Scarica PDF Scarica PDF

La cervicite è un'infiammazione o infezione della cervice, il tessuto spesso che collega l'utero con la vagina. Può essere provocata da diversi fattori, come infezioni sessualmente trasmissibili, allergie e irritazioni per cause fisiche o chimiche. Se vuoi curare in modo efficace questo disturbo, è necessario che il ginecologo individui la causa dell'infezione e ti prescriva di conseguenza dei trattamenti specifici.

Parte 1
Parte 1 di 4:
Diagnosticare la Cervicite

  1. 1
    Individua i sintomi. In alcune donne non si manifesta alcun sintomo; potresti anche non accorgerti di soffrire di questo disturbo finché non è il ginecologo a notare dei problemi durante una visita di routine. Altre donne, però, potrebbero presentare dei sintomi, tra cui:
    • Perdita vaginale insolita, maleodorante, dal colore giallo o grigio;
    • Episodi di spotting tra i cicli mestruali o dopo i rapporti sessuali;
    • Sensazione di pesantezza nel basso addome, soprattutto durante i rapporti sessuali;
    • Sensazione di bruciore o irritazione durante la minzione.
  2. 2
    Permetti al ginecologo di eseguire un esame pelvico. I sintomi della cervicite possono essere facilmente confusi con quelli di altri disturbi, quindi non puoi pensare di diagnosticare da sola questa patologia. Rivolgiti al medico di base o al ginecologo, se sospetti di soffrire di cervicite. Se il medico è dello stesso avviso, eseguirà un esame pelvico standard, usando lo speculum per analizzare la cervice.
    • Se la visita conferma i sospetti, il ginecologo ti inviterà a eseguire ulteriori esami di laboratorio per confermare la diagnosi e stabilirne la causa. Tra questi test potrebbe essere necessaria una coltura delle secrezioni cervicali o delle stesse cellule cervicali, un esame del sangue e, se sei sessualmente attiva, anche un esame per le infezioni sessualmente trasmissibili, come la gonorrea o la clamidia.
  3. 3
    Definisci la causa della cervicite. Con i giusti esami, il medico sarà in grado di identificarne la causa. Ci sono due tipologie principali di cervicite: infettiva (conosciuta anche come "acuta") e non infettiva (detta anche "cronica"). Entrambe possono avere cause diverse che richiedono differenti modalità di trattamento.
    • La cervicite infettiva è quasi sempre provocata da un virus, come quelli che si trasmettono sessualmente, il virus del papilloma umano, la gonorrea o la clamidia. Spesso viene curata con dei farmaci antivirali.
    • La cervicite non infettiva può essere causata da diversi fattori, per esempio la presenza di corpi estranei, come la spirale o il cappuccio cervicale, le reazioni allergiche al lattice dovute all'uso del preservativo durante i rapporti sessuali, le lavande vaginali oppure altri prodotti che possono irritare la vagina e la cervice. In questo caso il disturbo viene curato con antibiotici e con la rimozione degli agenti responsabili.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 4:
Trattare la Cervicite Infettiva con i Farmaci

  1. 1
    Prendi gli antibiotici che ti vengono prescritti per le malattie sessualmente trasmissibili. Se l'infezione è causata da queste patologie, come il virus del papilloma umano, la gonorrea, la clamidia o la sifilide, il ginecologo ti prescriverà degli antibiotici per debellarla.
    • Se hai la gonorrea, il medico ti potrà prescrivere il ceftriaxone, un antibiotico che deve essere assunto in una singola dose iniettabile da 250 mg. In caso di complicazioni o se l'infezione è in uno stadio avanzato, potrebbe essere necessaria una dose più forte o l'assunzione di altri antibiotici per via orale. Il medico potrà anche raccomandarti l'azitromicina o la doxiciclina, che vengono presi per curare la clamidia. Questa ulteriore terapia si rende necessaria perché spesso le pazienti sono affette da entrambe le malattie.
    • Se soffri di clamidia, il ginecologo ti prescriverà l'azitromicina, che deve essere assunta in una singola dose di 1 grammo per via orale. In alternativa, potrebbe indicarti altri antibiotici, come l'eritromicina, la doxiciclina o l'ofloxacina, che solitamente vanno assunti per 7 giorni. In aggiunta, potrebbe anche consigliarti il ceftriaxone per curare la gonorrea, in quanto spesso le due infezioni sono compresenti.
    • Se sei affetta da tricomoniasi, il medico potrà prescriverti un antibiotico, chiamato Flagyl, che va somministrato in una dose singola.
    • Se hai la sifilide, il trattamento migliore è la penicillina. Una singola dose in genere è sufficiente per curarla nella fase precoce, quando cioè l'infezione è presente da meno di un anno. Nei casi avanzati, sono necessarie altre iniezioni o altri trattamenti. Se sei allergica alla penicillina, il medico ti prescriverà l'azitromicina.
  2. 2
    Prendi i farmaci antivirali esattamente come ti vengono prescritti. Se la cervicite è causata da un virus, come un herpes genitale, i farmaci più adatti sono quelli antivirali che agiscono direttamente sull'elemento patogeno.
    • Se hai l'herpes genitale, il farmaco di prima linea è l'aciclovir, che deve essere assunto per cinque giorni. In alternativa, il medico potrebbe prescriverti il valaciclovir o il famciclovir, che vanno presi rispettivamente per tre e un giorno. Se la tua infezione è grave o presenta delle complicazioni, saranno necessari altri trattamenti e/o delle dosi maggiori di farmaci. Tieni presente che l'herpes genitale è una malattia cronica, un'infezione che rimane tutta la vita e dovrai sottoporti alle cure continuamente, una volta contratta.
  3. 3
    Assicurati che vengano curati anche i tuoi partner sessuali. Se sei affetta da cervicite e sei sessualmente attiva, è importante che anche i tuoi partner eseguano gli esami per verificare se sono stati infettati dallo stesso agente patogeno. Le infezioni sessualmente trasmissibili possono colpire sia gli uomini sia le donne e presentarsi in maniera asintomatica; se non vengono trattate, possono infettare nuovamente in futuro. Assicurati che i tuoi precedenti partner vengano visitati dal medico.
  4. 4
    Segui tutte le istruzioni del ginecologo e prendi i farmaci nella maniera corretta. Se sei incinta o ci sono delle possibilità che tu stia aspettando un bambino, se allatti o segui già una terapia farmacologica per altre patologie, devi informare il dottore prima che ti prescriva i medicinali. Chiamalo in caso di reazioni avverse ai medicinali, come diarrea, nausea, vomito e sfoghi cutanei.
    • La cervicite può diventare un problema grave e duraturo, se non viene trattata con i farmaci appropriati e se questi non vengono assunti nella maniera opportuna. Se segui le indicazioni alla lettera e la terapia farmacologica è corretta, puoi guarire completamente. Tuttavia, se hai un herpes genitale, sii consapevole del fatto che dovrai gestire quest'infezione cronica per tutta la vita.
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 4:
Trattare la Cervicite non Infettiva con la Chirurgia

  1. 1
    Tieni in considerazione la criochirurgia. Se soffri di una persistente cervicite non infettiva, potresti gestire il disturbo con un intervento chirurgico, come la criochirurgia, chiamata anche terapia del freddo.
    • Questa procedura si avvale di prodotti a bassissime temperature per distruggere le cellule anormali. L'intervento consiste nell'inserire in vagina una criosonda, uno strumento che contiene azoto liquido. L'azoto compresso rende lo strumento sufficientemente freddo da distruggere le cellule malate. La procedura dura tre minuti, si aspetta che la cervice si scongeli e poi si ripete per altri tre minuti.
    • La criochirurgia è relativamente poco dolorosa, ma potresti manifestare crampi, sanguinamento e, nei casi più gravi, anche infezioni e cicatrici. Per due o tre settimane dopo l'intervento potresti notare delle perdite acquose, dovute al distacco del tessuto cervicale morto.
  2. 2
    Consulta il medico in merito alla cauterizzazione. Si tratta di un altro trattamento chirurgico che può essere eseguito nei casi di cervicite non infettiva persistente. Questa procedura viene anche chiamata terapia termica.
    • Si tratta di una procedura eseguita a livello ambulatoriale e consiste nel bruciare le cellule infiammate o infette. Ti verrà chiesto di sdraiarti supina con le gambe sulle staffe e il medico inserirà uno speculum in vagina per dilatarla. Quindi si procede con la pulizia della cervice usando un tampone vaginale e si inserisce una sonda riscaldata per distruggere i tessuti malati.
    • A volte viene eseguita l'anestesia per prevenire possibili disagi durante la cauterizzazione. Potresti presentare crampi, emorragie e perdite acquose fino a quattro settimane. Tuttavia, contatta il ginecologo, se le secrezioni hanno un cattivo odore o se l'emorragia è grave.
  3. 3
    Chiedi al medico maggiori informazioni in merito alla terapia laser. Questa è la terza possibile procedura chirurgica per curare le cerviciti non infettive ma persistenti.
    • In genere questo trattamento viene eseguito in sala operatoria in anestesia generale e prevede l'uso di un intenso fascio laser o di luce per bruciare/distruggere i tessuti anomali. Anche in questo caso viene inserito lo speculum per allargare la vagina. Il raggio laser viene puntato direttamente sui tessuti malati.
    • L'anestesia permette di ridurre il disagio durante la procedura. Al termine potrai manifestare crampi, sanguinamento e perdite acquose per due o tre settimane. Chiama il medico se le secrezioni hanno un cattivo odore o se l'emorragia o il dolore pelvico aumentano.
    Pubblicità

Parte 4
Parte 4 di 4:
Trattare i Sintomi a Casa

  1. 1
    Evita i rapporti sessuali. Non puoi curare la cervicite senza assistenza medica, soprattutto se la malattia è infettiva. Tuttavia, puoi prendere alcune iniziative per provare meno disagio e migliorare l'efficacia dei farmaci prescritti. È importante astenersi dai rapporti sessuali finché il ginecologo non confermerà che hai debellato completamente l'infezione.
    • Se la cervicite è infettiva, devi evitare di diffondere i batteri o i virus; in ogni caso, anche se non è infettiva, è importante non praticare sesso perché potresti irritare ulteriormente la cervice e aggravare i sintomi.
  2. 2
    Cerca di non irritare la vagina. Non usare dei prodotti che potrebbero provocare maggiore irritazione o infiammazione a tutta l'area, come gli assorbenti interni o le lavande vaginali.
    • Usa gli assorbenti normali, anziché quelli interni;
    • Evita le lozioni, i saponi, i detergenti e gli spray profumati, perché, in combinazione con altri prodotti, possono provocare maggiore irritazione;
    • Non usare il diaframma come metodo anticoncezionale.
  3. 3
    Indossa biancheria intima comoda e di cotone. Evita gli indumenti stretti e costrittivi fatti di tessuto sintetico, perché causano irritazione e possono trattenere l'umidità nella zona genitale. Controlla che la biancheria che scegli sia di cotone al 100% per permettere una corretta traspirazione e mantenere pulita l'area.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Far Scrocchiare la Parte Bassa della Schiena
Rallentare il tuo Battito Cardiaco
Trattenere la PipìTrattenere la Pipì
Scrocchiarsi la Schiena AltaScrocchiarsi la Schiena Alta
Riconoscere i Sintomi dell'HIVRiconoscere i Sintomi dell'HIV
Controllare i LinfonodiControllare i Linfonodi
Rimuovere una Cisti SebaceaRimuovere una Cisti Sebacea
Sentirsi Meglio Dopo il VomitoSentirsi Meglio Dopo il Vomito
Capire Se Hai un'Intolleranza all'AlcoolCapire Se Hai un'Intolleranza all'Alcool
Evitare il Mal di Stomaco quando si Assumono gli AntibioticiEvitare il Mal di Stomaco quando si Assumono gli Antibiotici
Liberarsi Velocemente delle EmorroidiLiberarsi Velocemente delle Emorroidi
Migliorare la PosturaMigliorare la Postura
Trattare il Mal di Gola dopo aver VomitatoTrattare il Mal di Gola dopo aver Vomitato
Liberarsi di un'Unghia IncarnitaLiberarsi di un'Unghia Incarnita
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Lacy Windham, MD
Co-redatto da:
Ostetrica e Ginecologa
Questo articolo è stato co-redatto da Lacy Windham, MD. La Dottoressa Windham lavora come Ostetrica e Ginecologa Iscritta all’Albo dei Medici Specialisti nel Tennessee. Ha completato l’internato alla Eastern Virginia Medical School nel 2010, dove ha ricevuto un premio per il suo eccezionale operato come medico interno. Questo articolo è stato visualizzato 18 567 volte
Questa pagina è stata letta 18 567 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità