È un fatto normale andare in bagno ogni giorno più o meno alla stessa ora, per esempio quando ti svegli al mattino. Se però le feci sono molli, liquide o se hai la diarrea, l'apparato digerente potrebbe avere dei problemi. Adottando una dieta più sana potresti riuscire a controllare i sintomi indesiderati. Tieni tuttavia presente che se a causare la diarrea è una patologia che non ti è stata ancora diagnosticata, l'unico che può aiutarti a risolvere il problema è il medico.

Metodo 1
Metodo 1 di 3:
Migliorare la Dieta

  1. 1
    Tieni un diario alimentare ed evita tutti gli alimenti che aggravano la diarrea. Prendi nota ogni giorno di cosa e quando mangi, senza tralasciare nulla. Usa un asterisco o un altro simbolo per evidenziare le giornate in cui hai sofferto di diarrea mattutina. Rivedi le pagine del tuo diario per cercare degli schemi ricorrenti e prova a evitare gli alimenti che aggravano la diarrea. Tra gli alimenti che possono esserne la causa ci sono:[1]
    • Cibi piccanti;
    • Latticini;
    • Vegetali ricchi di fibre, come cavoli, fagioli secchi e mais;
    • Frutta, succhi e bevande che contengono caffeina;
    • Cibi con un alto contenuto di grassi, come dolci, patatine e insaccati;
    • Dolcificanti artificiali;
    • Frutta secca e i suoi derivati, come la crema di nocciole.
  2. 2
    Chiedi al medico se è il caso di seguire una dieta di eliminazione. Eliminando alcuni fattori che possono scatenare la diarrea per poi reintrodurli gradualmente potresti riuscire a identificare quali sono gli alimenti che devi evitare. Chiedi consiglio al medico, a un allergologo o a un dietologo per creare un programma dietetico sicuro ed efficace.[2]
    • Seguire una dieta di eliminazione generalmente significa dover eliminare tutti i possibili fattori scatenanti per 2-4 settimane. Al termine di tale periodo, potrai iniziare a reintrodurli uno alla volta, in genere a distanza di 3 giorni l'uno dall'altro. Se i sintomi ricompaiono, sarai in grado di identificare l'alimento che li ha causati.
    • Quando si inizia una dieta di eliminazione, i sintomi potrebbero aggravarsi temporaneamente prima di regredire. Se a causare la diarrea sono uno o più alimenti, dovresti notare un miglioramento significativo dopo circa una settimana. Chiama il medico se i sintomi dovessero persistere o peggiorare.
  3. 3
    Consulta un allergologo per apportare dei cambiamenti alla dieta se hai delle intolleranze alimentari. Se grazie al diario noti che ci sono degli schemi ricorrenti che collegano il cibo ai sintomi, prendi appuntamento con un allergologo. Tramite un test cutaneo o del sangue saprà indicarti quali sono gli alimenti a cui sei intollerante o allergico e ti spiegherà come risolvere il problema.[3]
    • Un allergologo potrebbe essere anche in grado di determinare se hai una patologia che viene acutizzata dal cibo, per esempio la "sindrome dell'intestino irritabile", una malattia intestinale infiammatoria cronica o la celiachia.

    Suggerimento: se la diarrea mattutina è dovuta a una particolare condizione del tuo corpo, per esempio alla gravidanza, al cancro o a un farmaco che stai assumendo, valuta di parlarne con un nutrizionista che ti aiuti a gestire i sintomi attraverso dei cambiamenti nella dieta.

