Scarica PDF Scarica PDF

Probabilmente eri preparata ad avere le emorroidi durante la gravidanza, ma non sapevi che si sarebbero potute sviluppare anche dopo il parto. Le emorroidi – le vene poste all'interno del canale anale che si ingrandiscono in condizioni particolari – sono causate da un aumento della pressione nella parte terminale del retto. Possono fuoriuscire dopo una gravidanza a causa degli sforzi durante il travaglio. Fortunatamente è possibile gestire il dolore in diversi modi fino a che il problema non si risolve.

Parte 1
Parte 1 di 3:
Alleviare il Dolore

  1. 1
    Fai un bagno caldo. Se riempi la vasca, aggiungi una tazza di sali di Epsom. Se preferisci bagnarti in pochi centimetri di acqua, te ne bastano 2-3 cucchiai. Assicurati che l'acqua non sia troppo calda, altrimenti potrebbe aggravare la situazione. Immergiti per 10-15 minuti, più di una volta al giorno.[1]
    • Puoi anche usare una bacinella da mettere sul water in modo da immergere solo la parte posteriore.
    • Considera questo momento come un'occasione per rilassarti mentre qualcun altro si prende cura del bambino. In alternativa, approfittane per allattare tuo figlio.
  2. 2
    Applica un impacco caldo. Prendi un panno pulito di cotone e immergilo nell'acqua calda (non bollente). Se vuoi, puoi versare qualche cucchiaio di sali di Epsom prima di bagnare il panno. Applica l'impacco direttamente sulle emorroidi per circa 10-15 minuti, 3 volte al giorno.
    • Puoi anche provare con un impacco di ghiaccio per alleviare il gonfiore, ma utilizzalo solo per 5-10 minuti e assicurati di non applicarlo direttamente sulla pelle, altrimenti rischi di provocare danni tissutali.[2]
    • Prova ad alternare impacchi caldi e freddi.
  3. 3
    Usa un gel o una pomata per alleviare il dolore e il prurito. Applica un gel a base di aloe vera o una pomata contenente fenilefrina. La fenilefrina ha un'azione decongestionante in grado di sgonfiare le emorroidi. È stato dimostrato che l'aloe vera in gel previene le infezioni e favorisce la guarigione delle piccole ferite.[3] Puoi anche comprare una pomata per le emorroidi in farmacia.
    • Evita di usare creme steroidee perché possono creare danni tissutali nelle zone delicate che circondano l'emorroide.
  4. 4
    Adopera una sostanza astringente. Prendi un batuffolo di cotone e immergilo nell'amamelide, quindi applicalo sull'emorroide per qualche minuto. Ripeti l'operazione tutte le volte che vuoi, specialmente dopo un'evacuazione intestinale dolorosa, o almeno 4-5 volte al giorno.
    • L'amamelide ha un'azione astringente in grado di ridurre il gonfiore.
  5. 5
    Pulisciti delicatamente. Evita di usare la carta igienica per pulirti dopo che sei andato in bagno.[4] Piuttosto, fai direttamente il bidet o, in mancanza, riempi di acqua calda un flacone dotato di beccuccio di plastica morbida e bagna la zona. Asciugati delicatamente con un panno soffice. Evita di usare le salviette imbevute per neonati, perché possono irritare ulteriormente la zona.
    • Puoi acquistare il flacone con beccuccio in farmacia o presso una sanitaria o, eventualmente, adoperare quello fornito in ospedale.
    Pubblicità

