Come Curare il Singhiozzo

Scritto in collaborazione con: Amy Chapman, MA

È piuttosto avvilente avere il singhiozzo, quindi probabilmente starai cercando una cura. Anche se i medici ritengono che tutti i "rimedi" contro questo problema siano solo invenzioni che non assicurano nessun risultato, altre persone sostengono l'esistenza di cure molto efficaci. Se una soluzione non sortisce gli effetti desiderati, provane un'altra per vedere se riesci a trovare sollievo.

Metodo 1 di 5:
Ricorrere alla Respirazione Controllata

Inspira e trattieni il respiro 3-4 volte di seguito. Inspira lentamente in modo da riempire i polmoni di aria. Trattienila per 10 secondi, quindi cacciala lentamente fino a svuotarli del tutto. Ripeti questo esercizio per 3-4 volte, trattenendo ogni volta il respiro per 10 secondi.[1]

Ripetilo ogni 20 minuti se continui ad avere il singhiozzo.

  1. 1
    Respira in un sacchetto di carta. Tienilo davanti alla bocca facendo aderire i bordi sulle guance. Quindi, inspira ed espira lentamente all'interno del sacchetto in modo da gonfiarlo e sgonfiarlo. Cerca di rilassarti fisicamente mentre inspiri per alleviare il singhiozzo.[2]
    • Non mettere il sacchetto sopra la testa.
  2. 2
    Comprimi il petto sporgendoti in avanti mentre espiri. Stai in piedi o siediti tenendo la schiena dritta. Inspira profondamente, dopodiché inclinati lentamente in avanti espirando. Rimani in questa posizione per al massimo un paio di minuti. Ti aiuterà a comprimere il diaframma e i muscoli circostanti arrestando il singhiozzo.[3]
    • Se non hai nessun sollievo dopo il primo tentativo, ripeti la manovra per 2-3 volte.
  3. 3
    Respira contando fino a 5. Inspira lentamente contando fino a 5 mentre i polmoni si riempiono di aria. Quindi, trattieni il respiro ancora fino a 5 prima di espirare nuovamente fino a 5. Ripeti l'esercizio 5 volte per calmare il singhiozzo.[4]
    • Se dopo 5 respiri hai ancora il singhiozzo, interrompi per circa 20 minuti e riprova.
  4. 4
    Caccia fuori la lingua e tirala delicatamente mentre espiri. Inspira lentamente in modo da riempire i polmoni di aria. Mentre espiri, tira fuori la lingua. Quindi, usa le dita per tirarla delicatamente in avanti, evitando di farti male. Questo metodo dovrebbe attivare un punto di pressione che ti aiuterà a fermare il singhiozzo.[5]
    • Puoi ripetere la manovra per 3 volte se non funziona al primo tentativo. Dopodiché fai una pausa prima di riprovare.
    • Smetti di tirare la lingua se ti fa male. Questa tecnica non dovrebbe procurare alcun dolore.
  5. 5
    Tira il naso mentre cerchi di espirare. Inspira in maniera lenta e profonda, quindi trattieni l'aria mentre tappi il naso e chiudi la bocca. In seguito prova delicatamente a cacciarla in modo da indurre il diaframma e i muscoli a credere che stai respirando. Infine, espira lentamente.[6]
    • Se il problema non è passato, puoi ripetere questa manovra per 3-5 volte, poi fai una pausa anche se hai ancora il singhiozzo.
    Pubblicità

Metodo 2 di 5:
Fermare il Singhiozzo Bevendo e Mangiando

  1. 1
    Sorseggia un bicchiere di acqua ghiacciata con una cannuccia. Riempi un bicchiere di acqua fredda, quindi bevila tutta lentamente; nel frattempo, cerca di trattenere il respiro il più a lungo possibile. Inoltre, prova a tappare le orecchie.[7]
    • Questa tecnica funziona meglio se l'acqua è fredda, più che fresca.

    Consiglio: in mancanza della cannuccia, ti basta bere l'acqua dal bicchiere, facendo piccoli sorsi.

  2. 2
    Bevi dalla parte opposta del bicchiere o sottosopra. Versa dell'acqua in un bicchiere finché non è mezzo pieno. Quindi, chinati in modo da bere dal bordo più lontano dalla bocca, come se volessi bere al contrario. In alternativa puoi sdraiarti sul letto o sul divano a testa in giù e bere l'acqua con cautela.[8]
    • Fermati a ogni sorso per vedere se il singhiozzo è passato.
    • Fai attenzione a non introdurre accidentalmente l'acqua nelle vie respiratorie o versarla nel naso.
  3. 3
    Prendi un cucchiaio di zucchero. Prendi un cucchiaio e riempilo con lo zucchero raffinato o di canna. Quindi, tienilo in bocca per 5-10 secondi. Infine, ingoialo e prendi un bel sorso d'acqua.[9]
    • Se non funziona immediatamente, evita di ingerire più di un cucchiaio alla volta. Piuttosto, affidati a un altro metodo.
  4. 4
    Mordi o succhia uno spicchio di limone. Metti uno spicchio di limone in bocca. Quindi, mordilo per estrarne il succo oppure succhialo direttamente. Se ha un sapore troppo forte, prova ad aggiungere un po' di zucchero per addolcirlo.[10]
    • L'acidità del succo di limone provoca lo stesso effetto dello spavento.

    Variante: in alternativa, per migliorare il sapore, metti 4-5 gocce di angostura sullo spicchio di limone. Allevia l'acidità e, secondo alcune persone, è molto più efficace.

  5. 5
    Bevi il liquido dei sottaceti. L'aceto può aiutarti a calmare il singhiozzo, ma potrebbe risultare sgradevole sia dal punto di vista dell'odore che del sapore. Quindi, prova a bere il liquido dei sottaceti poiché è a base di aceto. Fai qualche sorso oppure mettine qualche goccia sulla lingua. Quindi, ripeti l'operazione, se necessario, finché il singhiozzo non sarà sparito.[11]
    • Tutti i sottaceti contengono appunto aceto, indipendentemente dalla materia prima in salamoia.

    Variante: se detesti il sapore dei sottaceti ma vuoi far passare il singhiozzo, prova a mettere qualche goccia di aceto direttamente sulla lingua. Il sapore cattivo rimarrà, ma non sarai costretto a ingerire niente che ti disgusti.

  6. 6
    Mangia un cucchiaio di burro di arachidi. Prendi un cucchiaio di burro di arachidi e mettilo in bocca poggiandolo sulla lingua. Lascialo in questa posizione per 5-10 secondi in modo che si sciolga. Quindi, ingerisci il burro di arachidi senza masticare.[12]
    • Se preferisci, puoi sostituire il burro di arachidi con altri tipi di creme a base di frutta secca, come il burro di mandorle o la nutella.

    Variante: in alternativa, puoi usare un cucchiaio di miele. Ti basta posizionarlo sulla lingua, lasciarlo agire per 5-10 secondi e ingerire.

    Pubblicità

Metodo 3 di 5:
Calmare il Singhiozzo con il Movimento

  1. 1
    Stenditi supino e porta le ginocchia sul petto, quindi piegati in avanti. Sdraiati sul letto o sul divano e fletti le ginocchia. Tirale lentamente verso il petto, dopodiché curvati in avanti. Afferra le ginocchia e tienile in questa posizione per 2 minuti al massimo. Questo esercizio va a comprimere il torace permettendoti di espellere l'aria.
    • Puoi ripeterlo 2-3 volte se il singhiozzo non passa.
  2. 2
    Prova a piegarti su una sedia abbracciando le ginocchia. Trova una sedia con lo schienale dritto e siediti facendovi aderire la schiena. Piegati lentamente in modo da rannicchiarti, incrociando le braccia attorno al corpo. Quindi, stringi lentamente la presa e resta in questa posizione per 2 minuti al massimo prima di rilassarti.[13]
    • Ripeti questa manovra per 2-3 volte se il singhiozzo non scompare.

    Avvertenza: non provare questo metodo se hai problemi alla schiena.

  3. 3
    Chiedi a un amico di farti il solletico, se lo soffri. Anche se il solletico di per sé non calma il singhiozzo, la sensazione che provoca potrebbe distrarti facendoti dimenticare di averlo e aiutandoti a farlo sparire. Inoltre, ridendo si altera la respirazione e questo effetto potrebbe essere molto utile.[14]
    • Digli di solleticarti per almeno 30 secondi. Se il problema persiste, provate a continuare.

    Variante: alcune persone credono che uno spavento sia in grado di far sparire il singhiozzo. Anche se non esistono prove sulla sua efficacia, convinci un amico a spaventarti se il solletico non funziona.

  4. 4
    Rutta, se puoi. Se riesci a scatenare l'eruttazione a comando, questa dote potrebbe essere la risposta ai tuoi problemi. Potrai calmare il singhiozzo, quindi sforzati di ruttare più volte.[15]
    • Anche se ingoiare l'aria o bere bevande gassate può causare eruttazioni, di solito non è una buona idea affidarsi a questi metodi perché possono anzi favorire il singhiozzo. Se non sei in grado di ruttare a comando, prova un'altra soluzione.
  5. 5
    Prova a tossire per stimolare i muscoli. La tosse può arrestare il singhiozzo facendolo scomparire del tutto. Preparati a tossire forzando l'aria a uscire dai polmoni con colpi rapidi. Continua per un minuto.
    • Puoi ripetere questo metodo per 2-3 volte se al primo tentativo non funziona.
    • Se puoi, tossisci quando ti accorgi che stai per singhiozzare.
    Pubblicità

Metodo 4 di 5:
Gestire il Singhiozzo Cronico

  1. 1
    Mangia più lentamente per prevenire il problema. Il fatto di non masticare bene può favorire il singhiozzo. La teoria alla base è che l'aria, restando intrappolata tra il cibo, viene inghiottita e provoca il singhiozzo. Mangiare lentamente vuol dire masticare di più, eliminando questo rischio.[16]
    • Abbassa la forchetta tra un boccone e l'altro per imparare a mangiare più piano.
    • Conta quante volte mastichi in modo da mangiare più lentamente. Per esempio, potresti masticare 20 volte.
  2. 2
    Opta per pasti più piccoli. Pasti abbondanti possono procurare il singhiozzo, soprattutto nei bambini. Controlla le porzioni per evitare questo problema. Inoltre, non fare pasti troppo ravvicinati tra loro in modo da non mangiare troppo.[17]
    • Per esempio, potresti fare 3-5 pasti frugali ogni 2-3 ore.
  3. 3
    Smetti di bere bibite gassate. Il gas presente in questo tipo di bevande può farti singhiozzare, soprattutto se le bevi velocemente. Se il singhiozzo è un problema ricorrente, ti conviene eliminarle.[18]
    • Se una bevanda contiene bollicine, non consumarla.
  4. 4
    Evita la gomma da masticare in modo da non ingerire aria. Quando mastichi la gomma, è normale ingoiare un po' di aria; purtroppo questa conseguenza può favorire il singhiozzo in alcune persone. Se ti capita spesso di averlo, lascia perdere le gomme.[19]
    • Opta, invece, per mentine o caramelle dure.
  5. 5
    Elimina gli alcolici e i cibi piccanti. Sia l'alcol sia gli alimenti piccanti possono provocare il singhiozzo, quindi ti conviene evitarli. Questa rinuncia potrebbe aiutarti a fermare il singhiozzo cronico.[20]
    • Prova a tenere un diario alimentare per capire se, in genere, hai il singhiozzo dopo aver consumato alcolici o cibi piccanti. In caso contrario, non considerare questo consiglio.
    Consiglio dell'Esperto
    Amy Chapman, MA

    Amy Chapman, MA

    Vocal Coach ed Esperta di Canto
    La Dottoressa Amy Chapman possiede la certificazione CCC-SLP, ovvero "Certificazione di Competenza Clinica per Patologi Specializzati in Disturbi del Linguaggio", conseguita presso l'associazione statunitense American Speech and Hearing Association. Lavora come terapeuta vocale e specialista in canto. Amy è una Patologa qualificata e iscritta all'albo con specializzazione in Logopedia e Disturbi del Linguaggio. Nella sua carriera si è proposta di aiutare i professionisti del settore a migliorare e ottimizzare la propria voce. Ha dato conferenze su ottimizzazione della voce, logopedia, salute vocale e riabilitazione della voce in varie università californiane, fra cui UCLA, USC, Chapman University, Cal Poly Pomona, CSUF e CSULA. Ha studiato i metodi Lee Silverman Voice Treatment, Estill e LMRVT. È membro dell'organizzazione American Speech and Hearing Association.
    Amy Chapman, MA
    Amy Chapman, MA
    Vocal Coach ed Esperta di Canto

    Il reflusso acido può favorire il singhiozzo cronico. I succhi gastrici irritano il nervo frenico con il rischio di causare singhiozzi. Se riscontri questo problema dopo i pasti o quando hai mangiato troppo, prova ad assumere un farmaco contro il reflusso in modo da ridurre la risalita dei succhi e alleviare l'irritazione a carico del nervo frenico.

    Pubblicità

Metodo 5 di 5:
Sapere Quando Consultare il Medico

  1. 1
    Curati se il singhiozzo non ti permette di mangiare, bere o dormire. Bisogna mangiare, bere e dormire per vivere bene e mantenersi in salute. In rari casi il singhiozzo può impedirci di fare queste cose. In queste occasioni è necessario consultare immediatamente il medico in modo da poter migliorare le proprie condizioni.[21]
    • Il singhiozzo non dovrebbe interferire con la vita quotidiana.
  2. 2
    Consulta il medico se il singhiozzo non passa dopo 48 ore. Sebbene la maggior parte delle volte il singhiozzo scompaia spontaneamente nel giro di qualche ora, talvolta un altro problema di salute può esserne la causa. Il medico è in grado di determinarla e fornirti una cura.[22]
    • Riferiscigli da quanto tempo hai il singhiozzo e mettilo al corrente di tutti i sintomi che manifesti.
  3. 3
    Chiedigli se il farmaco che ti prescrive è adatto alle tue esigenze. Se hai difficoltà a calmare il singhiozzo, il medico potrebbe prescriverti una terapia farmacologica. Tuttavia, non è detto che sia adatta a tutti, quindi ti chiarirà i rischi e i benefici che comporta. Potrebbe prescrivere uno dei seguenti farmaci:[23]
    • La clorpromazina è uno dei farmaci più utilizzati per combattere il singhiozzo ed è adatto per un trattamento a breve termine.
    • La metoclopramide è un farmaco usato più comunemente contro la nausea, ma funziona anche per il singhiozzo.
    • Il baclofene è un miorilassante che può curare il singhiozzo.
    Pubblicità

Consigli

  • Prova a distrarti dal singhiozzo e mantenerti occupato. A volte questo espediente può bastare per sbarazzarsi del problema senza neanche rendersene conto!
  • Copri la bocca e il naso con entrambe le mani a coppa e respira normalmente.
  • Prova a pizzicare il naso e ingoiare tre volte.
  • Prendi 6-7 sorsi d'acqua senza respirare. Se non funziona, ripeti con sorsi enormi e trattenendo il respiro mentre pizzichi il naso per 10 secondi, dopodiché ingoia.
  • Prova a fare un piccolo sorso d'acqua, senza ingerirla e tirando delicatamente i lobi delle orecchie.
  • Il singhiozzo può avere una componente psicologica, quindi un metodo potrebbe risultare efficace solo perché credi che lo sia.

Pubblicità

Avvertenze

  • Se il singhiozzo non accenna a scomparire potrebbe dipendere da un problema di salute, quindi dovresti consultare il medico. Ti prescriverà un trattamento adeguato.
Pubblicità

Video
Quando usi questo servizio alcune informazioni potrebbero essere condivise con YouTube.

Informazioni su questo wikiHow

Vocal Coach ed Esperta di Canto
Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Amy Chapman, MA. La Dottoressa Amy Chapman possiede la certificazione CCC-SLP, ovvero "Certificazione di Competenza Clinica per Patologi Specializzati in Disturbi del Linguaggio", conseguita presso l'associazione statunitense American Speech and Hearing Association. Lavora come terapeuta vocale e specialista in canto. Amy è una Patologa qualificata e iscritta all'albo con specializzazione in Logopedia e Disturbi del Linguaggio. Nella sua carriera si è proposta di aiutare i professionisti del settore a migliorare e ottimizzare la propria voce. Ha dato conferenze su ottimizzazione della voce, logopedia, salute vocale e riabilitazione della voce in varie università californiane, fra cui UCLA, USC, Chapman University, Cal Poly Pomona, CSUF e CSULA. Ha studiato i metodi Lee Silverman Voice Treatment, Estill e LMRVT. È membro dell'organizzazione American Speech and Hearing Association.
Categorie: Vie Respiratorie
Sommario dell'ArticoloX

Esistono molti modi per liberarsi del singhiozzo, tutti efficaci. Comincia con delle semplici tecniche di respirazione controllata. Inspira lentamente, contando nella tua mente fino a 5; espira quindi, contando sempre fino a 5. Ripeti questo tipo di respirazione lenta diverse volte. Un'altra tecnica efficace è trattenere semplicemente il respiro. Inspira fino a riempire i polmoni, trattieni il respiro per 10-20 secondi, quindi espira lentamente. Anche respirare dentro un sacchetto di carta può aiutare a fermare il singhiozzo. Inspira ed espira lentamente nel sacchetto facendolo gonfiare e sgonfiare. Non usare un sacchetto di plastica per questo metodo e fermati se comincia a girarti la testa. Se il respiro controllato non è efficace, puoi provare a fermare il singhiozzo mangiando o bevendo. Bere dal lato opposto di un bicchiere sembra essere efficace per molti: piegati in avanti e bevi dal lato opposto del bicchiere; questo simula il bere a testa in giù e la combinazione del deglutire e la pressione sul diaframma dovuta al piegamento potrebbe fermare il singhiozzo. Puoi inoltre provare a trattenere il respiro mentre bevi dell'acqua ghiacciata attraverso una cannuccia. Se non hai una cannuccia a portata di mano, bevi semplicemente qualche sorso dal bicchiere mentre trattieni il respiro. Alcuni cibi dal sapore molto intenso possono essere altrettanto efficaci. Prendi una cucchiaiata di zucchero in bocca e tienilo lì per 5-10 secondi. Bevi quindi un bel sorso d'acqua. Per ricevere altri consigli, per esempio su come liberarsi del singhiozzo con il movimento, continua a leggere!

Questa pagina è stata letta 41 301 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità