Come Curare l'Influenza nei Bambini Piccoli

Scritto in collaborazione con: Laura Marusinec, MD

In questo Articolo:Usare i Rimedi NaturaliUsare i FarmaciPrevenire l'Influenza

I bambini sono particolarmente suscettibili all'influenza perché il loro sistema immunitario deve ancora svilupparsi. Quasi sempre è possibile curare questa malattia a casa con il riposo e assicurando al bimbo il massimo comfort possibile mentre il suo corpo sta combattendo per sconfiggerla. Tuttavia, se le cure casalinghe non risolvono il problema, è importante andare dal pediatra per assicurarsi che non si sviluppi qualche disturbo più grave.

1
Usare i Rimedi Naturali

  1. 1
    Mantieni il bimbo idratato. Quando i bambini sono malati si dimenticano facilmente di bere liquidi a sufficienza; inoltre, si disidratano più rapidamente del solito quando il corpo produce muco o se si sviluppa la febbre. Pertanto, devi fornirgli spesso molti liquidi e incoraggiarlo a bere anche se non ha sete. [1][2]
    • L'acqua, i succhi, il brodo chiaro o l'acqua calda con limone sono soluzioni perfette. I succhi, i brodi e l'acqua con limone forniscono inoltre importanti elettroliti.
    • Controlla che il bimbo non sia disidratato, presta attenzione se fa poca pipì, non produce lacrime quando piange, manifesta sonnolenza, vertigini, costipazione, mal di testa, secchezza delle fauci, della pelle e delle mucose, è irritabile, produce urina scura o torbida.
    • Fornirgli sufficienti liquidi aiuta inoltre a tenere sotto controllo la febbre.
  2. 2
    Lascialo dormire molto. Quando combatte l'influenza consuma molte energie, è quindi molto importante che dorma più del solito. Permettigli di riposare più a lungo possibile. Con questo si intendono anche i sonnellini durante il giorno. Le ore di sonno di cui ha bisogno dipendono molto dall'età e dalle esigenze specifiche del piccolo. In linea generale, i bambini sani devono dormire:[3][4]
    • I neonati: 11 – 18 ore;
    • Dai 4 agli 11 mesi: 9 – 12 ore;
    • Da 1 a 2 anni: 11 – 14 ore;
    • Dai 3 ai 5 anni: 11 – 13 ore;
    • Dai 6 ai 13 anni: 9 – 11 ore;
    • Durante l'adolescenza: 8 – 10 ore.
  3. 3
    Tienilo al caldo. Se ha la febbre, probabilmente lamenterà brividi e inizierà a tremare. Ciò si verifica quando la temperatura del corpo aumenta rispetto a quella dell'aria. Se vedi che tuo figlio inizia a rabbrividire, misuragli la febbre e tienilo al caldo.
    • La temperatura corporea normale è di 37 °C. La maggior parte dei pediatri ritiene che si tratti di febbre quando è pari o maggiore di 38 °C.
    • Metti a letto il bimbo e aggiungi altre coperte. Se è un neonato, avvolgilo in una coperta e tienilo in braccio, per trasmettergli anche il calore del tuo corpo.
    • Se la febbre comincia a scendere, avrà improvvisamente molto caldo e vorrà togliersi le coperte; permettigli di regolare in autonomia la temperatura, in base alle sue necessità. Togli le coperte in eccesso se ti accorgi che ha molto caldo.
  4. 4
    Aiutalo a respirare usando un umidificatore. Prendine uno a freddo per mantenere l'umidità nella stanza quando dorme la notte. Questo accessorio facilita la respirazione, lenisce la tosse e aiuta il bimbo ad addormentarsi più in fretta.[5]
    • L'umidificatore a freddo è più sicuro per i bambini rispetto a quello a caldo. Questo perché se il bimbo dovesse colpirlo di notte, non corre il rischio di ustionarsi.
    • Se non hai questo accessorio a disposizione, puoi prepararne uno tu stesso mettendo una pentola di acqua sul termosifone della camera da letto di tuo figlio. Quando il riscaldamento è acceso, l'acqua inizia a evaporare in modo costante, umidificando l'aria.
  5. 5
    Prepara una zuppa di pollo. Si tratta di un'ottima soluzione per aiutare il corpo a combattere le infezioni. Il liquido allontana il rischio di disidratazione, mentre il sale e gli altri nutrienti reintegrano gli elettroliti persi con la sudorazione.[6]
    • Quando il bimbo inizia a sentirsi meglio, puoi aggiungere al brodo qualche verdura, i noodles o dei pezzetti di pollo, per renderlo più sostanzioso.
    • Quando sta meglio, il bimbo recupera anche l'appetito.
  6. 6
    Dagli conforto. Fornirgli un supporto emotivo lo aiuta a rilassarsi, a dormire e a combattere la malattia. Quando non sta bene, tende probabilmente a piangere di più ed è più irritabile; trova dei modi per distrarlo dal disagio. Per esempio, puoi:
    • Dargli il suo libro preferito o leggerglielo finché non si addormenta per un sonnellino;
    • Fargli ascoltare della musica o un audiolibro mentre si rilassa a letto;
    • Lasciargli guardare la televisione o un film.

