Come Curare l'Orticaria nei Bambini

Scritto in collaborazione con: Laura Marusinec, MD

In questo Articolo:Recarsi dal Medico per una DiagnosiRimedi CasalinghiCure Mediche

L'orticaria è un disturbo piuttosto comune fra i bambini e si presenta come uno sfogo cutaneo accompagnato da ponfi o tumefazioni pruriginose, rilevate, rosse e bianche. Non si tratta di una patologia contagiosa e può durare poche ore o diversi giorni, anche se, in casi acuti e cronici, potrebbe perdurare delle settimane. L'orticaria è innescata dal rilascio di istamine come risposta allergica o anche a causa del calore, ansia, un'infezione o sbalzi di temperatura. Se tuo figlio ha l'orticaria, tieni presente che ci sono dei semplici rimedi casalinghi per curarla oppure puoi chiedere al pediatra che prescriva dei farmaci.

1
Recarsi dal Medico per una Diagnosi

  1. 1
    Informati su come si presenta un'orticaria. Se tuo figlio soffre di questo sfogo cutaneo, sappi che può essere localizzato o diffuso su tutto il corpo. Se impari a distinguere i segni caratteristici di questo disturbo, ti sarà più facile riconoscerlo sulla pelle del bambino e individuarne la causa.
    • L'orticaria localizzata si manifesta sulla parte del corpo che, in genere, è entrata in contatto diretto con piante, polline, cibo oppure con la saliva e il pelo degli animali domestici.
    • L'orticaria diffusa si manifesta su tutto il corpo. Potrebbe essere la reazione a una infezione virale oppure una risposta allergica a un alimento, a un farmaco o a una puntura di insetto.
  2. 2
    Documentati sulle cause. Esistono moltissime ragioni per cui un bimbo sviluppa l'orticaria. A prescindere dal fatto che sia diffusa o localizzata, se riesci a identificarne l'eziologia, sarai in grado di trattare lo sfogo cutaneo in maniera più efficace con rimedi casalinghi oppure decidere di rivolgerti al pediatra.
    • Gli alimenti come i crostacei, le noci, il latte e la frutta possono innescare questo disturbo. In genere scompare dopo sei ore dall'ingestione.
    • I farmaci come la penicillina e i vaccini contro le allergie possono essere cause di sfoghi cutanei.
    • Il contatto diretto con animali domestici o selvatici può scatenare la reazione.
    • Anche l'esposizione ai pollini delle piante in fiore è una causa.
    • Le punture e i morsi di insetti (api e zanzare, per esempio) sono una causa molto comune di orticaria.
    • Le emozioni come l'ansia e lo stress innescano reazioni fisiche come questo sfogo cutaneo.
    • I bambini sviluppano l'orticaria anche quando sono esposti al sole o a temperature elevate.
    • Non sottovalutare neppure i prodotti chimici, come il detergente per il bucato o i saponi profumati.
    • Le infezioni virali come il normale raffreddore, l'epatite e la mononucleosi possono scatenare l'orticaria.
    • Tra le cause ricordiamo anche le infezioni batteriche al tratto urinario e la faringite.
  3. 3
    Rivolgiti al pediatra, se tuo figlio ha l'orticaria. È necessario far visitare il bambino nel caso abbia uno sfogo cutaneo di dubbia origine che non scompare nel giro di una settimana o nel caso abbia da poco assunto un nuovo farmaco, mangiato un nuovo alimento o se sia stato punto da un insetto. Non esitare a rivolgerti al medico anche nel caso in cui il bambino mostri un forte disagio a causa dell'orticaria. Il pediatra potrebbe prescrivere dei farmaci da assumere per via orale, delle creme cortisoniche o altre terapie per alleviare i sintomi del disturbo.
    • Se non sai con certezza cosa abbia scatenato la reazione cutanea, devi assolutamente far visitare il bimbo. In questo modo riduci il rischio di curarlo con un prodotto inutile o addirittura pericoloso.
    • Se lo sfogo è ancora piuttosto grave dopo una seconda dose di antistaminici, porta il bimbo dal pediatra.
    • Se noti in tuo figlio uno qualunque dei sintomi dello shock anafilattico, vai immediatamente al pronto soccorso o chiama un'ambulanza. I sintomi più comuni di questa grave reazione sono: gonfiore al viso e gola, tosse, respiro ansimante, difficoltà di respirazione, vertigini e svenimento.
  4. 4
    Sottoponi il bimbo a degli esami. Se il pediatra non è in grado di risalire alla cause dell'orticaria, allora potrebbe richiedere dei test per procedere alla diagnosi. In questo modo non solo conoscerai l'origine del disturbo, ma anche il piano terapeutico più adatto.
    • Il pediatra potrebbe richiedere un esame del sangue.
    • Potrebbero essere necessari anche dei test per le allergie, così da identificare lo specifico allergene che innesca la reazione.
  5. 5
    Tratta la causa di fondo. Se il medico stabilisce che l'orticaria è dovuta a una patologia sistemica, allora farà in modo di curarla per alleviare il prurito e il disagio causato dai ponfi. Alcuni studi hanno dimostrato che è molto più efficace curare la patologia generale che causa l'orticaria piuttosto che limitarsi a trattare il sintomo.
    • Ad esempio, il bambino potrebbe avere problemi alla tiroide che il pediatra potrà curare per stabilire se hanno un effetto sull'orticaria.
    • Se si giunge alla conclusione che esiste un'allergia particolare, allora il medico ti chiederà di evitare che il bambino entri in contatto con l'allergene.
  6. 6
    Evita tutti i fattori scatenanti. Questo disturbo della pelle si sviluppa per un allergene o un altro elemento irritante. Se conosci questi fattori, puoi evitarli, in modo da alleviare il disagio del bambino ed evitare recidive.
    • L'elemento scatenante può essere un allergene, una medicina, un alimento, un fattore ambientale, una puntura di insetto, un'infezione, un detergente o un sapone aggressivo.
    • Se sospetti che si tratti di un fattore specifico che innesca l'orticaria in tuo figlio, prova a limitarne l'esposizione valutando nel contempo i sintomi.
    • Alcuni elementi esterni possono peggiorare la situazione e fra questi ricordiamo il sole, lo stress, il sudore e i cambiamenti di temperatura.
    • Usa un sapone delicato o "ipoallergenico" anche per il bucato. Questi prodotti contengono un numero ridotto di ingredienti chimici potenzialmente irritanti per la cute del bimbo. Tutti i detergenti dichiarati "ipoallergenici" sono testati per pelli sensibili e non dovrebbero innescare alcuna reazione.