  4. 4
    Mangia solo alimenti morbidi e leggeri in caso di diarrea acuta. Se soffri di crampi allo stomaco, devi andare in bagno frequentemente e le feci sono molto molli o liquide, consuma esclusivamente degli alimenti facilmente digeribili. Inoltre, dato che le fibre possono aggravare i sintomi della diarrea, prediligi quegli ingredienti che ne sono poveri, come riso, yogurt, pane bianco e carni magre. Quando i sintomi inizieranno a regredire, potrai cominciare a reinserire nella dieta gli alimenti che preferisci.[4]
    • Per esempio, potresti adottare la dieta "BRAT" che consente di mangiare esclusivamente banane, riso, purea di mele e pane tostato, finché le tue condizioni non migliorano.
    • È importante consumare anche degli alimenti che contengano sodio e potassio per rimpiazzare i nutrienti che hai perso a causa della diarrea, per esempio brodo, bevande sportive e purè di patate, a patto che tu riesca a tollerarli.
    • In genere è meglio evitare i latticini in caso di diarrea, ad eccezione dello yogurt senza zucchero che può aiutarti a bilanciare i batteri che popolano il tratto digestivo. Assicurati che lo yogurt non contenga zuccheri aggiunti, dato che possono aggravare i sintomi della diarrea.[5]
  5. 5
    Bevi da 2 a 3 litri di liquidi al giorno fintanto che i sintomi persistono. Mantenere il corpo idratato è importante in tutti i momenti, ma quando hai la diarrea diventa ancora più essenziale, dato che il tuo corpo sta perdendo molti liquidi. L'acqua non contiene abbastanza nutrienti o elettroliti, quindi devi cercare di consumare anche altri liquidi mentre recuperi. Per esempio, puoi bere del brodo, una bevanda sportiva, tisane dolcificate con il miele e succhi di frutta.[6]
    • In alcuni casi le bevande calde o fredde possono aggravare la diarrea, quindi è preferibile che tutti i liquidi siano a temperatura ambiente.
  6. 6
    Cerca di assumere la maggior parte dei liquidi fuori dal pasto, anziché durante. Mentre mangi puoi sorseggiare un po' d'acqua, ma cerca di non assumere la maggior parte di liquidi durante i pasti per non spingere il corpo a digerirli più rapidamente. Ricorda che, quando hai la diarrea, devi cercare di rallentare quanto più possibile il processo digestivo.[7]
    • Per esempio, potresti bere alcuni sorsi d'acqua a pranzo, poi aspettare mezz'ora prima di consumare un'altra bevanda.
  7. 7
    Fai dei pasti più leggeri e frequenti ben distribuiti durante il giorno. Invece di fare 3 pasti abbondanti, prova a mangiare meno, ma più spesso, alternando i pasti a degli spuntini per un totale di 5-6 volte al giorno. In questo modo aiuterai il corpo a regolare più facilmente la digestione e le feci potrebbero tornare normali entro qualche giorno.[8]
    • Per esempio, potresti fare colazione con una banana e una fetta di pane tostato, mangiare uno yogurt come spuntino di metà mattina, riso in brodo a pranzo, purea di mela a merenda e petto di pollo grigliato accompagnato da purè di patate all'ora di cena.
  8. 8
    Rilassati per 20-30 minuti dopo aver mangiato. Cerca di non avere fretta e rimani seduto per un po' al termine del pasto. Mettiti comodo e rilassati per una mezz'ora se è possibile. In questo modo rallenterai il ritmo della digestione prevenendo la diarrea.[9]
    • Se hai molte cose da fare e non puoi permetterti di stare fermo e rilassarti, cerca perlomeno di non svolgere attività faticose e non fare attività fisica nei 30 minuti che seguono il pasto per dare al corpo il tempo di digerire.
  9. 9
    Evita le bevande con un contenuto di caffeina elevato. Le bevande che contengono molta caffeina, come caffè ed energy drink, possono provocare la diarrea. Cerca quindi di evitare le bevande energizzanti e non bere più di 2-3 tazze di caffè o tè al giorno.[10]
    • Se non puoi fare a meno del caffè, cerca perlomeno di berlo in quantità minori rispetto al solito. Riduci il numero di tazze lentamente per evitare i sintomi legati all'astinenza di caffeina, come le emicranie.
    • Anche alcuni dolcificanti possono provocare la diarrea, quindi fai attenzione quando dolcifichi il tè o il caffè con i sostituti dello zucchero come il sorbitolo.
  10. 10
    Limita il consumo di alcolici a non più di 1-2 drink al giorno. Le bevande alcoliche possono aggravare la diarrea, quindi è meglio evitarle completamente se il problema si ripresenta ogni mattina. Anche quando starai meglio, cerca di non consumare più di 1-2 drink al giorno per evitare che la diarrea faccia ritorno.[11]
    • Un drink equivale a 33 cl di birra con il 5% di alcol, 150 ml di vino con circa il 12% di alcol o 45 ml di liquore con il 40% di alcol.[12]
    • Se noti che gli alcolici scatenano o peggiorano i sintomi della diarrea, evitali del tutto.
    • Se hai bisogno di aiuto per smettere di bere, parlane con il medico per conoscere i trattamenti e le opzioni di supporto disponibili.[13]
    Pubblicità