2
Usare i Farmaci

  1. 1
    Riduci il dolore e la febbre con i farmaci. Quelli in libera vendita sono efficaci per abbassare la temperatura e donare sollievo da mal di testa, mal di gola e dolori articolari. I bambini e gli adolescenti non devono mai assumere farmaci che contengono l'acido acetilsalicilico (l'Aspirina), perché può causare la sindrome di Reye.[7]
    • Il paracetamolo (Tachipirina) o l'ibuprofene (Brufen) sono alternative sicure. Consulta il pediatra per essere certo di dare al bimbo il medicinale adatto a lui.
    • Se non sai come curarlo, rivolgiti al medico. Leggi sempre e segui scrupolosamente le indicazioni riportate sul bugiardino per quanto riguarda la posologia. Non somministrare mai ai bambini un dosaggio maggiore di quello raccomandato. Molti farmaci da banco non sono adatti per i bambini piccoli.
    • Gli antidolorifici o analgesici in libera vendita possono interagire con altri farmaci, inclusi quelli su prescrizione, i rimedi erboristici e anche gli integratori.
  2. 2
    Chiedi sempre il parere del pediatra prima di somministrare a tuo figlio lo sciroppo per la tosse. Può sopprimere il sintomo, ma in realtà non combatte l'infezione. Dato che tossendo si eliminano le sostanze estranee presenti nei polmoni, limitando tale reazione fisiologica si rallenta il processo di guarigione. Il vantaggio di questo medicinale è che il bimbo può dormire meglio la notte grazie all'assenza della tosse. Se non riesce a dormire a causa di questo fastidioso sintomo, chiedi consigli al medico.[8]
    • Lo sciroppo per la tosse non deve mai essere dato ai bambini che hanno meno di 4 anni. Per quelli più grandi, assicurati di seguire le istruzioni riportate sulla confezione.
    • Tieni presente che alcuni di questi sciroppi contengono gli stessi principi attivi dei farmaci da banco. Verifica gli ingredienti elencati sulla confezione per assicurarti di non somministrare al bimbo più di un medicinale con la stessa sostanza attiva, altrimenti potresti provocargli un'involontaria overdose.
  3. 3
    Informati dal pediatra in merito agli antivirali. Se la malattia di tuo figlio è causata dal virus influenzale, potrebbero venirti consigliati questi medicinali in determinate situazioni, ad esempio nel caso in cui il piccolo paziente con meno di due anni abbia l'asma o soffrisse di altre patologie. Gli antivirali riducono la gravità e la durata dei sintomi, limitando anche il rischio di trasmissione dell'influenza ad altre persone.
    • Questi farmaci sono più efficaci se vengono assunti entro due giorni da quando si sviluppa la malattia; la cura dura in genere almeno cinque giorni.[9]
    • Gli antivirali sono disponibili solo su prescrizione e possono essere in forma liquida, in compresse o per inalazione.[10] Il pediatra potrebbe prescriverne alcuni come: l'oseltamivir (Tamiflu®) o lo zanamivir (Relenza®).[11]
  4. 4
    Donagli sollievo dalla congestione nasale con le gocce saline. Puoi usare un contagocce e spruzzare delicatamente alcune gocce di soluzione salina in ogni narice del bimbo. Il sale aiuta a sciogliere il muco e a respirare meglio. Una soluzione a base di semplice acqua e sale è sicura per i bambini. Controlla sulla confezione l'elenco degli ingredienti per assicurarti che non ci siano conservanti aggiunti.[12][13]
    • Alcuni conservanti, come il cloruro di benzalconio, possono danneggiare i tessuti nasali.
    • Puoi preparare tu stesso uno spray nasale facendo bollire una soluzione di acqua e sale per poi lasciare che si raffreddi a temperatura ambiente.
    • Non somministrare decongestionanti spray o in gocce ai bambini, in quanto possono causare infiammazione ai tessuti nasali e aggravare i sintomi.
  5. 5
    Porta il bimbo dal pediatra se è molto ammalato. Come già detto, il sistema immunitario dei pazienti di questa fascia d'età non è ancora sviluppato come quello degli adulti; ciò significa che sono più soggetti a complicazioni. Il bimbo dovrebbe essere visitato dal medico quando ha:[14]
    • Meno di due anni e la febbre per oltre 24 ore;
    • Più di due anni e la febbre per oltre tre giorni;
    • Meno di tre mesi e la febbre a 37,8 °C o più;
    • La febbre a 40 °C;
    • Momenti di pianto prolungato. Questo è particolarmente importante per i bambini molto piccoli che non sono in grado di comunicarti che cosa fa loro male;
    • Difficoltà di respiro;
    • Una tosse che non smette dopo una settimana o è molto frequente oppure peggiora;
    • Disidratazione;
    • Più di uno o due episodi di vomito;
    • Rigidità nucale;
    • Dolori addominali;
    • Grave mal di testa;
    • Otalgia;
    • Estrema sonnolenza.

3
Prevenire l'Influenza

  1. 1
    Vaccina il bimbo contro l'influenza se ha più di sei mesi. Un vaccino annuale contro l'influenza è in assoluto il modo migliore per proteggerlo dalla malattia.[15] Solitamente, protegge contro tre o quattro ceppi comuni di virus influenzali. Dato che il virus muta continuamente, dovresti far vaccinare il bimbo a ogni stagione – l'iniezione della stagione precedente non garantisce l'immunità per quella attuale.
    • Dovresti farti vaccinare anche tu insieme a tutti gli altri membri della famiglia.
    • I bambini tra i sei mesi e gli otto anni potrebbero avere bisogno di due dosi da somministrare entro 28 giorni l'una dall'altra, se è la prima volta che ricevono il vaccino antinfluenzale.[16] Chiedi al medico se per tuo figlio sono necessarie due dosi.
  2. 2
    Insegna al bimbo a lavarsi le mani. Questa semplice abitudine aiuta a ridurre la frequenza con cui si ammala di influenza, oltre a insegnargli che così facendo evita di trasmettere la malattia ad altre persone. Spiegagli l'importanza di lavare le mani prima di mangiare, dopo essere stato in bagno e dopo essersi soffiato il naso, aver tossito o starnutito. Insegnagli a seguire questi passaggi quando le lava:[17]
    • Strofinare le mani sotto l'acqua;
    • Fare la schiuma con il sapone e strofinare le mani tra loro per almeno 20 secondi. Ricordagli anche di pulire bene tra le dita e sotto le unghie;
    • Risciacquare il sapone e la sporcizia sotto l'acqua corrente.
  3. 3
    Fai in modo che usi un igienizzante per le mani quando il sapone e l'acqua non sono disponibili. Per essere efficace, dovrebbe contenere almeno il 60% di alcol; viene in genere usato quando ci si trova in zone dove non ci sono un lavandino e il sapone o quando si viaggia.[18]
    • Versane qualche goccia sul palmo della sua mano. Insegnagli quindi a strofinare tra loro le mani finché l'igienizzante non si diffonde su tutta la pelle. Digli di continuare a strofinarle finché la sostanza non si asciuga.
    • Ricordagli anche che non deve toccarsi il naso, gli occhi o la bocca se le mani non sono pulite. Queste sono parti del corpo attraverso cui i virus possono entrare e infettare tutto l'organismo.
  4. 4
    Digli di coprirsi la bocca quando tossisce o starnutisce. È un comportamento importante da insegnare ai bambini, in modo che non diffondano l'influenza quando sono malati. Spiegagli che dovrebbe:[19]
    • Starnutire o tossire in un fazzoletto di carta da gettare poi nei rifiuti.
    • Starnutire o tossire nell'incavo del gomito e non sulle mani. Così facendo riduce le probabilità di diffondere il virus ad altre persone attraverso le mani contaminate.
    • Lavare le mani dopo aver tossito o starnutito.
  5. 5
    Tienilo a casa quando presenta segni di malattia. Se ha la febbre o mostra i sintomi dell'influenza, devi evitare di portarlo all'asilo o a scuola, affinché non diffonda il virus agli altri bambini. Può essere contagioso già dal giorno che precede la manifestazione della malattia e rimanerlo fino a 5-7 giorni dopo o anche di più, se ha ancora i sintomi.[20] Tenerlo a casa quando è malato previene il rischio di diffondere il virus.
    • Per lo stesso motivo, devi anche evitare di condividere le tazze e le posate del bambino quando è ammalato.

Avvertenze

  • Consulta il pediatra prima di dare al bimbo qualunque farmaco, integratore o rimedio erboristico.
  • Leggi sempre il bugiardino dei farmaci e segui scrupolosamente le indicazioni.
  • Anche i medicinali da banco possono interagire. Non somministrarne mai più di uno alla volta. Ricorda inoltre che prendere più farmaci con lo stesso principio attivo nello stesso momento può provocare una overdose.

Riferimenti

  1. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/flu/basics/lifestyle-home-remedies/con-20035101
  2. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/dehydration/basics/symptoms/con-20030056
  3. https://sleepfoundation.org/sleep-topics/children-and-sleep
  4. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/flu/basics/lifestyle-home-remedies/con-20035101
  5. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/common-cold/basics/lifestyle-home-remedies/con-20019062
  6. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/common-cold/basics/lifestyle-home-remedies/con-20019062
  7. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/flu/basics/lifestyle-home-remedies/con-20035101
  8. http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/common-cold/basics/treatment/con-20019062
  9. http://www.cdc.gov/flu/children/antiviral.htm
Mostra altro ... (11)

Informazioni sull'Articolo

Categorie: Salute dell'Infanzia

In altre lingue:

English: Treat Flu in Toddlers, Español: tratar la gripe en niños pequeños, Português: Tratar a Gripe em Crianças Pequenas, Bahasa Indonesia: Menangani Flu pada Batita, Tiếng Việt: Xử lý cảm cúm ở trẻ nhỏ, Русский: лечить грипп у маленьких детей, Français: traiter la grippe chez les enfants en bas âge, العربية: علاج الأنفلونزا عند الأطفال الصغار, Nederlands: Griep bij peuters behandelen

Questa pagina è stata letta 1 855 volte.
Hai trovato utile questo articolo?