2
Rimedi Casalinghi

  1. 1
    In caso di orticaria localizzata, lava immediatamente la zona per rimuovere l'allergene. Se tuo figlio mostra un rash cutaneo solo su una parte del corpo, lavala immediatamente con acqua e sapone. In questo modo puoi limitare la reazione e il suo peggioramento, riducendo il tempo di esposizione all'elemento scatenante.
    • Non è necessario comprare alcun sapone particolare, dato che qualunque detergente è in grado di eliminare l'allergene.
  2. 2
    Prepara un bagno freddo per ridurre il prurito e l'arrossamento. Le basse temperature alleviano il prurito e la flogosi, quindi un bagno freddo è particolarmente utile nei casi di orticaria generalizzata. Puoi anche aggiungere dell'avena colloidale per lenire ancora di più la cute sofferente di tuo figlio.
    • Per calmare la pelle del bimbo, aggiungi all'acqua del bicarbonato di sodio, dell'avena cruda o colloidale.
    • Lascia il bambino nella vasca solo per 10-15 minuti, altrimenti si raffredderà troppo.
  3. 3
    Spalma una lozione alla calamina o una crema contro il prurito. Questo genere di prodotti è disponibile senza ricetta medica e dona sollievo dal prurito, calmando anche l'infiammazione. Si tratta di prodotti che puoi acquistare facilmente in farmacia.
    • Anche una crema cortisonica a basso dosaggio è in grado di calmare il prurito. Acquista una pomata con l'1% di idrocortisone, ma chiedi consiglio al farmacista in merito alle modalità di applicazione su un bambino.
    • Puoi spalmare la crema una volta al giorno sulla zona interessata, dopo il bagno freddo.
  4. 4
    Per alleviare il disagio e la flogosi, applica un impacco freddo. Il prurito e l'infiammazione sono dovuti alla presenza di istamina nel sangue. Gli impacchi freddi sono efficaci perché costringono i vasi sanguigni (riducendo il flusso ematico) e raffreddano la cute.
    • Quando un allergene entra nell'organismo, il corpo produce istamina; tutto ciò genera la risposta allergica che prevede infiammazione e prurito.
    • Applica l'impacco freddo sullo sfogo cutaneo per 10-15 minuti ogni due ore o a seconda della necessità.
  5. 5
    Fai in modo che il bimbo non si gratti. Aiutalo a non grattarsi, per quanto possibile, perché così facendo potrebbe diffondere l'allergene, peggiorare la sintomatologia e causare altri problemi, come le infezioni cutanee.
  6. 6
    Proteggi la sua pelle. Puoi prevenire e alleviare l'orticaria di tuo figlio proteggendogli la cute. Gli abiti, le fasciature e perfino gli spray contro gli insetti possono fornire un po' di protezione e limitare il fastidio.
    • Mettigli degli abiti freschi, ampi, che abbiano una superficie liscia, ad esempio il cotone e la lana merino. In questo modo il bimbo non suda eccessivamente (cosa che peggiora l'orticaria) e allo stesso tempo non si gratta.
    • Per proteggerlo da possibili agenti esterni irritanti e impedire che si gratti, fai indossare al bimbo degli abiti a manica lunga e pantaloni lunghi.
    • Se deve recarsi in un luogo dove sono presenti insetti, cospargi le zone della cute non interessate dall'orticaria con un repellente spray. In questo modo impedisci agli insetti di avvicinarsi eccessivamente e di peggiorare la reazione allergica.