Metodo 2
Metodo 2 di 3:
Migliorare lo Stile di Vita

  1. 1
    Prova a usare le tecniche antistress per alleviare la diarrea dovuta all'ansia. I nervi possono avere un cattivo effetto sullo stomaco, quindi se stai lottando con l'ansia o lo stress, fare degli esercizi di respirazione con regolarità potrebbe darti sollievo. Per esempio, quando ti senti agitato, inspira mentre conti fino a 5, trattieni il respiro contando fino a 5 e infine espira contando nuovamente fino a 5.[14]
    • Esistono molte tecniche che possono aiutarti ad alleviare lo stress, come l'esercizio fisico, lo yoga, la meditazione e le pratiche di consapevolezza.
    • Impara a dire no quando sei sovraccarico di lavoro per evitare che lo stress faccia ritorno. Quando devi affrontare una situazione che ti rende nervoso, concentrati sugli aspetti che puoi controllare, anziché su quelli che non dipendono da te.
  2. 2
    Smetti di fumare se sei un fumatore. Dire addio alle sigarette può essere molto duro (anche a quelle elettroniche), ma se la diarrea mattutina è cronica la nicotina potrebbe irritare ulteriormente l'intestino aggravando i sintomi. Chiedi ad amici e familiari di darti il loro sostegno per riuscire a smettere di fumare. Se occorre, puoi chiedere aiuto al medico per conoscere le terapie e le altri opzioni disponibili.
    • Il rischio di sviluppare il morbo di Chron è più alto per i fumatori.
    • Potresti soffrire di problemi digestivi mentre stai cercando di smettere di fumare. In tal caso le gomme da masticare alla nicotina o i farmaci, come la vareniclina o il bupropione potrebbero venirti in aiuto, ma tieni presente che fortunatamente sono sintomi temporanei. I benefici a lungo termine valgono lo sforzo![15]
  3. 3
    Regola l'intestino con gli integratori. Se la diarrea mattutina è un problema frequente, esistono degli integratori alimentari, come la pectina o la fibra di Psyllio che possono aiutarti ad alleviarne gradualmente i sintomi. La fibra di Psyllio è utile per indurire le feci, mentre la pectina può rallentare il ritmo a cui il corpo digerisce il cibo.[16]
    • Puoi valutare di assumere anche un integratore di probiotici per regolare i batteri presenti nell'intestino. In alternativa, puoi includere nella dieta degli alimenti ricchi di probiotici, come yogurt, miso, sottaceti, tempeh, kimchi, crauti, kombucha e pane preparato con lievito naturale.[17]
    • Alcuni integratori possono aggravare la diarrea, per esempio quelli che contengono olio di semi di lino, carbone attivo, polline d'api, pepe di Cayenna o guaranà.

    Suggerimento: consulta il medico prima di assumere qualunque tipo di integratore.

  4. 4
    Prova a usare i prebiotici. Gli alimenti ricchi di prebiotici nutrono i batteri buoni che sono naturalmente presenti nell'intestino. Si tratta di alimenti che contengono fibre indigeribili dal corpo umano, ma che i batteri presenti nell'apparato digerente sono in grado di far fermentare per creare un ambiente più sano nell'intestino.[18] Gli alimenti ricchi di prebiotici che puoi inserire nella dieta includono:
    • Cereali integrali (inclusi la pasta e il pane preparati con i cereali integrali);
    • Aglio;
    • Mele;
    • Banane;
    • In alternativa, puoi chiedere al medico o al dietologo di consigliarti un integratore di prebiotici.
    Pubblicità