Parte 2
Parte 2 di 3:
Prevenire le Emorroidi

  1. 1
    Aumenta l'assunzione di fibre. In caso di emorroidi, è importante prevenire sforzi e pressione. Le fibre aiutano a trattenere l'acqua nelle feci, gonfiandole, in modo da facilitare il transito (e renderlo meno doloroso). Quindi, cerca di assumere 21-25 grammi di fibre al giorno. Le fonti migliori sono:[5]
    • Cereali integrali: riso integrale, orzo, mais, segale, bulgur, grano saraceno e farina d'avena.
    • Frutta (specialmente con la buccia): mele, lamponi e pere.
    • Verdure: verdure a foglia verde, tra cui bietole, cavoli e senape indiana, spinaci, lattuga, barbabietole.
    • Fagioli e legumi (possono favorire la formazione di gas intestinali).
  2. 2
    Bevi molta acqua. Si raccomanda di bere 8-10 bicchieri da 240 ml al giorno.[6] Mantenendoti idratata non solo aiuti il corpo a funzionare regolarmente, ma puoi anche migliorare lo stato delle emorroidi. In particolare, l'acqua permette alle feci di ammorbidirsi, agevolandone il transito.
    • Puoi anche bere succo di frutta o brodo, se ti stanchi dell'acqua naturale.
  3. 3
    Considera i lassativi. Quando si soffre di emorroidi, esistono diversi tipi di lassativi che possono favorire il transito intestinale. In genere i lassativi di massa contengono fibre che aiutano ad aumentare la massa o il volume fecale. In alternativa puoi ricorrere a un lassativo emolliente che ammorbidisce le feci facilitandone l'espulsione. I lassativi lubrificanti sono in grado, appunto, di lubrificare le pareti dell'intestino e del retto, favorendo il passaggio delle feci. Indipendentemente dal prodotto che scegli, usalo solo 1-2 volte a settimana.[7]
    • Se stai allattando, consulta il medico prima di assumere un lassativo. Alcune sostanze possono passare al bambino e provocargli diarrea.[8]
    • Prova un lassativo emolliente naturale, come la senna o lo psillio. La senna è un lassativo stimolante ad azione delicata usato da secoli per combattere la stipsi; puoi prenderla sotto forma di compresse (segui le istruzioni) o tisana prima di andare a letto. In alternativa puoi provare la fibra di psillio, una fonte naturale di fibre che dà volume alle feci.
    • Anche il latte di magnesia e l'olio minerale sono sostanze naturali che ammorbidiscono le feci.
  4. 4
    Evita i lassativi stimolanti. Stimolano il transito intestinale, ma possono creare più assuefazione rispetto ad altri lassativi. Se decidi di usarli, cerca di prenderli non più di 1-2 volte perché sono molto forti e possono causare disidratazione.[9]
    • Al posto dei lassativi stimolanti prova ad aumentare l'assunzione di fibre, in modo da migliorare la consistenza delle feci.
  5. 5
    Fai attività fisica. Muoviti per preservare l'attività intestinale. Il movimento fisico ha un effetto enorme sulla salute dell'intestino. Puoi allenarti come preferisci, facendo aerobica, potenziamento muscolare, esercizi cardiovascolari o semplicemente andando a passeggiare. Mentre il corpo si muove, anche gli organi interni si muovono e vengono massaggiati.
  6. 6
    Vai di corpo a orari regolari. Organizzati in modo da regolarizzare le evacuazioni intestinali senza subire interruzioni. Tuttavia, se senti il bisogno di andare in bagno, non aspettare: vai immediatamente, ma non restare seduta troppo a lungo, altrimenti il rischio di sviluppare emorroidi aumenta.
    • Evita di sforzarti, perché lo sforzo è una delle principali cause di questa patologia. Sfrutta la forza di gravità, ma lascia che l'intestino faccia il proprio lavoro. Se non succede nulla, aspetta circa mezz'ora e riprova.[11]
    Pubblicità

Parte 3
Parte 3 di 3:
Riconoscere le Emorroidi

  1. 1
    Preparati ad avere le emorroidi dopo la gravidanza. Il corpo ha subito numerose trasformazioni durante e dopo la gravidanza. I cambiamenti di natura fisica, mentale ed emotiva possono causare stress. Il corpo si deve riprendere dal sovraccarico causato dalla crescita del feto, mentre l'apparato digerente deve riassestarsi a seguito dei cambiamenti fisici della gravidanza. Questi fattori possono aumentare il rischio di stipsi che andrebbe a peggiorare le emorroidi.
    • In genere lo sviluppo di emorroidi a seguito della gravidanza e del parto è causato dagli sforzi durante il travaglio.[12]
  2. 2
    Impara a riconoscere quando l'emorroide prolassa all'esterno. Potresti notare tracce di sangue sulla carta igienica o nel water dopo la defecazione. È il sintomo più comune. L'emorroide può anche provocare prurito e dolore. Mentre ti pulisci, potresti avvertirla al tatto. È simile a una protuberanza dolorante attorno all'apertura anale. Al contrario, se è interna, non riesci a sentirla quando ti tocchi, ma può fuoriuscire dal canale anale.[13]
    • Se è più grande di una monetina, consulta il medico perché potrebbe indicare una patologia più grave.
    • Il medico è in grado di diagnosticare le emorroidi interne o esterne tramite un'esplorazione rettale digitale. Se non sono la causa del sanguinamento rettale, il medico potrebbe prescriverti un esame più specifico, per esempio una sigmoidoscopia o una colonscopia, perché uno dei sintomi del cancro al colon è, appunto, la rettorragia.[14]
  3. 3
    Individua le emorroidi esterne. Posizionati con la schiena di fronte a uno specchio a corpo intero o a quello del bagno. Piegati leggermente mentre giri la testa verso lo specchio. Osserva attentamente l'ano per vedere se sono presenti protuberanze o masse rigonfie. Possono essere emorroidi.
    • In alternativa puoi sederti con le gambe aperte e utilizzare uno specchio illuminato per cercarle.
    • Le protuberanze emorroidarie hanno lo stesso colore della pelle o possono essere leggermente più rosse.
  4. 4
    Sappi quando consultare il medico. In genere con l'automedicazione il problema delle emorroidi si risolve entro 1-2 settimane. In caso contrario, chiama il medico o il ginecologo. Per le emorroidi esterne – o più spesso per quelle interne – potrebbe essere necessario un intervento medico. I trattamenti più comuni sono:[15]
    • Legatura elastica: si lega un elastico alla base del nodulo emorroidario per ridurre il flusso sanguigno.
    • Iniezione sclerosante: ha come effetto immediato l'addormentamento delle terminazioni nervose e dopo un mese all'incirca la riduzione di volume dell'emorroide.
    • Cauterizzazione: il risultato che si ottiene è il riassorbimento delle emorroidi.
    • Emorroidectomia: asportazione chirurgica dell'emorroidi.
    Pubblicità

Consigli

  • Rafforzando i muscoli pelvici, gli esercizi di Kegel riducono il rischio di sviluppare emorroidi ed evitano il prolasso dei tessuti.
  • Se hai bisogno di un sollievo temporaneo dal dolore puoi assumere il paracetamolo o l'ibuprofene durante l'allattamento, ma evita l'aspirina.
  • Allevia la pressione sulle emorroidi sedendoti su un cuscino o una ciambella di schiuma.
Pubblicità

wikiHow Correlati

Inserire gli Ovuli VaginaliInserire gli Ovuli Vaginali
Far Cessare il Ciclo MestrualeFar Cessare il Ciclo Mestruale
Riconoscere le Perdite di Sangue da ImpiantoRiconoscere le Perdite di Sangue da Impianto
Trattare le Lesioni VaginaliTrattare le Lesioni Vaginali
Capire se le Perdite Vaginali sono NormaliCapire se le Perdite Vaginali sono Normali
Prevenire i Grossi Coaguli di Sangue Durante le MestruazioniPrevenire i Grossi Coaguli di Sangue Durante le Mestruazioni
Capire se Hai Avuto un Aborto SpontaneoCapire se Hai Avuto un Aborto Spontaneo
Perdere la Verginità senza Dolore (Ragazze)Perdere la Verginità senza Dolore (Ragazze)
Riconoscere i Sintomi del Cancro della VulvaRiconoscere i Sintomi del Cancro della Vulva
Trattare una Cisti VaginaleTrattare una Cisti Vaginale
Riconoscere i Segni di un Aborto SpontaneoRiconoscere i Segni di un Aborto Spontaneo
Far Rompere le AcqueFar Rompere le Acque
Rimpicciolire il SenoRimpicciolire il Seno
Applicare una Crema VaginaleApplicare una Crema Vaginale
Pubblicità

Informazioni su questo wikiHow

Luba Lee, FNP-BC, MS
Co-redatto da:
Comitato di Revisione Medica
Questo articolo è stato co-redatto da Luba Lee, FNP-BC, MS. Luba Lee lavora come Infermiera di Famiglia Iscritta all’Albo in Tennessee. Ha conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche alla University of Tennessee nel 2006. Questo articolo è stato visualizzato 43 507 volte
Categorie: Salute Donna
Questa pagina è stata letta 43 507 volte.

Hai trovato utile questo articolo?

Pubblicità