3
Cure Mediche

  1. 1
    Dai al bambino degli antistaminici. Se tuo figlio ha un'orticaria diffusa, dagli un antistaminico. Questo farmaco blocca la produzione di istamina che scatena la reazione allergica e dona sollievo dal prurito e dall'infiammazione.
    • Attieniti al dosaggio raccomandato in base all'età e al peso del bambino. Se hai dei dubbi in merito alla posologia, contatta il pediatra.
    • Fra gli antistaminici più comuni ricordiamo la cetirizina, la clorfenamina e la difenidramina.
    • Questi farmaci, spesso, hanno anche un effetto sedativo, quindi controlla sempre con grande attenzione tuo figlio per garantirne la sicurezza.
  2. 2
    Acquista dei farmaci antagonisti dei recettori H2. Il pediatra potrebbe consigliare l'assunzione di antistaminici o di H2 antagonisti, per dare sollievo a tuo figlio dai sintomi dell'orticaria. Entrambi i medicinali sono disponibili sia per via orale sia per iniezione.
    • Fra gli H2 antagonisti ricordiamo la cimetidina, la ranitidina, la nizatidina e la famotidina.
    • Fra gli effetti collaterali di questi medicinali si annoverano problemi gastrici e cefalea.
  3. 3
    Prova dei corticosteroidi su prescrizione. Se il pediatra lo ritiene necessario, potrebbe consigliarti l'uso di cortisonici forti, sia per via topica sia orale, come il prednisone. In genere si fa affidamento a questa classe di farmaci quando gli altri trattamenti non hanno dato i risultati sperati sull'orticaria. Ricordati di seguire con scrupolo le indicazioni del pediatra, dato che si tratta di medicine che indeboliscono il sistema immunitario di tuo figlio.
    • I cortisonici per via orale devono essere assunti per poco tempo, perché comportano gravi effetti collaterali nel lungo periodo.
  4. 4
    Valuta le iniezioni contro l'asma. Diversi studi hanno dimostrato che le iniezioni di un anticorpo contro l'asma (omalizumab) sono efficaci anche per i sintomi dell'orticaria. Inoltre questa sostanza non ha effetti collaterali.
    • Tale trattamento è specifico per l'asma e il suo uso contro l'orticaria non è ancora approvato in Italia. Per questo motivo potrebbe non essere disponibile o, nel caso lo fosse, potrebbe non essere coperto dal servizio sanitario nazionale, il che significa che dovrai pagare interamente la cura.
  5. 5
    Unisci gli antistaminici ai farmaci contro l'asma. Il medico potrebbe consigliare una terapia combinata per alleviare i sintomi dell'orticaria.
    • Tra i farmaci antiasma ricordiamo il montelukast e lo zafirlukast che possono essere assunti con antistaminici da banco o su prescrizione.
    • Questa terapia potrebbe innescare cambiamenti comportamentali e sbalzi d'umore.
  6. 6
    Prendi in considerazione l'utilizzo di immunosoppressori. Se tuo figlio soffre di un'orticaria cronica che non risponde agli altri trattamenti, il pediatra potrebbe soppesare la possibilità di somministrare dei farmaci che agiscono sul sistema immunitario. Questi sono indicati per alleviare lo sfogo cutaneo acuto e cronico.
    • La ciclosporina limita la risposta immunitaria all'orticaria e dona sollievo dai sintomi. Tuttavia, ha una serie di effetti collaterali che vanno dalla cefalea alla nausea fino alla riduzione della funzionalità renale.
    • Anche il tacrolimus riduce la reazione immunitaria che scatena l'orticaria e presenta effetti avversi simili a quelli della ciclosporina.
    • Il micofenolato mofetile sopprime il sistema immunitario migliorando la sintomatologia correlata allo sfogo cutaneo.

Avvertenze

  • L'orticaria in genere non è pericolosa, ma potrebbe diventarla, in rari casi, se viene scatenata da una reazione allergica che impedisce al bambino di respirare correttamente. Se hai qualunque dubbio in merito allo sfogo cutaneo, i rimedi casalinghi non danno gli effetti sperati o l'orticaria peggiora, devi rivolgerti al pediatra.

Informazioni sull'Articolo

Questo articolo è stato scritto in collaborazione con Laura Marusinec, MD. La Dottoressa Marusinec è una Pediatra Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Wisconsin. Ha conseguito la Laurea in Medicina al Medical College of Wisconsin School of Medicine nel 1995.

Categorie: Disturbi della Pelle | Genitori

In altre lingue:

Español: tratar urticaria en niños, Português: Tratar Urticárias em Crianças, Deutsch: Nesselsucht bei Kindern behandeln, Русский: вылечить крапивницу у детей, Français: soigner l'urticaire chez les enfants, العربية: علاج طفح الأطفال, Tiếng Việt: Điều trị Bệnh Nổi mề đay ở Trẻ em, 한국어: 아이 두드러기 치료하기, 中文: 治疗小儿荨麻疹, Bahasa Indonesia: Mengobati Bidur pada Anak, Nederlands: Galbulten bij kinderen behandelen

Questa pagina è stata letta 97 902 volte.
Hai trovato utile questo articolo?