Metodo 3
Metodo 3 di 3:
Chiedere Aiuto al Medico

  1. 1
    Rivolgiti al medico se la diarrea mattutina è acuta o persistente. Se si tratta di episodi occasionali e saltuari, probabilmente non c'è niente di cui preoccuparsi e il problema sarà facilmente risolvibile apportando i giusti cambiamenti alla dieta. Se però i sintomi interferiscono con la vita di tutti i giorni, si ripetono quotidianamente e non migliorano entro 2 settimane o diventano più acuti e non scompaiono durante il corso della giornata, prendi un appuntamento con il tuo medico curante. È necessario contattare il medico anche se manifesti uno di questi sintomi:[19]
    • Urine scure o scarse;
    • Battito cardiaco accelerato;
    • Mal di testa;
    • Capogiri;
    • Spossatezza, irritabilità o confusione mentale;
    • Dolore acuto all'addome o al retto;
    • Feci catramose o con presenza di sangue.
  2. 2
    Collabora con il medico per identificare le possibili cause della diarrea. La diarrea cronica può avere una varietà di possibili cause. Parla con il medico per aiutarlo a formulare la giusta diagnosi e ricevere le migliori cure.[20] Il medico probabilmente vorrà visitarti e ti prescriverà alcuni esami per confermare o escludere alcune possibili patologie, come le seguenti:
    • Sindrome dell'intestino irritabile;
    • Celiachia;
    • Ipertiroidismo;
    • Insufficienza pancreatica;
    • Diabete;
    • Effetti collaterali di certi farmaci, come gli antibiotici.
  3. 3
    Prendi un farmaco antidiarroico per un sollievo immediato. Se la diarrea mattutina non è acuta o persistente, prova a curarla con un farmaco da banco, per esempio a base di loperamide o bismuto subsalicilato. Se i sintomi perdurano,il medico potrebbe prescriverti un antidiarroico, come l'octreotide o un corticosteroide, per ridurre la quantità di liquidi nell'apparato digerente. Nei casi gravi, il medico può richiedere l'ospedalizzazione per somministrare liquidi e nutrienti all'organismo per via endovenosa.[21] [22]
    • Solitamente questi farmaci sono in forma di compresse, ma potresti trovarli anche in forma liquida per un sollievo ancora più rapido. In entrambi i casi segui attentamente le indicazioni di dosaggio e fai attenzione a non superare la quantità raccomandata.
    • Se sei incinta, consulta il medico prima di assumere questi o qualsiasi altro farmaco.
    • Se pensi che la diarrea possa essere causata da un'infezione o un parassita, non usare i farmaci antidiarroici. In questi casi il corpo ha la necessità di espellere i batteri, virus o parassiti e questo tipo di medicinali possono impedirglielo prolungando i sintomi.[23]
    • Prima di prescriverti un farmaco a base di octreotide o un corticosteroide il medico ti prescriverà degli esami, per esempio una biopsia o una colonscopia, per avere la certezza che possano essere efficaci nel tuo caso.
  4. 4
    Prendi gli antibiotici se la diarrea è dovuta a un'infezione. In molti casi la diarrea può essere provocata da un'infezione, per esempio dalla Candida, da un batterio come l'Escherichia coli o da un parassita. Se il medico dovesse diagnosticare una di queste infezioni, ti prescriverà un ciclo di antibiotici per curarla. È importante concludere il ciclo per avere la certezza di essere guarito dall'infezione, anche se i sintomi scompaiono in poco tempo.[24]
    • Gli antibiotici non sono efficaci contro le infezioni virali che causano la diarrea, incluse quelle da norovirus e rotavirus.[25]
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Evitare di VomitareEvitare di Vomitare
Mettere una SuppostaMettere una Supposta
Vomitare nella Maniera Meno Scomoda PossibileVomitare nella Maniera Meno Scomoda Possibile
Sapere se Hai Vermi IntestinaliSapere se Hai Vermi Intestinali
Ammorbidire le FeciAmmorbidire le Feci
Preparare un ClisterePreparare un Clistere
Indurre il VomitoIndurre il Vomito
Riconoscere i Sintomi dell'AppendiciteRiconoscere i Sintomi dell'Appendicite
Forzare un RuttoForzare un Rutto
Alleviare la Costipazione dopo un Intervento ChirurgicoAlleviare la Costipazione dopo un Intervento Chirurgico
Alleviare la Stitichezza con il Massaggio AddominaleAlleviare la Stitichezza con il Massaggio Addominale
Abbassare i Livelli di Ammonio nel SangueAbbassare i Livelli di Ammonio nel Sangue
Smettere di VomitareSmettere di Vomitare
Usare il Sale Inglese come LassativoUsare il Sale Inglese come Lassativo
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Roy Nattiv, MD
Co-redatto da:
Gastroenterologo Iscritto all'Albo
Questo articolo è stato co-redatto da Roy Nattiv, MD. Il Dottor Roy Nattiv è un gastroenterologo pediatrico iscritto all’albo che vive a Los Angeles. È specializzato in una vasta gamma di malattie gastrointestinali e nutrizionali pediatriche, come stitichezza, diarrea, reflusso, allergie alimentari, scarso aumento di peso, SIBO, malattie infiammatorie croniche intestinali e sindrome dell’intestino irritabile. Si è laureato alla University of California – Berkeley e si è specializzato in Medicina alla Sackler School of Medicine di Tel Aviv. Ha poi realizzato un internato in pediatria al Children’s Hospital at Montefiore/Albert Einstein College of Medicine. Ha completato una fellowship e ha approfondito la sua formazione in gastroenterologia, epatologia e nutrizione pediatrica presso la University of California - San Francisco (UCSF). Era un tirocinante del California Institute of Regenerative Medicine (CIRM) e ha ricevuto il premio "Fellow to Faculty Award in Pediatric IBD Research" dalla North American Society for Pediatric Gastroenterology, Hepatology, and Nutrition (NASPGHAN).
Categorie: Apparato Digerente
Questa pagina è stata letta 683 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità