare il Raffreddore in 2 Giorni

Come

Far Passare Velocemente la Tosse

Come

Curare Velocemente un Mal di Gola

Come

Far Scendere la Febbre

Come

Liberare il Naso Chiuso

Come

Smettere di Tossire in 5 Minuti

Come

Alleviare il Prurito alla Gola

Come

Liberarsi del Muco

Come

Forzare uno Starnuto

Come

Bloccare un Raffreddore sul Nascere
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Zora Degrandpre, ND
Co-redatto da
Medico Naturopata
Questo articolo è stato co-redatto da Zora Degrandpre, ND. La Dottoressa Degrandpre lavora come Medico Naturopata Registrato a Washington. Ha conseguito la Laurea in Naturopatia presso il National College of Natural Medicine nel 2007. Questo articolo è stato visualizzato 8 240 volte
Categorie: Vie Respiratorie
Questa pagina è stata letta 8 240 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità