L'Ichthyophthirius multifiliis è il parassita più comune presente negli acquari e provoca la malattia ictioftiriasi. La maggior parte dei proprietari di acquari, prima o poi, deve affrontare questo problema e deve agire tempestivamente perché, se viene trascurata, la malattia può anche uccidere i pesci rossi. L'ictioftiriasi viene anche chiamata comunemente malattia dei puntini bianchi, perché uno dei sintomi principali è proprio la presenza di puntini bianchi che coprono tutto il corpo del pesce. Per fortuna c'è un rimedio naturale e uno veterinario che puoi utilizzare per aiutare il pesce a tornare del suo brillante colore arancione-dorato.

Parte 1 di 3:
Riconoscere i Sintomi

  1. 1
    Cerca dei piccoli puntini bianchi sul corpo del pesce rosso. Questo parassita non è molto visibile quando inizia a svilupparsi. Quando comincia a nutrirsi dei fluidi corporei della pelle e delle pinne del pesce, tende a incistarsi su se stesso e apparire come piccole chiazze o macchie bianche. Il pesce sembra ricoperto da una spolverata di sale o zucchero, ma in realtà il problema è l'ictioftiriasi.
    • Se non intervieni tempestivamente, potrebbero iniziare a formarsi delle grandi chiazze su scaglie e pinne del pesce. Questo è un ulteriore segnale che indica la presenza del parassita.
  2. 2
    Osserva se il pesce si strofina contro alcuni oggetti o le pareti dell'acquario. La malattia può anche indurre questo comportamento perché provoca prurito. L'animale quindi si strofina contro l'acquario o altri oggetti nel tentativo di trovare sollievo e fermare questa fastidiosa sensazione.
  3. 3
    Controlla le branchie. Dato che il pesce è stressato, potrebbe non esserci sufficiente ossigeno nell'acquario per le sue esigenze. Ciò potrebbe provocargli un'iperattività delle branchie che iniziano a muoversi velocemente e pesantemente per cercare di respirare meglio.
    Pubblicità

Parte 2 di 3:
Usare il Sale Marino

  1. 1
    Aumenta la temperatura dell'acqua a 30 °C. Procedi gradatamente nell'arco di 48 ore, incrementandola di 1 °C ogni ora. In questo modo dai al pesce il tempo di abituarsi all'aumento della temperatura ed eviti che possa subire uno shock.
    • Il calore evita che la malattia si aggravi e che si sviluppino molti più parassiti quando si staccano dal corpo del pesce. In effetti le alte temperature neutralizzano questi parassiti e ne bloccano la riproduzione.
    • Non unire due tipi di trattamenti diversi, ma mettine in atto solo uno alla volta.
  2. 2
    Aumenta il livello di ossigeno nell'acqua. Devi compensare l'innalzamento della temperatura con un maggiore apporto di ossigeno per il tuo pesciolino rosso. Quindi, procedi come segue:
    • Abbassa il livello dell'acqua nell'acquario;
    • Punta i direttori di flusso verso la superficie dell'acqua.
    • Metti nell'acquario altre pietre porose o degli ornamenti che le contengano.
  3. 3
    Aggiungi del sale. Alcuni proprietari di acquari sostengono che alzare la temperatura dell'acqua sia sufficiente per staccare e uccidere i parassiti dal corpo del pesce. Tuttavia, il sale marino favorisce la formazione di un rivestimento protettivo del pesce, che impedisce al parassita di aderirvi. La combinazione di sale e calore colpisce qualunque parassita nuoti libero nell'acquario finché non morirà.
    • Usa il sale marino specifico per pesci di acqua dolce, non il comune sale da tavola. Puoi comprarlo online o nei negozi di animali.
    • Aggiungi un cucchiaio o tre cucchiaini di questo sale ogni 19 litri di acqua. Se ne vuoi usare di meno, prova a mettere mezzo cucchiaino ogni 4 litri di acqua.
    • Se nell'acquario ci sono altri pesci o invertebrati assieme all'esemplare malato, assicurati che non siano sensibili al sale prima di optare per questo rimedio. Alcune specie di pesci non tollerano grandi dosi di sale.
  4. 4
    Mantieni alta la temperatura e cambia l'acqua ogni paio di giorni. Mantienila costante a 30 °C per 10 giorni. All'inizio del trattamento, quando i sintomi dell'ictioftiriasi sono ancora molto visibili, devi cambiare il 25% dell'acqua ogni due giorni. In questo modo sei certo che l'ambiente sia ben ossigenato e faciliti l'eliminazione dei parassiti. Aggiungi una dose appropriata di sale dopo ogni cambio dell'acqua.
    • Trascorsi 10 giorni, i puntini bianchi dovrebbero iniziare a ridursi e l'acqua dovrebbe lentamente tornare pulita, senza parassiti. Continua con questa procedura mantenendo alta la temperatura e aggiungendo dosi di sale per altri 3-5 giorni dopo che anche gli ultimi sintomi sono spariti, per essere certo che tutti i parassiti siano stati uccisi.
  5. 5
    Riduci la temperatura dell'acqua finché non torna a 18 °C. Dopo 15 giorni di questo trattamento naturale, il pesce rosso dovrebbe tornare a nuotare normalmente e i puntini bianchi dovrebbero essere scomparsi completamente. Questo è il momento di riportare la temperatura al livello originale, abbassandola di 1 °C all'ora nell'arco delle 48 ore.
    • Al termine del trattamento cambia ancora una volta l'acqua per il 25% del suo volume e poi procedi con i consueti cambi settimanali di routine.
    Pubblicità

Parte 3 di 3:
Usare Trattamenti Veterinari

  1. 1
    Cambia il 25% dell'acqua dell'acquario e togli ogni rifiuto. Usa un sifone per aspirare la ghiaia. A questo punto rimuovi il carbone attivo dal filtro. Riducendo il livello dell'acqua, aumenti l'agitazione di superficie della stessa e consenti al farmaco di diffondersi meglio, quando lo aggiungerai.
    • Devi anche verificare che il filtro generi un flusso d'acqua forte e costante all'interno dell'acquario.
  2. 2
    Aumenta la temperatura dell'acqua a 30 °C. Devi aumentarla lentamente nell'arco di 48 ore facendo piccoli incrementi di 1 °C ogni ora. Questo permette al pesce di avere tutto il tempo per adattarsi al cambiamento e di evitare un possibile shock.
    • Diversamente dal metodo descritto in precedenza, in questo caso l'aumento della temperatura ha lo scopo non di uccidere i parassiti, ma di accelerarne il ciclo vitale. L'obiettivo è quello di forzare i parassiti a raggiungere la fase della vita in cui sono in grado di nuotare liberamente nell'acqua, così che il farmaco possa ucciderli senza danneggiare il pesce.
  3. 3
    Usa il medicinale. Nei negozi di animali oppure online sono disponibili diversi trattamenti specifici per la malattia dei puntini bianchi. Alcuni di questi sono a base di rame, quindi non macchiano come invece fanno altri prodotti. Tuttavia, quelli a base di rame possono essere nocivi per altri invertebrati o per alcune piante presenti nell'acquario infetto. Leggi sempre l'etichetta del farmaco per essere certo che non crei danni agli altri pesci presenti.
    • Segui le indicazioni riportate sulla confezione per quanto riguarda il dosaggio.
  4. 4
    Aggiungi il sale. Se vuoi aggiungere anche questo prodotto per aiutare l'animale a sviluppare un rivestimento mucoso protettivo e per accelerare l'uccisione dei parassiti, puoi farlo dopo avere messo il medicinale.
    • Assicurati che gli altri pesci e invertebrati presenti nell'acquario tollerino bene il sale; se sei preoccupato che in qualche modo possa danneggiarli, non devi usarlo; in questo caso limitati al trattamento con il farmaco.
  5. 5
    Aspetta un paio di settimane che la malattia venga debellata. Ci vuole un po' di tempo perché il prodotto faccia effetto ed elimini tutti i parassiti, dato che questi devono superare la fase larvale prima di essere uccisi. Trascorsi 15 giorni, i puntini bianchi dovrebbero staccarsi dal pesce e l'acquario essere libero da ogni parassita.
  6. 6
    Riduci la temperatura dell'acqua finché non torna ai 18 °C originali. Dopo un paio di settimane di trattamento con il farmaco, il pesce rosso dovrebbe riprendere a nuotare normalmente e i puntini bianchi non dovrebbero più esserci. A questo punto puoi ripristinare la corretta temperatura dell'acqua abbassandola di 1 °C ogni ora nell'arco di 48 ore.
    • Cambia per l'ultima volta il 25% di acqua al termine del trattamento e poi continua con i consueti cambi settimanali.
    Pubblicità

wikiHow Correlati

Come

Far Vivere un Pesce Rosso per Decenni

Come

Salvare un Pesce Rosso

Come

Curare un'Affezione alla Vescica Natatoria nel Pesce Rosso

Come

Stabilire se il tuo Pesce Rosso è Maschio o Femmina

Come

Scoprire se la Tua Guppy è Incinta

Come

Capire se il Tuo Pesce Avrà i Piccoli

Come

Prendersi Cura di un Pesce Rosso

Come

Salvare un Pesce Rosso Morente

Come

Cambiare l'Acqua della Boccia dei Pesci

Come

Individuare dei Buoni Compagni d'Acquario per i Guppy

Come

Allestire un Acquario di Acqua Dolce

Come

Curare i Pesci Tropicali Affetti dalla Malattia dei Puntini Bianchi

Come

Sapere se il tuo Pesce Betta è Malato

Come

Pulire un Acquario
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Pippa Elliott, MRCVS
Co-redatto da:
Pippa Elliott, MRCVS
Veterinaria del Royal College of Veterinary Surgeons
Questo articolo è stato co-redatto da Pippa Elliott, MRCVS. La Dottoressa Elliott è una veterinaria con oltre trenta anni di esperienza. Si è laureata all'Università di Glasgow nel 1987 e ha lavorato come specialista in chirurgia veterinaria per sette anni. In seguito, ha lavorato per più di dieci anni come veterinaria in una clinica per animali. Questo articolo è stato visualizzato 77 462 volte
Categorie: Pesci
Questa pagina è stata letta 77 462 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità